Home News Entra in vigore a partire dal Febbraio 2018 la patente digitale

Entra in vigore a partire dal Febbraio 2018 la patente digitale

5

A carteira de motorista impressa, que precisava estar presente em todas as ocasiões em que o motorista estivesse dirigindo, poderá ser substituída pela Habilitação Eletrônica (CNH-e), e isso tudo sem qualquer prejuízo. Na terça-feira (25), o Conselho Nacional de Trânsito (Contran) aprovou o modelo digital do documento e começará a valer a partir de fevereiro de 2018.

A CNH-e é uma versão eletrônica do documento tradicional e poderá ser apresentada no lugar da carteira impressa. Quem, por ventura, esquecer o seu documento em casa, não estará sujeito à multa e ainda pontos na carteira de habilitação.De acordo com o ministério das Cidades, há um conjunto de padrões técnicos para poder suportar um sistema criptográfico que possa assegurar a validade do documento.

Os agentes de trânsito, através do dispositivo, poderão consultar os dados dos documentos através de um aplicativo de celular, que já está na fase de testes. Ele irá realizar uma leitura do QRCode, igualmente já acontece com a CNH impressa. Vale notar que o documento na versão impressa continuará sendo emitida normalmente.

Para quem quiser obter uma versão digital, será necessário realizar o cadastro no Portal de Serviços do Denatran, através do uso de um certificado digital, ou no balcão do Detran (Departamento Estadual de Trânsito). Será enviado um link para o email informado. Em seguida, o motorista deverá realizar o login pelo aparelho onde deseja ter sua CNH digital.

Segurança – No primeiro acesso, será preciso criar um PIN para armazenar os documentos com segurança, que será usado toda vez que for desejado mostrar o documento.

5 Commenti

  1. X Francesco , ho lasciato in Brasile a Marzo , con il programma di rientrare solo tra due anni , per non perdere il visto permanente .
    Nell’organizzare il rientro si è posto il problema del trasloco . Poichè vivo in Brasile da un decennio ed in Italia non ho più casa avevo ovviamente tutti i miei mobili in Brasile per non parlare degli elettrodomestici che ho acquistato tre volte di cui frigo e lavatrice appena due mesi prima della data del trasloco .
    Mi sono fatto fare un paio di preventivi da trasportatori internazionali ed alla fine ho dedotto che avrei speso meno ricomprando tutto nuovo in Italia . Il disorso spesa comunque è il minimo perchè esiste un altro pericolo . Esisteva infatti la possibilità che la merce restasse per un tempo non prevedibile bloccato in dogana a causa di imprecisioni nella packing list con conseguente aggravio di costi di immagazzinamento e soprattutto impossibilità di arredare la nuova casa . Insomma le giuste premesse per un divorzio o come minimo un attacco di fegato . A questo punto ho preso la saggia decisione , conoscendo come vanno le cose in Brasile , di vendere tutti i mobili e gli elettrodomestici al meglio recuperando almeno un terzo del valore a nuovo . Di più non era possibile al nordeste .
    Come previsto , anzi meglio ancora , ho ricomprato tutto in Italia di migliore qualità ed ad un prezzo decisamente inferiore di quello che avrei pagato a Natal ,incluso una nuova automobile .
    Naturalmente avevo una marea di cose personali che in parte ho dovuto lasciare . Sono comunque partito con un bagaglio a seguito di quasi 200kg ( 3 persone ) approfittando dell’ultima volta che si potevano portare 64 Kg a persona imbarcati oltre 10 di bagalio a mano .

  2. Ieri per un importazione di 343 $ (circa 1.100 R$ + IOF) ho pagato 1.483 R$ de tasse di importazione, icms, ecc…

    Se ne avessi la possibilità me ne andrei domani da questo fin di Mondo…Lixo !!

  3. ….idem a me medesimo alcuni anni fa (ca10). vedi il lato positivo: con Detran – con le Banche – con la Prefetuira e, sopratutto, con la Receita Federal…..si impara a conoscere il Brasile! penso che sia anche per queste interminabili code e procedure interpretate da funzionari non formati che in Brasile poi, quando non si è in coda, si è felici e si sorride sempre: subliminazione della tristezza e incazzatura! bel Paese ma……c’è da sopportare. ci sono mali peggiori.

  4. Paese incredibile il Brasile!…per fare la conversione sono andatouna fila di volte al Detran, una volta e’ ..for do ar..poi si sbagliano a scrivere il nome, nei due bollettini esce differente ma con lo stesso cpf..poi si sbagliano ad informarmi sulla procedura di presentazione…poi si sbagliano ad inviarla la devo andare a ritirare lassu’ in cima.
    Per cambiare indirizzo e’ bastato andarci solo 3 volte..
    Pero’ che spettacolo..la patente digitale, in italia ho ancora quella di carta!, come una autostrada a 4 corsie dove ogni 5km ci sono 100 di strada bianca a senso alternato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here