Home The Dark Side Of Brazil NUMEROLOGIA MODERNA

NUMEROLOGIA MODERNA

67
CONDIVIDI

 

Testo e foto Gianluca Uda

    Presto il Brasile affronterà il secondo turno elettorale e qua sono giorni che non smette di piovere.

Un ballottaggio… una lotta antica quanto l’essere umano. Una battaglia tra due forze opposte, la destra e la sinistra.

Il mondo che percepiamo fonda le sue leggi sulla dualità, non possiamo farci nulla, io personalmente ho cercato di uscire da questo dualismo da questo sistema ma come previsto mi è andata male.

E’ Matrix pensai.

Il giorno e la notte, il bene e il male, l’uomo e la donna, la sinistra e la destra, fascismo e comunismo… qua funziona così, il mondo funziona così.

E’ Maria ad iniziarmi verso il sistema elettorale Brasiliano.

La politica non fa per me, figuriamoci quella Brasiliana, ma Maria non poteva saperlo.

In linea di massima funziona così.

Ogni partito ha un numero che lo contraddistingue e la lotta politica Brasiliana vede due numeri emergere nel gran mare della democrazia numerica.

Il 13 e il 17, stranamente due numeri un po’ di merda.

Numeri ritenuti di malasorte, sfiga e cose simili almeno per qualche cultura.

La cosa non poteva finire bene, pensai.

Il tredici rappresenta il polo comunista e il diciassette quello fascista, uno la società l’altro l’individuo, uno il bene l’altro il male ma su quest’ultima divisione ci sono pareri discordanti ma non per Maria che sa bene da che lato votare.

La cabala ed altre correnti esoteriche fanno sommare i numeri per dare un’interpretazione a ciò che potrebbe accadere.

La numerologia per molti è qualcosa di serio, sicuro e affidabile, io non ho mai avuto un debole per la matematica e da quel poco che vedo nemmeno Maria.

Il calcolo è semplice si devono scomporre i numeri e sommarli tra loro.

Prendiamo ora i nostri numeri il 13 e il 17.

Quindi avremo 1+3+1+7… risultato 12.

I mesi dell’anno… dodici come il numero degli apostoli. Anche le fatiche di Ercole furono dodici,  coincidenza….non credo.

Non è finita qua, dobbiamo scomporre e sommare nuovamente e quindi il dodici diventa 1+2 uguale a 3.

Tre, numero perfetto legato alla trinità cristiana, anche l’induismo ha una sua trinità,  coincidenza… non credo.

Il 3 nel linguaggio esoterico, cabalistico, numerico ha il significato di armonia e perfezione associato al triangolo e all’equilibrio e per molti il suo pianeta guida è Giove.

Coincidenza… non credo.

Per quel poco che so, ho come la sensazione che tutta questa storia dei numeri della politica ce lo metteranno presto nel culo… coincidenza, non credo.

Maria che già si suda la vita a Parolin sogna un mondo diverso, lei è il numero 13.

Non credo a queste cose, non credo nemmeno nella democrazia se proprio vogliamo essere sinceri.

Tra l’altro il teorema di Arrow ha ampiamente spiegato il perché la democrazia sia impossibile.

Sinceramente parlando, Arrow, mi risulta un po’ complicato da spiegare, ma stiamo usando i numeri e quindi un teorema ci stava bene.

Il tredici porta male perché era il numero dei partecipanti dell’ultima cena ed uno di loro, nello specifico Gesù, morì  poco dopo.

Stranamente questo numero è legato a Lula attualmente detenuto per un reato di corruzione da scontare a Curitiba, la città dove vivo attualmente, con una pena di dodici anni di reclusione.

Il diciassette, porta male per innumerevoli ragioni e non solo perché è legato alla figura di Bolsonaro.

Tra le ragioni ce ne è una pitagorica che parla di quadrati e cose del genere, un’altra è di discendenza romana il XVII è l’anagramma di VIXI che significava ho vissuto quindi sono morto.

L’ultima ragione chiaramente è quella biblica, si pensa che il diluvio universale sia iniziato un giorno diciassette.

Bolsonaro è il 17 e sono giorni che a Curitiba piove di brutto.

Coincidenza…

Jair Bolsonaro ha vinto il primo turno elettivo, promette maggior sicurezza, è stato accoltellato allo stomaco di recente, era un militare, odia i negri, non gli piacciono i froci è un po’ maschilista ma nel complesso è una brava persona.

Maria con ´sta pioggia deve tamponare bene porte e finestre per evitare che l’acqua entri in casa.

Maria è nera, favelada, donna che ama altre donne.

Dio fa che Bolsonaro perda il secondo turno.

67 Commenti

  1. Massimo d’Alema invitato da Floris a “di martedì” ha raccontato di essere stato recentemente in Brasile e di aver incontrato Lula in carcere. Secondo il teorema che ha illustrato se nel secondo turno le forze di sinistra si presentassero unite Bolsonaro avrebbe poche possibilità di scamparla.

  2. D’Alema avrebbe ragione ma la sinistra Brasiliana è messa peggio della sinistra Italiana e poi dovrebbe pensare ad unire quella del Bel Paese. noi residenti in Brasile sappiamo nolto bene che le sinistre di qui sono come le fazioni a delinquere delle comunità …… si fanno la guerra per un pezzetto di territorio da controllare, altro che ragionare per unirsi, per fortuna.

  3. Andrea Ferri,

    non sò se tu viva in Brasile, ma per quella che è la mia esperienza non vedo trattamento diverso dalle altre persone per gay, lesbiche, ecc…qualche idiota cronico c’è dappertutto.

    Secondo me sono esplorati da alcune frange politiche in cerca di voti a tutti i costi che fingono di prenderseli a cuore.

    Che i Brasiliani in 10 giorni si siano trasformati in nazisti perché non votano chi piacerebbe a te si commenta da solo.

    Mi sembri prevenuto e pieno di rabbia autodistruttiva, i brasiliani sono persone migliori di quello che pensi tu.

    I Brasiliani si sono semplicemente stancati di essere assaltati da un’ associazione a delinquere e l’unica cosa che possono fare e votare affinché venga allontanata, tutto qua, non vedo nulla di strano, è la normale conseguenza a decadi di porcherie immonde.

    Il Brasile non è la Svizzera o il Lussemburgo, nemmeno l’Italia (dove chiunque governi fà pochissima differenza, forse nessuna) in questo momento ridurre il voto ad un capriccio o un interesse personale è un’ atto di egoismo e stupidità assoluta.

  4. @Antonio Oliviero alias Vivereinbrasile o chi per lui spero intervenga per bannare da questo blog chi usa frasi da troglodita razzista, specie chi nel 2018 si permette ancora di scrivere frasi incivili, inaudite e indecenti come “odio i froci” o “odio le lesbiche”. E non giriamo intorno alle parole perchè il “soprattutto” non esclude parte dei citati ed il fatto che il parassita bolsonaro usi frasi altrettanto spregievoli verso alcuni ritenuti diversi, grazie alla propria immunità politica, non autorizza nessuno a trascendere al suo livello di inciviltà.

    • Non si puo’ odiare qualcosa dal comino ad una categoria di persone liberamente, con il limite di non arrecare danno a chichessia, senza che un politicamente corretto un antifascista un vegano … voglia metterlo democraticamente a tacere?

    • solito intervento insipido del solito moralista che si indigna. nb: forse per la foga di chiedere la mia bannatura hai messo una “t” di troppo. calma e non indignarti troppo ….. rilassati e rileggi anche tu perchè nel mio post non c’è nessun giro di parole. tra le tante cose che odio ci sono il milan e la juve e odio le ipocresie perbeniste e napolitano. life is good. PS: noto che in Vivereinbrasile c’è una maggioranza di partecipanti che intervengono aggredendo e solo per mostrarsi e sono silenti quando c’è da aiutare qualcuno che ha bisogno; insomma ….. giocano a nascondino come i bambini. non sono il mio tipo. “fero sed semper lupus”!

      • @Undo se non capisci la differenza tra il dire “odio la juve” o “odio i froci” non è un mio problema.
        Dire “odio i froci” si che è una aggressione verbale ed un’offesa verso una categoria di persone “colpevoli” di essere diversi e, come tale, inconcepibile per tutte le persone dotate di educazione ed intelletto.
        Non puoi venire su un blog che parla di vivereinbrasile e uscirtene con frasi del genere sennò tra un pò dirai pure che odi i negri, dai su lascia perdere oppure cancella quello che hai scritto che ci fai più bella figura.
        Quando intervenire o meno, infine, lo decido io a mio piacimento se non ti disturba anche perchè, a differenza di te evidentemente, non ho tempo di passare le mie giornate a discettare su tutto su un blog pubblico.

  5. @Marcofalco, una domanda semplice semplice: perchè se uno (Lucio) scrive che sono un lobotomizzato e deficiente perchè voto Bolsonaro tu non intervieni? il tuo silenzio parla piu’ delle tue parole.

    • tu e villa 2 mesi fa avete dato dell’idiota a chi vota pt, ma io non me la sono presa. per puro caso io non voto non essendo naturalizzato, ma se votassi non voterei B. ma hai dato dell’idiota alla mia compagna, ai miei figli, ai miei suoceri, cognati e vicini di casa.
      e ora li hai pure accomunati ai parassiti e ai trafficanti e a me hai insinuato che non amo B perchè ho qualcosa da temere.
      inoltre villa da quel dì offende direttamente gente che qui scrive e mai sei intervenuto.
      ok, il blog e vostro e avete il monopolio dell’offesa… fate come vi pare.

      • falso. o sei fuori strada o sei un bugiardo. io credo che tu sia fuori strada su di me. ma quando mai ho dato dell’idiota a chi vota PT? ho sempre affermato che l’ideologia è il male che permea tanti soggetti sia di sinistra che di destra, questo si. per me le ideologie, che non sono divine ma umane, oggi sono scadute tutte e solo gli idioti gli corrono ancora dietro. io non ho mai parlato o commentato su come vota la tua famiglia, non mi permetterei mai e poi nemmeno sapevo che eri sposato. a conferma, recentemente ho scritto che anche se mi rinviene ed è senza programma ho votato e voterò Bolsonaro perchè votare il corrotto del PT che rappresenta i corrotti del PT mi rinviene ancora di piu’. così come ho votato per Salvini in Italia con Bolsonaro la mia visione è che entrambi NON hanno mai rubato. ha sgraffignato qualcosa il Salvini su ordine di Bossi oltre 10 anni fa mentre il Bolsonaro nessuno dico nessuno può accusarlo di aver messo in tasca nulla. insomma, anche se inesperti che hanno contro delle armate Potionky, riferendomi alla esperienza politica e governativa della sinistra, si fanno accusare senza reagire di nazifascismo quando invece non lo sono. infine, non è detto che vinca Bolsonaro in Brasile …… è ancora tutto da vedere. gentile Lucio, il lobotomizzato e deficiente Undo (me medesimo) ti da l’addio perchè non riesce a conversare liberamente e democraticamente con alcuni personaggi di questo blog, te compreso. so per esperienza che chi mette troppi puntini sulle i ed è pignolo è un egocentrico illiberale. ora vado a pescare …… addio, non ti mancherò. PS: Francesco Villa cosa centra con me? vallo a sapere.

  6. Se fosse un partito normale non vedrei nessun problema ma votare in questo tal di PT, oggi significa essere conniventi con un’ associazione a delinquere conclamata, una discarica di spazzatura non riciclabile.

    Chi lo fà è per interesse personale, ideologia idiota (per lo più inculcata nelle università statali), alienazione o imbecillità universale, propendo nella maggior parte dei casi per quest’ ultima opzione.

    Un “partito” comandato da dentro una prigione, con 2 buffoni commedianti per strada spendendo bilioni di reais per raccontare boiate immonde il giorno intero, vomitevole.

    La miglior cura per la democrazia è l’alternanza al potere, chi si autoproclama difensore della democrazia dovrebbe saperlo ed essere ben felice del cambiamento…invece non accetta assolutamente che qualcuno possa permettersi di occupare il loro posto.

    Qualsiasi episodio che purtroppo rappresenta la normalità di quello che è il Brasile, in questi giorni è usato strumentalmente nel tentativo di incolpare e demonizzare chi stà dall’altra parte, durante gli ultimi 4 anni nessuno se ne è interessato minimamente, tra 4 anni torneranno ad interessarsene…la definizione perfetta per questi elementi e per chi gli dà fiato è RIDICOLI.

    Questo tale Bolsonaro ha vinto le elezioni da molto tempo, per ora non sono riusciti ad ammazzarlo (con rammarico di moltissimi “democratici”), per chi legge da fuori e non lo sapesse, solitamente in Brasile durante il periodo elettorale uno dei principali rivali alla Presidenza della Repubblica o muore per incidente o viene ammazzato; questa volta è andata male.

    Con l’approssimarsi delle elezioni questo sito ha perso il suo fine ed è diventato una vetrina di propaganda politica di livello scrotale, probabilmente ha cambiato proprietà, gestione, oppure questi argomenti fanno più pubblico.

    Non è più interessante, vi saluto.

  7. Le ultime 3 righe sono fantastiche!
    Spero che non vinca B perche’ da quando e’ probabile vincitore il real e’ calato da 4.9 a 4.3 :-), condividendo il pensiero di Undo se vince e toglie un po’ di assaltanti dalle strade io son contento, per il resto che i brasilici facciano quel zacco che gli pare ragiono come loro..ta’ bom pra mim ta bom pra todos..
    av salut

  8. @MAURO. Ciao Mauro, ho già informato privatamente l’amico Antonio. Ti informo che ho deciso assentarmi a tempo indeterminato sia dal Blog che dal Forum di “Vivereinbrasile”. Desidero ringraziarti pubblicamente per la tua attività di Amministratore del Blog e per avermi ospitato.
    Tu sai delle decine di persone che volontariamente ho cercato di aiutare sia pubblicamente che privatamente su questioni fiscali, previdenziali, residenziali e di trasferimento soldi da Brasile a Italia e viceversa. Nessuna degli aiuti che mi ha visto partecipe è rimasto aperto. Tutto è stato chiuso. Ci fossero delle code, tu hai i miei recapiti e mi puoi riservatamente contattare senza problemi. Ancora grazie per l’ospitalità e buon tutto! Ate mais.

  9. A volte mi sembra di essere all’asilo.
    Ma vi rendete conto di quello che state facendo? Eppure non siete più ragazzini. Lo dico ai vostri alter ego: saporito, frufru, adrea ferri ma il discorso vale per tutti.
    Sapete che il vostro indirizzo ip vi traccia univocamente nel blog? Faccio finta di non vedere perchè spero che questo colpo di sole generale passi… ma che diavolo sta succedendo?
    Chiedo a tutti una riflessione e lo stesso faremo assieme ad Antonio. Forse è il caso di filtrare i commenti anche se valuterei l’ipotesi di disabilitarli definitivamente. Questo sito non è nato con lo scopo di sfogare le vostre frustrazioni, vuole essere uno spunto di riflessione e condivisione nel rispetto di tutti.
    E tutto questo per la politica? Io non ci riesco a credere…

    • mauro, ti dico la mia.
      la politica non è una baggianata, è una cosa importante e ci condiziona la vita nella pratica.
      io da 4 anni gestisco un blog e un forum (di sport, la mia professione). chi gestisce o modera deve leggersi tutti i commenti. ogni tanto capitano discussioni infervorate e anche qualche offesa, è fastidioso ma inevitabile, non se ne deve fare un dramma.
      in 4 anni ho bannato una sola persona e cancellato una decina di commenti su 70.000.
      io fossi in voi cancellerei i commenti che vi sembrano offensivi e buonanotte.

      • La politica mi piace, mi piace discuterne in modo civile confrontandosi e senza mai imporre le mie tesi al prossimo. Ho quasi 40 anni e non voto da 15. Non potrei mai vivere in Brasile dove il voto è un dovere e non un diritto. Mia moglie (brasiliana) ha tentato di rinnovare il passaporto 1 settimana fa e le è stato negato perchè non aveva la comprovante di voto al primo turno. Io lo trovo assurdo, a proprie spese avrebbe dovuto recarsi a Milano (sono 100 km) per votare in un paese in cui non vive più da 4 anni. Questo è un regime, questo è il vero terzo mondo e io non potrei mai vivere in un posto così.

        • 1) l’obbligo di voto è una norma che esiste in 23 nazioni al mondo, fra cui Australia, Argentina, Belgio, Grecia, Lussemburgo e Uruguay.
          in brasile la norma fu fatta dopo la dittatura per evitare che i signorotti manovrino chi va a votare e chi no. è ua difesa della fragile democrazia.

          2) “discutere in modo civile”: qui c’è qualcuno che da mesi parla di “imbecilli, criminali, vermetti rossi” riferendosi alla parte politica odiata e a chi la vota. lo stesso personaggio offende in continuazione i commentatori del blog per qualsiasi motivo.

          3) “imporre le tesi al prossimo”: ci sono delle cose che non sono tesi. se uno ti dice che il sole sorge ad ovest ed è quadrato, verde a pallini rossi, è una tesi? ok, in democrazia il tizio è libero di dire sta “tesi”… ma allora io sono libero di dire la tesi che ha qualche problema psichiatrico.
          non tutto è opinabile, molte cose sono oggettivamente comprovabili.
          così se un abitante di rio o s.paulo vota il partito X perchè ci sono le sparatorie (attribuendole al partito Y), mentre è comprovabile che 20 o 30 anni fa (prima della gestione del partito Y) di sparatorie ce n’erano il quadruplo, o ignora per pigrizia (ma allora è meglio che si astenga), o mente coscientemente o ha problemi mentali.
          oppure, se qualcuno dice che il debito pubblico è colpa del politico Y mentre è comprovabile che lo stesso politico Y l’ha abbassato dal 80 al 50% del pil, quel qualcuno o ignora per pigrizia (ma allora è meglio che si astenga), o mente coscientemente o ha problemi mentali.
          siccome io sono uno informato sui temi economici e antropologici, qui negli ultimi mesi mi sono preso la briga di sbugiardare UNA PER UNA le decine di bufale che ho letto da parte di commentatori, che poi sono le stesse bufale veicolate da 5 anni da tutti i media e da alcune entità politiche.

          “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità” (j.goebbels)

      • La mia scelta di non votare è dovuta alla consapevolezza che non esiste un solo caso nella storia dove un singolo voto ha fatto la differenza. Il mio voto per me non vale nulla e quindi non spreco nemmeno il mio tempo. So che può essere un atteggiamento superficiale ma è la mia scelta e chiedo al prossimo di rispettarla.

        • io non voto dal 1984, ma per motivi diversi dai tuoi. ho le mie opinioni ma ogni partito ha delle posizioni che non mi piacciono.
          ma se votassi per il brasile, quest’anno avrei votato, perchè ritengo la situazione molto grave.

          • perchè in Italia e/o in Europa non è grave forse??on votare significa lasciar decidere agli altri del proprio destino ovunque si viva per cui è sempre sbagliato a mio avviso. Anche io in passato non ho votato per un certo numero di anni ma poi ho visto che non votando non risolvo nulla peggio che votando e, soprattutto, credo che chi non vora poi non abbia neppure il diritto di lamentarsi per cio che non va perchè non ha fatto quanto in suo potere per cambiare le cose.

        • io ho sempre votato sia in Italia che in Brasile. ritengo il voto l’unico momento democratico vero dove i singoli possono esprimersi. quando ho votato (e quando voterò) l’ho sempre fatto pensando al mio futuro, alla mia libertà ed al futuro ed alla libertà di tutte e di tutti, sopratutto dei giovani. ognuno però è libero di non votare anche se in Brasile ed in altri Paesi anche Europei è un dovere e devi giustificare se non lo adempi.

          • Non votare e’ come dire; decidete voi che ha me sta’ bene tutto
            A mio avviso se non si vuole esprimere una scelta e’ meglio annullare la scheda

    • politica a parte io non credo che si possano lasciar passare frasi razziste e assurde come “odio i froci e le lesbiche” come ha scritto qualcuno qui sopra e, sono certo, che Antonio non le avrebbe mai lasciate passare bannandole, come spesso ha fatto in passato quando qualcuno ha trasceso con le parole.

  10. Ora vorrei puntualizzare una cosa: le minacce di segnalazione alla polizia postale tema che periodicamente si dibatte.
    Il discorso non mi sfiora minimamente perchè conosco l’iter di queste casistiche: la polizia postale ci contatta noi diamo il log contenente l’ip del commento incriminato e a questo punto si cancella il commento su richiesta della polizia postale stessa. A noi va la gratitudine della polizia postale e all’imbecille di turno le grane.

  11. propaganda tv di B: “siete bruttikattywy komunysty perchè commerciate con dittature komunyste come il venezzzzuela!!!”.

    da un sito a caso:
    “The top export destinations of Venezuela are the United States ($10.3B), China ($4.9B), India ($4.47B), Switzerland ($2.92B) and Singapore ($1.03B). The top import origins are the United States ($5.06B), China ($2.52B), Brazil ($1.28B), Argentina ($706M) and Colombia ($613M).”

    https://atlas.media.mit.edu/en/profile/country/ven/

    usa, svizzera, singapore, colombia… paesi notoriamente comunisti.
    PAGLIACCI.

    • “Undo, non ne azzecchi una…” Lucio, sei stomachevole nel tuo continuo rimpallare mie affermazioni. Tu credi alle favole Brasiliane. Lasciami perdere, dimenticami ho già tolto il disturbo dal blog, non hai letto. Sicuramente io non ti mancherò. Ora scegline un altro al quale puntualizzare continuamente le tue teorie da superuomo. Leggi se ti riesce:
      http://www.ipsnotizie.it/print.php?idnews=187

      • e certo, quando i dati non piacciono sono “favole”, è vecchia.
        cioè, mi rispondi con un articolo scritto in italia, del 2004 e riguardante solo gli adolescenti… tra l’altro è riconosciuto sia da me che dal ministero che nel 2004 era ancora in crescita.
        ti dimenticherò quando la farai finita di sparare bufale a cervello bolsonarizzato.

    • …le ragazze del 2004 ora o sono morte di AIDS ho hanno contagiato e contagiano milioni di uomini e, in parte, hanno generato figli/figlie con l’HIV. Il 2018 c’entra come il cavolo a merenda.

  12. Mauro,

    il sito si chiama “Vivere in Brasile” ma dá quello che ho capito sia Tu che Antônio vivete in Itália… é una presa per il culo per chi legge, un mínimo di serietà per piacere… tô fora !!

  13. mauro,
    è un ottimo blog, una ricchezza culturale e storica sia negli articoli che nei commenti.
    non importa se tu o antonio vivete in italia, in brasile ci avete vissuto e ci vivono la maggior parte dei commentatori che coi loro commenti collaborano alla conoscenza di questo paese quanto i redattori di articoli.
    e approvo anche i nuovi redattori che raccontano degli “sfigati”, perchè il brasile non è solo i quartieri fighi degli italiani che guadagnano 10.000 al mese, anzi, questi sono il 10% del brasile.

      • Mauro, non è un consiglio è un mio pensiero …… maggiore prudenza nel gratificare Lucio. E’ capace da solo di automotivarsi. La tua gratificazione verrà intesa da buona parte dei partecipanti del blog come un apprezzamento al pensiero politico che Lucio continuamente esprime. Se però vuoi che una certa ideologia politica politica prenda possesso del blog, sei assolutamente libero di farlo. Ciao.

    • Lucio, al solito non leggi e chiaramente sei prevenuto con me. Ti ho chiesto di piantarla con questo stomachevole comportamento…… ma tu imperterrito continui. Stai offendendo la tua intelligenza. NEL MIO INTERVENTO HO PRECISATO CHE PER “SFIGATI” INTENDEVO “SFORTUNATI”. Tu che sei precisino, VATTI A VERIFICARE IL SINONIMO DI SFIGATO. Riguardo al blog “vivereinbrasile” a me non importava che Mauro ed Antonio vivessero in Italia,a me che importava che il blog non fosse mai stato attualizzato tenuto conto che il Brasile “NON E’ PIU’ ATTRATTIVO” e il blog “vivereinbrasile” è continuato come se nulla fosse accaduto in questo grande Paese. Anzi gli è stato concesso di prendere una deriva di mala politica (“pagliacci” a chi vota Bolsonaro non è una affermazione democratica è una offesa alla democrazia ed al voto maggioritario del Popolo che va sempre rispettato a meno che o si scenda in politica oppure si fa guerra alla maggioranza, Cesare Battisti docet) … quindi di male in peggio. A me non sta piu’ bene e lo ho già dichiarato e scritto varie volte con l’intento di aiutare il blog “vivereinbrasile” dal quale ho deciso di assentarmi a tempo indeterminato.

      • ma falla finita, sei tu e qualche altro che da anni avete deragliato in senso politico, con particolare recrudescenza offensiva negli ultimi mesi.. io semplicemente rintuzzo puntualmente le vostre bufale.
        e piantala pure di calunniare, non ho nessuna ideologia politica, te l’ho pure detto (eppure pesce ne mangi) che in italia appoggio idealmente i gialloverdi (con riserva, sia chiaro).
        certamente non voterei mai gli schiavisti, amanti delle dittature, dei torturatori e dei militari macellai. ma questo mio sentimento è comune a tutte le ideologie meno una.
        da quando hai assunto certi atteggiamenti dei bolsonarici (chi non la pensa come voi ha qualcosa da temere, colluso con trafficanti e banditi) mi sei irreparabilmente scaduto.
        p.s. “pagliacci” mi riferivo a chi coordina la propaganda bolsonarica. chi se la beve è solo “diversamente realista”.

  14. dici cose false, da sempre spruzzi politica in ogni tuo intervento e sei stomachevole. ora hai il blog tutto per te e pochissimi altri. puoi liberamente innestare il tuo seme e dare l’acqua, tanta acqua per far tornare “vivereinbrasile” agli allori di qualche tempo fa. comunque buona fortuna e, se ce la farai, cerca di essere imparziale. ciao bello, ciao. La verità è che io ti sono scaduto perchè ho scritto che voto Bolsonaro e le tue reazioni sono state eccessive. Lucio non hai bisogno di rispondere perchè non mi leggerai piu’, tranquillo. Non me ne vado dal blog solo per te, ti avrei retto trascurandoti come purtroppo non ho fatto dall’inizio perchè mi sembravi una persona con sale in testa. Me ne vado perchè “vivereinbrasile” ha perso diverse occasioni per rimettersi in discussione ed aggiornarsi ….. il Brasile NON è piu’ attrattivo. Ne ne vado anche perchè partecipare ad un blog che esibisce “sfigati” (sfortunati) e si discute come se si fosse in Centri Sociali di sinistra …. non è per me. Di nuovo ciao. Silendo libertatem servo.

    • Basta leggere il primo dei commenti, poi cercare su google dove conferma la data del ..manifesto contro la censura.. e senpre su google la data di nascita di Mourao…

        • si, fu torturato da un 16enne! Tu credi alle favole che ti convengono, patetico. Lucio, vergognati nel pubblicare notizie false e non chiedere scusa per averlo fatto. p.s. io ho già deciso di andarmene ma me ne andrò quando smetterai di raccontare bugie. Vuoi farti bello con le bugie, vero?

          • tu hai pubblicato finora decine di bugie e pure pesanti calunnie nei miei confronti e nei confronti di chi non vota come te.
            chiedere scusa a chi? ai vermetti neri travestiti da liberali? tu hai mai chiesto scusa dopo le decine di cazzate che hai scritto che io ti ho provato false? ti devo rifare l’elenco visto che hai penuria di fosforo?

            una curiosità… perchè ti fanno tanto schifo gli “sfigati” e i racconti che ne parlano? nella letteratura e nel cinema s’è sempre parlato degli sfigati: dickens, hugo, verga, “easy rider”, “un uomo da marciapiede” e tanto altro…

          • Lucio, come al solito ripeti un paradigma che non regge …. tu sei un travestito da economista e da moderato perchè sei un bugiardo falso, io no. Sfigato è nel linguaggio comune per identificare sfortunato……non capisci? a me non interessa se non capisci. intanto ti tallono finchè menti. quando smetterai di raccontare falsità io smetterò. questo lo capisci? spero di si per il bene del blog.

          • undo,
            allora non è il fosforo, è proprio arteriosclerosi! guarda cosa hai scritto ieri: “Me ne vado anche perchè partecipare ad un blog che esibisce “sfigati” (sfortunati)”

            i lettori cosa deducono???

          • i lettori deducono quello che capiscono ed io ho fiducia in loro, non come te che vuoi sempre emergere costi quello che costi anche raccontando balle. vergognati. forse avrò l’arteriosclerosi ma sono lucido ed onesto sia con me stesso che con gli altri. sei patetico e sfigato.

  15. I “difensori della democrazia” non accettano assolutamente che qualcun’ altro possa prendere il loro posto, inventano di tutto, ciechi di rabbia arrivano al punto di non ragionare più e prendersi per il culo tra di loro.

    Conoscendo questi elementi con la scusa della “democrazia” del “fascismo”, della “dittatura” e altre cazzate varie non sono da escludere manifestazioni violente nei prossimi giorni…

    Come già detto la definizione perfetta è RIDICOLI.

    • Le maggiori stragi sono state fatta de credenti, non mi meraviglio che facilmente abbiano preparato un individuo per tentere di uccidere B.
      Sono stato testimone tempo fa’di questo: piazza principale di capoluogo di provincia, arriva corteo di Forza Nuova ca 50 pp con striscioni antiimmigrazione, polizia antisommossa con scudi a proteggerli da altrettanti individui ..fantasiados..da centro sociale immigrati bandiere arcobaleno che volevano aggredirli (qualcunoi c’e’ riuscito trascinato via dai poliziotti)
      I democratici antifascisti che volevano picchiare i fascisti perche’ di idee opposte alle loro!
      Ragionare coi trinariciuti non e’ difficile e’ impossibile
      Sono spaventato per i Brasiliani che possa andare al governo uno che ha come vice una che si dichiara comunista

    • Se vince B17 ci metteremo il giubbotto antiproiettile (che gia’ ci vuole) se vince Haddad ci porteremo la carta igienica dall’ Italia 🙂 Amen

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here