Home cronaca Roraima chiede la chiusura del confine con il Venezuela

Roraima chiede la chiusura del confine con il Venezuela

23
CONDIVIDI

Tuttavia, Michel Temer ha affermato che la misura è “indiscutibile”

Il governatore di Roraima, Suely Campos, ha fatto istanza presso la Corte Suprema Federale (STF) chiedendo che l’Unione venga costretta a chiudere temporaneamente il confine con il Venezuela.

In una dichiarazione rilasciata sui social network, il governatore giustifica l’azione affermando che “per risolvere gli impatti della migrazione e proteggere la popolazione di Roraima, è necessario che il confine venga temporaneamente chiuso”.

“Lo squilibrio sociale ed economico che questa forte migrazione sta causando nel nostro stato non era previsto in nessun trattato internazionale”, sostiene Suely Campos, affermando che “l’eccezionalità della situazione richiede atteggiamenti più rigidi”.

“La responsabilità della guardia di frontiera è del governo federale, ho insistito affinché vengano intraprese azioni concrete, ma ciò che viene fatto qui non soddisfa le aspettative dello stato”, ha aggiunto.

Il presidente Michel Temer ha criticato la proposta. “Non penso che questo sia un grosso problema”, ha detto in un’intervista ai giornalisti durante la partecipazione all’evento, 8° Vertice delle Americhe, in Perù.

23 Commenti

  1. Se a Trump e Cia avanzassero qualche missile e li indirizzasse tra le natiche di Maduro (altra spazzatura umana non reciclabile) a me farebbe solo che piacere.

    I Dittatori non vanno mai bene, creano solo un sacco di problemi per tutti: Síria, Venezuela, Corea del Nord, Cuba…

  2. ci sono molte similitudini tra il popolo Venezuelano che “fugge” per fame e per tentare di vivere e gli sbarchi degli Africani/NordAfricani/Mediorientali. Il mio pensiero va a loro, che sofferenze!. I dittatori alla Maduro alla Assad e etc.etc. devono morire. Devono morire anche i doppiogiochisti alla Presidente della Bolivia che sostiene Maduro ma chiude le frontiere al popolo Venezuelano. Summo ipocrita.

    • preciso: La Bolivia non ha frontiere con il Venezuela. Nel mio post sopra intendo dire che quando dei Venezuelani si presentano alle frontiere della Bolivia sono bloccati e NON entrano assolutamente.

    • preciso che nel mio post sopra, non avendo la Bolivia frontiere con il Venezuela, intendo dire che quando qualche Venezuelano si presenta per entrare in Bolivia viene respinto malamente.

          • vabbè, tutto ciò che contrasta le nostre opinioni è propaganda.
            ci sono fior di gruppi facebook “venezuelani in bolivia”, propaganda pure questi?

          • la tua teoria è che FB ha ordito un complotto per farmi credere che i venezuelani vanno anche in bolivia e quindi morales è nu bravu guaglione?

          • no, ho detto solo che FB non è trasparente il che significa che è bugiardo perchè come tutti i social nework ingigantiscono le notizie marginali e tacciono le verità.

          • i social sono nati con buone intenzioni mettendo a disposizione una tecnologia senza costi. almeno all’inizio era così. dopo poco io mi chiedevo: “ma dove prendono soldi per far funzionare il tutto?” inoltre “come fanno ad essere quotati in borsa?”, la risposta che mi sono dato è che avevano revenue a nastro……chi li paga? perchè li paga? Alla fine ho iniziato a capire che sono un mezzo di informazione al servizio del padrone o dei padroni. quindi……va da se che la trasparenza non c’è e se c’è è strumentalizzata. così la penso. sono uscito da FB dal 2010 ed anche dall’uccellino dal 2016, con i quotidiani leggo solo la gazzetta dello sport e guardo pochissimo la TV anzi se non ci fosse Netflix e Prime Video non la guarderei del tutto. mi informo attraverso internet selezionando gli editori.

          • quote:”ingigantiscono le notizie marginali e tacciono le verità”
            oppure ancora meglio strombazzano quel che sarebbe di natura prettamente soggettiva e dunque meglio tacere e poco spazio alle notizie cittadine gravi, grosse, collettive e oggettive, a partire dalla TV

  3. comunque non vi capisco…
    – vi dite rispettosi del “diritto” ma poi volete la morte violenta di presidenti regolarmente eletti e con controllo di enti internazionali sulle elezioni
    – dite che il bolsa famiglia è un furto ma poi dobbiamo accogliere tutti gli sfollati del mondo. con quali soldi? poi in roraima già ci sono stati omicidi da parte di venezuelani ai danni di brasiliani.

    per quanto riguarda l’italia, ormai l’hanno capito tutti (e per questo il PD ha preso una batosta) che l’enorme immigrazione in grande maggioranza non è affatto inevitabile o dovuta a fame e guerre.
    fondazioni, banche e ong (americane) vanno in loco a convincere la gente a partire, ingannandoli e regalando migliaia di dollari a testa per pagare il viaggio. poi, una volta arrivati, ci guadagna:
    – la chiesa
    – il pd
    – imprenditori
    – 400.000 parassiti che “lavorano” nel campo dell’accoglienza (e votano pd)
    il tutto costa agli italiani 5 miliardi annui. ma perchè non usarli per aiutare gli italiani in difficoltà o per stimolare la natalità degli autoctoni?
    i tassi di delinquenza sono in aumento in tutta europa parallelamente all’aumento dell’immigrazione. in molte città europee ormai ci sono favelas off-limits per gli autoctoni.
    è normale che ciò accada quando organizzi in breve tempo una deportazione biblica come questa.

    • 1° Presidenti: se intendi regolarmente votati Presidenti di cui sopra sei fuori strada. Uno si (es: Lula) ma tutti gli altri hanno “manovrato” false votazioni a loro favore.
      2° situazione immigrati versi Italia e Europa: concordo appieno.

    • Ciao Laura, lungi da noi la censura. La moderazione dei post che contengono link avviene grazie a un sistema automatico per contrastare lo spam. A volte, non essendo senziente, l’algoritmo prende decisioni sbagliate. Tutto qua. Purtroppo non ne possiamo fare a meno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here