Home News Meditazioni sotto l’ombrellone

Meditazioni sotto l’ombrellone

335
30
CONDIVIDI

E mentre l’aumento dei combustibili rimette in moto l’inflazione , già si annunciano aumenti nel prezzo del biglietto degli autobus , da sempre la spina nel fianco dei lavoratori pendolari più poveri , gli analisti finanziari , controtendenza , prevedono una accellerazione della caduta della tassa di juro che dovrebbe terminare l’anno  al 7,5% perdendo nelle prossime sedute del COPOM un ulteriore  1,75 % .

Questo evendo dimostra , se mai ce ne fosse bisogno , che la riduzione della SELIC non ha niente a che vedere con l’andamento della inflazione ma serve esclusivamente a ridurre il debito pubblico a scapito  dei malcapitati investitori . Lo Stato brasiliano fa pagare agli investitori , ma non solo , il prezzo della crisi come del resto fanno tutti i governi del mondo .

Per chi non lo sapesse appena eletto presidente , il tanto osannato Obama , lasciò  fallire una delle più importanti società americane : la General Motors ma non prima di aver permesso la creazione di due GM , una destinata a salvarsi con fabbriche ed attivi e la seconda Bad Company nella quale confluirono tutte le perdite . In tal modo gli azionisti ma soprattutti gli  obbligazionisti persero tutti i loro soldi . Fu una operazione profondamente immorale non tanto perchè la GM aveva fino a pochi mesi prima un buon rating ovviamente falsato ma perchè distrusse i risparmi di milioni di piccoli obbligazionisti e di  molti fondi pensione che per non avevano nulla a che vedere con il rischio che corre scientemente un azionista .

Ritornando al Brasile , per rendersi conto della importanza di questa riduzione basta ricordare che a Gennaio 2017 la SELIC era al 13,75% ! In pratica se si avvererà questa  previsione , il tasso di juro si sarà quasi dimezzato nel corso di 12 mesi .

A peggiorare la situazione per chi avesse investito in passato una grossa somma in Brasile ,  il cambio si mantiene a livelli elevati  R$ 3,8 per euro erodendo ulteriormente il rendimento reale . Se i soldi li spendi in Brasile sei vittima della inflazione locale . Insomma comunque ti giri prendi schiaffi .

In questa situazione l’unico consiglio che posso azzardare è di non fare nulla . Lasciare i soldi dove sono , senza spostarli ne spenderli , per quanto possibile .Benchè minimo , un tasso del 7,5% è sempre meglio di niente , soprattutto se i soldi non vengono spesi in Brasile e pertanto erosi dalla inflazione brasiliana .Prima o poi la situazione cambierà . Certo potrebbe anche andare peggio ma si sà la vita è tutta un rischio !

30 Commenti

  1. resistere, resistere e resistere sapendo che…….la vita è bella sempre, è unica e irripetibile in qualsiasi situazione.

    • L’investimento finanziario, anche se solo in Renda Fixa e Tesoro Direto, richiede un minimo di studio a monte, non è solo andare in banca ed investire su consiglio del gerente o chi per esso!!
      Investire in modo indipendente garantisce costi minori e tassi sicuramente superiori alla media!!

      Carmine.

  2. Analisi che comdivido soprattutto quando Antonio sottolinea l’assoluta non correlazione tra selic e inflazione. Trippa per gatti non se ne trova piu’, lo Stato brasiliano ha potenziali rischi di implosione del sistema pensionistico e criticita’ sistemiche dovute a riduzione del gettito fiscale. La crisi ha fatto scoppiare disoccupazione, quest’ultima ha portato ad un conseguente calo dei consumi e anche chi ha reddito se lo vede erodere progressivamente dalla inflazione reale che non e’ quella relativa ai soli prodotti del famoso paniere. Per far fronte all’evidente riduzione del gettito fiscale, adesso si tira fuori dal cilindro l’aumento del costo della benzina assieme ad altri balzelli di cui ho appreso l’esistenza sulle pagine economiche di alcuni giornali brasiliani . E’ di tutta evidenza che il Governo cerchi di ridurre i costi della macchina Statale ed anche la discesa carnevalesca della selic nell’ultimo anno va in questa direzione. Giudizio delle 3 agenzie di rating immutato, politica monetaria che mi appare sganciata dalla realta’ economica di un Paese che cosi’ facendo finira’ per perdere del tutto qualsiasi capacita’ di attrazione di capitali, investimenti e risorse umane. Per quanto riguarda gli investimenti credo che ormai conosciate la mia opinione per la quale sotto il cambio 1/4 e con una selic ad una cifra vale il famoso detto brasiliano: “nao tem almoco de graca “. SE VOLETE I MIEI SOLDI ME LI PAGATE IL TANTO CHE IO RISCHIO IL CULO!! TRIPPA FOR CATS IS FINISH .

    • se la politica di abbassare i tassi è fuori dalla realtà, e se i dati dell’inflazione sono falsi (cosa che io non credo come ribadito cento volte), i capitali scappano > il real crolla > l’inflazione riesplode > la BC è costretta a riaumentare i tassi.

      • avanti di questo passo e nascondendo la verità……succederà. sorte che a ottobre 2018 si voterà e con probabile centrodestra a capo dell’esecutivo il Brasile dopo 16-20 anni di sinistra socialcomunista (pmdb e pt) proverà l’altra faccia della moneta politica e si dovrebbero iniziare a vedere riforme infrastrutturali, economiche e sociali. se non accadrà nulla allora il Venezuela è dietro l’angolo. resistere, resistere e resistere….. ancora un paio d’anni massimo 3.

        • il problema è che il popolo brasiliano “l’altra faccia” l’ha provata costantemente dal 1500 al 2002…
          io spero solo che sarà un governo ben visto dagli americani che così finalmente ci lasceranno in pace e per miracolo finirà sta lavajato.
          certo dovremo consegnare loro il petrolio e altre cosette.

          • sono però bastati solo 15 anni di centrosinistra per tornare all’antico. tutto dire. diamo il petrolio agli americani e diamogli anche altre cosette ma in forma regolare e trasparente e senza fare il gioco delle 3 carte. solo con la trasparenza e la lealtà verso il Popolo si può risalire la china della credibilità. concordo che sarà anche la fine del “lavajato”, finalmente ma dopo aver castigato (condannato) i cattivi e i disonesti ruba mazzette.

          • mi correggo: NON centrosinistra ma “socialcomunista” (PMDB+PT). Ho commesso un “errore di sbaglio” pensando alla situazione del Bel Paese.

          • il PT è di centro come lo è Maduro sostenuto dal PT stesso o come lo era Chavez e Fidel Castro e Marks e Stalinf & C.. – Gentile Lucio fosse in vita Totò e sentisse la tua affermazione non ho dubbi che esclamerebbe: “MA MI FACCIA IL PIACERE”….alla quale affermazione mi associo. Confermi che la “propaganda rossa” è riuscita a convincerti che sono “bianchi”. Sono davvero bravi nella propaganda. O ci sei o ci fai…..e parlando di politica e di politici a me non interessa molto se ci sei o se ci fai…. la domanda che mi faccio spesso come possa un ideale comunista morto e stramorto e che ha fatto danni incalcolabili e irrimediabili a Popoli interi essere ancora attivo. Inizio a capire dai tuoi interventi il perchè….”vi pensate bianchi, democratici, equi e giusti” è questa la risposta! Ma purtroppo per voi c’è chi non ha mai abboccato e sono la stragrande maggioranza dei Popoli del mondo. Fatevene (e fatti) una ragione.

  3. il default GM è del giugno 2009.
    Nel maggio 2005, Standard & Poor’s abbassò il rating di GM al livello di titolo spazzatura.
    4 anni…

    • ” Giornata positiva per FCA che a Piazza Affari mostra un rialzo del 2,03%.
      A dare una mano al titolo ci ha pensato Standard & Poors che ha confermato il rating di lungo termine (pari a BB) e quello di breve termine (B), con outlook stabile. ”

      Riporto questo stralcio del Gennaio 2017 su FCA anch’essa junk bond . Quindi fallimento prossimo ? Niente affatto !

      • antonio,
        vorrei una tua opinione perchè certi commenti stanno degenerando. esempi:

        lino: “una macchietta, per carita’ e’ giusto che tu esista fa’ parte della biodiversita’ ”

        questa della biodiversità è elegante e brillante! un modo creativo di dare dell’animale alla gente.

        undo: “O ci sei o ci fai”

        ovvero o sono cretino o disonesto.
        vorrei sapere l’opinione del padrone di casa su queste espressioni, prima di rispondere A TONO. perchè mi pare di star dibattendo con lessico garbato…

        • @Lucio, non fermarti solo alla mia battuta….prosegui e leggi: “a me o se ci sei o se ci fai interessa poco…….” Sei tu che affermi: “ovvero o sono un cretino o sono un disonesto” Personalmente non ho pensato che tu sia nessuno dei due. A mio avviso i tuoi interventi sono spesso precisi e puntuali, però a volte sono provocatori (es, e non è l’unico: “PT è democratico” è da presa per i fondelli, il tuo riferimento a Mengele/gay….è volgare) e quando si provoca ci si deve attendere risposte adeguate.
          @Vivereinbrasile, Antonio a me il Lucio economista piace, lo seguo con molto interesse ma a volte su altri argomenti è eccessivamente di parte e provoca….prova a leggere la novela sui kattivi komunisti di Lucio …. verso me medesimo e altri che dichiarano uno schieramento diverso. Comunque, anche questa richiesta di un tuo intervento da parte di Lucio la rispetto, ne ha diritto. Cordiali saluti da me medesimo ancora in Brasile ed in affanno!

        • @Vivereinbrasile @ Lucio: assicuro entrambi che mai piu’ commenterò in un post dove incontro Lucio. Questo per evitare di urtarne la suscettibilità. Evidenzio che secondo me, un post senza un contraddittorio sarebbe senza “sale”. Per entrambi e per tutti eccovi la traduzione in Wikipedia dell’ “o ci fai o ci sei”:
          “Ci fai o ci sei?:
          “Fai finta di essere o di comportarti così, oppure sei proprio così?” Verificare per favore perchè anche in questa occasione Lucio ha interpretato a suo modo. Chiudo affermando che è una esclamazione di luogo comune nella lingua Italiana e molto usata in tutto il Paese.

  4. Concordo al 100% con la disamina e la conclusione di Antonio.
    Bisogna aspettare che passi ….. sperando che passi!
    Non vedo alternative per chi ha investito, per un motivo o per l’altro, in Brasile negli anni scorsi ed oggi vorrebbe uscire.
    un saluto

  5. intanto altre 2 belle notizie ieri:
    1) altro regalone agli impresari in debito con lo stato, costerà (in più anni) 220 miliardi
    2) si tasta il terreno per un aumento dell’aliquota massima imposto di renda. più tasse per la “classe media” se venisse implementata.

    • 1) acquisto consensi delle corporazioni e dei potenti con il didietro del Popolo Brasiliano; 2) iso Amato, quando a nottefonda ha messo le mani in tasche di tutti gli Italiani, persone fisiche NON giuridiche. tipico del socialcomunismo che è convinto ancora oggi che le masse deboli “rendono di piu’ “.

  6. ancora con fascisti/comunisti? destra/sinistracentro? rossi/neri? ma basta …. i politici si giudicano dai fatti. In Brasile esiste un Partito Comunista che però non è il PT che tutto ha fatto tranne che gli interessi dei lavoratori o dei “proletari”. Proprio come il PD in Italia del resto che pure si dice di centro/sinistra …… lasciam perdere con queste catalogazioni che non servono a nulla credo.

  7. hai ragione da vendere sia sui colori che sulle ideologie politiche ormai morte e sepolte. vallo però a dire ai comunisti e ai fascisti ed altri che ancora oggi sono impregnati della vecchia ideologia partitica. riguardo il PT, io mi chiedo perchè indossano la camicia rossa, sventolano bandiere rosse e, ultimo fatto, sostengono Maduro apertamente…..oddio anche Maradona sostiene Maduro e sono liberi di farlo (sia PT che Maradona che altri) anche se secondo me lo fanno per raccogliere popolarità e notorietà che hanno perso per tanti motivi. in comunicazione si chiama “ricordo sollecitato della loro esistenza” e dura il tempo di una sigaretta, purtroppo per loro. il PD non indossa la camicia rossa e ne sventola la bandiera rossa anche se in pancia hanno ancora ex comunisti convertiti per interesse alla nuova era.

    • il mio intervento qui sopra è per Marcofalco. Aggiungo che, parlando di politica e di conduzione di un Paese, ho sempre sperato che il modello Inglese diventasse un modello di riferimento per altri Paesi. 2 schieramenti che si alternano ciclicamente e senza colori. Penso anche che l’Italia ci è andata vicina con il bipolarismo tentato alcuni anni fa ma poi sono riemersi gli interessi di potere e di poltrone di squallidi personaggi che si sono camuffati dietro vecchie ideologie. I politici attuali del Brasile con i loro 30/35 partiti sono una barzelletta che non sta facendo piu’ sorridere nessuno. Ci sono 30/35 colori e 30/35 ideologie…….che bel cardapio per il Popolo!

    • Sono un pensionato Inps e da 5 anni ed insieme ad altre 6 persone abbiamo aperto una Società che si occupa di acquacoltura e di ristorazione sul posto di coltura (mitili, ostriche, pochi ricci di mare e continui tentativi con vongole). Il ristorante è su di una piattaforma galleggiante ed è raggiungibile solo con mezzi marini. Il tutto si trova nello stato di RJ sulla litoranea chiamata Costa do Sol in Regiao dos Lagos. Chiamarla “attività economica” non sarebbe corretto definirla invece un “piacevole passatempo che si autofinanzia” è piu’ corretto. Tutto qui.

      • Interessante, come si chiama il ristorante ? Hai un sito ?

        Secondo me è molto meglio parlare di queste cose che di politica…

        • si dice……”la politica è un male necessario”. Io penso che la vecchia politica è morta con la morte delle vecchie ideologie, e ne sono personalmente felice.
          Il ristorante, o meglio la trattoria si chiama “restaurante flutuante” così semplicemente come è semplice (e gustoso). Niente piatti complicati a pietanze a base di pesce, crostacei e conchigliame vario ….. fritti, bolliti, in umido e crudi. Unici 2 piatti di “massa” sono con i pochissimi ricci di mare che abbiamo. Non abbiamo alcun sito, siamo ruspanti e lo facciamo perchè abbiamo calato la materia prima intorno a noi (acquacoltura), ma puoi visitare in Google: “restaurante flutuante in Arraial do Cabo RJ” fronte praia do forno. Gli addetti lavorano tutti i giorni dalle 10,00 alle 17,00 – 7 su 7. Io ed i miei amici/soci ci andiamo 2 o 3 volte settimana per un paio d’orette a testa per controllare l’allevamento di ostriche calate, di cozze calate e di ricci posati sul fondo pietroso e le vongolette sotto sabbia. 3 di noi sono al 100% del tempo sul posto, per loro è un lavoro pieno mentre io e gli altri abbiamo messo all’inizio la nostra parte di quattrini piu’ per passione e divertimento che per speculazione. Il luogo è un paradiso per i sommozzatori sia professionali che per i principianti, il “restaurante flutuane” è molto conosciuto e frequentato da questa categoria di persone oltre che dai turisti che però non devono soffrire il mal di mare. Ciao.

    • grazie. l’idea è stata di un pescatore locale che già aveva messo una barca a fondo piatto per servire salgados a altri pescatori e/o mergulhadores…..oggi sono 3 zattere (tipo balsas dei fuochi artificio dal mare) collegate tra di loro, senza pali a sostegno perchè la palafitta ci era stata proibita ma con galleggianti giganteschi ancorati al fondo per permettere attracco di barche e motoscafi senza che i restaurante si muova troppo lateralmente. ci sono problemi quando il mare è grosso causa vento che muta in continuazione o in risacca…..stiamo chiusi per sicurezza in accordo con i bombeiros e la marina militare. abbiamo a volte dei fastidi perchè non riusciamo a far funzionare internet per le carte di credito e debito ma ciò è superabile. PS: ricordo che sono un pensionato Inps e la mia attività sopo pensione non è propriamente questa ma piccoli investimenti in terreni agricoli che poi, se ci riesco, affitto. questa della trattoria marina è un puro divertimento e passione……però economica, con tutti gli annessi e connessi. ciao.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here