Home italia Elezioni italiane 2018 : 2 brasiliani tra i nuovi parlamentari .

Elezioni italiane 2018 : 2 brasiliani tra i nuovi parlamentari .

11
CONDIVIDI

Due brasiliani siederanno  nella Camera dei Deputati  in Italia a partire dal 23 Marzo , quando avrà inizio la nuova legislatura . Sono l’architetto  Fausto Longo, del PD e l’impresario e avvocato  Luis Roberto Lorenzato ( nella foto ) della Lega .

In Italia è consentito che i cittadini residenti all’estero eleggano 18 rappresentanti di cui 12 deputati e 6 senatori .Questi parlamentari sono divisi in quattro circoscrizioni :

  1. America del Sud
  2. America del Nord e Centro
  3. Europa
  4. Africa  , Asia , Oceania , Antartide

In Sud America gli italiani residenti hanno eletto 4 deputati e 2 senatori . Due deputati sono brasiliani e gli altri due gli argentini Mario Alejandro Borghese e Eugenio Sangregorio.

I due senatori sono entrambi argentini :Ricardo Merle , già al quarto mandato ed Adriano Cario .

I dati non sono ancora ufficiali a causa di denunce di irregolarità in corso di appurazione.

11 Commenti

  1. spero: a) che siano vissuti in Italia per qualche annetto; b) che leggano e comunicano con un Italiano fluente; c) che conoscano la costituzione Italiana, il codice civile Italiano e il codice penale Italiano; d) non sprechino quattrini nostri in cavolate sulla storia degli Italiani in Brasile ma usino i quattrini per risolvere i problemi degli Italiani arrivati in questi anni che ne hanno (di problemi) a bizzeffe; e) non elargiscano cittadinanza Italiana a che in Italia non c’è mai stato, a chi non parla Italiano e a chi non conosce la costituzione e doveri degli Italiani; f) tolgano la pensione sociale Italiana ai Brasiliani che la stanno godendo anche se nulla sanno del nostro Paese ed hanno avuto la cittadinanza perchè il loro bis-bis nonno era un emigrato; g) smettano di pretendere di promuovere le Imprese Italiane solo per spillare quattrini. Infine: risolvano definitivamente l’annoso problema che hanno i pensionati Inps cittadini Italiani residenti in Brasile che pagano 2 volte le imposizioni fiscali sullo stesso cespite da pensione Inps.

  2. Il pidduino Porta e la Bueno che si è candidata con la Lorenzin che, complici i consolati, sono riusciti a mettere volantini pubblicitari nei plichi elettrali che fine hanno fatto?

  3. Il pidduino Porta e la Bueno filo-Lorenzin che, complici i consolati, sono riusciti a mettere volantini pubblicitari nei plichi elettrali che fine hanno fatto?

    • fuori dal PArlamento e dal Senato. Il Porta con un colpo d’ala e prevedendo il risultato si era fatto eleggere da Gentiloni: rappresentante e coordinatore mondiale degli Italiani residenti all’estero. La Bueno……ci penserà Denis Verdini! Spero la metta a tagliare bistecche nei suoi macelli. Una pecca: i nuovi eletti sono a fatica definibili Italiani mentre il Porta e la Bueno erano nati e “studiati” in Italia dove hanno anche lavorato.

  4. Da una intervista ANSA al candidato della Lega Luis Roberto Lorenzato :
    ” Vorrei chiarire una cosa molto importante , la mia famiglia ha fondato la Lega Italica nell’anno 1000 in Italia . La Lega è molto più di un partito . La nostra famiglia della casa di Ivrea fondò la Lega Italica che unificò l’Italia nell’anno 1000 e lotto per una Italia sovrana ed indipendente dalla Germania .”

    Ho consultato la Treccani (http://www.treccani.it/enciclopedia/lega-italica/) che colloca la costituzione della Lega a Venezia nel 1454 per iniziativa di Francesco Sforza tra Venezia , Milano , Firenze . Successivamente aderirono il pontefice Niccolò V ed il re di Napoli Alfonso di Aragona . Si trattava sostanzialmente di un patto di non belligeranza , ben lungi da una unificazione della penisola .

    Purtroppo per il neo parlamentare , a differenza che in Brasile , la quasi totalità degli italiani sa leggere e scrivere ed in grado di confutare tentativi di riscrivere la storia d’Italia .

    • Vivereinbrasile, grazie per la verifica. E’ la cartina di tornasole che diversi che votando mandiamo a Roma non sanno nulla dell’Italia e quando parlano o fanno dichiarazioni si rivolgono ai Brasiliani che hanno lontanissime origini Italiane e che, questi Brasiliani, non parlano e ne scrivono l’Italiano e ignorano le radici Italiane ed il valore fondamentale dell’Italia:LA FAMIGLIA!

      • da Roma ho avuto un dato in via informale, quindi da prendere con le pinze, che le pensioni sociali (quelle minime a chi non ha mai versato una marchetta) pagate in Brasile a nativi Brasiliani e con cittadinanza Italiana sono circa 148.000. Fosse vero è evidente una “falla” nel nostro sistema pensionistico. Quanti altri nel mondo con la doppia cittadinanza, quella del loro Paese nativo e quella Italiana, percepiscono questa pensione sociale? Ricordo che di Italiani solo Italiani residenti nel mondo siamo in 14.000.000 e che i doppi cittadini, loro Paese nativo + Italiani, sono in 4.800.000 con USA, Brasile, Argentina, Francia e Germania in testa. Ripeto…..dati informali e quindi da verificare presso Ambasciate e Consolati.

      • Precisazione: le presunte 148.000 pensioni sociali pagate a Brasiliani diventati cittadini Italiani, sono pagate a quelli che hanno trasferito la residenza in Italia (anche presso amici o parenti) e hanno aperto un conto bancario in Italia e la pensione sociale viene erogata in Italia. In Brasile e a cittadini Italiani residenti in Brasile o comunque all’estero la pensione sociale NON viene erogata.

    • io credo non sia il voto dei nativi Italiani ora residenti all’estero ma il voto dei nativi all’estero discendenti di Italiani da 2-3-4 generazioni che poi hanno acquisito il diritto al voto. perchè tutto questo interesse ad acquisire la cittadinanza Ialiana senza peraltro parlare ITaliano e ne conoscere leggi, costituzione e doveri/diritti. Vai a vedere il caso recente di Ospitaletto Lodigiano e le cittadinanze tolte ai 1300 Brasiliani……vedi anche con quale (irregolare) processo l’hanno ottenuta. Sicuramente dietro ci sono anche interessi economici.

Rispondi a Undo Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here