Home alimentazione La UE blocca le importazione di carne di pollo dal Brasile

La UE blocca le importazione di carne di pollo dal Brasile

25
CONDIVIDI

La UE ha appena annunciato il blocco delle importazioni di carne di pollo provenienti da 20 aziende brasiliane . L’embargo entrerà in vigore dopo 15 gg dalla pubblicazione ufficiale .

La UE ha motivato questa decisione riferendosi a deficienze nel controllo sanitario brasiliano .La lista delle 20 aziende bannate non è stata comunicata per motivi commerciali ma è certo che 12 appartengono al gruppo BRF , il più grande produttore di proteina di pollo del mondo  e proprietaria di due marchi di rilevanza nazionale Sadia e Perdigao .

Il Brasile è il maggior esportatore di carne di pollo del mondo e l’Unione Europea il suo principale cliente . Il blocco è responsabile dell’11% del fatturato di questo prodotto . Per questo motivo sono attese ripercussioni economiche e finanziarie quali un eccesso di offerta di carne di pollo in Brasile con conseguente calo del prezzo  al contrario dell’Europa dove la diminuzione della offerta provocherà un aumento del prezzo .

Molte aziende , in vista di questa decisione , già temuta dal tempo dello scandalo della “carne fraca ” , hanno provveduto a ridurre la produzione e mandare in ferie i dipendenti .

Al Brasile , per il momento , non resta altro da fare se non ricorrere alla OMC  contro la restrizione della carne brasiliana .

25 Commenti

  1. I miei cognati lavorano in una “granja” di polli per la Sadia (BRF) e conosco personalmente il proprietario della fazenda il quale mi ha raccontato poco tempo fà che i polli con grado 1 di salmonella non sono ammessi dall’ Europa (devono avere grado Zero) anche se non provocano nessun danno alla salute perché una volta cotto il pollo i batteri muoiono.

    Sono venduti in altre parti del Mondo e sono gli stessi polli che mangiamo in Brasile.

    La produzione è passata da polli di circa 1 Kg per l’esportazione Europea (chiamato griller) a polli adulti di circa 2,5 Kg per il mercato interno e altri mercati.

  2. infatti..qui le uove piene di merda che usano x fare i pasticcini mi hanno inviato all ospedale x un bombolone c la salmonella..attenti che sono uove italiane eh..

  3. Ho appena mangiato due uova brasiliane a colazione . Se non scriverò per un pò di tempo sapete il motivo 🙂
    A parte gli scherzi sembra che il vecchio proverbio che le disgrazie non vengono mai da sole continua a valere per la economia brasiliana e per noi che in Brasile abbiamo qualche interesse . Mensalao , lava jato , carne fraca ,… . Ma tutti pensano che per stare meglio bisogna passare per tutto questo . Questo concetto mi fa venire alla mente un racconto di mio padre . “Io stavo bene , per stare meglio mi trovo qui ” riferendosi alla frase riportata su una lapide del cimitero .

    • guarda caso tutte disgrazie che colpiscono i settori più forti dell’economia brasiliana. ora manca solo uno scandalo della soja fraca…

      • Se li vanno a cercare i guai non c’e’ bisogno di ..gomblott.i internazionali .. una delle varie volte che bloccarono l’ importazione di carne bovina alla richiesta di certificare gli allevamenti esenti dalla..vaca louca..risposero: Tutti! non era credibile quindi bloccarono! Credersi esperto e fuori dalle regole funziona meno al di fuori dei confini giallo oro

      • mi domando: se l’Europa ha una regola da anni che recita sinteticamente “Polli importati SI entrano in UE senza limiti a condizione di salmonelle ZERO” perchè il Brasile non provvede ad eliminare la salmonella (pare unica) presente nei suoi polli? 1° ho dei dubbi che sia una salmonella sola; 2° le regole sono regole e vanno rispettate. il vero punto debole del Brasile è l’indisciplina. Certi Brasiliani o meglio certe Imprese Brasiliane quando raggiungono dimensioni da multinazionale franano sulla mancanza di rispetto delle procedure altrui perchè non hanno politiche e processi da multinazionale. Comunque l’UE mi risulta abbia fermato 20 Aziende Brasiliane che esportavano il 30% dei polli esportati in Europa. C’è un 70% probabilmente formato da piccole e medie Aziende che per crescere rispettano le procedure e regole dell’Europa. Cresceranno queste ultime a scapito di Sadia e Perdigao e C.

    • @vivereinbrasile: ti assicuro che è vero, leggi: un mio conoscente brasiliano di 55 anni ex funzionario di banca ora in pensione è un vero appassionato culinario di uova, ne mangia a quantità industriale e le cucina in tutti i modi possibile e, a volte, inimmaginabili. Cerca in tutto il mondo ricette particolari che poi, se ci riesce, mette in pratica. da parte mia gli ho indicato come fare lo zabaglione (o zabaione) con il marsala e l’ho messo in contatto con il Ristorante Combat Zero di Rivoli (Torino) che prepara “l’ostrica non ostrica” con il tuorlo d’uovo e spume varie e con il Ristorante Belvedere di La Morra (Alba/Asti) che prepara un raviolo di pasta fresca con ripieno composto da 1 tuorlo d’uovo e scaglie di tartufo bianco o nero dipendendo dalla stagione e nocciola di burro. pensa servono da 4 a 8 ravioli a porzione! bene, questo mio conoscente ha un pollaio con diversi tipi di galline che settimanalmente, confermo settimanalmente, fa controllare da un veterinario per evitare batteri e salmonelle varie. lui mi dice che la salmonella nell’uovo, sopratutto usato per i dolci, si riproduce rapidamente perchè in cucina per guadagnare tempo si sgusciano le uova in anticipo e li in 15-30′ se non vengono cotte, causa temperatura-umidità-inquinamento-polveri varie-raffreddori/influenze di chi è in cucina, oplà……la salmonella è servita, anzi le salmonelle sono servite. concludo: questo conoscente mi raccomanda di sgusciare le uova e cuocerle o consumarle anche crude ma subito dopo la sgusciatura perchè anche se la gallina è priva di salmonella…….l’uovo l’acchiappa al volo una volta sgusciato. concludo aggiungendo, mai lasciare le uova in guscio con temperature superiori a 28-30° fuori dal frigo. sappiamo come è messa la catena del freddo in Brasile e come sono i depositi dei vari supermercati e i banchi di vendita degli stessi piu’ i mercati settimanali…….occhio! abbiamo un solo biglietto di andata per questa vita e buttarla per 1 uovo…….

        • vero, ma dipende quanti anni hai, come sei messo di stomaco, di organi digestivi vari incluso fegato e pancreas e se reggi stati febbrili alti e diarree continue.

          • già. se poi soffri anche della sindrome dell’intestino irritabilie + intolleranze/allergie alimentari oppure eventuale sovraccarico del fegato oppure morbo di crohn (ne sto elencando alcune tra le + comuni), la salmonella te la raccomando…

        • hai ragione..sono ancora viva. come diceva mio marito: impossibile, c’e il controllo, qui e tutto pulito blá Bla Bla blá

  4. É um problema principalmente di Sadia, da circa un’ anno qua nella mia regione ha chiuso vari allevamenti di polli.

    Per i maiali invece mi dicevano non avere problemi.

    Comunque é sicuramente colpa degli Americani che di notte si intrufolano negli allevamenti e infettano i polli, non c’é altra spiegazione !! Kkkk

  5. Il Brasile ha comprato le Olimpiadi di Rio, con tanto di false commemorazione di Cabral e Maiali vari (sapevano già che avrebbero vinto) figuriamoci se non possono comprare alcuni laboratori di analisi per taroccare i risultati.

    Quando i polli arrivano in Europa credo che siano sottoposti ad altrettante analisi prima di essere accettati dal compratore, per tanto credo che finora abbiano comprato anche i laboratori di chi riceve i prodotti in Europa.

    Non c’è da stupirsi di nulla, sarebbe da ingenui.

    • l’UE ha laboratori di proprietà pubblica. ricordo la discussione sulla dimensione delle vongole veraci che arrivavano dal Canada per 1,1 mm di circonferenza….penso sia complicato ma non impossibile comperare qualche dirigente di questi laboratori. l’intelligenza e il saper fare dei brasiliani nell’area della corruzione è abbastanza bassa e grossolana che funziona bene in Brasile. se l’hanno fatto hanno dovuto necessariamente essere triangolati con qualche “intelligenza” Europea, magari Italiana.

    • 1 pollo è 1 pollo; 5 polli sono 5 polli; 200 polli sono 200 polli; 1.000.000 di polli sono un esercito di polli; 50.000.000 di polli sono una potenza mondiale! chi capirà che ci si deve democraticamente associare per far valere le nostre ragioni salutistiche avrà fatto un passo in avanti per migliorare la qualità della vita. lasciare la nostra salute in mano alla globalizzazione ed al mass market è stato un grande nostro errore che penso sia irreversibile a meno che…..
      50.0000.000 di polli democraticamente associati non si facciano sentire.

  6. sono una donna vera che vivi in italia dal 2009..gia ho sentito di tutto e visto do tutto nel tuo paese, come tutti gli italiani che cercano i diffetti anche io adesso faccio caso, comunque viaggio e analiso le condizione in italia, come paese di primo mondo c’e ancora da vedere tutta la perfezione che solo voi riuscite a vedere..se vuoi comincio a fotografare cosi non sono solo parole..

    • Ciao Matiana

      quello che scrivi non mi meraviglia . In realtà il concetto di primo mondo è errato . Io ho vissuto e lavorato in varie parti del mondo e posso garantirti che anche nel primo mondo per eccellenza , gli USA potresti fare molte foto da ” terzo mondo ” . Per esempio il mio metro di giudizio , molto rozzo ma fondato , per giudicare la civiltà di un paese è andare in un gabinetto pubblico .
      Ritornando alla tua ” sfida ” temo che se cominciamo a tirare foto per mostrare i difetti , il Brasile offra troppi spunti a tuo sfavore per poterla avere vinta . Pertanto suggerisco , se proprio necessario , un civile confronto su argomenti specifici , riportando se possibile le proprie esperienze dirette .

    • Matiana, hai nostalgia del Brasile? Se così fosse, ti capirei. Anche io ho nostalgia dell’Italia. Le mie motivazioni non sono 1° mondo 3° mondo ma ben altre, partendo dal rispetto e dal rapporto interpersonale, le stagioni e altro ancora. Boa sorte e……non lanciare sfide se non sei sicura di vincerle….e comunque non servirebbero a nulla per le cose resteranno le stesse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here