Home economia Dollaro superstar

Dollaro superstar

20
CONDIVIDI

Non è bastata la mossa a sorpresa del Banco Centrale di frenare la discesa dell’indice SELIC per allontanare dagli investitori la voglia di ” fuggire ” dagli emergenti .

Probabilmente la sola decisione di non diminuire la SELIC non sarà sufficiente , come ha dimostrato la ulteriore crescita del dollaro che ha superato R$ 3.7 ( Addirittura le case di cambio lo davano ben oltre 4 ) ed il crollo dell’indice Bovespa di ben 3.37 punti , il peggior risultato da Maggio 2017 .

“Parece que este é o piso da Selic e que o próximo movimento, quando acontecer, será de alta”, ha affermato l’economista Luka Machado Barbosa del Banco Itaú Unibanco . Insomma la SELIC potrebbe tornare a crescere riportando i rendimenti delle applicazioni brasiliani a valori compatibili con il rischio . Oggi non è affatto così .

Il motivo principale è la crescita stabile della economia statunitense a cui corrisponde un aumento del tasso di interesse sul dollaro che quindi attrae nuovi capitali dagli emergenti .Il flusso di denaro si è oramai decisamente invertito e la borsa ne risente .

20 Commenti

  1. Valori di cambio gia’ visti, probabilmente il mercato vorra’ fare un nuovo test ai massimi del 2015…..vediamo che succede.

    Carmine

  2. certo che chi ha un reddito in USD o EURO e vive in Brasile finalmente gode di questa carta straccia del Real! quando c’è qualcuno che soffre ce ne sempre uno che gode. che vita strana!

    • I prezzi in Brasile per lo più sono ampiamente europeizzati, quando il dollaro sale (o é il Real che scende ?) molti prodotti aumentano di prezzo.

      Importo tutto ció che vendo e dovró aumentar tutti i miei prezzi (e sicuramente vendere meno) nei prossimi mesi se il cambio non dovesse migliorare.

      Se dovessi scegliere tra avere in tasca 1 euro o 4 reais io non avrei dubbi.

    • Purtroppo in Brasile i prezzi fanno presto a salire per adeguarsi al nuovo cambio ma poi faticano a riprendere i valori originari . Il risultato è che , pur con una rendita in valuta pregiata si riesce a cogliere qualche vantaggio solo nel transitorio ovvero quando il cambio varia velocemente mentre i prezzi ritardano qualche settimana per adeguarsi .

        • l’euro forte , va bene per chi vive all’estero, in Italia ,non fa ne’ caldo ne’ freddo ,anzi;
          Il real,nonostante la svalutazione, a me da da vivere, l’ euro in Italia non mi darebbe nulla!
          Sono situazioni soggettive, meglio non generalizzare.

          Carmine.

          • Quello che ti dà da vivere sono gli interessi non il valore delle moneta,
            la moneta in sè è una “porcaria”.

          • Mah, ognuno ha il proprio modo di gestire le proprie risorse, quello che conta, alla fine , sono i numeri, i miei mi stanno dando soddisfazione, o quantomeno, non mi fanno lamentare.

            Carmine.

  3. E’ il real che scende perche’ monete di economie latrinoamericane piu’ stabili tipo Colombia e Cile non hanno avuto variazioni rilevanti, il cambio si sta’ solo assestando sui valori reali

  4. Secondo me il Brasile offre piu’ possibilita’ di speculare rispetto a Cile e Colmbia;
    E’ come negoziare tra un titolo Blue Chip e uno sul mibtel, chi ha fatto trading capisce che e’ anche questione di volumi.
    La piazza brasiliana e’ molto piu’ grande e volatile in questo periodo, pane per traders.
    Ci sarebbe anche da considerare che il Brasile possiede circa 370 Bi di riserve internazionali in Usd, se il dollaro acquista valore, queste riserve aumenteranno di valore o no??
    Magari Lucio potrebbe dire la sua.

    Carmine.

    • Ciao Carmine

      come dimostra il BC in questi giorni le riserve sono utilizzate in contratti di swap allo scopo di contenere l’aumento del dollaro che a sua volta porterebbe ad un aumento della inflazione a causa degli aumentati costi dei prodotti importati . Pertanto i 370 B di riserve sono solo strumentali al controllo del dollaro ed il fatto che il dollaro sia aumentato non ” arricchisce ” il governo brasiliano . Questi dollari sono sostanzialmente riversati sul mercato per tentare di arginare la crescita della valuta statunitense .

    • O Banco Central informou nesta sexta-feira (18) que ofertará na próxima segunda (21) mais 15 mil contratos de “swap cambial”, que correspondem à venda de dólar no mercado futuro.
      A medida foi tomada após a moeda fechar a semana cotada a R$ 3,74.
      Essas operações são utilizadas pelo BC para diminuir as pressões da escalada do dólar no mercado à vista.
      Com a decisão anunciada pelo BC, o valor ofertado passará de US$ 250 milhões para US$ 750 milhões. A expectativa é que, com a mudança, o montante negociado até o final , de maio passe de cerca de US$ 3 bilhões para US$ 6,5 bilhões.

    • carmine,
      sono in vacanza in italia e uso poco internet, comunque spesso concordo più con le tue opinioni che con quelle degli “odiatori seriali” del brasile (ahahah!).

      • ciao Lucio, sono anch’io in Italia e Europa per visita parenti (Spagna-Slovenia) dal 16 Maggio e ci starò fino a fine Settembre. Sia in Spagna che in Italia ho visto e sto vedendo situazioni tragico-comiche sia sul versante politico che economico. C’è abbastanza confusione e la Germania ha ripreso a “farsi pagare il suo debito pubblico” dagli Stati piu’ fragili. Non è un buon momento anche per il Bel Paese. Non so cosa mi aspetterà in Slovenia ma non penso che la situazione tragico-comica sia molto diversa. non sono per nulla un intenditore di economia ma mi pare che i (Paesi) forti stiano mettendo le mani in tasca ai (Paesi) deboli. Se il Brasile piange di certo l’Italia non ride.

  5. Il CDS(assicurazione sul Default) sul Brasile e´ arrivato a 191,2, il real si e´svalutato, tutto bene,carta straccia, ok, il CDS sull´Italia e´raddoppiato nell´ultimo mese fino ad arrivare a 175, poco lontano dal Brasile, ma cé´da dire una cosa fondamentale, il Brasile ha gia´perso il Grado di investimento (BBB), l´Italia ancora no: mi domando dove arriverebbe se fosse l´Italia a perderlo, essendo il debito italiano prettamente in mano ad investitori esteri.
    Pensiamo al ritorno alla lira, quanto varrebbe contro il dollaro???
    Carta igienica??
    Tranquilli, e´solo una provocazione!!!!

    Carmine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here