Home lavoro “Veja ” veja bem !

“Veja ” veja bem !

23
14
CONDIVIDI
La rivista Veja ha recentemente pubblicato questo infografico denunciando la bassa paga dei professori  delle scuole elementari e medie brasiliane rispetto agli altri Paesi europei ed extraeuropei .
Senza voler entrare troppo nel merito vorrei osservare che :
1) Avendo vissuto 7 anni in Polonia ,  scoprire che gli insegnati polacchi , che sono ottimi confrontando il livello culturale dei due popoli , prendono solo 1000 USD all’anno in più di quelli brasiliani , ebbene questo si che è uno scandalo .
2) E’ semplicemente ridicolo , da parte del giornale Veja , evidentemente a caccia di facili consensi porre il Brasile al penultimo posto prima della Indonesia  come se non ci fossero altri 100 paesi dove gli insegnanti prendono meno di 10 375 USD l’anno  il che porrebbe il Brasile al livello medio come salario .
3) Sarebbe interessante sapere se nel calcolo è stato considerato che gli insegnanti brasiliani hanno un carico di 4 ore giornaliero , fanno sciopero almeno 3 mesi in media all’anno , SONO PAGATI durante lo sciopero e la maggior parte di loro insegna senza aver superato un regolare concorso .

Tutto ciò per dire che prima di credere aduna notizia  va effettuata una analisi critica . Il problema della educazione in Brasile esiste , è vero ma NON è semplicemente aumentando la paga degli insegnanti che si risolve . E’ come per un prete vendere le indulgenze : più paghi più peccati ti assolvo o per un medico affermare che aumentando la paga ti cura meglio . 

L’investimento va fatto innanzitutto  nelle infrastrutture : scuole , trasporto scolare , materiale scolare , borse di studio per i meritevoli ecc . Lo stipendio deve essere adeguato alla preparazione , all’impegno ed all’orario di lavoro effettivamente svolto così come in tutti i lavori . Se poi vogliamo prendere ad esempio gli stipendi dei politici ladroni o delle lobby ad essi collegati allora si che vogliamo fare male alla nazione .

14 Commenti

  1. Ma e' chiaro che ci sono altri 100 paesi dove gli insegnanti prendono meno dei colleghi brasiliani.
    Pero' e' anche vero che il Brasile e' la settima potenza mondiale,e che come paese emergente dovrebbe curare meglio ,molto meglio il settore dell'educazione.
    Poi,Antonio,mi meraviglio della tua indignazione sull'uso di uma classifica parziale da parte di uma revista,quando tutti i santi giorni vediamo i politici al Governo mentire spudoratamente e mostrare uma realta' del paese assolutamente falsa.
    Oggi per esempio ho letto che secondo le ultime ricerche il Brasile há 13 milioni di analfabeti.
    Questi devono contare come alfabetizzati quelli che riescono a leggere i prezzi al supermercato e a firmare in mezz'ora qualsiasi documento.

  2. è solo campagna elettorale. non leggete giornali e riviste, mentono tutte. governative e di opposizione.
    e sono ripartiti gli scontri di piazza… strano proprio ora: campagna elettorale.
    in italia padre di renzi nei guai… strano proprio ora che renzi figlio "delude l'europa", stesso siluramento di berlusconi 3 anni fa.
    comunque coi 100mld di tagli di marina vedrete che investimenti nella scuola :))
    lucio.

    • Lucio,ma sei strabiliante!
      Prima dici che mentono tutti poi affermi che Marina tagliera' 100 miliardi..
      E chi l'ha diffusa sta notizia bomba?

  3. Fantasmagorico lucio!
    Tutti i politici mentono per essere eletti,Marina Silva no.
    Mentre Dilma Rousseff mente solo quando governa,nella campagna elettorale dice solo la verita'!
    Quello che ti ostini a non capire e' che io non tifo per nessuno dei candidati,ma dopo 12 anni di governo del PT forse um cambiamento in questo paese ci vorrebbe.
    E no, il PT non há la colpa di tutto, ma há la responsabilita' di molte cose.
    Ci arrivi a capirlo oppure ti debbo mandare um disegno?

    PS

  4. marina non mente in campagna? l'altra settimana voleva tagliare 100mld di spesa pubblica, ieri triplicare la spesa per la scuola e sanità… ma per favore!
    lucio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here