Home Racconti da Rio de Janeiro Michele da Padova

Michele da Padova

6

Si chiama Michele Muffato, ha 34 anni, è di Padova.

Ha lavorato per dieci anni in un’azienda di import export, si occupava dell’amministrazione necessaria al commercio in Italia di prodotti cinesi quali candele, fiori di plastica, vasi e oggettistica varia. Guadagnava bene, circa 4mila euro al mese.

Fin dall’adolescenza ha giocato a calcio in squadre locali, è stato convocato nella nazionale dilettanti.

A ventuno anni è stato operato di un tumore maligno al testicolo, è stato fermo parecchio e ha smesso di giocare.

Aveva problemi in casa e fuori per gli eccessi in discoteca con marijuana e cocaina.

La prima luce fuori dal tunnel l’ha vista quando ha conosciuto la futura moglie brasiliana, in Italia, a Padova. Michele ha pensato alla classica storia estiva e invece… Si sono sposati nel maggio 2012 e hanno viaggiato in Brasile per qualche mese. Al ritorno lui ha deciso di cambiare vita, si è licenziato, è partito di nuovo, questa volta per restare.

L’avventura è iniziata a João Pessoa con un amico col quale in Italia aveva condiviso il calcio e le pasticche in discoteca. Hanno aperto una pizzeria e le cose sono andate male. Michele però è rimasto stregato dal nord est, ha conosciuto due siciliani e ha lavorato per loro come gestore di un ristorante enorme, in riva al mare. Era difficile perché i proprietari volevano qualcuno con il polso duro (c’erano camerieri che arrivavano con due ore di ritardo), lui invece divenne amico un po’ di tutti. I giovani del Nord Est hanno il loro stile di vita, lo seguono alla perfezione e il lavoro non è l’elemento più importante. Nei ristoranti i ragazzi sono abituati a faticare poco, dopo sei mesi chiedono la rescissione del contratto, se non gli viene concessa intentano un processo.

I proprietari comunque in sei mesi hanno fallito. Uno dei soci è scappato ed è tuttora irreperibile, l’altro è in Germania (è probabile che il ristorante fosse solo una facciata per il riciclaggio). Prima di pensare alla fuga, i siciliani avevano messo in vendita la loro attività ma i possibili compratori hanno capito la situazione e hanno desistito. Un giorno Michele si è presentato allo stabile, c’erano i ragazzi fuori ma era chiuso e nessuno sapeva che le attività erano cessate. Dopo tre giorni è arrivato un messaggio da uno dei due soci che diceva che il collega era scappato. Il fuggitivo ha un figlio brasiliano di 20 anni e l’ha abbandonato, quello ha cominciato a dormire nel locale del padre; oggi è un consumatore di crack. Pare che il genitore fosse coinvolto nel traffico di cocaina a Natal (è attualmente ricercato dalla polizia). L’altro socio ha mandato un secondo messaggio che recitava: “Non sappiamo come pagarvi, se li volete abbiamo 4 freezer pieni di cibo”.

Michele ha preso 50 aragoste.

In casa non aveva spazio, non sapeva dove tenerle, allora ha chiamato l’amico della prima pizzeria e insieme qualcuna ne hanno venduta. Le altre se le sono mangiate.

Gli altri dipendenti hanno litigato per i monitor, le televisioni, per il cibo. Si sono portati via anche i tavoli e le sedie.

Michele (biondo, occhi azzurri) è andato così a vivere insieme alla moglie a Campinas, città natale di lei. La moglie è evangelica e lo è diventato anche lui, si è convertito nel maggio 2014 nella chiesa del Nazareno. Non si droga più dal marzo 2014. Gli amici e i parenti in Italia pensavano che in Brasile si sarebbe perso e lui invece si è ritrovato. L’ultima sbronza l’ha presa al compleanno del nipote della moglie, ci ha litigato, si sono dati calci, pugni, si sono accapigliati. Quando ha capito che avrebbe rovinato il matrimonio e i rapporti con la famiglia di lei, ha deciso di smettere, per sempre. E di dedicarsi al volontariato.

Oggi si occupa di un bellissimo progetto legato al calcio nella favela Parque Oziel di Campinas,  territorio di circa 35mila anime.

Quando è entrato in favela si è sentito a casa e ha intravisto la possibilità di fare qualcosa per gli altri che desse un senso a quella corsa verso la morte che pare la vita.

I ragazzi dell’under 12 e under 18 si allenano tre volte alla settimana; mentre giocano con Michele, i narcotrafficanti curiosi li osservano e l’italiano osserva gli acquirenti nella Boca de Fumo: c’è gente di ogni tipo, dai fumatori di crack senza denti ai business man in giacca e cravatta.

L’italiano gestisce anche la palestra di un condominio di lusso e così tutti i giorni entra ed esce da ambienti contrastanti.

“E’ il mondo migliore per conoscere il Brasile” dice “lasciare che le differenze sociali, di classe e di infrastrutture ci impressionino e ci obblighino a stare attenti, vigili.

Ti voglio parlare di un fatto legato alle partite di calcio e al recupero dalle droghe: i nostri ragazzi vengono da quel mondo lì.

Alla terza giornata di campionato l’arbitro ci ha rubato la partita. Abbiamo subito due gol in fuorigioco negli ultimi cinque minuti e i miei ragazzi hanno sclerato. Cleiton, uno dei migliori, ha minacciato l’arbitro di morte così la ONG evangelica che ci sponsorizzava ha deciso di ritirare la squadra dal campionato. Ed è già successo che ci fossero delle sparatorie durante le partite. Adesso sopravviviamo con pochissimi aiuti economici anche se l’attività che svolgiamo è fondamentale. E’ grazie agli allenamenti e allo spirito di gruppo che molti di loro sono riusciti a non avere ricadute.

Alcuni tenteranno la carriera, io vorrei portarne uno in Italia a fare un provino. E’ un ragazzo con un fisico pazzesco tipo Boateng, quello del Sassuolo. Ed ha un ottimo tocco di palla, corre e fatica senza lamentarsi, insegue gli attaccanti avversari, sa costruire il gioco, sa finalizzare…

Pensa che  mio fratello, che è diverso da me e fa parte dei circoli di estrema destra di Padova, mi è venuto a trovare credendo che mi avrebbe visto male, invischiato in brutti giri, invece anche a lui è piaciuta la favela e quando si è reso conto della squadretta e dell’attività agonistica di recupero che ho creato, ha subito telefonato alla mamma. Lei poi vedendo le foto si è commossa e ora, quando le dico che in Brasile c’è la crisi e io e mia moglie stiamo pensando di tornare in Italia, avvisa “No, rimani lì che stai bene!”.

Ha paura di una ricaduta.

Io però a Campinas già sono stato derubato, mi hanno preso la macchina, erano in tre, erano armati…

Ed è successo anche a mia moglie.

Per questo all’Italia ci stiamo facendo un pensierino…

L’appello che rivolgo è per i miei ragazzi che sono già una quarantina. Stiamo mantenendo in piedi il progetto grazie alle donazioni di privati e all’aiuto di pochi familiari. Vorremmo continuare e fare in modo che lo sport contribuisca alla salvezza di questi giovani. E se, tra gli italiani all’ascolto, c’è qualcuno che può aiutare Claiton con un provino in una squadra… Ne vale la pena, contattatemi che vi mando i video e vi mostro di che è capace!”.

Contatti: 0055 19 984334500

                 0055 19 981890672

6 Commenti

    • Si confermo, a Joao Pessoa sono già alcuni mesi che gira il volantino x le iscrizioni, ma essendo un ” gobbo ” mio figlio va a quella del Flamengo ( anche se è rossonero ) ….
      Enrico da Jampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.