Home attualità Bolsonaro presidente : vamos “desamarrar” o Brasil.

Bolsonaro presidente : vamos “desamarrar” o Brasil.

6
CONDIVIDI

E andata proprio così . Quello che avevo previsto a metà Agosto si è puntualmente verificato . All’epoca le previsioni davano l’ex- presidente Lula con il doppio delle intenzioni di voto rispetto al secondo  : Jair Bolsonaro . Tuttavia la candidatura di Lula era in discussione all’ STE ed un eventuale sua esclusione avrebbe deciso nei fatti chi sarebbe stato il nuovo presidente .

Il PT sapeva che il sostituto di Lula ed ex-prefetto di SP , Fernando Haddad non avrebbe mai potuto eguagliare il carismatico Inacio ed ha rimandato fino all’ultimo la decisione di annunciarne la candidatura . Tutto inutile .

La pugnalata all’intestino dell’ormai favorito Bolsonaro gli ha forse fatto guadagnare  un pugno di voti ma ancora di più lo ha favorito il non partecipare agli infuocati  dibattiti elettorali cui si è sottratto per ” indicazione ” dei medici . Si sa che Bolsonaro non è un grande oratore e che spesso parla a sproposito .

Haddad , dal canto suo ha risucchiato i voti dei partiti che più che simpatizzare con il PT odiavano Bolsonaro . Il risultato è stato un primo turno non decisivo ed una vittoria risicata al secondo turno 57.8 milioni a favore di Bolsonaro contro 47 milioni per Haddad . La terza vittoria più risicata dal 1989 . Ben 42 milioni di elettori non si sono espressi !

Nel suo primo discorso da presidente , tenuto dalla sua residenza di Rio de Janeiro , Bolsonaro ha affermato :

Nosso governo vai quebrar paradigmas: vamos confiar nas pessoas. Vamos desburocratizar, simplificar e permitir que o cidadão, o empreendedor, tenha mais liberdade para criar e construir e seu futuro.

Vamos “desamarrar” o Brasil.

Messaggi di congratulazioni da parte dei capi di Stato si sono già accumulati sulla scrivania del neo eletto . Il primis una telefonata di Trump già nella notte di domenica .

Non sono mancate le congratulazioni del Ministro Salvini che già si era espresso entusiasticamente all’annuncio di Bolsonaro , durante la campagna elettorale , di estradare il terrorista Cesare Battisti .

Ricordo che la famiglia Bolzonaro ( Registrata in Brasile come Bolsonaro ) viene da Anguillara Veneto un paesino nel nordest dell’Italia tra Padova e Venezia da dove il bisnonno di Bolsonaro partì nel secolo XIX in cerca di fortuna a Sao Paulo .

Jair Bolsonaro è pertanto il primo Presidente brasiliano di origine italiana .

6 Commenti

    • è un video onesto. alcuni commenti:

      – quando qualsiasi paese è in recessione è automatico che il bilancio pubblico vada in rosso, perchè crollano le entrate fiscali e aumentano certe spese (cassa integrazione). poi però temer c’ha messo il carico, 560 miliardi (20 volte il bolsa-familia di un anno) condonati ai latifondisti che evadevano perfino quell’infimo 4% di inss che dovevano pagare per i lavoratori. aggiungiamoci anche il mega aumento dei salari dei poveri giudici…

      – salute ed educazione pubblica: il pt ne aveva raddoppiato la spesa, temer l’ha tagliata. ora cosa pensate farà bolsonaro, amico degli imprenditori, anche di quelli della salute e educazione private? uno che si propone di privatizzare aumenterà la spesa per questi settori pubblici?

      – sicurezza. in brasile il tasso di omicidi è inversamente proporzionale al pil. quando il pil sale gli omicidi scendono e viceversa. questo è un problema che si risolve con il REDDITO e non con le pallottole. in italia agli inzi del 900 il tasso di omicidi era pari a quello del brasile oggi, oggi è quasi azzerato. cos’è cambiato? REDDITO, ovvero i signori imprenditori hanno accettato di aprire la saccoccia e concedere salari degni anche all’ultimo degli operai, rinunciando nell’immediato a una fetta dei loro profitti… comunque soldi che poi gli rientrano dalla finestra perchè gli operai spendono.
      pare che invece in brasile non solo non l’hanno capito ma ci si propone uno sviluppo opposto.

      • Chiuque avesse vinto si sarebbe trovato l ananas da pelare..tagli alla spesa tipo riforma della previdenza, ai brasiliani cosi’ immediatisti gli spettava comunque un bel governo Monti/Fornero

        • vero. quella è l’unica riforma secondo me necessaria e giusta. certo poi bisogna vedere chi vai a colpire, sicuramente colpiranno tutti per mantenere i privilegi dei pochi

  1. 51 a 49 è una vittoria rosicata, 55 a 45 è una vittoria normale, 60 a 40 è una grande vittoria, 70 a 30 è un trionfo, e por aì vai…

    Questo tale Bolsonaro (che aveva già vinto da mesi) se avesse potuto fare campagna per strada penso che avrebbe vinto con vantaggio maggiore, non tutti gli elettori usano internet per informarsi, soprattutto nel Nord Est (dove quasi tutti i voti sono comprati in cambio di elemosina o qualche piccolo favore), basterebbe offrire un Real in più dell’ avversario.

    I dibattiti in televisione sono sceneggiate ridicole, una sfida a chi riesce a raccontare il maggior numero di pettegolezzi nel minor tempo possibile, (un pò come le telenovelas ed è per questo che ai brasiliani piacciono tanto). Chi riesce a controllarsi e dirne meno dell’avversario di solito ne esce vincitore.

    Gli over 30 ormai sono persi per sempre, ma vedere ragazzini universitari boriosi, arroganti unirsi per espellere (democraticamente secondo loro) altri studenti che non la pensano come loro è nauseabondo, è la chiara dimostrazione che vengono facilmente indottrinati.

    Le scuole elementari sono allevamenti di analfabeti, le scuole superiori e le università completano l’opera trasformandoli in zombi.

    E’ la prima elezione alla quale ho dedicato un minimo di interesse e farò il possibile affinché sia l’ultima.

    • ma povero cocco lo studente bolsonarico! aveva solo detto ““indo votar a ao som de Zezé, armado com faca, pistola, o diabo, louco para ver um vadio, vagabundo com camiseta vermelha e já matar logo. Tá vendo essa negraiada? Vai morrer! Vai morrer! É capitão, caralho”

      lui si che è democratico e non arrogante! ha solo minacciato di morte qualche milione di persone!
      in italia negli anni 70 per cose del genere ti davano l’ergastolo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here