Home News Quattro turisti italiani appena arrivati a Natal , assaltati e ripuliti...

Quattro turisti italiani appena arrivati a Natal , assaltati e ripuliti di soldi e oggetti personali . Benvenuti in Brasile !

12
15
CONDIVIDI

Quatro italianos foram assaltados na Praia do Meio, Zona Leste de Natal, na noite desta terça-feira (8). De acordo com a Polícia Militar, os criminosos armados levaram € 4.000, R$ 2.600, celulares e o carro das vítimas. Ninguém foi preso.

Os estrangeiros estavam voltando do Aeroporto Internacional Governador Aluízio Alves, localizado em São Gonçalo do Amarante, quando o grupo foi abordado por suspeitos que vinham em outro carro na avenida 25 de Dezembro, na Praia do Meio.

Ao todo, os assaltantes levaram quatro malas com roupas, um notebook, celulares e documentos, além de € 4.000 e R$ 2.600. Após o crime, o carro dos italianos foi abandonado no bairro de Petrópolis, mas nenhum outro pertence foi recuperado.

Uma das vítimas, de 81 anos, contou que ficou assustada e que está preocupada porque os criminosos levaram os remédios de diabetes dela.


Booking.com
CONDIVIDI

15 Commenti

  1. se fossi la Farnesina avvertirei i turisti italiani in cerca di caldo di evitare come la peste
    paesi a rischio terrore , Medio Oriente in primis poi Asia musulmana e paesi tipo Brasile dove ci sono milioni di delinquenti dotati di sensi speciali per sgamare i gringhelli a km di distanza.Vestite l`uniforme del brasiliano, confondetevi, mimetizzatevi con bermuda coloratissime ,infradito ,cappellini e usate taxi e centri commerciali e spiagge affollatissime. Se di carnagione bianchissima usate maniche lunghe e pantaloni leggeri che proteggono dal sole implacabile oltre che dai banditi.Amen.

    • Ahahah … ottimi consigli . In effetti i turisti si vedono subito dall'abbigliamento . Alcuni assomigliano a Fantozzi quando va a caccia assieme a Filini . Ma avete notato che i turisti italiani maschi intorno ai 30 anni sono quasi tutti rapati a zero ?

    • Si perchè pensano di riuscire a nascondere l'incipiente calvizie provocata dagli stress italiani. Poi, superati i 40/50 anni, in genere si mette in secondo piano la vergogna per la chierica e si inizia a pensare ai chili di troppo….. in genere è così ma è vero che i giovani attuali sono molto più uniformi nei loro comportamenti e atteggiamenti.

  2. Boa noite, il mio non è un commento ma uno sfogo!
    Sono un italiano che vive a San Paolo da quasi due anni, trasferitosi in Brasile per motivi lavorativi con tutta la famiglia. Premetto che viviamo in un bairro tranquillo e conoscendo la nomea delle città brasiliane abbiamo sempre condotto una vita da quasi reclusi in casa, uscendo quasi esclusivamente per lavorare, fare la spesa o frequentare i parenti di mia moglie.
    La mancanza di libertà e il difficile adattamento ai ritmi di vita della megalopoli, si perdono pomeriggi solo per fare la spesa a causa del traffico e alla necessità di fornirsi in diversi supermercati per cercare di contrastare l'inflazione galoppante, abbimo deciso (senza alcun rimpianto) di tornare in Italia alla fine di gennaio.
    Pensavamo di riuscire a concludere la nostra esperienza brasiliana indenni, quando 2 settimane fa al ritorno dalla pizzeria dopo la comunione di mio figlio, ci hanno assaltato davanti a casa due ragazzi apparentemente normali ma armati di pistola, rubandoci auto, portafogli e documenti, cellulari e tutto quello che c'era all'interno del veicolo.
    Per buona pace mia e di mia moglie, nata e vissuta a San Paolo fino all'età di 24 anni prima di trasferirsi a vivere in Italia una volta ottenuta la cittadinanza come discendente, ce ne torniamo nel bel paese e sicuramente ci resteremo nonostante tutti i difetti e i problemi che ha, sempre anni luce avanti al Brasile come qualità di vita! Un abbraccio, Maurizio.

    • Ciao Maurizio , se fossi al tuo posto avrei fatto la stessa cosa . Venire in Brasile per lavorare probabilmente senza guadagnare una fortuna ed abitare a San Paolo con lo stress , il traffico impossibile , gli allagamenti ad ogni acquazzone , l'inquinamento e per giunta la delinquenza è veramente troppo . Probablmente se invece vieni qui senza la necessità di lavorare , in una città turistica a dimensione umana sulla costa con clima mite , traffico normale , senza inquinamento allora la sola insicurezza non è sufficiente a farti desistere .Si potrebbe replicare che a quel punto potresti restare in Italia ma non sono daccordo . I punti negativi del nostro paese sono enormi depressione , mancanza di prospettive , mondo di vecchi ed immigrati respinti , clima certamente non invidiabile e dulcis in fundo Equitalia .
      La triste vicenda di Lodi dove un cinquantenne a cui avevano pignorato e venduto la casa poco prima del Natal si è impiccato o puella del pensionato suicidatosi dopo essere stato derubato dei suoi risparmi dalla banca Etruria ( Non è un assalto questo ? ) sono solo gli ultimi di una serie di episodi che fanno riflettere sul falso ottimismo dei nostri politici .

    • Ciao Maurizio, spero che almeno ti abbiano pagato più che bene per aver accettato di andare a lavorare laggiù in quel postaccio. Forse non hai avuto notizie corrette prima di decidere il trasloco oppure non c'eri mai stato a sufficienza prima a Sampa. Ricordati che il Brasile è più grande dell'europa intera e che tra Istanbul e Stoccolma c'è un abisso. Buon ritorno a casa comunque.

    • Io sono stato 4 volte a natal e dintorni e non ho mai avuto problemi. Sono stato una volta a NY ed ero nei pressi del centro e 3 di colore hanno cercato di aggredirmi con scarsi risultati. Anzi avendo un bel po di ossa rotte. Per lavoro giro il mondo sono un solitario e vi dico che tutto il mondo è paese. E comunque il Brasile in confronto di altri paesi sudamericani e molto meglio e anche di molti paesi africani. in Africa ho sempre 2 angeli custodi armati fino ai denti. Quando torno in Italia sono felice di ritornare al mio paese. Ma sento troppa gente che ha paura della feccia che gira e delle troppe tasse che si pagano per non avere nulla in cambio. Soprattutto da gente anziano che ha lavorato una vita. Per non parlare di amici sottopagati e con sempre più voglia di andarsene. molti si sono già trasferiti in tutto il mondo.

  3. questi assalti sono in genere mandati solo 4 otari italiani vanno in un carro con 4000 euro a vista e 2600 rs mais celulares e malas … in sintesi ? problema dele o come dite in italia cazzi loro se la sono cercata per i rimedi per il diabete non siamo in tanzania in qualquer farmacia li trova e a costo basso

    • Certo sono proprio otari ma purtroppo non tutti immaginano prima di partire per il Brasile bisogna prendere il porto d'armi e che appena arrivati in aeroporto , bisogna :

      1) travestirsi da brasiliani poveri
      2) prendere 4 taxi differenti per depistare l'assaltante in attesa
      3) oltre ovviamente a portare sempre una pistola al seguito

      Non saprei che consigli dare sulla faccenda dei soldi visto che la legge prevede che il turista porti con se una quantità di denaro proporzionale alla sua permanenza in Brasile . Potremmo regalarli al taxista ?

      Sulla disponibilità di farmaci per diabete sono daccordo con te . Qui è una delle malattie più diffuse .

  4. tutti bravi i rambo-sciacalli che infieriscono su questi poveri connazionali anziani e male informati ,vorrei vedere se fossero vostri cari.Qui qualcuno e` responsabile,immagino non hanno figli, parenti ,conoscenti con mezzo cervello acceso per avvisarli sul farwest tropicale cosi qualche tamarro brasiliano o agente di viaggio truffaldino li ha fatti abboccare al trappolone.Ingenuita`del cliente sfruttata da criminali come le obbligazioni subordinate vendute negli sportelli tanto al kilo. Marcofalco se S.Paulo e`Istambul , Stoccolma sarebbe dove? Io credo solo in Svezia ma magari tu hai incontrato il sacro graal, la Stoccolma do Brasil. Farnesina aiutali tu, sbufala il Brasile.

    • Secondo me è inutile cercare una regia occulta in questo episodio . Qui i ladroni non sono tanto intelligenti sono semplicemente opportunisti , assaltano tutti e dappertutto senza alcuna distinzione : centri commerciali , ristoranti , fermate degli omnibus , omnibus ,donne , uomini , coppie … basta che respirino !

    • Quello che sta accadendo è il riflesso del collasso della sicurezza pubblica nello stato del RN .L'impunità è certa e anche se sono presi e non liberati da qualche avvocato senza scrupoli , non difficile da trovare , scappano dalla progione il giorno dopo . No parlo di progioni normali ma di istituti di detenzione di massima sicurezza come Alcazuz dove con una spallata abbatti la parete della cella !

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here