Home attualità Brasile al collasso dopo 6 giorni di sciopero dei camionisti

Brasile al collasso dopo 6 giorni di sciopero dei camionisti

35
CONDIVIDI

Cercherò in questo breve articolo di fare il punto su questa intricata vicenda che sta contribuendo a gettare nel caos un Paese che già di per se si trova in una situazione a dir poco traballante .

Dopo mesi di fallite negoziazioni per ridurre il peso delle tasse sui combustibili ( Pis/Cofins) e dopo il quinto  aumento del prezzo del diesel nella settimana dal 15 al 19 Maggio ,  la federazione dei camionisti decide di proclamare uno  sciopero ad oltranza a partire da lunedi 21 Maggio .

Il 21 Maggio le proteste hanno inizio e portano al blocco di importanti arterie stradali in 21 Stati . Il governo reagisce tiepidamente annunciando ulteriori riunioni per tentare di risolvere la crisi .

Il 22 Maggio cominciano a sentirsi i primi effetti : Chevrolet , Fiat e Ford avvertono che potranno generarsi blocchi della produzione per mancanza di materiali mentre gli aeroporti incominciano a contingentare il carburante . Le proteste si allargano intanto a 24 Stati .

Il governo annuncia un accordo per azzerare le tasse sui combustibili mentre la Petrobras riduce il prezzo alle raffinerie .

Il 23 Maggio a Recife la benzina arriva ad essere venduta a  R$ 8.99/litro mentre gli aeroporti entrano in allarme per la scarsità di combustibile . Nei  supermercati cominciano a mancare i prodotti, le compagnie di trasporto cittadine riducono il numero di omnibus , il Correio sospende la consegna della posta , 129 tra frigoriferi e mattatoi sospendono le attività per la impossibilità di vendere il prodotto .Lo sciopero continua .

Il 24 Maggio , dopo che la Petrobras ha ridotto del 10% il prezzo del combustibile , il rappresentante della Casa Civil, Eliseu  Padilha ,annuncia la firma di un accordo per sospendere lo sciopero dei camionisti per 15 giorni ma  due  organizzazioni sindacali autonome União Nacional dos Caminhoneiros e a Associação Brasileira dos Caminhoneiros (Abcam) non firmano .

Il 25 Maggio la situazione comincia a precipitare . Nonostante l’accordo e l’ottimismo di Temer , lo sciopero continua . Le università federali sospendono le aule , le ambulanze circolano con difficoltà e molti ospedali sono costretti a cancellare le operazioni chirurgiche .Per sbloccare le strade Temer alla fine invoca l’intervento dell’ esercito  accusando una minoria radicale di provocare il caos .

Il 26 Maggio , 11 aeroporti sono senza combustibile ed i punti di blocco nelle principali arterie del Paese sono ben 596 . Il presidente Temer ed i ministri si riuniscono per valutare le azioni da intraprendere . Alla fine della riunione il ministro Carlos Marun , della Segreteria del Governo , annuncia la richiesta di prigione per gli imprenditori  delle imprese di trasporto che non accetteranno l’accordo . L’accusa è  di ” locaute ” . A differenza della  ” greve ” , il classico sciopero dei lavoratori , si parla di “locaute ” quando sono gli imprenditori ad impedire ai dipendenti  di lavorare e ciò è proibito dalla legge a differenza dello sciopero .

Marun annuncia inoltre una multa di R$ 100 mila /ora per i proprietari delle imprese di trasporto che continueranno nel blocco delle strade . Nel frattempo l’esercito sblocca 544 punti di blocco su 596 .

Qualunque sarà l’epilogo di questa vicenda l’impatto sulla economia è e sarà fortemente negativo con impatto sulla inflazione di Maggio a causa del picco di aumento di tutti i prezzi . Prezzi che come ho già avuto modo di scrivere , salgono con rapidità ma hanno la memoria lunga quando , cessata la causa , dovrebbero ritornare alla norma .

35 Commenti

  1. sinceramente è la prima volta che mi capita di leggere/sentire che uno “sciopero” è ordinato da alcuni titolari di Impresa. difficile da credere. andiamo di male in peggio e che dire della suggestiva “narrazione” dell’esecutivo del Brasile e dei governatori? un esempio che i signori non “narrano”: qui nello stato di RJ non eseguono piu’ le dialisi e gli interventi chirurgici……sinceramente sto provando l’ennesima stretta al cuore perchè a certe situazioni non ci si può abituare e nemmeno reagire.

    • ci cominceremo a preoccupare quando finirà la birra ..per ora eh solo festa che abbiamo una scusa per non andare a lavorare
      se non ti operano e non tu fanno le dialisi tu grda. GOOOOOOOL!

      • Calcio e Birra sono enfatizzati per propaganda.

        In Brasile si beve pochissima birra rispetto ad altri stati Europei (Germania, Austria, Spagna, Rep. Ceca, ecc…) è un luogo comune stupido usato a sproposito.

        Gli Italiani per esempio seguono infinitamente di più in Calcio che i Brasiliani (non vedo dove sia il problema tra l’altro…).

        Sono cavolate.

      • Lino, capisco l’umorismo anche se “nero”…….ma credo tu non abbia torto, purtroppo. E’ come il sorriso e la continua felicità dei Brasiliani che non è altro che la subliminazione della loro profonda tristezza quotidiana.

        • Undo,

          questa della sublime tristezza me l’hai copiata…Rsrs

          Concordo comunque, il calcio e la birra sono un “doce refugio”.

          • Francesco, nel caso te l’abbia copiata significa che a suo tempo l’ho condivisa e ancora oggi ne sono convinto……questi di qui ridono artificialmente probabilmente per smaltire un triste quotidiano e bevono quel tanto per non avere incubi ad occhi aperti e, magari, per dormire.

        • Lula non sapendo di essere ripreso disse: questi sono solo interessati a sapere se il Corintian vince il campionato…
          mentre un altro brasiliano scrisse:
          Não deixem de ler, é a mais pura verdade.

          Crônica de Arnaldo Jabor – Brasileiro…

          Brasileiro é um povo solidário. Mentira. Brasileiro é babaca.
          Eleger para o cargo mais importante do Estado um sujeito que não tem escolaridade e preparo nem para ser gari, só porque tem uma história de vida sofrida;
          Pagar 40% de sua renda em tributos e ainda dar esmola para pobre na rua ao invés de cobrar do governo uma solução para pobreza;
          Aceitar que ONG’s de direitos humanos fiquem dando pitaco na forma como tratamos nossa criminalidade…
          Não protestar cada vez que o governo compra colchões para presidiários que queimaram os deles de propósito, não é coisa de gente solidária.
          É coisa de gente otária.
          – Brasileiro é um povo alegre. Mentira. Brasileiro é bobalhão.
          Fazer piadinha com as imundices que acompanhamos todo dia é o mesmo que tomar bofetada na cara e dar risada.
          Depois de um massacre que durou quatro dias em São Paulo, ouvir o José Simão fazer piadinha a respeito e achar graça, é o mesmo que contar piada no enterro do pai.
          Brasileiro tem um sério problema.
          Quando surge um escândalo, ao invés de protestar e tomar providências como cidadão, ri feito bobo.
          – Brasileiro é um povo trabalhador. Mentira.
          Brasileiro é vagabundo por excelência.
          O brasileiro tenta se enganar, fingindo que os políticos que ocupam cargos públicos no país, surgiram de Marte e pousaram em seus cargos, quando na verdade, são oriundos do povo.
          O brasileiro, ao mesmo tempo em que fica indignado ao ver um deputado receber 20 mil por mês, para trabalhar 3 dias e coçar o saco o resto da semana, também sente inveja e sabe lá no fundo que se estivesse no lugar dele faria o mesmo.
          Um povo que se conforma em receber uma esmola do governo de 90 reais mensais para não fazer nada e não aproveita isso para alavancar sua vida (realidade da brutal maioria dos beneficiários do bolsa família) não pode ser adjetivado de outra coisa que não de vagabundo.
          – Brasileiro é um povo honesto. Mentira.
          Já foi; hoje é uma qualidade em baixa.
          Se você oferecer 50 Euros a um policial europeu para ele não te autuar, provavelmente irá preso.
          Não por medo de ser pego, mas porque ele sabe ser errado aceitar propinas.
          O brasileiro, ao mesmo tempo em que fica indignado com o mensalão, pensa intimamente o que faria se arrumasse uma boquinha dessas, quando na realidade isso sequer deveria passar por sua cabeça.
          – 90% de quem vive na favela é gente honesta e trabalhadora. Mentira.
          Já foi.
          Historicamente, as favelas se iniciaram nos morros cariocas quando os negros e mulatos retornando da Guerra do Paraguai ali se instalaram.
          Naquela época quem morava lá era gente honesta, que não tinha outra alternativa e não concordava com o crime.
          Hoje a realidade é diferente.
          Muito pai de família sonha que o filho seja aceito como ‘aviãozinho’ do tráfico para ganhar uma grana legal.
          Se a maioria da favela fosse honesta, já teriam existido condições de se tocar os bandidos de lá para fora, porque podem matar 2 ou 3 mas não milhares de pessoas.
          Além disso, cooperariam com a polícia na identificação de criminosos, inibindo-os de montar suas bases de operação nas favelas.
          – O Brasil é um pais democrático. Mentira.
          Num país democrático a vontade da maioria é Lei.
          A maioria do povo acha que bandido bom é bandido morto, mas sucumbe a uma minoria barulhenta que se apressa em dizer que um bandido que foi morto numa troca de tiros, foi executado friamente.
          Num país onde todos têm direitos mas ninguém tem obrigações, não existe democracia e sim, anarquia.
          Num país em que a maioria sucumbe bovinamente ante uma minoria barulhenta, não existe democracia, mas um simulacro hipócrita.
          Se tirarmos o pano do politicamente correto, veremos que vivemos numa sociedade feudal: um rei que detém o poder central (presidente e suas MPs), seguido de duques, condes, arquiduques e senhores feudais (ministros, senadores, deputados, prefeitos, vereadores).
          Todos sustentados pelo povo que paga tributos que têm como único fim, o pagamento dos privilégios do poder. E ainda somos obrigados a votar.
          – Democracia isso? Pense!
          O famoso jeitinho brasileiro.
          Na minha opinião, um dos maiores responsáveis pelo caos que se tornou a política brasileira.
          Brasileiro se acha malandro, muito esperto.
          Faz um ‘gato’ puxando a TV a cabo do vizinho e acha que está botando pra quebrar.
          No outro dia o caixa da padaria erra no troco e devolve 6 reais a mais, caramba, silenciosamente ele sai de lá com a felicidade de ter ganhado na loto… malandrões, esquecem que pagam a maior taxa de juros do planeta e o retorno é zero. Zero saúde, zero emprego, zero educação, mas e daí?
          Afinal somos penta campeões do mundo né?? ?
          Grande coisa…
          – O Brasil é o país do futuro.
          Caramba , meu avô dizia isso em 1950. Muitas vezes cheguei a imaginar em como seria a indignação e revolta dos meus avôs se ainda estivessem vivos.
          Dessa vergonha eles se safaram…
          Brasil, o país do futuro !?
          Hoje o futuro chegou e tivemos uma das piores taxas de crescimento do mundo.
          – Deus é brasileiro.
          Puxa, essa eu não vou nem comentar…
          O que me deixa mais triste e inconformado é ver todos os dias nos jornais a manchete da vitória do governo mais sujo já visto em toda a história brasileira.
          Para finalizar tiro minha conclusão:
          O brasileiro merece! Como diz o ditado popular, é igual mulher de malandro, gosta de apanhar.

          • Lo stereotipo è la visione semplificata e largamente condivisa su un luogo, un oggetto, un avvenimento o un gruppo riconoscibile di persone accomunate da certe caratteristiche o qualità. Si tratta di un concetto astratto e schematico che può avere un significato neutrale (ad es. lo stereotipo del Natale con la neve e il caminetto acceso), positivo (“i francesi sono romantici”) o negativo (l’associazione tra consumo di droghe e la musica rock) e, in questo caso, rispecchia talvolta l’opinione di un gruppo sociale riguardo ad altri gruppi. Lo stereotipo (anche quello “positivo”) è una credenza indesiderabile che può essere cambiata tramite l’educazione e/o la familiarizzazione.

            Talvolta lo stereotipo è una caricatura o un’inversione di alcune caratteristiche positive possedute dai membri di un gruppo, esagerate al punto da diventare detestabili o ridicole. Alcuni gruppi hanno cercato, per deliberata strategia politica, di sviluppare nuovi stereotipi positivi su sé stessi.

          • L’Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
            ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
            Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
            c’è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
            ognuno pensa per sé, è vano, dell’altro diffida,
            e i capi dello Stato, pure loro, pensano solo per sé.
            (Johann Wolfgang Goethe)

          • bah…ii vedo solo nelle assemblee di condominio si presentano meno di un quarto dei condomini anche quando l ordine del giorno eh aumento taixa do condominio..se ne sbattono di tutto anche dei loro interesse..il sindico li frega glielo fai notare ti ridono in faccia…sono io che non li capisco sicuramente

          • Lino, quanto hai ragione! Mia moglie è stata eletta “sindica” del nostro predio e, causa menefreghismo diffuso del bene comune e bugie per i mancati pagamenti delle quote mensili, dopo 7 mesi si è dimessa. Io sono stato ad una sola riunione e mi sono “vergognato” di stare in mezzo ad alcuni coinquilini che bevevano birra in continuazione e si lamentavano in continuazione perchè gli veniva proibito di mangiare e bere stando dentro la piscina condominiale. Non ti dico poi per la musica ad alto volume spacca timpani ad orari “fuorilegge”.

  2. La Petrobras e le Casse dello stato sono state svuotate da anni di disastri, di incompetenza assoluta, di corruzione a livelli incalcolabili, sperperi di billioni di dollari per fare favori ad amici rossi (prestiti a Venezuela e Mozambico, Porto di Cuba, Raffinerie in dono alla Bolivia e chissà quante altre porcherie…); ora questi soldi da qualche parte devono uscire.

    Non credo che privatizzare le società statali sia una buona soluzione per paesi normali ma in un paese disastrato come è il Brasile probabilmente è l’unica soluzione, ma giustamente non accadrà mai.

    • anche se fosse possibile privatizzare sarebbe comunque un disastro perchè le aziende pubbliche e le istituzioni Brasiliane sono ormai invase da cellule podres!

  3. I seguenti aeroporti , tutti gestiti da Infraero , sono attualmente senza combustibile . Gli aeroporti sono aperti per atterraggi e decolli ma non per il rifornimento .

    Carajás (PA)
    São José dos Campos (SP)
    Uberlândia (MG)
    Ilhéus (BA)
    Goiânia (GO)
    Campina Grande (PB)
    Juazeiro do Norte (CE)
    Aracaju (SE)
    Maceió (AL)
    Joinville (SC)
    João Pessoa (PB)

  4. qui regna il caos…. il caldo tropicale rallenta il cervello,ma ora mi e`tutto chiaro, dovunque e`meglio del Brasile….dovunque…via via!

  5. Ormai il disastro è stato fatto,

    se si taglia da un lato bisogna aumentare da qualche altra parte, non ci sono altre soluzioni, ridurre le tasse è impossibile.

    Come sempre sarà tutto inutile, altro tempo e altri soldi persi per tutti, niente di più niente di meno.

    Domani non potrò lavorare, ne approfitterò per andare a pescare !!

  6. La prova che il governo sta cercando di scaricare la responsabilità dello sciopero attraverso la parola “lockout “sta nella stessa legge nº 7.783/1989 che descrive il lockout : “fica vedada a paralisação das atividades, por iniciativa do empregador, com objetivo de frustrar negociação ou dificultar o atendimento de reivindicações dos respectivos empregados (lockout)”.

    Dunque la suddetta pratica sarebbe vietata solo se tendesse a contrastare le rivendicazioni dei camionisti , cosa che evidentemente non è . I giuristi brasiliani hanno già fatto osservare l’illecito utilizzo di questa legge per colpire gli scioperanti . Evidentemente i governanti sperano che il ” popolino ” stordito da questa parola sconosciuta ai più accetti supinamente il giudizio dei poteri forti . Del resto noi italiani siamo abituati a questa tecnica : non è così che improvvisamente anni fa è divenuta popolare la parola ” spread ” per indicare una cosa che se aumenta significa che stiamo facendo arrabbiare i ” grandi ” !

    • Il danno billionario sia pubblico che privato che è stato causato con questa pagliacciata chi lo paga…?

      Scioperare è legittimo, esagerare per forzare la mano è assoluta mancanza di senso del limite e di educazione civica.

      Vadano a fare …. i camionisti e che il conto di questa montagna di “fertilizzante naturale” la paghino loro…ma non andrà così.

    • in Italia ci hanno e ci stanno facendo credere che lo “spread” è causato da nomi e cognomi, prima Berlusconi poi Salvini e Di Maio e, a continuare, Savona & C.
      NON è assolutamente vero, che muove lo spread sono degli algoritmi presenti nel mondo della finanza, sopratutto a Londra, che muovono gli investimenti dove conviene di piu’ in 30″ e questo 24h su 24h. Infine, chi crede che una singola persona e un piccolo gruppo di politici possano fare così tanti danni………non è sulla strada giusta. E’ il sistema Paese che influenza lo spread. Intendo dire che se un Paese non ha forza di gestire un piccolo numero di politici invertiti……è il Paese intero che ha colpa non il piccolo gruppo. L’Italia ha Istituzioni fragili e una Costituzione del 1948 che non è mai stata aggiornata. Il mondo è cambiato ma l’Italia, fatto salvo qualche raro caso, non ce la fa proprio a riformarsi.

      • Undo, altro che aggiornata, peggio: volutamente, le norme che avrebbero caratterizzato il vivere civile, non sono mai state neppure attuate, perchè sin dal nascere la Costituzione italiana è stata ideata come programmatica e non immediatamente precettiva. Senza leggi ordinarie di attuazione (che si doveva capire sin dal nascere che il Parlamento non avrebbe mai avuto intenzione di emanare) è indifferente l’obsolescenza o meno. Quel che è sulla carta resterà lì quale monumento all’inettitudine umana.

  7. Undo, più che accomodati, la generazione di allora non era stata in grado di capire che stavano propinando una Costituzione programmatica. Ti posso dire che se non si ha dimestichezza con il diritto, queste sono sottigliezze bene architettata alle quali il “leigo” non ha maniera di arrivare (e infatti argomenti del genere quali distinzione tra programmatico e precettivo te le insegnano solo alla facoltà di giurisprudenza o a seconda dell’ateneo neppure, devi arrivare alle scuole di specializzazioni legali/master). L’inghippo non era stato capito. Mettiamoci pure che nel 1948 la popolazione italiana era prevalentemente analfabeta e il boom economico dei decenni successivi ha provveduto abbondantemente a coprire un buon numero di lacune. Il mercato infatti era stato in grado di reggersi in piedi da sè, senza necessità della tetta dello Stato. E forse anche gli stessi padri costituenti non ebbero il precipuo scopo di far danni ideando una Costituzione programmatica, potrebbero aver peccato di eccessiva fiducia verso gli organi parlamentari di allora.
    Se loro peccarono di fiducia, noi sembriamo esserci accomodati allo stato degli atti odierni.

    • Nina, quindi abbiamo una costituzione “pongo”……. e ce la meritiamo per “pigrizia” o “interessi personali” di ognuno di noi. Così è difficile parlare e programmare il futuro dell’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here