Home politica Confermata in seconda istanza la condanna dell’ex-presidente Lula

Confermata in seconda istanza la condanna dell’ex-presidente Lula

25

Il 24 Gennaio 2018 il Tribunale Regionale Federale della quarta  Regione , con sede nello stato del Rio Grande do Sul, ha confermato la condanna dell’ex-presidente della Repubblica Luiz Inacio Lula da Silva emessa dal giudice Sergio Moro in seguito alla accusa di corruzione passiva e lavaggio di denaro per aver ricevuto dalla impresa OAS , ricambiata con l’assegnazione di  un contratto con la Petrobras , un appartamento triplex in Guarujà (SP).

La decisione , a favore della conferma della condanna con aumento della pena a 12 anni ed un mese di reclusione ,  è stata unanime  (3×0) . In precedenza Moro lo aveva condannato a “soli” 9 anni e sei mesi  .

In attesa delle “manette ” , il giorno dopo la conferma della condanna, il  PT  ha presentato  Lula  come ” pre candidato ” alla Presidenza della Repubblica durante la riunione della Commissione Esecutiva Nazionale del partito , in Sao Paulo .

Come se non bastasse Lula  , che sarebbe dovuto partire oggi per l’Etiopia per partecipare ad una riunione della FAO , si è visto ritirare il passaporto dal giudice Ricardo Leite , lo  stesso  che determinò la sospensione delle attività dell’Istituto Lula il Maggio 2017 , per impedirgli di lasciare il paese .

La decisione del giudice non ha relazione con la conferma della condanna sopracitata ma con un altro processo in corso dove Lula è accusato di influenzare l’acquisto , da parte delle Forza Aerea Brasiliana ( FAB),  di aerei militari svedesi . Un interrogatorio sarebbe già stato fissato per il 20 Febbraio .

25 Commenti

  1. Os erros de Luís!

    Você errou, Luís…
    Errou na mão, errou na dose, errou no tempo, errou na história…
    Contra todo e qualquer argumento, Luís, voce teve a oportunidade histórica de fazer diferente…
    Mas escolheu fazer igual, escolheu piorar o que sempre criticou…
    Esqueceu suas raízes, suas origens humildes e se aliou aos poderosos de plantão…
    Esqueceu os seus amigos antigos e olhando apenas pra o próprio umbigo, Luís, abraçou a traição…
    Você errou Luís…
    Errou feio…
    Errou no mensalão, errou no petrolão, errou ao escolher e defender Dilma e ao andar na contra-mão…
    Errou ao deixar seu filho ser o “fenômeno” executivo de plantão…
    Errou ao deixar o poder e a glória lhe subir a cabeça…
    Errou mais ainda ao deixar que o dinheiro e a fama congelassem seu coração…
    Errou em Santo André, no São Francisco, no Rio de Janeiro, em Atibaia, em Guarajá, em todo o país…
    Errou na presunção de não ter ninguém à altura de sua luz…
    Errou quando se equiparou em honestidade a Jesus…
    Errou de forma tropega e infeliz…
    Você errou muito Luís…
    Errou quando transferiu a culpa pra gente que não podia mais se defender…
    Celso Daniel, Marisa Letícia, acusados depois de morrer…
    Errou quando disse que nada sabia, quando cinicamente mentia, insistia em não se envolver…
    Errou quando foi incapaz de reconhecer um erro sequer, seu ou de seu partido…
    Dos genuínos dólares na cueca às reformas e imóveis dos quais “nunca tinha ouvido”…
    Como você errou Luís…
    Errou ao perder um dedo, ao fazer segredo de sua voraz ambição!
    Errou ao se achar “o cara”, errou na auto-vitimização!
    Errou ao elogiar Chaves, Evo, Maduro, errou na manipulação…
    Errou com os companheiros Dirceu, Palocci, Delcídio, Vaccari, Vargas, deixando todo mundo na mão…
    E na prisão!
    É Luís…
    De tanto que errou, você tanto fez, que agora é a bola da vez…
    Na marola do mar de lama em que se transformou o seu tempo no poder, não tinha mais como se esconder…
    E embora o fanatismo de uns, o ego de outros e o interesse de tantos ainda tentem lhe absolver,
    mais do que uma pena, você é digno de pena, Luís…
    Todos que lhe conhecem sabem muito bem que seu maior crime foi um assassinato!
    Foi você, Luís, e só você que matou o Lula…
    E ao matar o Lula voce aniquilou a mais bonita militância política que um partido já teve neste país…
    Uma militância legítima, espontânea, verdadeira…
    Não a que você conseguiu transformar em gente paga, com pão e mortadela…
    Você errou Luís…
    E já passou da hora de pagar as contas por seus erros…
    Quem sabe, em sua arogância insana, você até se sinta feliz…
    Afinal você vai em cana! E cana é tudo o que você sempre quis!

    Autor desconhecido!

  2. Premesso che, secondo me, Lula ha fatto il suo tempo e non dovrebbe ricandidarsi e che il PT dovrebbe trovare nuovi leader credibili, resta il dato di fatto che il favorito alle prossime presidenziali con questa sentenza viene di fatto estromesso dalla corsa alla presidenza del Brasile.
    Ora, sempre secondo me, se è ragionevole non credere a Lula è altrettanto ragionevole dubitare della giustizia brasiliana.

    • Le due cose non sono sullo stesso piano,

      la parola di Lula non vale niente (è un bugiardo conclamato, un verme) così come la mia, le sentenze valgono tutto, senza se e senza ma, altrimenti è la fine.

      • Se la giustizia brasiliana è dubbiosa è anche grazie al contributo di Lula stesso..ha bevuto del suo stesso veleno

      • Francesco, secondo me in Brasile giudici e polizia sono corrotti/corruttibili come i politici. Diciamo che se il 99% dei politici sono corrotti, lo sono anche il 90% dei poliziotti e l’80% dei giudici. Questa è la mia personale classifica.

      • A me sembrano númeri e illazioni a caso, ognuno di noi può dire e pensare cióche vuole, se sai qualcosa che noi non sappiamo fai denúncia, scrivere qua non serve a nulla.

      • Perchè non sei ancora mai stato rapinato/taglieggiato da un poliziotto in Brasile?? Non sei mai stato a contatto con la (in)giustizia brasiliana? magari a causa di qualche dipendente? Buon per te.

    • Non dimentichiamo che la giustizia in Brasile manca dell’applicazione del favor rei attraverso l’istituto del divieto di “reforma in peius”

  3. I 3 fondamentali “titoli” del diritto romano sono alla base anche e non solo del sistema giudiziario (penale e civile) Brasiliano. Per comodità li ricordo:
    1° comportarsi onestamente, sempre ed in ogni situazione; 2° non danneggiare il prossimo; 3° distribuire a tutti il giusto meritato (guadagnato) senza discriminare.
    I Giudici sono chiamati sempre a stare dentro questi fondamentali. I pubblici funzionari (anche il Presidente di una Repubblica è un funzionario pubblico) sono tenuti a rispettare sempre questi fondamentali. I popolo è tenuto a stare in linea con questi fondamentali. Non può esistere nessuna soggettività che possa incrinare questi fondamentali che, peraltro, sono inseriti nella Costituzione di diversi Paesi. O cambi la Costituzione, se ci riesci o stai zitto e rispetta le sentenze! Affermare che diversi Giudici sono in malafede (sono in buona) oppure dubbiosi nel loro lavoro è molto soggettivo. Quello che conta è che i Giudici vanno in galera ed i Presidenti no perchè a loro è concessa tolleranza……poverino, cosa poteva fare d’altro? Facendo così giustificheremmo Hitler, Mussolini, Lenin, Stalin, Maduro, Castro……..ma togliamoci una volta per tutte le fette di salame dagli occhi. Lula è stato condannato in 2° grado, un normale cittadino (noi) sarebbe già al gabbio!!! Ma per favore.

      • avere timore di denunciare un reato è un segnale preoccupante dell’insicurezza che ci permea qui in Brasile. anch’io avrei timore nel denunciare. se toccato nel mio vivo, potrei utilizzare la denuncia anonima, sempre che sia anonima oppure rivolgermi a Studi Legali Internazionali facendo partire una denuncia sotto forma di “Soc. fiduciaria”……. Ma se non mi tocca nel vivo, come nel caso Lula & C. …… sinceramente preferisco un bicchiere di barbera, un panino al salame e un cochillo in buona compagnia.

      • essendo il brasile ancora sostanzialmente fascista, il potere supremo appartiene alle strutture “militari”, in primis ai giudici. in seconda battuta alla polizia. politici e imprenditori stanno sotto.
        ricordo che il colonnello della polizia che diede l’ordine per il massacro del carandiru non solo non gli fecero nulla ma lo elessero deputato.
        poi morì ammazzato dalla sua donna che era una… giudice.
        che “ovviamente” allegò leggittima difesa.
        non credo che vedremo mai un giudice che esce dalla macchina della federal incatenato perfino ai piedi e con 4 mitra puntati, come abbiamo visto con cabral.

      • a lula e a dilma & company non sono bastati 12 anni di gestione per invertire l’andazzo. probabilmente o avevano altro da fare o erano d’accordo.

      • ma come fai ad invertire l’andazzo se i giudici hanno il potere di annullare la tua libertà e la polizia il potere di spararti?
        che a comandare veramente siano i politici è un’illusione.
        in un campo limitato, gli stipendi, dilma ci provò a contrastare il vizietto dei giudici di aumentarseli il doppio degli altri… quelli fecero mesi di sciopero e il progetto di dilma fallì. magari anche per questo se la sono segnata al dito.
        ti ricordo che lo stipendio medio del giudice brasiliano è il triplo di quello di un giudice italiano e che il numero di giudici è 30 volte maggiore all’italia. praticamente la maggiore casta parassita del paese. gli stipendi di 118.000 giudici costano tanto quanto il SUS di 200 milioni di brasiliani.
        come fai a dare addosso a una casta del genere?

      • non sapevo di vivere in un Paese che è sotto dittatura dei Giudici con aiutino dei Militari e qualche falso politico infiltrato nel congresso. in verità non mi sono mai accorto. in questo Paese mi sono sempre mosso in libertà, rispettando le leggi e gli obblighi ma esercitando anche i diritti a disposizione. gli unici problemi che ho avuto è che alle “urla” dei politici ed alle loro “promesse” se ho visto corrispondere il 10% del promesso è tanto. sarà che l’oltre 50% dell’esgoto incanado che manca sia colpa dei Giudici? sarà che la ferrovia veloce SP-RJ altrettanto? io penso che i politici hanno fatto il loro gioco (per lo piu’ rubare) lasciando libertà ai Giudici ed ai loro collegati. Ho sempre in mente il filmato della Prefetta di Porto Seguro che era contenta del crollo di un ponte per farne un’altro da 3 bi in modo che almeno 2 bi rimanevano a Lei ed ai suoi amici. Questa prefetta è in libertà.

  4. Ma per favore Undo, non diciamo ingenuità, i giudici sono esseri umani fallibili, e quindi potenzialmente corruttibili, come tutti più o meno. Lula non sta in galera per 2 ragioni:
    1 Nessuno in Brasile va al gabbio per “corrupçao passiva”
    2 E’ in attesa di ricorso al Supremo Tribunal Federal.
    Mussolini Lenin e Maduro non c’entrano una cippa.

    http://www.espacovital.com.br/publicacao-35342-a-absurda-aposentadoria-como-punicao-maxima-para-juiz-corrupto

  5. L’ingenuità non mi appartiene! O Lei dice che i Giudici hanno partecipato ad un complotto oppure Lei sbaglia di grosso a bollare i Giudici di ingenuità. Scelga Lei. Infine in galera dopo il 2° giudizio si va diretti indipendentemente dal reato passato in giudicato se la pena è superiore a 3 anni. Il ricorso al STF lo può fare dalla galera o ai domiciliari con tornozeleria. Lula è un cittadino ed ha gli stessi diritti e doveri dei tutti i cittadini. La vogliamo capire? Oppure perchè è stato……..dobbiamo slacciarci i pantaloni? Qui mi fermo perchè non voglio diventare anch’io soggettivo.

    • Marcofalco, se poi Lei ha prove che i Giudici sono corrotti o corruttibili …. Lei sa bene quello che dovrebbe fare. Altrimenti non deve mettere benzina sul fuoco e nascondere la mano.
      Mussolini & C. c’entrano, eccome che c’entrano………a questa gente quando è arrivato il loro momento non c’è stato ricorso, doppio ricorso, Giudici fallibili o peggio corrotti, STF, cazzi e mazzi ma la condanna a morte! Lula può difendersi benissimo anche stando ai domiciliari, in galera e giocando sulla pelle del popolo Brasiliano a fare il candidato alle prossime elezioni presidenziali. Il PT ha già un candidato pronto per le elezioni ed è risaputo che il Lula tira la volata al PT fino ad Agosto altrimenti il PT senza il Lula si frantuma. Mio personale parere dopo aver tenute lo orecchie ben aperte.

      • giuro e spergiuro che non parlerò mai piu’ di Lula ne di politica Brasiliana ne di Giudici Brasiliani ne di Avvocati o Tribunali Brasiliani…..ma solo ed unicamente di argomenti che hanno ancora il “quid” di rendermi felice (cibo e donne in testa)

      • dopo la pesca d’altura……..Scherziamoci sopra perchè la situazione in Brasile non è per nulla buona e noi ci siamo in pieno. Boa sorte a tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.