Home News Patente: approvato dal Congresso l’accordo tra Italia e Brasile per la validità...

Patente: approvato dal Congresso l’accordo tra Italia e Brasile per la validità reciproca del documento (CHN)

51
CONDIVIDI

Il Comitato per le Relazioni Estere e Difesa Nazionale della Camera dei Rappresentanti ha approvato ieri un rapporto favorevole all’accordo tra il Brasile e l’Italia per il riconoscimento reciproco delle patenti di guida (CNH).

Il testo sarà trasmesso ora alle commissioni di trasporto, Costituzione e Giustizia e poi al voto in commissione plenaria, l’ultimo passo prima della firma del presidente Michel Temer.

il trattato consentirà ai cittadini di entrambi i paesi di convertire le patenti di guida delle categorie A e B, senza dover effettuare gli esami pratici e teorici.

Un mese dopo la firma, l’Italia aveva già completato le procedure necessarie per la sua attuazione, ma per essere ratificato in Brasile si è resa necessaria l’approvazione da parte del Congresso e del presidente, ritardando di quasi un anno il processo.

Secondo Diego Mezzogiorno, direttore della Camera di Commercio e dell’Industria “il testo verrà approvato dai membri entro 30 giorni e sarà un voto proforma unanime”, ha detto in un’intervista con ANSA.

Sempre secondo Mezzogiorno, poco più di tre mesi fa, i legislatori non sapevano nemmeno dove fosse il progetto – infatti, ai primi di aprile, il trattato non era ancora stato inviato alla Camera.

Quando l’accordo entrerà in vigore – 60 giorni dopo la ratifica – un brasiliano che si è trasferito in Italia (o viceversa) potrà convertire il CNH senza fare alcun tipo di esame, a condizione che si invii la richiesta prima di completare quattro anni di residenza nel paese.

Tuttavia, il trattato sarà valida solo per auto e moto. In altre categorie, continuerà ad essere necessario effettuare gli esami pratici e teorici.

51 Commenti

  1. bene, anzi benissimo! c’è un ma……io non credo che Detran sia così allineato alla riconversione delle patenti “indolore”. aspetto e vedrò. spero di sbagliare, ma……

    • Non sara’ piu’ necessario nemmeno l’ esamino psicologico e della vista?
      Ho dubbi anche sulla motorizzazione italiana..pero’ almeno un Brasiliano non residente potra’ guidare con la patente giallo oro in Italia

  2. altra bella notizia: il governo ha appena autorizzato l’aumento dei piani di salute del 13.55%, il quadruplo dell’inflazione. altro regaluccio a una lobby privata.

  3. Il Plano de Saude rientra nelle mie spese mensili e pertanto la MIA inflazione e quella di tanti milioni di cittadini brasiliani non non è affatto al 4% . Fortunatamente però … ho lasciato di pagare il Plano de Saude dopo aver lasciato il Brasile qualche mese fa 🙂 .
    Vedrete cosa accadrà alla riapertura delle scuole quando quelle private aumenteranno le loro rette ben al di sopra della inflazione dichiarata dal governo . Scommetto almeno del doppio !

    • per noi ancora in Brasile pensare o peggio ritenere che l’inflazione sia sotto il 4% significa sognare ad occhi aperti. hanno costruito i parametri ed i prodotti per il calcolo dell’inflazione “artatamente” per interessi di pochi e, purtroppo, per finalità non sociali. ormai nessuno qui in Brasile ci crede piu’ e prima o dopo la corda si romperà. “Vivereinbasile”: boa sorte na Italia!

      • vedo che non c’è niente da fare eh… il paniere è perfetto e deciso da organismi internazionali. poi se TU personalmente hai un paniere “da ricchi” è un altro discorso.
        quante volte devo ripetere lo stesso discorso?

        • Lucio, quanto è aumentata la “gasolina comun” in 1 anno? quanto è aumentato il “pane francese (comune)” in 1 anno? sono solo 2 prodotti come esempio e non sono prodotti da ricchi……poi vai a vedere in 1 anno sia riso che fagioli. qui nello Stato di RJ supermercato Extra….+ 9%. devo forse cambiare supermercato? e, per favore, non mi indicare come uno da paniere ricco perchè ricco non lo sono affatto. anzi……

          • da me in un anno il pane è sceso da 3 a 2.50 (10 panini), il riso da 3.20 a 2.48, fagioli da 7.98 a 4.98. il primo nelle opanetterie, i secondi al supermercato bompreço.

          • in quale Stato vivi? te lo chiedo non perchè sono curioso ma perchè, magari, ci vado a vivere. beato te!

          • dimenticavo: io vivo in Regiao dos Lagos RJ e trovo in padaria il pane 10 pezzi che piu’ o meno corrisponde ad 1 kg tra gli 8,00 e i 10,00 Reais. un mio conoscente che vive in SP area metropolitana a 60 km dalla capitale trova il pane tra i 9,00 e gli 11,00 Reais. Fagioli neri: io tra i 6,50 e gli 8,50 Reais, il mio conoscente in SP idem…….il mio supermercato di riferimento è Extra, il suo in SP di riferimento è Pao de Açucar. sono alcuni esempi. quindi siamo in 2 potenzialmente interessati a trasferirci, se possibile.

          • Lucio,

            questa del pane a 2,50 R$ al Kg è ancora meglio di quella di tuo cognato operaio che guadagnano 4.000 R$ al mese !! Kkkk

    • le cose che aumentano più dell’inflazione ufficiale le notano tutti. le cose che aumentano meno o che diminuiscono non le vede nessuno. è un’allucinazione collettiva tipica dell’homo sapiens :))

      • Sarai l unico a non essere Sapiens perche’ unico a sostenere che l’ inflazione reale e’ del 6%!? La mia spesa da ricco una volta la settimana la vado anche a fare al mercado da producao mentre il resto Assai Atacadao.. dove madame col motorista se ne vedono poche

    • quello che volevo evidenziare è questo. aumenti del piano salute della mia compagna:
      2013 (lula): da 207 a 220, +6.2% (inflazione ufficiale 6.2%)
      2015 (dilma): da 225 a 247, +9.7% (inflazione 9.5%)
      2017 (temer): +13.5% (inflazione 4%)

      ora capisco perchè lula e dilma erano “kattywy komunysty populysty”… quando uno fa le cose EQUE è cattivo comunista populista, quando affama la gente è bello buono e liberale.

      • Lula e Dilma NON erano e non sono cattivi comunisti perchè erano e sono dei “dittatori mancati” camuffati dalla camicia rossa. il PT, quindi Lula e Dilma, sta appoggiando la Costituente di Maduro e stanno sostenendo Maduro…….o sbaglio? ciò io lo interpreto come una volontà “autarchica” da calare anche sul Brasile……o sbaglio? sono i ricchi che stanno protestando in Venezuela perchè non hanno cibo e medicine? a me pare che chi sta protestando sia la maggioranza della popolazione venezuelana comune…..oppure è una propaganda del capitalismo ciò che sta succedendo in Venezuela? Ma…..che dire se non che personalmente non riuscirei a vivere in un Paese autarchico indipendentemente da Lula, Dilma, PT che reputo, ripeto, “falsi comunisti” e veri “dittatori mancati e arruffoni”….per incapacità, presunzione ed un poco di ignoranza democratica.

        • lula e dilma erano riusciti a contenere gli aumenti da parte dei bastardi delle lobbies private potentissime (come quelle della salute privata) che fanno mafiosi cartelli monopolistici, nei limiti dell’inflazione. ecco perchè erano “antipatici”. ora preparatevi a governi “liberisti” che vi scotenneranno vivi.
          film già visto negli anni 90.
          vi scotenneranno e sarete pure contenti perchè “combattiamo la dittatura”…

          • dipendendo dai punti di vista: scotennati ma liberi! scotennati ma non obbligati a subire menzogne e propagande! scotennati ma senza la compagnia di Maduro! Etc.Etc. meglio “scotennati” che “castrati”!

          • basterebbe che la salute pubblica funzionasse… ma non è cosi per colpa di chi? ……….

          • fagiano,
            se la salute pubblica funzionasse chi andrebbe da quella privata?

            undo,
            a parte che in questa discussione il venezuela c’entrava come i cavoli a merenda, a parte che io sono anti-maduro (ma anche anti-americano), a parte che i regali stratosferici che temer sta facendo alle lobby non sono menzogna nè propaganda… sul venezuela se ci informiamo un po’ vediamo che l’opinione di alcuni del PT è condivisa a livello mondiale:

            http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-onu_dichiarazione_congiunta_di_57_paesi_a_favore_del_venezuela_e_contro_ogni_intervento_esterno/82_21116/

            http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-abbiamo_trovato_il_nostro_nuovo_iraq__il_venezuela_julian_assange_denuncia_le_azioni_illegali_degli_usa/5694_21125/

            sullo scotennati ma liberi poi stendo un velo pietoso.

          • il Venezuela con il PT c’entra eccome che c’entra. o meglio il PT che sostiene Maduro è su tutti i giornali e tv. puoi stendere un velo pietoso su “scotennati ma liberi” è nel tuo diritto. è anche nel mio diritto affermare che “castrati” MAI ! per il resto attendo di conoscere lo stato in Brasile dove vivi e dove incontri il pane a 2,50 Reais 10 pezzi. Grazie.

          • infine, gentile Lucio…..io non sono anti a niente io sono convinto che ci meritiamo certe losche figure (Maduro-Lula-Trump-etc.etc.) perchè siamo “vuoti” di valori (ed anche un poco anestetizzati/drogati dalla propaganda) tra i quali (valori) metto al primo posto la LIBERTA’ ed al secondo posto che LA VITA E’ BELLA e ciò indipendentemente dai loschi figuri che ancora oggi dobbiamo sopportare. “fero, sed semper lupus”.

          • undo,
            sto a salvador. i panini pesano 40g (come 1, 3, 10 anni fa) quindi al kg sono 6.25. al supermercato è più caro. nei bairros nobres (dove vivono gli italiani) ancora più caro. ma anche nelle città italiane è così.
            io vivo nel bairro popular e tutto è più barato. non c’è un altro gringo nel raggio di 3km. quindi è inutile che venite qua se poi ve ne andate ad abitare nel bairro nobre come tutti i gringos.
            ma io non stavo parlando di prezzi assoluti, stavo parlando di VARIAZIONI di prezzi da un anno all’altro nello stesso luogo!
            e qui i prezzi alimentari sono calati di brutto perchè la gente con la crisi ha abbassato i consumi e allora i commercianti si sono adeguati. si sono adeguati anche i grandi supermercati, che per la stessa merce fanno prezzi diversi a seconda che la loja sia nel bairro popular o nobre.
            può darsi che nel bairro nobre non hanno abbassato i consumi e quindi i prezzi. ma la realtà è che l’80% della città è bairro popular!

            poi c’è un altro fattore. in tutto il brasile nelle capitali i prezzi alimentari sono più bassi, se voi abitate nell'”interior” sono più alti. se poi vivete in luoghi turistici ancora peggio.

          • lucio,
            precisazione opportuna la tua anche se non molto chiara. il fatto di vivere in certi luoghi sono scelte del tutto personali che, a volte, non condivido ma accetto. io vivo in Brasile in un luogo turistico per scelta e, sopratutto, perchè raggiunta la mia età e messo da parte qualche soldino con sudore lavorativo non mi va di lasciare nulla in questo mondo quindi cerco di godermi con moderazione ma godermi le ultime ciliegine che rimangono nel cesto della mia vita che il Signore, o chi per lui, mi ha offerto. Saluti. PS: nella mia provincia di origine, Piacenza, l’offesa peggiore che si possa subire dopo morto è “ecco, lì riposa il piu’ ricco del cimitero”.

          • precisazione: in Brasile il pane francese (comune) per convenzione NON può essere ne di meno e ne di piu’ di 50 grammi a pagnotta. Sempre per convenzione, se è di piu’ di 50 grammi a pagnotta il sovrapeso NON va (andrebbe) pagato, se è di meno di 50 grammi a peso a pagnotta va (andrebbe) pagato a peso. Questa convenzione è perchè in Brasile si acquista il pane francese a pezzi e non a peso. Costume tipico del Paese.

          • ogni panino francese per convenzione deve essere di 50 gr……bene che da te pesano il pane e paghi a peso, in altri Stati si paga a pezzo. cmq sei tra i 6 e 7 reais Kg……ottimo prezzo. spero per te che siano anche ben cotti e croccanti.

          • loro vendono a pezzo, ma io me li faccio pesare.
            sicuramente nulla a che vedere col pane che si fa in italia eh…

          • undo,
            sono appena reduce dal supermercato bompreço. alcuni prezzi di prodotti di cui parlavi:
            – pao de forma 6.98/kg
            – pao frances 7.88/kg
            – feijao carioca 4.98/kg
            – feijao preto 6.22/kg

          • prezzi molto interessanti in rapporto a dove vivo io. grazie per l’info. ps. concordo che in Europa/Italia/Francia&C. il pane è un’altra cosa…..e quello comune, dipendendo dalle zone costa tra 1 Euro ed 1,5 Euro al Kg.

  4. Voglio sempre sottolineare che Temer era il vice di Dilma, che e’ stato votato da chi ha spinto il 13 sotto ai loro faccioni, che meta’ del governo e’ ancora quello precedente, se fosse al governo Bolsonaro sarebbe un altro discorso..Temer alleato del PT poi amico dei ricchi e borghesi??!!
    E per soddisfare Undo che adora il latino, per me in Brasile attualmente puo’ solo funzionare il aut consiilis aut ense

    • Lucio! Vc e’ uma figura! Dove ho parlato di Bolsonaro non lo so’..so’ pero’ che tra gli ultimi a fare campi di concetramento per i gay fu’ …Ernesto Guevara de la Serna!
      Comunque tranquillo che se facessero i campi per gay e per ladri in Brasile per le strade si vedrebbe poca gente! At salut!

      • “se fosse al governo Bolsonaro sarebbe un altro discorso”, sta frase sta scritta qui sopra in un commento di un certo “lino”. ma forse ho le allucinazioni…

        • Si,,hai travisato il senso del discorso…ma il tuo livore antiamericano ecc davvero ti fa’ una macchietta, per carita’ e’ giusto che tu esista fa’ parte della biodiversita’ sociale, ma hai abdicato al pensiero critico,non ho dubbi sulla tua corettezza e buona fede il problema e’ che tu credi …e sempre per far felice undo credo quia absurdum…e qui chiudo

          • @Lino, grazie per citare Tertuliano e complimenti perchè, come si dice dalle mie parti, ci sta perfettamente a “fagiuolo”. certo che il latino antico sintetizzava sempre molto ma molto bene, peccato si stia perdendo.

      • Si va bene ma fare una specie di legge che favorisce solo i nuovi arrivati mi sembra una cazzata aldilà delle chinere, non vi pare?

        • guarda che è un accordo assolutamente non rispettato sia dal Brasile che dall’Italia. i Legislatori hanno fatto una legge ma le rispettive motorizzazioni sono avverse e, alla maniera dei burocrati, sanno come intralciare. per questo motivo c’è da seguire l’iter di sempre. quante leggi in Italia non sono rispettate e applicate? infine: riguarda tutti e non solo gli ultimi arrivati.

  5. Ciao qualcuno mi puoi aiutare? Non lo so se ho capito bene.
    Quindi… io sono residente da cinque anni. Non potrei chiedere la conversione? Dovrò fare la patente italiana da capo? Perché ho passato dai 4 anni…

    • la conversione la puoi chiedere…..dipende poi cosa ti dirà il Detran di dove sei residente. quindi ti conviene recarti prima al Detran e sentire quello che ti dicono. ci sono troppe interpretazioni al riguardo della conversione “immediata” senza fare altro……c’è di mezzo l’esame medico obbligatorio, la prova teorica, conoscere il primo soccorro….. senza escludere totalmente anche la prova pratica, dipendendo dallo Stato di residenza. vai al Detran e chiarisciti e lascia perdere quelli che ti propongono soluzioni “agevolate” e a pagamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here