Home News Presidente Temer accusato formalmente di corruzione .

Presidente Temer accusato formalmente di corruzione .

25
0
CONDIVIDI

Il presidente brasiliano Michel Temer è stato accusato di corruzione dalla procura generale del Brasile, sulla base delle denunce fatte dall’imprenditore pentito Joesley Batista. Tra marzo e aprile 2007 il capo di Stato avrebbe accettato tangenti da imprenditori che avrebbe tenuto per sé: si parla di circa 140mila euro.

Formalmente accusato di corruzione

Temer, ricordano i media locali, è il primo presidente del Paese ad essere stato formalmente accusato di corruzione davanti al Supremo tribunale federale ed è anche il primo ad essere accusato per un reato penale.

I crimini al centro delle accuse sono «gravi» ha precisato la procura guidata da Rodrigo Janot: nella sua relazione, Janot ha parlato di crimini che «hanno un alto grado di riprovazione, che provocano sconvolgimenti sociali e producono tensioni sociali» in particolare perché sono aggravati dal fatto Temer è nel pieno delle sue funzioni quale «presidente della Repubblica».

Le tangenti e i controlli sull’export

Temer è sospettato di aver ricevuto tangenti dall’imprenditore Joesley Batista, presidente della Jbs, leader mondiale della produzione della carne, per mano dell’intermediario Rocha Loures. Nelle ipotesi di indagini a carico dell’industria della carne c’è il sospetto di collusione tra l’impresa e le autorità pubbliche che avrebbero permesso di eludere controlli e tasse sull’export. Il procuratore generale della Repubblica ha chiesto che il presidente sia condannato a pagare un risarcimento per danni morali per un importo pari a R$ 10milioni . La Corte Suprema dovrà ora analizzare la vicenda.

Temer: «Io innocente. Niente mi distruggerà»

Temer ha precisato di voler provare la propria innocenza: già nei mesi scorsi era stato accusato, ma questa è la prima accusa formale.

Perché la denuncia possa essere ritenuta valida e quindi il presidente possa essere giudicato, la Camera dovrà esprimersi con un voto di approvazione di almeno due terzi dei deputati.

Qualche ora prima dell’annuncio, durante un evento nella sede della presidenza a Brasilia, Temer aveva detto: «niente ci distruggerà, né a me né – aveva puntualizzato – ai nostri ministri». L’attuale presidente era succeduto, solo lo scorso anno, a Dilma Roussef rimossa per impeachment: Temer soffre di un grave impopolarità in Brasile e i partiti di opposizione hanno subito chiesto la sua incriminazione per impeachment e l’organizzazione quanto prima di nuove elezioni.

Ma nel frattempo ….

Condannato in primo grado a 12 anni e 2 mesi l’ex ministro brasiliano delle Finanze Antonio Palocci.

La sentenza è stata emessa dal giudice Sergio Moro, responsabile per l’inchiesta locale Mani Pulite.Palocci era stato accusato di aver raccolto tangenti pagate da una holding di costruzioni e dal colosso petrolifero Petrobras.

Fonti : Corriere , Euronews , Globo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here