Home attualità Il risultato del primo sondaggio elettorale

Il risultato del primo sondaggio elettorale

33
CONDIVIDI

Commissionato da il Giornale  Globo e dal Giornale di Sao Paulo , l’istituto  IBOPE ( Instituto Brasileiro de Opinião Pública e Estatística ) ha pubblicato  ieri il primo sondaggio elettorale dal giorno in cui sono state depositate le candidature presidenziali , inclusa quella controversa dell’ex- presidente Lula .

Il sondaggio è stato condotto su 2002 elettori di 142 municipi tra il 17 ed il 19 Agosto .Di seguito sono riportati i risultati relativamente ai primi 6 candidati , gli altri , avendo riportato gradimenti inferiori all’1% sono  , a meno di rivoluzioni da oggi ad Ottobre ,  fuori dalla contesa elettorale .

Ebbene Lula è ampiamente in testa alle intenzioni di voto ,  con addirittura il doppio dei voti rispetto al suo avversario più prossimo : Bolsonaro .

Ma le sorprese non finiscono qui , in una successivo sondaggio si è provato a tenere in conto l’ipotesi che Lula possa essere eliminato dal STE che sta tuttora analizzando la sua candidatura . In questo caso al posto di Lula è inserito il suo vice Haddad ed ecco il risultato :

Al primo posto troviamo ora Bolsonaro mentre Haddad, il vice di Lula , lo ritroviamo  al quinto posto .

Se le cose restassero così il prossimo presidente del Brasile verrebbe deciso non dalle elezioni ma dall’ STE : Lula o Bolsonato .

Sarà per questo che ieri il real ha raggiunto un nuovo minimo rispetto al dollaro evidenziando la grande preoccupazione degli investitori a fronte della incertezza elettorale . Il rischio paese è oramai solo secondo all’Argentina tra i principali paesi dell’America Latina , come mostrato nel grafico seguente che illustra l’andamento  dell’indice nel corso del 2018 .

33 Commenti

    • Ciao Carmine
      dal tuo post sembra che l’Italia sia messa peggio del Brasile ma , con riferimento alla citata tabella non è così . Anche se di poco il Brasile ci ” supera ” di una decina di punti . Si tratta naturalmente di noccioline visti i valori assoluti . Comunque paragonare il rischio Brasile all’Argentina è molto fuori luogo , sono due mondi completamente diversi . La Turchia , ha in questo momento , un rischio sovrano che è il doppio di quello brasiliano !

      • Oggi cé´stato il golpe de barriga dell´Italia sul Brasile( i dati si aggiornano), ma il fatto preoccupante e´che i 2 Paesi, appartengono a 2 categorie diverse, il Brasile e´”speculativo”, l´Italia “grado di investimento”, ma sono alla pari quasi, e´come se una squadra di A vale quanto una di B;
        Cosa succede alla squadra di A se viene retrocessa in B???
        Gli investitori esteri stanno gia´uscendo dai BTP italiani, sembra che negli ultimi 2 mesi siano usciti per circa 60 MLD di euro, tutti in pancia a grandi banche italiane.
        Sembra addirittura che dopo la Turchia, tocchi all´Italia subire un attacco speculativo;
        Il Brasile anche, mi pare sotto attacco monetario col dollaro, causa elezioni.

        Carmine.

        • giusta la metafora sul calcio, serie A e serie B. calcisticamente parlando in B ci sono finiti sia il Milan per ben 2 volte che la Juventus ma dopo 1 anno sono tornate in A e durante la permanenza in B non hanno perso valore……speriamo sia rapida e poco dolorosa la speculazione sull’Italia. certo è che in Italia negli ultimi 6 anni i vari responsabili e le Istituzioni preposte se lo sono cercata.

  1. La cosa ridicola è che ci sia anche una sola persona che pensa di votare in un galeotto, e che un galeotto possa presentare la propria candidatura e non essere barrato d’ufficio senza perdite di tempo e denaro pubblico per un processo inutile….cose da quarto mondo che mi vergogno persino di scrivere.

    Lula non è eleggibile e quello a cui i vermi rossi puntano è perdere meno voti possibili da qui alle elezioni.

    Dissociare il nome di Lula dalle elezioni e sostituirlo con Haddad o qualche altro peto sarebbe stato un suicido anticipato. Ovviamente tutto è stato deciso sa Lula in persona, gli altri non contano nulla, prendono solo ordini.

    Ancora 4 anni di spazzatura rossa e il Brasile sarà definitivamente incamminato ad essere un nuovo Venezuela.

    Se ne avessi le possibilità me ne andrei domani da questo fin di Mondo.

  2. @Carmine @Lucio @FRancesco Villa @ tutti interessati:
    copio alcune riflessioni di un conoscente ex AD di multinazionale Italiana ed ora consulente economico. Queste riflessioni sono state pubblicate sul Sole 24 Ore:

    “Agenzie di Rating, analisti, opinionisti, giornalisti e organizzatori di fake news si/ci preparano alla tempesta perfetta dello spread (bund/btp) per il prossimo autunno!
    La mia previsione?
    Fico secco. Non accadrà un fico secco.
    Un Governo che ha trasformato l’emergenza immigrazione in ordinaria amministrazione distribuendo gli immigrati in tutta Europa senza l’utilizzo della forza.
    Un Governo che risponde alle tragedie con forza e determinazione mettendo in ginocchio i potenti (autostrade per l’Italia).
    Un Governo che trascina fuori dall’Italia le aziende corrotte che si finanziano in Italia per poi delogalizzarne le attività in paesi no tax.
    Un Governo che taglia i vitalizi e le pensioni d’oro.
    Un Governo dove il Premier non ha bisogno di traduttori, perché parla autonomamente in modo fluente molte lingue.
    Un governo attento ai bisogni dei cittadini e non a quelli dei soliti noti.
    Un governo dove sceglie i propri ministri in base allo spessore dei curriculum e non al lecchinaggio fluente culaneo,
    Ecc ecc ecc ecc ecc ”
    Ovviamente si può discordare ma io credo che abbia espresso un pensiero che in sintesi ci dice e dice ai Tedeschi e ai Francesi……per anni a noi Italiani i nostri rappresentanti governativi ci hanno fatto di essere asini in mezzo a degli elefanti, ci abbiamo creduto, purtroppo per noi. Ora non è più così, abbiamo cambiato …. siamo elefanti anche noi. Da oggi in avanti giochiamo insieme sapendo di essere alla pari.

    • concordo sentimentalmente con te e col tuo conoscente. e spero che la sua previsione si realizzi.
      io sono SEMPRE indipendentista. quindi da sempre non accetto la sudditanza italiana ad altri paesi… e nemmeno quella brasiliana.
      per 10 anni ho dibattuto personalmente su siti economici con esponenti dell’attuale governo (bagnai, barra-caracciolo, qualche volta pure savona).

  3. caro undo e gli altri,
    vi propongo invece una farneticante dichiarazione di un “asinistro” italiano:

    “i fischi agli statisti del PD sono la prova provata dell’immensa ignoranza filofascista di questo paese. credo che per preservare la stabilità democratica e la libertà l’unica soluzione sia, almeno per qualche anno, una legge per ponderare il diritto di voto sulla base del titolo di studio, non ci sono alternative per evitare la deriva violenta e populista che il popolo italiano sta prendendo e che si è concretizzata con dei violenti applausi al governo più omofobo, razzista e fascista che sia mai esistito. la repubblica è nel baratro più totale e l cosa più incredibile e che nemmeno se ne rende conto, dobbiamo quindi riservare il diritto di esprimersi solo alla fascia più istruita del paese al fine di spezzare la spirale di malvagità che ci affligge.”

    • da questo pensiero intendo che si debba diventare antidemocratici graduando il valore del voto. potrei essere di accordo e ci aggiungerei non solo il corpo intellettuale, principalmente di sinistra (o progressista) ma anche il corpo produttivo che è principalmente di destra (o conservatore) e darei a chi ci rappresenta bene all’estero (chi esporta e chi promuove bene l’Italia) un voto super. Infine, comunque io penso sia arrivato il momento per l’Italia di muovere di piu’ le mani (lavorando) e chiudere un poco la bocca (perchè disorienta)……insomma questo governo è forse troppo fascistoide e troppo giacobino, ma muove la mani.

      • ——e al momento ha messo al palo i “pifferai magici” sia Italiani che Internazionali. certo è che deve produrre a breve/medio termine per le masse che non sono piu’ quelle del ventennio….oggi tutti hanno lo smartphone, il lap top/pc e la TV. —– ed hanno recentemente dimostrato di saper cambiare cavallo quando serve. c’è però ancora uno zoccolo che dura ed è un 93enne che dal 1950 è in politica e tutt’ora manipola. sono felice che sia in salute e lucido anche se non condivido assolutamente tutto quello che ha combinato o fatto combinare dal 1950 ad oggi. e che non potrò mai condividere e ne giustificare.

  4. undo,
    informazioni turistiche che volevo da te.
    anche nello stato di rio ci sono posticini belli. ho fatto una ricerca dei prezzi delle pousadas a paraty, angra, cabo frio, arraial do cabo, buzios. con mia grande sorpresa costano meno della metà che a bahia!
    uno dei motivi potrebbe essere che sono posti con una marea di pousadas (anche a bahia i posti più belli e famosi sono anche i più barati, per lo stesso motivo).
    però poi ieri sera il tg della band ha fatto un lungo reportage su angra: diventata una favelona, sparatorie giornaliere, tasso di omicidi tra i più alti del paese!
    i prezzi bassi dipendono anche da questo?
    com’è la situazione dalle parti del cabo?

    • Lucio,
      Angra e Paraty nella loro parte costiera da 3 anni sono al collasso perchè la popolazione residente è aumentata a dismisura e le fognature sono tornate ad essere a cielo aperto. questo sopratutto in Paraty mentre in Angra la costruzione selvaggia sta facendo franare le collinette che sono alle spalle. insomma un disastro comunque annunciato …… la Pocia che in Rio ha fatto scappare molti trafficanti che sono finiti in questa regione. Pensa solo che a volte le spiagge delle 2 località sono chiude per eccesso di presenza di organismi fecali. di qui i prezzi bassi. Mentre sulle isole di fronte la situazione è decisamente migliore anche se sono diventare residenze dei capi della mala carioca……quindi tranquille e costose. Altro discorso per la Regiao dos Lagos che è molto piu’ turisticamente organizzata e, secondo me, ha tra le spiagge piu’ belle del Brasile. Arrail ha un acqua limpidissima, iper controllata ed è un vero paradiso per i sub e per la pesca, in alcuni tratti ricorda il mare dei Caraibi. Buzios, città Francese ed ex paese di pescatori ha una posizione geografica invidiabile, è un promontorio che entra in mare per 5-6 km ed ha scogli e spiagge su 3 lati. splendida cittadina, fiore all’occhiello di RJ e molto ma molto controllata. certo è che la polvere gira a nastro per via del turismo continuo e danaroso. è una cittadina molto costosa ma è un vero spettacolo naturale. Cabo Frio, dove vivo, 220.000 abitanti campa di pesca, sale e turismo. le spiagge di Cabofrio, sono di borotalco bianche e sabbia finissima, praia do forte è lunga 9 km ed arriva ad arraial do cabo dove incontri praia grande che ha 42 km di esensione. alle spalle Cabo Frio ha lagune salate e colline con montagne che arrivano a superare i 1.500 metri. Insomma, c’è tutto e in termini di turismo non manca la concorrenza di qui in Cabo Frio prezzi piu’ contenuti. 3 aspetti da tenere in evidenza: 1° in mare di fronte a Cabo Frio e Arraial do Cabo a circa 2 km dalla costa inizia una “risorgiva atlantica” lunga quasi 32 km che butta planton a nastro (pieno di pesci di tutti i tipi), ricambio dell’acqua continuo e acqua del mare che non supera mai i 23 gradi quindi freschina per il corpo a volte non supera i 18 gradi……molto meglio perchè entrano ed escono e ci pisciano poco la birra che bevono 2° la Regiao dos Lagos ha 2 stagioni: l’estate da Novembre ad aprile e l’inverno da Maggio a Ottobre. In Inverno si deve circolare con calça comprida e maglioncino, magari di cotone ma necessario + sempre il Kwait a portata di mano. Freddo di notte (10-12°) e massimo 22° di giorno. Per noi Europei una pacchia. 3° Cabo Frio è la sesta città nata nel Brasile, era la città di Garibaldi quando commerciava pasta tra Italia e Brasile, ha una comunità nativa ancora presente (indios) che vivono di spettacoli in serra, c’è molto turismo e quindi colto controllo anche dei Cabofriensi che tutelano i turisti….che sono la loro “paga”. Insomma sono i leghisti di RJ. C’è delinquenza ma quella delle biciclette, del borseggio e delle gomme delle auto…..rarissimo sparatorie anche se tra di loro sopratutto in Buzios per la polvere da vendere a prezzi carissimi ai turisti ricconi. Lucio sono stato generico, se vuoi sapere qualche cosa di preciso non hai che da chiedermelo. PS: putroppo la Lagoa di Araruama da quando è stata in parte comprata dalla famiglia Marino (Globo) è diventata meta turistica senza avere infrastrutture adeguate quindi uno schifo. Mentre la famiglia Marino ci ben speculato con edilizia selvaggia. Io ci andavo a pescare ora pesco stronzi, purtroppo.

    • Lucio,
      scusami ma ho scritto da Italiota ….. di getto e pubblicato senza rileggere. Ho anche la tastiera nuova nuova ma con tasti ipersensibili. Esempi: Pocia = Policia – Cabo Frio si chiama così per l’acqua di mare freschina e per il vento che d’inverno aumenta la sensazione di freddo – Cabo Frio è la sesta (o settima) città del Brasile in termini di età, ha una zona/bairro che si chiama Passagem che è come è nato nel 1650 circa, chiaro viene manutenuto a regola d’arte. E’ la zona piu’ costosa e romantica, molta musica dal vivo + passeggiate + ristorantini, insomma tipo LAPA di Rio capitale ma piu’ pulita e controllata.

      • allora nella regione di cabo a fine settembre prezzi stracciati a causa del clima freddino?
        ho trovato gli stessi prezzi che a paraty e angra, pusadas a partire da 120-150 rs (fine settimana, 2 diarie per 2 persone, quindi 4 diarie… qua a bahia minimo 300 rs)

        • fine settembre bassa stagione e alta concorrenza e offerte varie a Cabo Frio e dintorni ….. dipendendo anche dal bairro e dalla distanza dal mare. io consiglio 2-3 bairro residenziali e 15′ a piedi dal centro ma sono bairro lungo il mare. sono: 1° Braga (iper tranquillo); 2° balnearios das dunas (dune); 3° Algodoal. Se ci vai, visita il mercato del pesce e frequenta il ristorantino di pesce sopra il mercato. Arrivi di pesce fresco ogni ora….!! E vai a dare uno sguardo al Forte di San Matteo e tuffati in mare…..una bellezza! PS: avvisami se arrivi che magari ci incontriamo ed andiamo insieme a Arraila do Cabo per visitare la spiaggia più protetta della regione (Praia do Farol) per la presenza di centinaia di tartarughe adulte che depositano e di una vegetazione di oltre 500 anni (figueiras, pao brasil e jabuticava). Poi ci sono i nostri frutti di mare e crostacei sul “flutuante”. Io però rientro dalla Slovenia al 15 di Ottobre ….. vedi tu. Se hai tempo a settembre tutto bene …. c’è tempo per conoscerci. ciao.

          • ti ringrazio ma era solo un’indagine comparativa dei prezzi. mi piacerebbe eh, però arrivare lì è complicato.
            ho pure paura ad andare lontano a causa della salute della mia compagna.
            a fine settembre me ne andrò vicino, forse a imbassaì. poi aspetto gennaio per un viaggio più corposo all’isola di boipeba, sempre a bahia.

    • è la scuola di Giorgio Napolitano……che triste! ai piddini dopo il Berlusca sembra di aver ritrovato in Salvini il collante e rimettono le corna fuori alla velocità dei lumaconi.

      • concordo su napolitano, ma è solo lo 0,001% del problema.
        c’è uno “stato profondo” formato da decine di migliaia di persone, gruppi, organizzazioni, che è comandato da lobby economiche interne ma soprattutto straniere. questa cupola sguinzaglia i suoi 3 scagnozzi: politici, media e MAGISTRATURA.
        questi 3 scagnozzi sono corrotti sottobanco per fare gli interessi della cupola.
        in italia da mani pulite in poi ha preso il potere una cupola, a trazione “desinistra”, che corrompe gli scagnozzi per distruggere l’economia del paese e favorire “l’europa”, ovvero la conquista coloniale franco-tedesca senza usare i carriarmati.
        la mitica “infallibile” magggistratura è pedina fondamentale di questo meccanismo.

        stessa cosa in brasile ovviamente, anche se con qualche piccola differenza di “colore” e di “cupola internazionale”.

        • la magggistratura italiana ha denunciato Salvini in 4 giorni e non ha ancora messo sotto sequestro i documenti dei maletton! il 93enne è la radice putrida ma ancora viva dei piddini. concordo totalmente che francia e germania da anni e anni ci abbiano messo nel mirino per succhiare nostre energie e questo con l’accordo della “desinistra” italiana, partendo da prodi quando era ancora presidente dell’iri/eni e poi e cresciuto sostenuto dai francotedeschi e dai “desinistra”, prodi è tutt’ora il delegato che gestisce, insieme a debenedetti, la magggistratura. merda.

          • ho nominato tra i tanti solo prodi e debenedetti perchè i politici se ne vanno, tranne il 93enne, ma i loro boiardi non politici restano per assicurare attraverso il loro falso buonismo la continuità della” desinistra”
            con tutti i loro sudditi di stato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here