Home Racconti da Rio de Janeiro Pai Joaquim

Pai Joaquim

4
CONDIVIDI

Dovrei scendere e prepararmi una pipa da fumare e non è detto che dopo aver scritto non lo faccia. Quando fumo seduto sul muricciolo sotto al mio albero preferito che non so nemmeno che tipo di albero è, mi viene in mente lo spirito chiamato Pai Joaquim là della Bahia ed è a lui che mi rivolgo perché interceda più in alto dove io da solo non riesco ad arrivare, è a lui che mi rivolgo quando mi sento esausto.

E’ lui che mi ha introdotto al misterioso universo dell’Umbanda, del Candomble’, del Kardecismo, è lui che mi ha chiesto se sentivo i brividi dietro alla schiena, sul collo ed io sì li sentivo, li sento tutte le volte che penso a mia nonna e mi viene una gran nostalgia.

Mia nonna era una vecchina meravigliosa, è stata una donna meravigliosa, l’unica vicino alla quale riuscivo a sentirmi calmo, tranquillo, protetto. Non mi succedeva con mia madre, non mi succedeva con le amiche, non mi succede oggi con mia moglie, con mia nonna invece sì, succedeva perché io sentivo che il suo amore per me era gratis, lei non mi chiedeva niente, mi donava la sua anima, le sue attenzioni, il suo lavoro di cuoca, mi metteva al centro dei suoi pensieri, delle sue premure e da me non voleva niente, voleva solo che stessi bene, fossi felice.

Lo spirito Pai Joaquim della Bahia è alla nonna che mi ha fatto pensare in quel nostro primo incontro quando mi ha chiesto se sentivo i brividi sulla schiena, io ho capito che i brividi significavano la vicinanza di un’anima, probabilmente quella della nonna disincarnata nel gennaio 2008, e il fatto che io li sentissi significava che sono un medium, cioè che avverto le “presenze”. Per questo quando entro in una casa, in una scuola, palestra, in una stanza, in un bar, in un ufficio subito “sento” il posto, cioè avverto di quale natura sono gli spiriti che lo popolano assieme ai vivi, cioè a noi che scriviamo, che leggiamo.

L’ultima volta che sono stato a Bahia, l’amico che incorpora, che viene posseduto da Pai Joaquim, prima che me ne andassi, di fronte alla mia preoccupazione, alla voglia di restare lì con lui, la moglie, i suoi figli e mia figlia, davanti alla mia voglia di scappare di nuovo dalle difficoltà, dalle tensioni, ha chiuso gli occhi e ha detto: – Mi è venuto in mente quell’albero, quello del cortiletto davanti alla palazzina in cui abiti… -. Solo questo mi ha detto, ma il sottotesto delle sue parole era “Mi è venuto in mente quell’albero e tutte le volte che vuoi collegarti mentalmente, telepaticamente con Pai Joaquim, siediti lì sotto e fuma la pipa come la fuma lui”.

4 Commenti

  1. la mia compagna ci credeva a ste cose. una volta, 20 anni fa, mi portò da un pai de santo per farmi “liberare” (ahahah!) dalla tremenda “tortura” (ahahah!) di una mia amante che non smetteva di darmela (ahahah!). la cura ottenne il risultato voluto, l’amante mi mollo’… ma dopo 5 anni (ahahah!). e “purtroppo” (ahahah!) la sostituirono altre 3 amanti.

    • ciao Lucio. L’aspetto più superficiale – atrair o amor em tres dias, afastar a amante, o amante – è solo la facciata commerciale e un po’ stupida di una religione e di una cultura che invece sono profonde e bellissime, non meno interessanti di quelle ellenica o cristiana.
      Vanno però studiate e conosciute con la pazienza che noi giovani italiani dedicammo, spesso nostro malgrado, alla lettura di Bibbia, Vangeli o allo studio della storia dei nostri antenati romani.
      Candomble’ e Umbanda vengono dall’Africa e in Brasile continuano, perpetuano il meglio della cultura africana.
      I rituali sono fantastici e la filosofia che li sottende mi incanta, settimanalmente.
      Capisco il tuo punto di vista ma ti invito, visto le tue conoscenze enciclopediche, a non credere che i rituali afro siano così superficiali e stupidi e che abbiano come unico intento quello di risolvere questioni coniugali illudendo anime ingenue.
      ciao!

      • è che ogni tanto mi va di fare commenti leggeri e divertenti! non volevo essere offensivo.
        conosco benissimo ciò che dici, sono (anche) un appassionato di storia, psicologia e antropologia delle religioni.
        religioni che io, pur essendo ateo-puro, considero uno degli aspetti più importanti della cultura umana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here