Home economia Approvato progetto per la ripresa della economia : legalizzare il gioco d’azzardo...

Approvato progetto per la ripresa della economia : legalizzare il gioco d’azzardo .

16
9
CONDIVIDI
A Comissão Especial do Desenvolvimento Nacional aprovou, nesta quarta-feira (9), o projeto que amplia o leque dos jogos de azar legalizados no país (PLS 186/2014). 
A matéria, que segue agora para o Plenário, faz parte da Agenda Brasil – pauta apresentada pelo presidente do Senado, Renan Calheiros, com o objetivo de incentivar a retomada do crescimento econômico do país.
Do senador Ciro Nogueira (PP-PI), o projeto define os tipos de jogos a serem explorados, os critérios para autorização, as exigências para os sócios e as regras para distribuição de prêmios e arrecadação de tributos. Cassinos, bingo, jogo do bicho e apostas eletrônicas poderão ser legalizados. O substitutivo, a cargo do senador Fernando Bezerra Coelho (PSB-PE), também trata das loterias federal e estaduais e do sweepstake — um tipo de loteria relacionada com corrida de cavalos.
De acordo com o relator, o Brasil é um dos poucos países entre as maiores economias do mundo que ainda não conta com mecanismos legais de regulação dos jogos de azar. Como efeito negativo dessa visão arcaica, argumenta Bezerra Coelho, o Brasil sofre com a perda de atratividade para grandes investidores estrangeiros do setor de turismo. Com base nas informações da World Lottery Association, o relator informou que somente no mercado de loterias os jogos movimentaram US$ 400 bilhões em todo o mundo no ano de 2014, dos quais o Brasil teve participação de apenas 1% com as loterias administradas pela Caixa.
Para Bezerra Coelho, a legalização dos jogos no Brasil pode ser um importante vetor na geração de tributos, emprego e renda. Uma projeção conservadora, segundo o relator, estima a arrecadação de R$ 29 bilhões em tributos para o governo, nos próximos três anos. Ao apresentar seu substitutivo, o relator ressaltou que buscou atender às sugestões de colegas senadores e de representantes de vários órgãos do governo.
– Creio que conseguimos atender às sugestões que procuravam equilibrar a legalização e o cuidado com os crimes de lavagem – afirmou o senador.
Pelo texto, a delegação para exploração dos jogos de azar compete exclusivamente à União. Caberá à Caixa Econômica Federal, na qualidade de agente operador, a administração das contas das empresas, bem como o apoio a ações de fiscalização dos jogos. O processo para a concessão da exploração de jogos de azar será sempre precedido de licitação. A concessão terá a duração de até 25 anos, dependendo da modalidade, podendo ser renovada por igual período uma única vez.
Fonte: Senado

Booking.com
CONDIVIDI

9 Commenti

  1. Bene, liberalizziamo le video lotteries proprio come fatto in Italia e vedremo che i buchi di bilancio non si tapperannno mentre ci saranno altri padri di famiglia disperati. E' chiaramente solo un ulteriore grosso favore fatto alle lobbies.

  2. Beh anche se ironico, la legalizzazione delle scommesse è sempre un Marco economico rispettabilissimo. E ciò che interessa sono gli incassi fiscali dello Stato ridistribuiti nel welfare; gli indigenti purtroppo sono una realtà. Attualmente, invece (il gioco d'azzardo viene esercitato anche nelle comunità italiane) il NERO è riciclaggio puro. Guardiamo i fatti, non la morale bigotta!

    • Appunto guardando ai fatti credere che i presunti incassi fiscali verranno ridistribuiti nel welfare è pura utopia. Basta vedere i provvedimenti in animo dell'attuale governo.
      Non considerare che liberalizzare il gioco più o meno d'azzardo comporterà una maggiore diffusione ludopatica mi sembra errato.

    • Bolsa famiglia, tesserino SUS per tutti (sanità) e assegno di disoccupazione sono riforme Petiste di welfara che l'attuale Governo deve finanziare.
      Proibire (all'uomo) non serve a niente (oltre a creare attriti quando non è Violenza). Liberalizzare significa controllare, e non è un paradosso

  3. già c'erano in anni passati e hanno: a) prodotto posti di lavoro; b) tirato (presi) i quattrini da chi li aveva; c) generato indotto turistico in zone che di turistico non avevano nulla. Comunque non è una novità perchè sui transatlantici Brasiliani ci sono stato 3 volte cambiando compagnia e questi dalle 10 di sera alle 4 di mattino, dopo essersi portati in acque internazionali, aprivano casinò. Ancora oggi è così. Quindi: nulla di nuovo sotto il sole, solo un adeguamento. Sarà importante controllare la provenienza de quattrini messi sul tavolo (ma questa attività è complicata anche in Paesi moderni tipo: USA-Francia-Italia-Germania etc.etc.-…e che dire della Slovenia? Volutamente non indico Paesi dell'estremo oriente perchè provo un certo imbarazzo sociale per quei luoghi anche se l'obiettivo è il medesimo di tutti gli altri Paesi.

    • Infatti appena si varca il confine Italo Sloveno ci si imbatte in decine di Casinò, e la clientela è tutta italiana. Mentre per la prostituzione libera gli italiani vanno in Galizia (Austria). È da anni che il Parlamento boccia o chiede modifiche ai progetti di legge su gioco d'azzardo e prostituzione. Intanto l'Italia ha perso miliardi di euro, e il PIL non cresce dal 2007. Purtroppo gli italiani sono un mix di furbetti antipolitica antisistema e centri sociali che voteranno per il NO al referendum, affossando ancor più il Paese. Speriamo che i sondaggi sbaglino come per Brexit e Trump e che vinca il SÌ

    • sulle decisioni furbesche dell'Italia pesa tantissimo il Vaticano, mai dimenticarlo. Pesa molto anche sul NO al referendum….le posizioni acquisite NON di possono, o meglio NON si devono cambiare.

    • gentile MarcoFalco……nessun "Dio denaro" la mia era solo un'evidenza di una ipocresia del Brasile che nel territorio Nazionale ha vietato i Casinò mentre sui transatlantici no. E' o non è una ipocresia. Sorte vuole che sui transatlantici ci possono andare solo quelli che hanno quattrini quindi li giocano senza soffrire o far soffrire le loro famiglie mentre se i Casinò fossero a terra (come ora vogliono) a soffrire saranno in tantissimi Brasiliani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here