Home VIAGGIO BRASILE Rio de Janeiro

Rio de Janeiro

0

Attività

Con un simile patrimonio di montagne, spiagge e foreste, non stupisce che i carioca adorino le attività all’aperto. Il lungo litorale consente di dedicarsi a jogging, escursio­nismo, passeggiate, bicicletta e surf, ma anche le montagne esercitano un fascino irresistibile, soprattutto per gli appassionati di deltaplano e arrampicata. Inoltre, a pochi minuti dall’area urbana, una rete di percorsi escursionistici consente di addentrarsi nella foresta pluviale atlantica.

Passeggiate e jogging

Nella Zona Sul (i quartieri meridionali tra Flamengo e Leblon) si trovano ottimi per­corsi dove fare passeggiate e jogging; alcuni si inoltrano nel Parque do Flamengo, che dispone anche di zone attrezzate per l’alle­namento. Sulle sponde della Lagoa Rodrigo de Freitas si snoda una pista di 7,5 km, ideale per le gite in bicicletta e lo jogging. Lungo il tratto di litorale fra Leme e Barra da Tijuca, infine, c’è una pista riservata a ciclisti e pe­doni. La domenica, dalle 7 alle 18, la strada viene chiusa al traffico, come pure quella che attraversa il Parque do Flamengo.

Escursionismo e arrampicata

Oltre ai percorsi che consentono di accedere ai vicini parchi nazionali, come il Parque Nacional da Serra dos Órgãos e il Parque Nacional do Itatiaia, Rio vanta una fitta rete di sentieri escursionistici che attraversano la Floresta da Tijuca (Parque Nacional da Tiju­ca). Si può anche prendere parte ad escursio­ni organizzate sul Corcovado, sul Morro da Urca, nel Parque Lage e in altre zone.

Rio è il centro più importante del Brasile per le arrampicate su roccia, con centinaia di sentieri segnati raggiungibili in non più di un’ora di automobile. In città potete mettervi alla prova scalando la parete del Parque da Catacumba.

SITI STORICI

Paço Imperial L’ex palazzo imperiale fu la residenza della famiglia reale appena giunta dal Portogallo.

Praça XV (Quinze) de Novembro La piazza, intitolata al giorno in cui il Brasile divenne una repubblica (15 novembre 1822), fu teatro di eventi storici quali l’incorona­zione di due imperatori e l’abolizione della schiavitù.

Travessa do Comércio Questo stretto vicolo testimonia l’eredità coloniale di Rio; è fiancheggiato da edifici settecenteschi che oggi ospitano bar e ristoranti.

Museu Histórico Nacional Allestito nell’arsenale reale del XVIII secolo, questo museo possiede la più importante collezione di reperti sulla storia della città.

Jardim Botânico Il principe reggente Dom João VI si adoperò affinché la città fosse ricca di spazi verdi e fece realizzare questo giardino nel 1808.

Museu da República Già noto come Palácio do Catete, fu la residenza presiden­ziale dal 1896 al 1954. Getúlio Vargas, l’ultimo presidente che vi abitò, si suicidò in una delle stanze al piano superiore.

Praça Floriano La suggestiva piazza principale del centro è da sempre teatro di manifestazioni popolari, dalle proteste contro la dittatura militare negli anni ’60 a quel­le più recenti contro la corruzione del governo.

Garota de Ipanema È il locale in cui Tom Jobim e Vinícius de Moraes composero la canzone Garota de Ipanema, il cui successo internazionale fece conoscere al mondo la bossa nova.

ALLA SCOPERTA DELLA BAIA

La pittoresca baia di Rio si trova a est di Centro. È troppo inquinata per la balneazione, ma è una cornice suggestiva per una crociera fino alla Ilha de Paquetá o a Niterói.

Ilha de Paquetá

Quest’isola (www.grupoccr.com.br/barcas), molto frequentata nei weekend, è un rifugio incantevole dal trambusto della città: non circolano automobili e ci si sposta a piedi, in bicicletta (se ne trovano centinaia a noleggio) oppure in calesse. Con i suoi edifici coloniali, le spiagge modeste e i negozi rivolti per lo più al turismo loca­le, la Ilha de Paquetá è pervasa da un fascino triste e decadente. Le imbarcazioni parto­no dal molo nei pressi di Praça XV (Quinze) de Novembro, a Centro. Il traghetto impiega 70 minuti e il biglietto di andata e ritorno costa R$10. Ci sono 12 partenze al giorno ogni 90 minuti circa, a partire dalle 7.

Niterói

L’attrazione principale della città di Niterói, a est di Rio, è il bellissimo Museu do Arte Contemporânea (www.macniteroi.com.br), ma vale la pena di arrivare fin qui anche solo per ammirare lo splendido panorama durante la traversata. Il traghetto costa circa R$10 (andata e ritorno) e parte nei pressi di Praça XV (Quinze) de Novembro, a Centro; di solito è pieno di pendolari. La zona del molo è un trafficato quartiere commerciale, con tanti incroci e una folla di pedoni. Da qui potete prendere l’autobus n. 47B per il MAC, 2,1 km più a sud, oppure riprendere il traghetto per tornare indietro.

LE SPIAGGE A OVEST DI RIO

Copacabana e Ipanema sono le spiagge più famose di Rio, ma nei dintorni vi sono altre splendide distese di sabbia, alcune incorniciate da paesaggi di straordinaria bellezza.

Procedendo in direzione ovest da Leblon, la prima grande spiaggia che si incontra è Praia do Pepino a São Conrado: non può dirsi pulitissima, e nelle vicinanze atterrano i deltaplani. Più a ovest si estende l’incantevole Praia do Joatinga, piccola e apparta­ta, che si raggiunge scendendo lungo un sentiero molto ripido su una collina rocciosa. Fate attenzione alle maree o potreste rimanere bloccati.

Molto affollata nei weekend, soprattutto dalle famiglie, in settimana Recreio dos Bandeirantes è quasi deserta. Questo tratto di sabbia di 2 km è protetto da una roc­cia che funge da frangiflutti naturale creando una placida insenatura.

Subito dopo Recreio, in posizione isolata, si trova Prainha. Lunga 700 m, è una delle spiagge preferite dai surfisti, consigliata da tutti gli appassionati.

La spiaggia più remota e incontaminata nei pressi di Rio è Grumari, situata in un contesto magnifico tra le montagne e una vegetazione lussureggiante. Tranquilla nei giorni feriali, si riempie di carioca in fuga dalle spiagge cittadine durante i weekend.

Da Grumari, una strada molto stretta si inerpica su una collina ricoperta dalla giun­gla fino a Guaratiba. A ovest di questa spiaggia si ammira un panorama incantevole della Restinga da Marambaia (una lingua di terra con una ricca vegetazione tra la spiaggia e l’entroterra), sede di una base navale e chiusa al pubblico. In questa zona ci sono diversi ristoranti con cucina di mare frequentati dai carioca.

PARQUE NACIONAL DA TIJUCA

La Floresta da Tijuca (altro nome con cui è conosciuto il Parque Nacional da Tijuca) si estende su una superficie di 120 kmq ed è tutto ciò che rimane della foresta pluviale atlantica che un tempo circondava Rio de Janeiro. Il tragitto dalla giungla di cemento di Copacabana al Parque Nacional da Tijuca (www.parquedatijuca.com.br) dura appena una quindicina di minuti: è straordinario vedere il paesaggio mu­tare tanto radicalmente nel raggio di pochi chilometri. In questo tratto di foresta tro­picale, una vera e propria esplosione di verde, si trovano torrenti, cascate, alberi, zone montuose e vette imponenti, oltre a una rete eccellente di sentieri ben tracciati fra cui la pista che raggiunge la cima del Pico da Tijuca (1012 m).

Il cuore della foresta è l’area di Alto da Boa Vista, che presenta numerose attrattive naturali e artificiali. Tra gli elementi di spicco di questo parco stupendo ci sono le casca­te (la Cascatinha Taunay, la Cascata Gabriela e la Cascata Diamantina), una cap­pella del XIX secolo (la Capela Mayrink) e diverse grotte (la Gruta Luís Fernandes, la Gruta Belmiro e la Gruta Paulo e Virgínia). Troverete anche un’incantevole zona per i picnic (Bom Retiro) e vari ristoranti vicino alle Ruínas do Archer (le rovine della casa dell’Arciere Maggiore). La Floresta da Tijuca è la meraviglia che vediamo grazie all’Ar­ciere, che nel 1862 fu incaricato di ripiantumare il parco semidistrutto dagli interventi di deforestazione per le piantagioni di caffè e canna da zucchero.

Consigliamo di raggiungere il parco in taxi o di partecipare a un tour organizzato.

Feste ed eventi

A parte il Carnevale, il calendario di Rio è vivacizzato da un gran numero di eventi in programma tutti i mesi dell’anno.

Festas Juninas

(hgiu) Le feste di giugno sono una delle ma­nifestazioni folkloristiche più importanti del Brasile. A Rio vengono celebrate in diverse piazze pubbliche per tutto il mese, soprattut­to il 13 (Dia de Santo Antônio), il 24 (Dia de São João) e il 29 (Dia de São Pedro).

Portas Abertas

(www.artedeportasabertas.com.br; hlug) In un weekend di luglio, gli artisti di Santa Teresa aprono i loro atelier e trasformano l’intero quartiere in una grande installazione.

Rio International Film Festival

(www.festivaldorio.com.br) Questo festi­val cinematografico, uno dei più importanti dell’America Latina, offre circa 250 film da oltre 60 paesi proiettati in una ventina di sale. Si protrae per due settimane e inizia a settembre o a ottobre.

Reveillon e Festa de Iemanjá

A Rio la notte di San Silvestro (Re­veillon) viene festeggiata da milioni di per­sone, con tonnellate di fuochi d’artificio nel cielo di Copacabana. Il giorno di Capodanno coincide con la festa di Iemanjá, la dea del mare. I fedeli, vestiti di bianco, trasportano una statua di questa divinità fino alla spiag­gia e gettano in mare fiori e altre offerte.

Pernottamento

Rio dispone di un’ampia varietà di strutture ricettive, tra cui boutique hotel, ostelli, B&B e hotel piuttosto anonimi nei grattacieli. Se desiderate alloggiare nel cuore di Rio e non avete problemi di budget vi consigliamo Ipanema o Leblon, che possono contare su spiagge incantevoli, ristoranti, negozi e locali notturni. Copacabana offre una scelta più ampia di alloggi (e prezzi migliori), una spiaggia stupenda e numerosi bar e ristoran­ti. Una valida alternativa alle strutture vicino alla spiaggia è costituita dalle guesthouse negli edifici coloniali di Santa Teresa, a due passi dalla spumeggiante vita notturna di Lapa. Nei quartieri situati a nord lungo la linea della metropolitana (Botafogo, Fla­mengo e Catete), gli alberghi hanno prezzi generalmente più bassi rispetto ai sobborghi meridionali affacciati sul mare.

Le tariffe degli hotel aumentano del 30% in estate (da dicembre a metà marzo) e pos­sono raddoppiare o triplicare a Capodanno e a Carnevale; in occasione di queste festività, la maggior parte delle strutture richiede soggiorni minimi di quattro o sette giorni.

Infine, sappiate che molti hotel (eccetto quelli più economici) aggiungono al conto un supplemento del 15% per tasse e servizio.

RIO PER I BAMBINI

La famiglia riveste un ruolo importante nella società brasiliana. Alcuni hotel offrono il soggiorno gratuito ai bambini (anche se i limiti d’età variano), le baby sitter si trovano facilmente e quasi tut­ti i ristoranti dispongono di seggioloni.

Sulle spiagge di Rio ci si può diverti­re con paletta e secchiello, soprattutto al posto 12 di Leblon, chiamato anche Baixo per il suo mini parco giochi e per il gran numero di mamme con bambini che lo frequentano. Fra gli altri diver­timenti per i piccoli ci sono le passeg­giate nella foresta pluviale al Parque Lage, i pedalò sulla Lagoa, le biciclette e i risciò al Parque dos Patins (sulla sponda occidentale della Lagoa) e le meraviglie acquatiche dell’Aqua­Rio; potete anche portarli a bere un succo di frutta nei juice bar o a fare uno spuntino ai mercati.

continua…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.