Home News Il giorno che la SELIC crollò ad un digit !

Il giorno che la SELIC crollò ad un digit !

168
24
CONDIVIDI

Mancano poche ore alla decisione finale del COPOM , ma la maggioranza degli analisti è convinta che la SELIC , oggi al 10,25% cadrà a 9,25% . E’ la prima volta dal 2013 che la SELIC non scendeva sotto i due digit . La pacchia della ” renda fixa ” è praticamente finita . Con la caduta della inflazione e della SELIC i fondi legati ai predetti indici sono destinati a languire . Ritornare ad investire in azioni , la cosiddetta  ” renda variabile ” è un rischio che non tutti sono disposti a correre  ma sembra , in prospettiva , essere l’unica via di uscita per mantere un minimo di redditività .

A Selic é a taxa básica de juros do Brasil. Ela é uma referência para o custo do crédito no país e um dos principais instrumentos do Banco Central pra controlar a inflação.

Selic é a abreviação de Sistema Especial de Liquidação e de Custódia, onde os bancos registram operações de crédito fechadas entre eles de um dia para o outro. Esses empréstimos são lastreados em títulos públicos e o juro que um banco paga para o outro é a taxa Selic.

Os diretores do Banco Central se reúnem em um comitê oito vezes por ano para definir a Selic, o Comitê de Política Monetária (Copom). Nessa reunião, eles avaliam a situação econômica do Brasil e definem qual a melhor taxa.

Nesta quarta-feira (26), a expectativa do mercado é que os juros sejam reduzidos de 10,25% para 9,25% ao ano. Se isso acontecer, a Selic vai ficar abaixo de dois dígitos pela primeira vez desde o final de 2013.

A Selic é importante para ajudar o país a controlar sua inflação. Se a inflação está alta, o BC pode aumentar o juro. Isso faz com que o custo do crédito aumente no Brasil e esfrie o consumo. Se a taxa cai, o efeito é o contrário. O consumo é estimulado e a inflação pode ser pressionada.

“De maneira geral, as autoridades do BC observam o nível de atividade econômica e as expectativas dos agentes econômicos. Se a economia estiver muito aquecida e o nível de emprego estiver perto do pleno emprego (desemprego baixo), pode haver descontrole inflacionário. A partir desse momento torna-se necessária a subida da taxa de juros”, explica o economista e mestre em Finanças pela Universidade Mackenzie, Fernando Pinho.

Juro do banco é maior que a Selic

A Selic é uma referência mínima para as taxas de juros cobradas pelos bancos. Ela é considerada o custo que o banco tem para pegar dinheiro e emprestar para o cliente.

Mas, em geral, o juro cobrado do consumidor é maior do que a Selic. Também entra na conta do juro final o custo da operação dos bancos (agências, funcionários, impostos etc), o risco de inadimplência e o seu lucro.

É por isso que o juro do cartão de crédito ou do cheque especial é bem maior do que a Selic.

24 Commenti

    • Per molti che hanno investito in Brasile è anche importante il valore del cambio . Vale poco il tasso al 9 o al 14 se poi il cambio arriva o supera 4 . Se invece sei residente il cambio non ti colpisce , almeno direttamente , ma sei flagellato dalla inflazione . Vedremo se alla riaperturea delle scuole le tasse scolastiche ed il materiale scolare aumenteranno del 3% . Circa il tasso del 9 % quello è solo sino alla prossima riunione del COPOM e poi crollerà ancora .

  1. Come da previsione : O Banco Central anunciou hoje (26/07), após reunião do Copom (Comitê de Política Monetária), cortar a taxa básica de juros em 100 ponto-base, passando de 10,25% para 9,52%, o menor nível desde 2013. Essa é a sétima redução na Selic desde que Ilan Goldfajn assumiu a presidência do BC e faz parte da política proposta de afrouxamento monetário.

  2. o hanno già raccolto tanti quattrini con la “renda fixa” sopra il 10% e noi non lo sappiamo oppure è un’altra misura tesa solo a ridurre le spesa degli interessi sul debito pubblico a scapito della raccolta quattrini. sicuro è che NON è una manovra tesa a ridurre e mettere sotto controllo l’inflazione reale ma poter comunicare l’inflazione “specchietto per le allodole”. essendo residente in Brasile, spero vivamente in una inflazione reale tra il 3% ed il 4%, anche se ci credo poco. sono invece molto preoccupato sull’andamento del cambio. Bradesco, nel suo report sui cambi a tendere fine 2017 e tutto 2018, che viene aggiornato trimestralmente, ha appena emesso un nuovo report che indica per l’ultimo trimestre 2017 un cambio Euro/Real a 3,90, per il primo semestre 2018 un cambio Euro/Real a 4,10 ed infine per il secondo semestre 2018 (periodo elezioni) un cambio oscillante tra il 4,10 e 4,40. Cavolacci amari se l’inflazione reale non sarà quella comunicata!

  3. Tutto ampiamente previsto, cosi’ come scontati saranno nuovi tagli della selic di 1,25, 1,50%. L’equipe di Meirelles e la Presidenza del Banco Central appaiono decisi sulla strada della riduzione del costo del denaro.Poi, dato che in Brasile le sorprese e gli scandali sono come la “novela das 20”, appuntamento quotidiano, fattori straordinari o contingenti potrebbero bloccare questo trend. La verita’ e’ che Meirelles si e’ trovato tra le mani un debito pubblico impazzito che si autoalimentava al tasso del 14,25% ed ha provato a limitare i danni su questo fronte. Purtroppo il debito pubblico continua a non arrestare, ci sono problemi di gettito fiscale e la coperta e’ corta. I palliativi come l’aumento del costo dei combustibili la dicono lunga sulle difficolta’ di trovare spazi per ulteriori tagli e nuovo gettito; senza aumento di produzione e riduzione del tasso di disoccupazione il gatto continuera’ a mordersi la coda. Prossimo samba quando inizieranno a venir meno gli investimenti dall’estero, quello potrebbe essere un punto di scoppio della scintilla che diventa incendio. Come ripeto sempre: NESSUN INVESTITORE STRANIERO SARA’ PIU’ INTERESSATO ALL’ACQUISTO DI TITOLI DI STATO BRASILIANI AVENTI UN PREMIO, DOPO LE TASSE, DEL 5,5%. Secondo i miei calcoli gia’ in caso di un rafforzamento dell’euro da 3,70 a 3,80 si pareggia quel 2 o 3% che sarebbe il premio post inflazione dichiarata.Per questo le 3 principali agenzie di rating parlano di titoli spazzatura, per questo il giochino al ribasso della selic ha i suoi pericoli per l’intero sistema. Nel giro di pochi mesi hanno portato la tassa d’importazione al 60% e stanno salutando col fazzoletto bianco gli investitori stranieri, questo protezionismo non se lo possono permettere neanche gli Usa , figuriamoci il Brasile. Unico anello di apertura commerciale rimasto e’ il Mercosul, dicasi sudamerica. Lo dico con il massimo rispetto, amo il Brasile, ma a me sembra che per 12 anni il Brasile si fosse differenziato dai modelli vicini, adesso e’ tornato ad essere, ripeto senza offesa, solo e soltanto sudamerica. Modesto parere: o rimettono le cose a posto nel giro di un biennio, ci sono le potenzialita’ per farlo perche’ e’ un grande Paese, o il Venezuela e’ dietro l’angolo !!

    • il debito estero (abbastanza basso, 17% del pil) è in calo. ed emesso in maggioranza in dollari, quello in reais è più rivolto al mercato interno.
      bilancia commerciale molto positiva. investimenti diretti esteri molto positivi.
      riserve di dollari gonfie e in ulteriore aumento.
      le multinazionali estere vengono a impiantarsi qui e quindi SI BENEFICIANO del protezionismo!
      la crisi ripeto è solo politica. l’anno prossimo lula in galera, governo psdb-dem per accontentare gli americani, la lavajato per incanto finisce e il brasile riparte al ritmo +5% annuo.

      http://www.bcb.gov.br/htms/notecon1-p.asp

    • Dimentichi che se gli imperialisti yankee, per affondare ancor di piu’ il real, aumentano il loro di tasso i soldi mordi e fuggi fuggiranno solo

  4. piccolo OT.
    un fulgido esempio di come funziona la macchina del fango mediatico-politica. cose del genere ne sento 50 al giorno.
    stamattina al tg della globo, la giornalista economica miriam “lattona”. tesi: “temer poverino ha dovuto concedere sti aumenti ai poveri funzionari federali, la colpa è di dilma sotto la quale, dal 2010 al 2015, sono aumentati di 130.000 unità (6%)”.
    ora, cara lattona, nello stesso periodo la popolazione brasiliana è aumentata di 13mln (7%) e il pil del 12.6% (inclusa la crisi del 2015)

    http://s2.glbimg.com/_WuH-6kAMGeKq5XbmFkPlB_Fkws=/s.glbimg.com/jo/g1/f/original/2016/03/03/pib-resultado-anual.jpg

    ora, cara lattona, se aumenta la popolazione, e ancor più se aumenta il pil, sorgeranno nuovi quartieri, strade, posti di salute, delegacie de policia, scuole, è normale che vengano in proporzione contrattati più medici, infermieri, monnezzari, professori, poliziotti… O NO?
    allora, cara lattona, perchè spari fesserie? perchè sei estremamente idiota o perchè ti pagano per gettare fango su qualcuno???

  5. @Lucio, Lino, Vivereinbrasile, Anonimo. Una domanda: chi ha investito nel fondo “Vida e Previdencia” (chi lo conosce sa che il minimo per accedere è alto) in Aprile 2017 con rendita d’interessi prefissati al 13,30% lordi (11% netto)….viene toccato dal calo così forte di Selic? Me lo sta chiedendo un mio conoscente che non usa internet e vorrei dargli una risposta corretta. Grazie mille per un aiuto.

    • Non conosco il prodotto ma, se trattasi di tipo PREFIXADO, come dice la parola, NON dovrebbe subire variazioni ne’ al ribasso , ne’ al rialzo dei tassi.
      Personalmente ho diversi CDB e LC di tipo PREFIXADO, e NON subiscono variazioni fino a scadenza, pagando una sola volta il 15% di I.R., per i fondi non saprei.

      Carmine.

      • @Anonimo/Carmine, grazie. Anch’io non conosco il prodotto in questione ed i fondi in genere. Conosco e, quando possibile, opero anche io con CDB e LC prefixado. Saluti.

      • @ Lucio, eccomi…..mi è stato riferito il seguente fondo Bradesco Vida e Previdencia:
        Bradesco H PGBL/VGBL Premium LP. Grazie in anticipo per quello che mi dirai e per il tempo che mi dedichi. Saluti

        • allora… è un multimercato, quindi ha anche una % di bovespa (non so quanto).
          ha il problema della commissione alta, 1.5% annua.
          risente abbastanza del bovespa, rispetto al CDI sovraperforma quando il bovespa sale e viceversa.
          negli ultimi 12 mesi ha reso 13.2%, leggermente più del cdi (12.55%) perchè il bovespa è stato positivo (14.82).
          negli ultimi 3 anni ha reso meno della metà del cdi. dal 2008 ha reso 1/3 meno del cdi.
          quindi non c’è nulla di prefissato nel suo rendimento.

          http://infofundos.com.br/lamina/fundo/15667

          • il tuo commento è ampiamente esaustivo ed anche il link è utile e leggibile anche per il mio “anziano” conoscente…..e me medesimo. la persona interessata ha investito 2/3 della sua liquidità e sicuramente con questa tua preziosa informazione deciderà il meglio per lui (interessi non prefissati con questo chiaro di luna…….) o stare o passare ad altro. grazie mille e spero di poterti rendere la cortesia. saluti. ps: certo che il gerente di Bradesco quando sollecitato dal mio conoscente non è stato molto chiaro……sarà perchè perdeva qualche premio? certo che in brasile stare lontano dalle banche è un’altra regola d’oro, in tutti i sensi.

          • tranquillo undo, non m’è costato nulla dare una piccola mano.
            quanto alle banche… sono come le donne, basta diffidare sempre, ahahah!

  6. Gentile Undo, lo scrissi tempo fa, nelle banche grandi, i gerenti o chi per essi, devono vendere prodotti lucrativi per la banca , NON per il cliente!!!

    Non siete meno intelligenti del gerente, solo piu’ pigri!!

    Carmine.

    • Gentile Anonimo/Carmine, la persona per la quale ho chiesto informazioni è un Italiano residente in Brasile ed ha 86 anni e mi ha chiesto aiuto. Se ho chiesto informazioni pubblicamente e a persone piu’ preparate di me è perchè io con le Banche in Brasile, in Italia ed in Europa sia grandi che piccole ho a che fare solo per ricevere denaro e fare pagamenti/spese generali di vita normale. Anche per il prelievo bancomat e per l’uso della carta di credito sono parsimonioso e attento. Ognuno fa le cose al meglio per se stesso e/o per chi lo paga……non è pigrizia e ne tantomeno carenza d’ intelligenza. Credimi.

        • Non mi riferivo al suo amico o conoscente in modo diretto ( non mi permetterei mai di parlare / giudicare una persona che non conosco personalmente), ma in generale, poiche’ anche qui dove abito, ci sono persone che sono incappate nei fondi previdenza , poupança o addirittura nei titoli di capitalizaçao, su consiglio del personale della banca;
          Spesso trattasi di persone molto in gamba( anche abbastanza giovani ) ma che non credono abbastanza nelle potenzialita’ dell’investimento finanziario, o non hanno voglia di approfondirne la conoscenza, per cui si affidano perlopiu’ al gerente che, peraltro, fa bene il suo lavoro, e cioe’ vendere prodotti finanziari della propria banca , specialmente quelli piu’ lucrativi per lui e quindi per la banca stessa;
          Di materiale informativo sulla materia ce n’è tanta su internet e anche gratuita;

          Carmine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here