Home attualità Temer aumenta del 16% il salario dei giudici federali

Temer aumenta del 16% il salario dei giudici federali

11

Temer concorda un aumento di stipendio per magistratura e funzionari del 16,38%

Il presidente Michel Temer e la Corte suprema federale (STF) hanno raggiunto un accordo mercoledì scorso per consentire l’adeguamento salariale dei giudici federali e dei funzionari del paese.

Complessivamente l’accordo impedirà al governo di risparmiare almeno 8 miliardi di reais nel suo budget per il 2019. Secondo la misura i giudici aumenteranno i propri introiti del 16,38%: da 33,7 mila a 39,2 mila R$. L’aumento concordato impatterà anche sullo stipendio dei ministri con una crescita di oltre 250 milioni nelle spese di gestione dei conti pubblici.

Al fine di attenuare un maggiore impatto economico il futuro presidente della STF Dias Toffoli e l’attuale Luiz Fux si sono impegnati a rinunciare alla quota extra relativa agli “aiuti per l’alloggio” che si aggira intorno a R$ 4.700 al mese.

In un paese dove la corruzione è paragonabile alla situazione nostrana il governo uscente distribuisce favori a destra e manca non sia mai che vengano ricambiati.

11 Commenti

  1. Nel 1980 avevo 30 anni e i saccenti mondiali di allora (scienziati famosi – intellettuali – storici – politici – media – altri della nomenclatura che sposta il benessere) divulgavano previsioni su come avremmo vissuto verso il 2020 ….. (40 anni dopo). Macchine volanti – zero energia nucleare – zero utilizzo del petrolio – ambiente al 98% senza piu’ inquinamento – 25/30 ore lavoro settimanale e lavoro per tutti – sconfitto i tumori all’80% – democrazia popolare in tutto il mondo – nuovi “illuminati” alla Leonardo da Vinci. Nel 1980 ho addirittura inviato alla TWA una prenotazione per iscrivermi al “first moon flight club”, volevo essere sui primi voli aerei per visitare la luna. Insomma, ci ho creduto e ho sognato gratis …. in realtà mi sono illuso perchè oggi alle soglie del 2020 quello che allora mi era stato raccontato sul futuro non si è avverato nulla. In verità oggi ci sono i 140 caratteri di Twitter, internet, lap top, smartphone social network che sono nati grazie a dei ragazzotti che tirandosi su le maniche e a testa bassa ci hanno regalato la “nuova tecnologia”. Ecco, come ho scritto all’inizio, questo post non è in coerenza con il titolo del post ….. ma solo in apparenza perchè il “fil rouge” sono le continue promesse su iniziative che mai avranno luce. Io ho smesso da tempo di ascoltare perchè la delusione è sempre dietro l’angolo, sempre.

  2. informarsi e` un dovere:
    Se sei un cittadino statunitense, hai una probabilità di morire per un colpo di pistola dieci volte più alta rispetto agli abitanti di altri 22 paesi ricchi: il tasso di omicidi commessi con un’arma da fuoco è 25 volte maggiore alla media e il numero di suicidi è il più alto. Gli Stati Uniti sono anche la nazione dove ci sono più sparatorie di massa al mondo: su 171 paesi presi in esame nel periodo compreso tra il 1966 e il 2012, il 31 per cento delle sparatorie è avvenuto su suolo statunitense.E non è finita qui: a questi dati già abbastanza eloquenti se ne aggiungono altri molto significativi. Un’indagine condotta dalla Cnn sulla base delle informazioni raccolte al Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha infatti dimostrato che il numero di morti per arma da fuoco negli Stati Uniti è maggiore persino di quello delle vittime di terrorismo.
    Dal 2001 al 2014, oltre 440mila persone hanno perso la vita per colpa delle armi da fuoco, mentre nello stesso periodo di tempo le vittime di atti terroristici sono state circa 3.400, di cui 3.043 su suolo americano. Il Washington Post invece ha creato un database che tiene traccia di tutte le persone uccise dalla polizia in America: finora, nel 2017 siamo a quota 768. Nel 2016 sono state 963.

  3. diciamo anche che lo stesso organo che ieri ha giudicato Lula ineleggibile aveva ricevuto un bell’aumento di stipendio mercoledì. A volte il caso…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here