Home VIAGGIO BRASILE Sergipe

Sergipe

0

Laranjeiras

Incorniciata da tre verdi colline sormon­tata ciascuna da una chiesa, Laranjeiras è considerata il gioiello coloniale del Sergipe e, insieme a São Cristóvão, è una breve e incantevole escursione da Aracaju adatta ai viaggiatori interessanti alla storia dello stato. Pur non avendo attrattive turistiche partico­lari, risulta molto interessante dal punto di vista panoramico ed è ideale quindi per gli appassionati di fotografia.

Caratterizzata da una sobria grandiosità, Laranjeiras è percorsa da suggestive strade acciottolate su cui affacciano edifici di epoca coloniale con i tetti di coppi. Nei punti più alti della città si aprono vedute incantevoli sul si­nuoso Rio Cotinguiba. La cittadina non pare essere stata toccata dallo sviluppo moderno e la campagna circostante nasconde vestigia di vecchi zuccherifici e aziende agricole.

Fondata nel 1605, nel XVIII e XIX secolo Laranjeiras divenne il cuore commerciale di questa fertile regione agricola, destinata alla coltivazione della canna da zucchero e del cotone. Nella cittadina e nei dintorni arriva­rono a essere attivi più di 60 zuccherifici; da Laranjeiras lo zucchero veniva trasportato lungo il Rio Cotinguiba fino a Aracaju, per essere poi esportato in Europa.

Che cosa vedere

Situato di fronte alla stazione degli autobus, il Trapiche è un imponente edificio del XIX secolo in cui venivano immagazzinate le merci che attendevano di essere trasportate via fiume. In cima all’Alto do Bonfim (Collina di Bonfim) si trova la pittoresca Igreja NS do Bonfim, del XIX secolo. La chiesa è aperta solo di rado, ma vale comunque la pena di salire fin quassù per godersi la splendida vista; seguite la strada che corre a sinistra del Nice’s Restaurant.

Risalendo il fiume, a 4 km dall’abitato, si raggiunge la barocca Igreja de Comandaro­ba, edificata dai gesuiti nel 1734; purtroppo non è ben conservata e non è facile vederne l’interno. Una galleria lunga 1 km conduce dalla chiesa alla Gruta da Pedra Furada, un’ampia grotta scavata dai gesuiti per sfug­gire alle persecuzioni.

Museu de Arte Sacra Costruito nel 1897, l’edificio coloniale che ospita questo museo conserva tuttora gli originali pavi­menti in legno e le pareti con motivi floreali dipinti a mano. In una sala sono esposte statue lignee di santi a grandezza naturale, alcune delle quali ancora utilizzate nelle pro­cessioni religiose. La statua del Cristo sotto la croce e quella di NS das Dores hanno capelli umani veri, offerti da fedeli le cui preghiere erano state esaudite.

Museu Afro‑Brasileiro Laranjei­ras è considerata la roccaforte della cultura afrobrasiliana del Sergipe. Le varie sezioni di questo museo illustrano le fasi di produzione dello zucchero, gli antichi sistema di tortura degli schiavi, le religioni afrobrasiliane e le tradizioni culturali di Laranjeiras.

Feste ed eventi

Durante l’ultima settimana di gennaio, La­ranjeiras ospita la Festa de Reis (chiamata anche Encontro Cultural), un festival religio­so e folkloristico animato da musiche e danze tradizionali. Altre feste tradizionali sono previste durante la Semana Folclórico (Set­timana del Folklore), che in genere coincide con la seconda settimana di agosto. Molto caratteristiche sono anche le processioni religiose in programma durante la Semana Santa (Settimana Santa).

Per/da Laranjeiras

Gli autobus delle compagnie Coopertalse e São Pedro coprono il tragitto di 21 km tra Laranjeiras e la Rodoviária Velha (corse ogni 30 min) di Aracaju dalle 6 alle 21.30. Ci sono anche taxi colectivos non ufficiali che seguono lo stesso percorso applicando la medesima tariffa.

São Cristóvão

Appollaiato in cima a un’erta collina affac­ciata sugli ampi panorami della campagna circostante, il centro storico di São Cristóvão racchiude un sonnolento agglomerato di edifici coloniali del XVII e XVIII secolo, affacciati lungo anguste stradine di pietra e alcune larghe piazze. Fondata nel 1590, São Cristóvão fu la capitale del Sergipe fino al 1855.

Particolarmente degna di nota è la Igreja de Senhor dos Passos, che vanta un soffitto decorato da José Teófilo de Jesus. Il Mu­seu Histórico Sergipe (www.museuhsergipe.blogspot.com.ar), allestito all’interno dell’ex Palácio do Governo, ha dipinti di Carybé e di altri artisti del Norde­ste, una sala dedicata al bandito Lampião e un’esposizione di mobili antichi e altri cimeli che ricordano le epoche passate.

Mentre vi trovate in città, fermatevi in una delle informali panetterie che vendono le queijadas, tradizionali dolci portoghesi al formaggio, considerati una specialità locale.

Un frequente servizio di autobus copre il tragitto di 28 km tra São Cristóvão e la Ro­doviária Velha di Aracaju. La città si trova a 8 km dalla Rodovia BR‑101.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.