Traduzione dal portoghese: Italiano IT Português PT
Home lavoro Sabotaggi al Villaggio Olimpico : terroristi ? No , operai mal pagati...

Sabotaggi al Villaggio Olimpico : terroristi ? No , operai mal pagati !

9
0
CONDIVIDI



I tanti problemi del villaggio olimpico di Rio de Janeiro sarebbero dovuti ad atti di sabotaggio: lo scrive, a poco più da una settimana dall’inizio della kermesse a cinque cerchi, ‘O Globo’, che rilancia la notizia anche sugli altri strumenti mediatici del grande network brasiliano. 

Operai e funzionari, che ancora non sarebbero stati pagati per il loro lavoro, avrebbero messo di proposito blocchi di cemento trovati nei sanitari di alcune stanze, come quelle riservate agli australiani. Si spiegherebbero così anche i furti e il mancato completamento di alcuni bagni. Sarebbero stati trafugati “oggetti che possono essere collocati in una borsa”, come specchi, coperte con lo stemma dei Giochi riservate agli atleti, tavolette di sanitari e rubinetti.

NESSUNA DENUNCIA – A parte i furti, gli altri atti di sabotaggio sarebbero un segno di protesta contro il ritardato pagamento degli stipendi e per le condizioni di lavoro degli operai che stanno finendo il villaggio. Ma il comitato non intende sporgere denuncia “visto che non ci sono prove specifiche contro qualcuno”. “E poi – spiega una fonte interna al Comitato – siamo qui per risolvere i problemi e non per cercare colpevoli”.

OPERAI IRREGOLARI, COMITATO MULTATO – Intanto, l’Organizzazione dei Giochi deve fare i conti anche con l’ispettorato del lavoro brasiliano. Stando a quanto scrive il quotidiano ‘Folha’, il Comitato è stato multato per avere impiegato operai irregolari durante i lavori di emergenza nel villaggio olimpico: la multa ammonta a 315mila reais, circa 90mila euro, ossia 500 reais per ciascuno dei 630 operai irregolari.

TURNI DA 23 ORE AL GIORNO – La sanzione è scattata dopo la visita a sorpresa degli ispettori del lavoro all’interno del villaggio. Dall’ispezione è emerso che alcuni operai lavoravano senza contratto, mentre altri erano costretti a turni massacranti fino a 23 ore al giorno. Così il Comitato organizzatore ha cercato di fronteggiare i ritardi emersi all’apertura del villaggio, con alcune palazzine che ospiteranno gli atleti che ancora devono essere completate.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here