Home News Elezioni brasiliane : analisi dei sondaggi del dopo attentato

Elezioni brasiliane : analisi dei sondaggi del dopo attentato

5
CONDIVIDI

Sono trascorsi alcuni giorno dall’attentato contro il candidato presidenziale Jair Bolsonaro e nuovi dati sulle intenzioni di voto dei brasiliani sono stati resi noti dall’istituto  DataFolha .

Prima di analizzarli vediamo quale era la situazione all’indomani della decisione del tribunale di respingere la candidatura di Lula e poche ore prima della pugnalata che ha perforato l’intestino crasso di Bolsonaro .

Come si vede  dalla grafica in alto Bolsonaro era in testa con il 20% delle intenzioni di voto seguita da Marina Silva e poi da Ciro Gomez .La situazione oggi mostra diversi cambiamenti .

Bolsonaro ancora fermamente in testa ma con un modesto incremento rispetto a candidati ben più indietro di lui nel precedente sondaggio . Ciro Gomez sale dal 9% al 13 % strappando il secondo posto a Marina Silva che precipita al 9% dal 12% di qualche settimana fa . Certo la differenza tra Bolsonaro e Ciro è ancora grande , praticamente Ciro ha la metà delle intenzioni di voto di Bolsonaro .

Esiste tuttavia un altro sondaggio che tenta di capire a chi possano finire i voti degli indecisi che sono il 22% . E’ il sondaggio che misura il rigetto verso questo o quel candidato . Gli intervistati devono rispondere alla domanda : chi NON votereste mai ?

La risposta , per qualcuno sorprendente , è che il rigetto verso Bolsonaro è salito  al 43% ovvero più del doppio di Ciro che è al 20% in diminuzione . Sembra  chiaro che l’attentato non ha in alcun modo giovato alla popolarità del  candidato Bolsonaro .

Se le cose resteranno così i duellanti finali saranno Jair Bolsonaro e Ciro Gomez , a meno che , entro oggi , il PT di Lula non tiri fuori qualcosa dal cappello magico  .

5 Commenti

  1. ieri sera ultimo sondaggio ibope: bolsonaro 26%.
    ha guadagnato 6 punti dall’attentato. scusa se è poco…
    la borsa ieri ha fatto -2.33%. ai mercati non piacciono gli estremismi, ma purtroppo i candidati di centro hanno poco seguito.

  2. Basterebbe solo che quel 43% che giustamente “rigettano” Bolsonaro andasse a votare ma, come troppo spesso succede, l’astensione sarà determinante.
    Comunque sta di fatto che il pericolo bolsonaro nell’imminente futuro è molto concreto.

  3. la ruota gira. chi era ed è Lulista ha goduto per oltre 13 anni di amministrazione PT. chi non era Lulista NON ha goduto durante l’amministrazione PT. Ora c’è il cambio …. e non è un caso. Prenderne atto è la cosa migliore da fare. Unico modo per non avere Bolsonaro (forse) è che non vinca al primo e sperare nel secondo turno, altro che attendere al voto gli indecisi…..perchè sono come i surfisti: vanno dove c’è l’onda alta e giusta e all’orizzonte non ce ne sono.

  4. Al tempo ! B vince al primo turno= impossibile, potrebbe nemmeno non passare il primo turno, Ciro si sta gonfiando e anche Haddad, Marina cala . Se Alckmin entra a regime potrebbe essere Ciro vs Alckmin o Haddad-Alckmin nel secondo turno, manca un mese e siamo al dopo-coltellata, quindi B ha gia` fatto il massimo ,20-25 %.Se riappare in televisione si auto-distrugge.Il voto femminile(51% elettori) e`l`incognita di questa elezione. Se le brasiliane in contro tendenza votano B come fecero le nordamericanas con Trump , B sara`presidente senno`va a casa a giocare a soldatini .Partita apertissima,voto troppo frammentato , sto vedendo analisti /esperti dire tutto e il contrario di tutto.

    • in Brasile vince chi promette di piu’ e Bolsonaro sta facendo il contrario promettendo solo la liberalizzazione delle armi e tolleranza zero per i delinquenti di ogni genere. Al contrario delle promesse Bolsonaro fa dichiarazioni per nulla propagandistiche esempio: riduzioni e/o rinuncia delle garanzie dei lavoratori ….. tutto dire. Eppure è intorno al 25%. Mi chiedo: come mai? Cosa lo rende così attraente? Di sicuro non è Trump ne come mezzi e ne come capacità comunicative accattivanti (Americans first). Eppure ….. sarà che i suoi antagonisti candidati sanno di vecchio ed hanno stancato con promesse alla Cabral? Aecio Neves? Etc.Etc. Un secondo turno che vede Bolsonaro ancora in pista potrebbe essere i coagulante degli oltre 35 partiti politici Brasiliani. Forse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here