Home economia Inflazione in “calo” , reddito fisso addio !

Inflazione in “calo” , reddito fisso addio !

74
58
CONDIVIDI

Con il progressivo calo della inflazione i tassi di juro sono destinati a scendere a ritmo accelerato .La previsione è che dopo il taglio di 0,75% del mese in corso e che ha ridotto la SELIC a 13% , si finisca l’anno con 9.5% .


Per chi conta su una rendita finanziaria potrebbe ancora essere adeguato se l’inflazione realmente si attestasse  al 4,5% . Il fatto è che , da residente , non vedo affatto questa riduzione . Oggi ho fatto 36 litri di “gasolina additivada ” ed ho speso  R$ 145 e la vettura non supera i 9 al litro ! Al supermercato ho acquistato le mele a R$ 8 al Kg , 500g di pane integrale  R$ 8.5 e così via .

La tassa annuale sulla casa IPTU del mio mini appartamento di 40mq di mare :  R$ 1400 , condominio mensile del medesimo appartamento :  R$ 1027 . In totale spese fisse per  R$ 14 000 all’anno incluso il contratto minimo di energia elettrica , poco più di 4000 euro ! 


Os economistas do mercado financeiro estimam um comportamento melhor para a inflação neste ano e, também, uma queda maior dos juros, após o presidente do Banco Central ter indicado que manteria um ritmo mais forte de corte da taxa Selic.

As expectativas dos analistas do mercado financeiro foram coletadas pelo Banco Central na semana passada e divulgadas nesta segunda-feira (23) por meio do relatório de mercado, também conhecido como Focus. Mais de cem instituições financeiras foram ouvidas.

A estimativa do mercado para o Índice Nacional de Preços ao Consumidor Amplo (IPCA) deste ano recuou de 4,80% para 4,71%. Apesar de permanecer acima da meta central de inflação, que é de 4,5%, o valor está abaixo do teto de 6% fixado para 2017.

Para 2018, a previsão do mercado financeiro para a inflação permaneceu estável em 4,50%. O índice está em linha com a meta de inflação do período (4,5%) e também abaixo do teto de 6% para o ano que vem.

Taxa de juros
O mercado financeiro também voltou a baixar a sua previsão para a taxa básica de juros da economia, a Selic, de 9,75% para 9,50% ao ano no fechamento de 2017. Essa estimativa pressupõe um corte maior de juros nos próximos meses. Atualmente, os juros estão em 13% ao ano.

Para fevereiro, o mercado financeiro também passou a estimar uma redução maior da taxa Selic. Até então, projetava um corte de 0,50 ponto percentual, de 13% para 12,50% ao ano, mas, na semana passada, revisou a estimativa e passou a projetar um corte de 0,75 ponto percentual, para 12,25% ao ano.

A mudança acontece após o presidente do Banco Central, Ilan Goldfajn, ter indicado, em Davos (Suíça), onde participou da reunião do Fórum Econômico Mundial, que o Comitê de Política Monetária (Capom) manterá um ritmo mais forte de queda dos juros.

“Temos entrado em um novo ritmo, de 0,75 [ponto percentual de corte]. É um novo ritmo, mas, como você sabe, o ritmo pode mudar. E, se acontecer, isso muda por conta das expectativas de inflação, nossas e do mercado, e dos fatores de risco. Mas entramos em um novo ritmo”, afirmou Goldfajn, na ocasião.

A taxa básica de juros é o principal instrumento do BC para tentar conter pressões inflacionárias. A instituição tem de calibrar os juros para atingir índices pré-determinados pelo sistema de metas de inflação brasileiro.

As taxas mais altas tendem a reduzir o consumo e o crédito, o que pode contribuir para o controle dos preços. Quando julga que a inflação está compatível com as metas preestabelecidas, o BC pode baixar os juros.

Produto Interno Bruto

Para o Produto Interno Bruto (PIB) de 2017, o mercado financeiro manteve a previsão de um crescimento de 0,5% – mesma expectativa da semana anterior.

O governo estima uma alta de 1%, mas o ministro da Fazenda, Henrique Meirelles, já confirmou que deverá revisar este número para baixo.

O PIB é a soma de todos os bens e serviços feitos no país, independentemente da nacionalidade de quem os produz, e serve para medir o comportamento da economia brasileira.

Em 2015, houve uma contração de 3,8%, a maior em 25 anos. O resultado de 2016 ainda não foi divulgado pelo IBGE, mas a previsão do mercado é de um “tombo” próximo de 3,5%. Essa será a primeira vez que o país registra dois anos seguidos de retração no nível de atividade da economia – a série histórica oficial, do IBGE, tem início em 1948.

Para 2018, porém, os economistas das instituições financeiras continuaram prevendo uma expansão maior do PIB, da ordem de 2,20%.

Câmbio, balança e investimentos

Na edição desta semana do relatório Focus, a projeção do mercado financeiro para a taxa de câmbio no fim de 2017 ficou estável em R$ 3,40. Para o fechamento de 2018, a previsão dos economistas para o dólar continuou inalterada em R$ 3,50.

A projeção do relatório Focus para o resultado da balança comercial (resultado do total de exportações menos as importações) em 2017 recuou de US$ 46 bilhões para US$ 45,6 bilhões de resultado positivo. Para o próximo ano, a estimativa dos especialistas do mercado para o superávit caiu de US$ 40,7 bilhões para US$ 40,2 bilhões.

A projeção do relatório para a entrada de investimentos estrangeiros diretos no Brasil em 2017 permaneceu inalterada, em US$ 70 bilhões. Para 2018, a estimativa dos analistas subiu de US$ 71,1 bilhões para US$ 71,4 bilhões.


Fonte : G1

58 Commenti

  1. l inflazione reale e' 3 volte quella ufficiale..chi va' al suoermercato se ne e' reso conto sicuramente, anche prodotti che non sono importati negli ultimi 2/3 anni sono quasi raddoppiati vedi olio di soia burro mamao…ugualmente tassa di condominio e iptu non scherzano, in compenso nel 2015 hanno bruciato 90 miliardi di rs per mantenere il cambio.
    Comincieranno di nuovo a comprare con i soldi che non hanno con suaves prestacoes? Inflazione e moneta che addirittura si rafforza sono compatibili con una economia come questa?

    • 1) durante il 2015 hanno venduto 13mld di riserve per mantenere il cambio e non 90
      2) ti hanno informato che dopo il 2015 in genere viene il 2016? ebbene nel 2016 le riserve sono tornate ai massimi, vedi foto sotto.
      3) ti sei accorto che durante il 2016 il real è salito da 4,20 a 3,40 sull'euro?
      4) ti ricordi i prezzi esattamente un anno fa? direi di no. l'inflazione ufficiale è giusta. voi avete le allucinazioni.
      lucio

      http://cdn.tradingeconomics.com/charts/brazil-foreign-exchange-reserves.png?s=brazilforexcres&v=201701081956s&lang=all&d1=20150125&d2=20170125

    • 1 Com a disparada do dólar em 2015, o Banco Central registrou prejuízo recorde com as operações de intervenção no câmbio: R$ 89,66 bilhões. basta digitare swap cambial 2015 su google
      2 Il superavit e' aumentato (rispetto al 2015)perche' sono diminuite molto le importazioni non perche' l'economia vola
      3 digita su google male olandese o dutch disease
      4 me li ricordo perfettamente i prezzi perche' faccio la spesa ed in vari supermercati diversi!
      Vivi in un' isola felice che non e' il Brasile che conosco, ne che conosce Antonio ed altri che qui intervengono

    • 1) le operazioni swap prevedono una ricompra a prazo delle riserve vendute. io mi baso sui dati world bank (e sono un economista), tu su articoli distorti della stampa antigovernativa.
      2) una cosa sono le RISERVE DI VALUTA (DI CUI SI STAVA PARLANDO) e altra cosa il superavit della bil.commerciale.
      4) sono 25 anni che dibatto di inflazione con gli italiani in brasile. ripeto: tenete sempre conto delle merci che salgono e dimenticate quelle che scendono. proprio gli alimentari che tu citi a gennaio 2016 ebbero il picco, un 50% più di oggi, alcuni il doppio.
      e come ho già scritto c'è un metodo scientifico per smentirvi: se il governo mentisse sull'inflazione sarebbe falso anche il cambio, quindi ad esempio l'azione petrobras, che è quotata anche a wall street, avrebbe 2 prezzi differenti (nella stessa moneta). questo non accade e non è mai accaduto. accadeva invece con l'argentina. studia un po' va:

      http://www.rischiocalcolato.it/2012/11/le-gioie-della-moneta-sovrana-godetevi-il-vero-cambio-fra-e-pesos-argentino.html

      lucio.

    • Ciao Lucio

      potresti per favore indicarmi quali sono i prodotti che sono diminuiti ? Probabilmente non sono nel paniere di molti di noi ma solo in quello del governo .
      Io , come te annoto su EXCEL tutte le spese dal lontano 2004 , suddivise per tipologia ( Alimentazione , ristorante , salute , manutensione , abbigliamento ,auto , telefonia , internet ,energia , condominio , ecc ). Non è una paranoia ma mi serve per sapere se le mie entrate di rendita finanziaria/ attività sono in equilibrio con le uscite e se no cambio mix di investimenti e/o stile di vita .Ho vissuto così , senza problemi per 12 anni qui in Brasile . Pertanto posso dire che qualcosa ho imparato .

      In tutto questo tempo ho visto alcuni prodotti che hanno un prezzo molto dipendente dalla stagione , quindi crescono e poi diminuiscono ma difficilmente ritornano al valore iniziale e prodotti che invece il cui prezzo cresce costantemente ed inesorabilmente , vedi i carburanti .
      Vale la pena osservare che dire che l'inflazione è diminuita da due digit ad un digit NON significa che i prezzi sono diminuiti . Significa che la pendenza della curva di crescita ddei prezzi da ripidissima adesso è solo ripida .
      Solo per curiosità ti riporto i prezzi di alcuni prodotti a Salvador de Bahia ( Città dove vivi e dove io vivevo )nel 2009 circa 7 anni fa .

      Coca cola 1.5lt : 2
      Fanta 2lt :2.3
      Alcool carburante 1lt : 1.5
      Penne/Spaghetti Divella 0.5 Kg : 2.89
      Olio Extra Vergine Costa D'Oro : 1 lt : 24
      File mignon 1Kg : 18 ( OGGI NON LO TROVO A MENO DI 60 )
      Zucchero 1Kg : 1.18
      Latte Betania scremato : 1.58
      Caffe Santa Clara 250 g : 1.85
      Panino francese 1Kg : 4
      Formaggio Minas 1Kg : 15
      …………….

      Potrei continuare per molto ma non troverei nessun prodotto con un prezzo che non sia almeno raddoppiato .Immaginiamoci poi se sono diminuiti . Forse i rolex o i diamanti ma refrigerante , acqua , pane , carne , pasta , fagioli ,riso quelli certamente no.
      E vogliamo parlare pel costo dei passaggi di omnibus o peggio aerei ? Meglio fermarsi qui .

    • 1) si parlava di presunte menzogne del governo da un anno in qua e non dal 2009
      2) comunque dal 2009 l'inflazione cumulata composta UFFICIALE è del 71%
      3) per i prodotti importati (biglietti aerei inclusi), dato che il cambio eur/real nel 2009 era 2.20, a quel 71% è normale aggiungere un altro 50%… poi la pasta di vella non fa parte del paniere del governo, nè del mio, nè del 99% dei brasiliani.
      4) rispetto a un anno fa, almeno a salvador, TUTTI gli alimenti sono calati dal 20 al 60%, tranne pane, carne e formaggi che sono stabili.
      5) tutti gli elettro-elettronici sono in calo costante da anni
      6) autobus e bollette varie aumentano parallelamente all'inflazione ufficiale.
      lucio.

    • Scusami Lucio ma secondo me tu non fai molti acquisti . Restiamo agli elettrodomestici che tu hai citato ed io ho volutamente ignorato perchè sarebbe stata una " covardia " metterli in mezzo .Cominciamo col dire che la vita media di un elettrodomestico ( Electrolux ) non arriva ai tre anni nel senso che si guasta prima .
      Da quando sono in Brasile ho buttato due TV 29 pollici , un 32 pollici , un 40 pollici ( Entrambi di marca Philips ) ed un altro 32 Philips si è gia guastato tre volte . Ora ho un Sony da 50 , un LG da 42 ed un Samsung da 32 .
      Lavatrici , sono alla terza . L'ultima Electrolux LPT12 , pagata R$ 1434 si è guastata dopo solo 2.5 anni di vita e l'ho riparata personalmente sostituendo tutta la parte elettronica . Dopo 8 mesi è partita la frizione che collega l' agitatore centrale . Ho buttato tutto ed a malincuore , visto che rientro in Italia ,ho comprato una Consul 8Kg , la più economica che ho trovato a R$ 1199 .
      Capitolo frigoriferi , quattro frigoriferi . Quello che avevo a Bahia ed ho portato qui a Natal doveva funzionare con un enorme trasformatore perchè era a 110V . Consumava tanto e scaldava tanto che ho dovuto venderlo a poche centinaia di reais . Il penultimo , un elettrolux pagato ben R$ 2500 si è quastato dopo meno di 2.5 anni , anche in questo caso ho riacquistato un Consul piccolo da 230 lt pagato R$ 1400 .

      Quando abitavo in Italia ho avuto una sola lavatrice ed un solo frigorifero che ho regalato quando sono andato via . Per inciso oggi in Italia una ottima lavatrice costa in media 300 euro ( Poco più di R$ 1000 ) ed altrettanto un frigo da 300lt .

      Insomma voglio dire che il prezzo degli elettrodomestici brasiliani , assunto 10 anni il tempo di vita di un medesimo prodotto europeo , va moltiplicato almeno per 3 se non per 4 perchè appunto la durata è nella migliore delle ipotesi un terzo .

    • Volevo aggiungere che a parte i soldi , si perde una incredibile quantità di tempo con l'assistenza tecnica che , almeno qui, è TOTALMENTE , incapace di fare riparazioni e si limitano a sostituire TUTTO !!

    • "non arriva ai tre anni nel senso che si guasta prima"
      questo è verissimo!
      ma non c'entra col discorso "inflazione" perchè era così anche 10 o 20 anni fa!
      lucio.

    • x anonimo,
      oggi vado dal fruttarolo, compro 6kg di roba: carote, cipolle, pomodori, un casco di 12 banane, un mamao intero, 1/4 di melancia. costo rs 10.60.
      un anno fa avrei pagato il doppio.
      lucio.

    • Il discorso inflazione con la scarsa qualità dei prodotti c'enta eccome . I prezzi degli elettrodomestici sono apparentemente rimasti stabili o come tu sostieni dimunuiti alterando quindo il valore della inflazione solo perchè i costruttori hanno abbassato la qualità dei prodotti . In pratica l'inflazione sugli elettrodomestici è difatti altissima perchè il prezzo reale è tre volte quello indicato .
      Lo stesso discorso della benzina il cui prezzo reale è molto superiore a quello calcolato nella inflazione perchè è annacquata con il 20% di alcool e non si capisce perchè con un litro di gasolina non si fanno più di 12 KM( Io personalmente non ho mai superato i 9Km/lt sia con la CrossFox che avevo prima sia con il Duster che ho adesso ).

    • Lucio!
      La globo e' antigovernativa…la tua iptu di una casa ben localizzata e' 134rs..6kg di frutta e verdura costano 10rs
      trasferiamoci tutti a Bahia!!

    • alcuni prezzi al kg stamattina al bompreço:
      – riso 2.68
      – fagioli 4.68
      – cipolle 1.68
      – filetti di petto di pollo 7.98
      – olio EV 9.98 (500ml)
      lucio.

  2. discordo totalmente.
    proprio per sostenere i soliti dibattiti sul solito tema ("l'inflazione è maggiore di quella dichiarata dal governooooo!!!") io, che sono ufficialmente un economista, tengo da sempre dei conti MANIACALI delle mie spese (con metodo indiretto, ragioneristico: consistenza iniziale cassa + entrate – rimanenza finale = spesa).
    ebbene nel 2016 la "mia inflazione" è stata 6.4%, quella del governo 6.3%.
    fate sempre l'errore di notare solo i prezzi che aumentano molto e dimenticate quelli stabili o che scendono.

    p.s. io ho pagato rs 134 di iptu, casa 120 mq su 3 pavimenti…
    lucio.

    • Non metto in dubbio la tua IPTU ma per favore non mettere in dubbio la mia . Io pago R$ 1461 di IPTU per il mio appartamento di 165mq in centro città e 1150 di condominio mensili e R$ 1680 per il mio appartamento di 40mq+varanda di 38mq a Ponta Negra , il barrio turistico di Natal , e R$ 1027 di condominio mensili .

      I valori che IPTU da te riportati qui a Natal si pagano solo nelle periferie dove non esiste saneamento basico , manca frequentemente l'acqua e l'energia , le strade sono sentieri di terra rossa e si allaga tutto quando piove .
      Io vivo semplicemente nelle condizioni minime di civiltà in cui vive un qualsiasi cittadino in Italia . Se per ottenere questo devo sborsare simili cifre ,potrebbe anche andarmi bene se il Paese offrisse di guadagnare almeno R$ 10 000 al mese , ma siamo giusto ad un decimo di questo valore . Pertanto il rientro in Patria , in questo momento storico , è cosa buona e giusta , nostro dovere di genitori di un bambino di due anni che merita di crescere ed essere educato nel miglior modo possibile .

    • non ho messo in dubbio i dati che hai scritto. ho scritto che ometti altri dati.
      sono CERTO che l'inflazione dichiarata dal governo è esatta (e c'è anche un modo scientifico per verificarlo).
      lucio.

      p.s. dove abito c'è strada asfaltata e fogne, a 100m dall'avenida ACM, a 1km dall'iguatemi, zona centralissima.

      p.p.s. cioè, siamo nel paradiso delle frutte tropicali, fantastiche, buonissime, 2-3 reais al kg, e ti compri proprio le mele?

  3. 134rs non solo periferia ma anche casa non registrata iptu del solo terreno.
    Maceió apt 110mq predio di 30anni1460rs aumentata del10%. Condominio aumentato del 15% non mi viene in mente nessun prodotto che non sia aumentato e bada bene che vivendo 6mesi e 6 mesi qui e là mi risulta facile notare le differenze

  4. Tempo addietro, leggevo post di come fosse meraviglioso vivere a natal.. Basso costo di vita..poca criminalità. Gente allegra, donne facili…
    Ora d improvviso tutti sembra essere capitato… Nemmeno le donne solo tanto facili….
    Io che volevo trasferirmi proprio a Natal solo spiazzato…
    Fosse l Italia è il piu bel posso dove vivere nonostante tutto..

    • Quando lo scrivevo era vero . Tranne la faccenda delle donne facili che probabilmente è una tua proiezione freudiana . Ti sfido ad indicarmi il post dove ho scritto che le donne sono facili . Che le brasiliane in genere siano molto ma molto più amichevoli delle italiane lo confermo . Facili sono le prostitute e quelle le trovi in tutto il mondo .
      Puoi tranquillamente trasferirti a vivere a Natal se non hai figli piccoli a cui badare ed hai un adeguato reddito . Il clima continua ad essere il migliore del mondo e l'aria salubre . Il mio rientro in Italia è dovuto a fatti contingenti che ho spiegato . Prima di andare via però ho provveduto a fare la chirurgia di cataratta , una piccola ernia ombelicale e la colecistectomia in laparoscopia . Ho fatto tutto in 45 gg alla faccia del sistema sanitario italiano dove sarei ancora in attesa della prima visita oculistica .Sono uscito dall'ospedale tre giorni fa . Se avessi temuto per la assistenza sanitaria natalense avrei fatto questi interventi in Italia , non ti pare ? Nessuno era urgente .
      Comunque la mia è una prova . Se non mi trovassi bene , la mia casa di Natal è sempre qui che mi aspetta .

    • anonimo,
      le relazioni che facciamo noi che vivamo qui (mi ci metto pure io) le devi prendere con le pinze. ci sentiamo tutti esperti antropologi/economisti, ma poi i giudizi differiscono. questo dipende soprattutto dalle differenze di situazione personale: un 70enne non la vede come un 30enne, uno sposato-fedele non la vede come uno scapolo donnaiolo, un ricco non la vede come uno medio, uno che compra solo prodotti italiani importati non la vede come uno che compra prodotti brasiliani, uno che vive in quartiere di lusso non la vede come uno che vive in un quartiere popolare, ecc.
      io ad esempio non vedo grossi allarmi inflazionistici… al contrario vedo un MOSTRUOSO cambio di comportamento delle donne rispetto a 10-15 anni fa (e NON parlo di prostitute ovviamente).
      pensa che qui a bahia addirittura le stesse donne della mia generazione (40-50enni) mi danno ragione: osservano che le 20enni oggi namorano col contagocce (a meno che non offri barche di soldi ovviamente) e 1/3 sono lesbiche.
      giorni fa incontrai un amico che non vedevo da un paio d'anni, 40 anni, bella macchina, single, era uno dei più rimorchioni… m'ha detto "lucio, le donne non mi vedono più, sono diventato TRASPARENTE".
      poi è ovvio che se uno ha sempre basato i rapporti con le donne sul soldo, oggi non vede grosse differenze con 15 anni fa, se non sui prezzi.
      lucio.

    • Se il tuo amico quarantenne spera di rimorchiare teenager solo perchè è single o perchè ha una bella macchina si sbaglia di grosso . Digli di cambiare fascia di età : qui è pieno di donne nella fascia 40 ed oltre disponibili ad approfondire una amicizia con il tuo amico 🙂

    • teenagers non l'ha mai rimorchiate. diciamo dai 20 ai 35.
      sta di fatto che fino a pochi anni fa le doveva cacciare via a calci (anche io, e senza macchina)… oggi manco lo vedono.
      e RIPETO che gli stessi brasiliani lamentano la stessa situazione.
      confermo che dai 35 in su sono più disponibili, ma:
      – trovarne di esteticamente decenti non è facile, spesso hanno figli ecc.
      – se uno deve rimorchià vecchiette tanto vale tornà in italia 🙂
      lucio.

    • Attenzione però a non fare la fine di Berlusconi che a forza di rimorchiare ventenni si è trovato nella merda totale … Ascoltare oggi su Repubblica la telefonata delle olgettine che gli chiedono gridando di fare il bonifico e lui che quasi balbetta è veramente umiliante .

  5. Insomma si è capito che il problema di fondo del Brasile è il fatto che ogni mese escono molti soldi e non ne entrano abbastanza, o comunque non più tanti quanti ne entrassero fino a qualche tempo fa.
    Ma il ritorno in Italia siamo certi che cambi questo stato di cose? Come si fa oggi a guadagnare qualcosa per viviere in Italia??

    • Semplicemente non si può , caro Marco . Non mi faccio illusioni . Nel mio caso il mio rientro però coincide col fatto che riceverò finalmente la mia pensione .Come dicevo la mia è una scelta , non una necessità , così come lo è stato venire a vivere in Brasile . Questa volta però eviterò di creare forti legami territoriali ( Leggi acquisto di immobili ) per poter essere libero di muovermi se necessario .

    • a proposito, cosa pensi di fare col tuo "capitale"?
      so di gente che ha incontrato problemacci per riportarsi soldi in italia.
      lucio.

    • Buongiorno a tutti.
      Ringrazio Antonio per aver condiviso generosamente/gratuitamente, con serietà' e galanteria le sue esperienze sul campo in Brasile/Italia.
      Ho imparato "muitas dicas" in questo blog.
      Vi racconto che sono in Brasile da 8 mesi, ritorno in Italia il 10 febbraio prox. Ho usufruito di aspettativa non retribuita per fare questa prova nell'intento di trasferirci (io e mio marito) definitivamente in Brasile.
      Non avendo figli, tutto potrebbe essere più' "scorrevole", ma purtroppo mi sento più' indecisa di prima. Siete liberi per eventuali pareri/commenti.
      Daghi

    • Ciao Lucio

      ho gia trasferito senza alcun problema quanto mi serve per iniziare a vivere in Italia . Del resto mi servirà ben poco perchè non acquisterò alcun immobile e l'affitto +condominio di un appartamento da 100mq costa 550 euro ovvero la metà di quanto pago attualmente solo di condominio per i miei immobili in Brasile che spero ,gradualmente, di vendere .Per il resto sono già pensionato INPS . Quando arrivo in Italia , se il blog non sarà stato stroncato da Google vi informerò sui prezzi del " fruttarolo " compreso di peperoni , carciofi , zucchine , melenzane , … tutte verdure che a me piacciono molto .

    • te lo posso dire io che sono appena stato 2 mesi a roma: frutta e verdura costano in media 1.50 al kg (di stagione e tipicamente italiane ovviamente) corrispondenti a 5 rs.
      qua sto comprando frutta e verdura tra 1.50 e 3 rs.
      tranne quelle di lusso o non tipicamente brasiliane ovviamente (di cui personalmente me ne frego, cioè, le fragole me le magno a roma, perchè le devo comprare pure qua? così come la jaca me la magno qua, mica la vado a comprare a roma).
      poi a roma con 550 euro ci affitti un box macchina.
      lucio.

    • Roma è in Italia ma non è l'Italia . E' come prendere a paragone i prezzi di affitto di una sala nella Trump Tower per uno che vuole vivere negli USA .E' un confronto che non regge .

      Esistono una quantità di città in Italia dove il fitto è quello che ti ho indicato e anche inferiore con strade ben tenute , fognature , acqua potabile , elettricità , internet , servizi che non mancano alle prime piogge .

      Io qui con 550 euro non affitto un box , come ti ho detto , ma pago meno di condomini … e non sono a Roma !

      Potrei vivere in un casa e pagare molto meno di condominio , vero . Ma la sicurezza ce la dimentichiamo ? Quando esci di casa sei sicuro di ritrovarla al tuo rientro così come l'hai lasciata ?

      Dubito che se vieni in Italia per un mese lasci la tua casa in Brasile senza qualcuno che la controlli giorno e notte . Tutti gli italiani che conosco e che ancora viaggiano ( pochi in verità ) hanno questo problema .

    • allora anche i tuoi paragoni non reggono. i residenti in brasile che vivono nei quartieri-bene di una grande città sono la minoranza.
      tu dovresti fare un confronto tra i prezzi del quartiere-bene brasiliano e e del quartiere-bene italiano.
      ad esempio a roma, se fai la speza al supermercato a piazza di spagna, i prezzi sono oltre il doppio di quelli che ho scritto.
      non puoi fare il confronto tra quartiere figo brasiliano e paesello di provincia del sud italia per poi dire che il brasile è caro!

      quando andiamo in italia, nonostante il mio sia un bairro popular, nessuno controlla la casa e nessuno l'ha mai minacciata in 18 anni.
      guarda, non è una novità, ci sono abituato: io non ho mai avuto qui i problemi di altri italiani. forse perchè mi sono adattato meglio? forse perchè non me la tiro? forse perchè mi conoscono e mi stimano tutti nel quartiere? forse perchè mi mostro come "uno di loro" e vado in giro di short e chinelo?
      del resto fa un caldo della madonna e non capisco come facciano sti italiani a girare in calzoni lunghi, scarpe chiuse e camicia a maniche lunghe rigorosamente a righe bianche e azzurre, ahah!
      lucio.

    • Il paragone è a parità di qualità che poi il paesello di provincia italiano abbia la qualità del quartiere figo brasiliano io me ne frego .
      Io giudico quello che ottengo a parità di sforzo indipendentemente da dove . Il Brasile , ma solo per chi vive in determinate regioni , ha il vantaggio del clima , che per me è tanto importante che mi ha fatto superare tutti gli ostacoli degli ultimi 11 anni , ma ha purtoppo innumerevoli altri svantaggi che non possono essere riassunti nel prezzo dei pomodori o delle cipolle .
      Per il resto chi si contenta gode , il mondo è grande e vario .

    • guarda, se uno fa delle scelte PERSONALI basate sulle sue situazioni PERSONALI io non entro mai nel merito.
      io intervengo solo quando leggo discorsi ASSOLUTISTI e che a me sembrano imprecisi o addirittura allucinatori (come il tizio sopra che "l'inflazione vera è il triplo di quella ufficiale"). per il resto:
      – il discorso "il brasile è più caro dell'italia" lo sento dal 1995
      – il discorso "l'inflazione è il triplo" lo sento dal 1995 (cavolo ma allora i prezzi dovrebbero oggi essere il quintuplo che a londra o ginevra… ma l'italiano medio manco si rende conto della matematica da 3a elementare)
      – il discorso "in brasile si sfascia tutto" è vero ma è sempre stato così, ed è anche peggio in altri paesi emergenti
      – il discorso "il brasile è incivile" SE è vero è sempre stato così.
      lucio.

    • Lucio hai scritto che paghi 134rs di iptu come se fosse la norma! Invito chiunque scriva in questo blog di confermare che l' inflazione reale e' il 6.3% grazie

    • anonimo,
      se UNO scrive che paga 1400 di iptu, io, ch sono UNO al pari di lui, rispondo che ne pago 134.
      ora bisognerebbe fare una statistica per vedere de è più "norma" la sua o la mia.
      ah, ti informo che un mare di gente paga ZERO di iptu (tutti quelli che la casa è valutata dalla prefeitura meno di 80.000 reais).
      il problema è che VOI itaGliani vivete sempre nella zona figa… che però è il 20% della città. ma pensate che sto 20% sia tutta la città.

      quanto all'inflazione, sopra postai un articolo di economisti che ti insegnano un metodo infallibile per stabilire se un governo mente sull'inflazione. l'hai letto? macchè, meglio non leggere una cosa che mette in discussione le proprie "visioni"…
      lucio.

    • la prefeitura di salvador arrecada 530mln di iptu. la metà viene da immobili non residenziali.
      le residenze private sono 1mln. quindi l'iptu medio è circa 265 reais.
      lucio.

    • vaglio',
      tu prendi un botto di pensione (beato te eh!) che tradotta in reais equivale allo stipendio di un deputato, hai sempre vissuto nei quartieri più lussuosi delle 2 città citate. non fai testo.
      la testa del pollo non è il pollo intero.
      lucio.

    • Guarda che dove vivevo e vivo , vivono solo brasiliani . Non fanno testo nemmeno loro ? Riguardo il lusso chiedilo alle barate che infestano Salvador , loro si che fanno testo !

      Circa la mia pensione è quella che ti spetta dopo aver versato per 35 anni oltre 5000 euro di contributi al mese . Risultato ottenuto lavorando dopo aver studiato intensamente e con profitto per 20 anni pesando il minimo sulla famiglia ( lavoravo come riparatore TV e non pagavo le tasse universitarie per conseguire annualmente una borsa di studio per merito ) .
      La mia era una famiglia numerosa e mio padre lavorava nelle Ferrovie dello Stato .Una volta a settimana compravamo 100gr di parmigiano per grattarlo sui maccheroni . Gli altri giorni : pane duro e fagioli lessi conditi con olio ( Mi piacciono ancora oggi ) . Il pollo solo ai matrimoni !

      Buona giornata , Antonio .

  6. io per un appartamento a Salvador (Stella Maris) di 75 mq. pago R$185 di IPTU e R$250/mese di condominio inclusa acqua.
    L'inflazione varia di zona in zona, di stagione in stagione e, soprattutto, in base al paniere considerato.
    Carlo

    • Ciao Carlo

      hai perfettamente ragione ,io ho vissuto a Salvador 5 anni . Avevo un appartamento di 100mq sulla Ladeira da Barra e gia 11 anni fa ( Vivo a Natal da 7 anni ) pagavo R$ 600 di condominio . Un altro appartamentino di 28 mq nel Corredor da Vittoria mi costava R$ 1000 di condominio .

    • In compenso in Italia , per un appartamento di 110 mq pagherò 160 REAIS ( 50 EURO) di condominio ma soprattutto pagherò per quello che ottengo in cambio e non per pagare sindaco , amministratore , propine , inefficienze , …

    • Ma come Antonio…

      il Brasile non era il Paese delle Meraviglie, il Paese del Futuro, le ciabatte e le bermuda da Gennaio a Gennaio, Natal la Miami brasiliana, immobili e affari milionari a pioggia, sanità ed educazione migliori e meno costose che in Italia, e altre baggianate del genere…?? Tutta propaganda a costo zero, ma si sapeva.

      Comunque sia fai benissimo ad andartene, vivere in un paese tragico come il Brasile è un disastro, una tragedia. Buona fortuna !! Francesco

    • Il trucco sta nello sciegliere condomini senza dipendenti. Io nel corso degli anni ho spinto per eliminare il portiere che stava lì 8 ore al giorno lavorandone si e no un paio. Per le pulizie, il giardino e la manutenzione della piscina abbiamo terzierizzato tutto con un addetto che viene 3 volte a settimana e stiamo meglio di prima. Il Sindaco lo fa a turno uno dei 10 proprietari non pagando la taxa mensal durante il periodo da Sindaco. Anche senza portiere, pur non essendo nel centro città, fino ad oggi mai avuto assalti in casa. I portieri, giardinieri e piscineros danno un sacco di problemi e costano troppo. Esattamente come in Italia dove, infatti, questi "lavori" non esistono più da tempo. Una quota condominiale e di IPTU bassa (oltre ad altri fattori ovviamente) è condizione fondamentale per la commerciabilità degli immobili in Brasile. Quando in passato mi offrivano immobili in condomini dai mille servizi inutili ma costosi o, peggio, aparthotels li ho sempre scartati e ho fatto bene. E non per questo mi sento "povero" perché il portiere e il piscinero non li avevo neppure in Italia e non vedo perché scegliere di mantenerli in Brasile.
      Carlo.

    • Ma sei per caso il Carlo che vive a Stella Maris e paga 185 reais per un appartamento di 75mq ? Se si è tutto spiegato .Non avete portieri ! Se poi non avete nemmeno l'ascensore allora anche 185 reais sono troppi !

    • X Francesco

      Esattamente era proprio così ed ho avuto la fortuna o il fiuto di beccare questi ultimi 10 anni di bengodi . Mi dispiace dirlo ma molti , come te , non ci hanno creduto e si sono persi la festa . Ora è tempo di vacche magre e come le rondini migriamo altrove .Senza risentimenti e soprattutto senza rimpianti .

    • Come me perché scusa, tu che ne sai…?

      Io stò bene qua, lo scorso anno ho raddoppiato il mio fatturato e quest'anno sembra sia cominciato altrettanto bene, ma ciò non significa nulla; il Brasile era, è e sarà sempre un Paese al limite dell' invivibile, sotto ogni punto di vista.

      Francesco

    • Caro Francesco non si sputa nel piatto in cui mangi . Hai sempre attaccato e provocato chi aveva , come me , deciso di vivere in Brasile e adesso si scopre che in questo Paese invivibile tu ci vivi e bene .
      Sarebbe interessante sapere quale attività svolgi visto che hai raddoppiato il fatturato nonostante la maggior parte , per non dire tutti , i settori della economia sono in crisi . Forse vendi costumi da bagno , quelli ancora si vendono bene ma devi investire molto in pubblicità .

  7. Ciao Antonio,

    io non ho mai criticato ne provocato chi vive in Brasile, criticavo altre "teorie" sai bene a cosa mi riferisco, vedi mio precedente messaggio.

    Io importo, vendo al dettaglio e distribuisco prodotti per la pesca sportiva e che io abbia raddoppiato il fatturato non significa nulla.

    Dietro ci sono un mare di burocrazia stupida e inutile, tasse di importazione Federali e Statali, aeroportuali, IOF che sommati sfiorano il 100%, tempi bilici per le consegne da parte dei Correios, pacchi persi, tassi bancari altissimi…un disastro come del resto tutto in Brasile.

    Stò bene perchè non ho figli ma se un giorno dovessi averne uno molto probabilmente non ci penserei due volte a fare la tua stessa scelta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here