Home burocrazia Nasce il visto per investimento immobiliare

Nasce il visto per investimento immobiliare

56

Erano anni che si attendeva una risoluzione come questa e finalmente  è arrivata . Certo l’importo richiesto per l’investimento non è da tutti ma il cambio favorevole aiuta .

La risoluzione è andata in vigore il 21 Novembre 2018 .In basso è riportato il testo integrale così come dal Diario Oficial da Uniao

http://pesquisa.in.gov.br/imprensa/jsp/visualiza/index.jsp?jornal=515&pagina=162&data=21/11/2018

CONSELHO NACIONAL DE IMIGRAÇÃO
RESOLUÇÃO NORMATIVA Nº 36, DE 9 DE OUTUBRO DE 2018

Disciplina a concessão de autorização de residência
em decorrência de investimento imobiliário no Brasil.
O CONSELHO NACIONAL DE IMIGRAÇÃO, integrante da estrutura básica do ministério do Trabalho e no exercício da competência de formular a política de imigração laboral, na forma disposta na Lei nº 13.502, de 01 de novembro de 2017, e no uso das atribuições que lhe confere o Decreto nº 840, de 22 de junho de 1993 e o Decreto nº 9.199, de 20 de novembro de 2017, resolve:

Art.1º O Ministério do Trabalho poderá conceder autorização de residência, nos termos do art. 35 da Lei nº 13.445, de 24 de maio de 2017, e dos art. 42 e 151, caput, do Decreto nº 9.199, de 2017, à pessoa física que pretenda, com recursos próprios de
origem externa, realizar investimento imobiliário no Brasil com potencial para geração de empregos ou de renda no País.

Art. 2º A concessão de autorização de residência para investimento imobiliário fica condicionada à aquisição de bens imóveis, localizado em área urbana, em montante igual ou superior a R$ 1.000.000,00 (um milhão de reais) podendo ser:
a) aquisição de bens imóveis construídos; ou
b) aquisição de bens imóveis em construção.
§ 1º O valor mínimo do investimento poderá ser inferior até 30% do total disposto no caput deste artigo, quando se tratar de aquisição de imóveis nas regiões Norte e  Nordeste do País.
§ 2º O interessado poderá comprovar o investimento imobiliário, previsto nesta Resolução, mediante a aquisição de mais de um imóvel como proprietário, desde que a soma de todos os imóveis corresponda ao montante disposto no caput ou no § 1º desde
artigo.

Art. 3º O pedido de autorização de residência prévia, para fins de concessão do visto temporário, será analisado pelo Ministério do Trabalho, mediante a apresentação dos seguintes documentos:
I – quando se tratar do disposto na alínea “a” do art. 2º:
a) Registro Geral do Imóvel, atestando a propriedade do bem imóvel do investidor, livre de ônus ou encargos; e
b) declaração de instituição de crédito autorizada ou registrada em território nacional junto ao Banco Central do Brasil, atestando a transferência internacional de capital para a aquisição dos bens imóveis no valor definido no caput do art. 2º, ressalvando-se o disposto no § 1º do art. 2º.
II – quando se tratar do disposto na alínea “b” do art. 2º:
a) Contrato de Promessa de Compra e Venda do imóvel, devidamente registrado;
b) declaração de instituição de crédito autorizada ou registrada em território nacional junto ao Banco Central do Brasil, atestando a transferência internacional de capital para aquisição dos bens imóveis ou para o pagamento, a título de sinal no Contrato
de Promessa de Compra e Venda, de valor definido no caput do art. 2º, ressalvando-se o disposto no § 1º do art. 2º;
c) Alvará de Construção expedido nos termos da legislação brasileira; ed) Memorial de Incorporação devidamente registrado.
III – outros documentos previstos na Resolução Normativa nº 01, de 2017, do Conselho Nacional de Imigração (CNIg).
§ 1º Poderá ser admitido o regime de copropriedade, desde que cada interessado coproprietário tenha investido o valor definido no caput do art. 2º, ressalvando-se o disposto no § 1º do art. 2º.
§ 2º O valor do investimento imobiliário poderá ser objeto de financiamento na parte que exceder o montante de R$ 1.000.000,00 (um milhão de reais), ressalvando-se o
disposto no § 1º do art. 2º.
§ 3º Sempre que entender cabível, o Ministério do Trabalho realizará diligências in loco para verificar a realização do investimento.
§ 4º O prazo da residência prevista no caput será de 02 (dois) anos.

Art. 4º Ao interessado que esteja no território nacional, poderá ser concedida autorização de residência pelo Ministério do Trabalho, nos termos do art. 151, caput, do Decreto nº 9.199, de 2017, desde que apresentados os documentos previstos no art.
3º.
Parágrafo único. O prazo da residência prevista no caput será de 02 (dois) anos.

Art. 5º O investidor imobiliário deverá permanecer no território nacional por, no mínimo, 30 (trinta) dias durante o prazo concedido na autorização de residência, contados a partir do registro junto à Polícia Federal.

Art. 6º A renovação do prazo inicial de residência, por período de até 02 (dois) anos e a posterior alteração do prazo de residência, para prazo indeterminado, observará ao disposto na Resolução Normativa nº 30, de 12 de junho de 2018, do CNIg.

Art. 7º Esta Resolução Normativa entra em vigor na data de sua publicação.

HUGO MEDEIROS GALLO DA SILVA
Presidente do Conselho

56 Commenti

  1. Salve ringrazio tutti per il contributo e il fantastico blog. Vorrei porvi un quesito. Prox ottobre vorrei recarmi in brasile per fermarmi piu’ dei fatidici 90gg. diciamo 6 mesi. Considerato che non ho voglia di fare 3 mesi di overstay con conseguenze penali o civili( multa da 9000 reais all’uscita) stavo valutando una richiesta di visto temporaneo. Fra i vari visti mi pare che quello meno problematico sia il visto per studente.( diciamo che ne farei a meno pero’ tutto sommato non mi dispiacerebbe affatto frequentare una scuola di lingue per apprendere il portoghese anche 2/3 ore al giorno). Il consolato di Milano mi dice fra i vari documenti serve :
    Documentazione attestante la debita registrazione del corso che si intende frequentare presso il Ministero di Educazione brasiliano (MEC).
    Sono esenti della presentazione di questa documentazione i candidati che frequenteranno corsi presso le Università Pubbliche brasiliane. Il suddetto documento dovrà essere fornito dall’Università brasiliana. il visto di studio è concesso soltanto per la frequenza a corsi di laurea, post-laurea e tecnici superiori (inclusi i corsi di lingua portoghese), riconosciuti dal Ministero di Educazione brasiliano (MEC).
    Qualcuno ha idea dove posso trovare un’elenco degli istituti riconosciuti dal MEC???? ho chiesto al consolato non ho avuto risposta in merito e anche spulciando su internet non ho trovato nulla.
    Alternative al visto di studio???? qualcuno ha suggerimenti ??? mi e’ stato detto da un’amico di uscire prima della scadenza dei 3 mesi in argentina o uruguay per una settimana facendosi timbrare il passaporto sperando poi al rientro che il doganiere non si accorga che avevo gia’ fatto 3 mesi !!! certo tutto si puo’ ma a me sembra molto rischioso anche perche’ a quel punto se ti scoprono manco ti fanno entrare ….ringrazio tutti

    • Io ho domandato a questa università in brasilia alla quale mi ha risposto dicendomi che l’iscrizione si fa a vista e dopo chiedere il prolungamento del visto al distretto federale. Ricordati di fare il corso celpe e non un corso qualsiasi portoghese, da noi esistono le scuole pubbliche , da loro si chiamano università.. affidati alle università . http://neppe.unb.br/br/

      • grazie sei stato gentilissmo. il punto e’ …tutti i documenti richiesti poi dalla polizia federale come faccio a procurarmeli?? tipo certificato penale carichi pendenti,stato di famiglia ecc se sono li?? o mi conviene prepararli prima e portarmeli dietro questa puo’ essere la soluzione….grazie ancora

    • Questa è la risposta che mi ha dato questa università: Prezado, bom dia!

      Não é possível registrar no curso estando no exterior. Para se registrar no curso o aluno tem que estar no território brasileiro com um visto valido.

      Pode ser qualquer visto, inclusive o de turismo. O senhor pode solicitar um visto de visitante também na embaixada do Brasil.

      Atenciosamente,

      • a sto punto mi conviene mandare una email alle universita’ che bene o male potrei scegliere e sentire cosa dicono. cosa intendi per corso celpe??? grazie ho capito bene conti di trasferirti a Brasilia??? ho conosciuto a Rio il mese scorso una ragazza di Brasilia diceva ,al contrario di quello che ho sentito spesso, che e’ una ottima citta per viverci. io non sono mai stato pensavo di farci una settimana al prox viaggio

        • Il corso Celpe è l’unico corso certificato per imparare la lingua portoghese e sono elencate tutte le università in brasile che lo possono effettuare,io ho trovato un file .pdf su google ,ma quì non si può inserire il file, cerca ingoogle Celpe -Bras ; io sono pronto a trasferirmi in brasilia, sono stato 39 giorni e ci ripartirò a fine aprile.. come in tutte le città dovrai informarti i quartiri a rischio di sicurezza ecc. Pro e contro. Vorrei far riconoscere il mio diploma come perito commerciale e programmatore. Fai bene espatriare quando si ha la possibilita, italia è scesa di brutto …

          • ho provato in tutti i modi sto file con la lista delle universita’ Celpe in brasile non mi esce.posta il link se riesci. grazie ancora

  2. Ok ,grazie a tutti , nella vita bisogna essere sempre con gli occhi aperti, io dopo 8 anni di fidanzamento mi sono lasciato ,non credo nell’amore eterno , mi è piaciuta brasilia in tutto. Lei ripeto ha un lavoro fisso nella guardia carcerata, non penso proprio che fa,parte delke donne truffatrici ..avrò sempre gli occhi aperti sempre.mi indicate la zona dove si può acquistare casa rapporto qualità prezzo? Io voglio investire in brasile in immobile e impresa come discografico o bar pasticceria. Di chi si può fidare? Gli avvocati italiani in brasilia come li trovo? Grazie

    • Testa anche il popolo con cui avrai a che fare, su 10 persone 9 .nao prestam, avrai a che fare con una marea di caxxoni oltre l immaginabile

      • stessa mano dell’italia…speriamo che mi capiterà qualcosa buona in mano…oppure come detto nei post,mi metto qualcosa improprio..

    • Non si sposa dopo 40 giorni, si sposa in agosto e stiamo ancora in marzo, lol! Dal tono del messaggio si capisce che il momento in cui ha conosciuto la sua attuale fidanzata non è adesso, quindi si conoscono (attualmente) da ben più di 40 giorni. Anzichè impelagarsi in una convivenza, è bene che gexcube inizi ad avere consapevolezza della burocrazia che dovrà affrontare per ottenere l’oramai visto temporaneo (cioè la trentina di documenti con tanto di tasse da pagare che dovrà consegnare alle autorità di dovere) e contemporaneamente in che può lavorare, dato che non ha una laurea. Da turista ovviamente non si lavora e senza visto per ricongiungimento familare tanto quanto. Non certo lavoro subordinato, se non ha il visto e non è sposato (ci vanno entrambe queste condizioni per ottenere un lavoro subordinato senza che il datore di lavoro venga questionato dalle autorità del perchè non ha impiegato un brasiliano oppure un residente privilegiato, cioè chi gode di entrambe le condizioni sopra esposte). Se ottenuto il visto temporaneo potrà frequentare uno dei tanti cursos técnicos è di questi tempi un’ottima opzione per inserirsi nel mondo del lavoro brasiliano senza che il datore di lavoro, dati i tempi che corrono, gli chieda poi di presentare master, dottoratie posdottorati (va da sè che per frequentare questi corsi tecnici bisogna presentare il diploma convalidato e riconosciuto e anche sapere quale area tecnica ha il mercato aperto a Brasilia). Poi è consigliabile che conosca la famiglia d’origine della fidanzata e sincerarsi sui rapporti che reggono i familiari. Dovesse essere (spero vivamente di no, non conoscendo le persone in questione non mi posso certo pronunciare) una di quelle famiglie in cui ci saranno cognati con tanto di coniuge e prole al seguito “encostados” (cioè i timori che hanno senz’altro fatto accennare a Carmine del rimanere in mutande), se la fidanzata non è minimamente intenzionata a farsene carico una volta sposata, non è un problema lo sposarla. Vedere quali sono le intenzioni delle parti. Non dico che non si debba fare una spesa al familiare che sfortunatamente ha perso il lavoro per colpa della crisi e ci mancherebbe, diverso è se dovrà poi pagare 7/8 affitti al mese. Innsomma, alla fine è tutta questione di buon senso e spero che gexcube non si spaventi e non si allarmi, se le cose possono essere fatte bene sin dall’inizio si può sposare tranquillamente. .

      • Grazie . Avrò occhi molto aperti e con distrezza le farò le domande per capire la situazione più profonda del solito, spero che qualcuno mi indirizzerebbe in quale zona poter affittare qualità e prezzo buona . Di nuovo grazie

        • X Gexcube

          forse mi sono perso il commento dove specifichi di quale zona del Brasile stai parlando quando parli di acquistare casa ( Stato e municipio ).Mi sembra strano che la tua futura moglie non abbia già una idea di dove vivere visto che è brasiliana . Comunque data la vastità del territorio puoi iniziare ad avere una idea dei prezzi per stato e municipio consultando il sito olx.com.br alla sezione immobili . La qualità media degli immobili è inferiore a quella a cui sei abituato in Italia , lo stesso vale per mobili ed elettrodomestici . Se non sei troppo perfezionista ci si può accontentare . Valuta innanzitutto se intendi abitare in casa ( villetta in Italia ) o in appartamento . Privilegia sempre la sicurezza alla bellezza .Attenzione ai valori della tassa condominiale nel caso degli appartamenti . Buona fortuna .

          • grazie. Io sono in cerca per acquisto di una casa , lei ha una casa in affitto. Voglio ascoltare il consigliobdi una persona che ha scritto quì in chat di vivere per mesi ,per conto mio. Volevo un vostro consiglio ..se sai qualche italiano che vive da molti anni in brasile e un buon avvocato italiani in brasilia.. sarò felice di saperlo..è interessante le informazioni che state rilasciando.

          • gexcube,
            vai a vivere nella di lei casa in affitto, dammi retta. offrile al massimo di dividere le spese.

      • Giusto Nina, se e’ possibile, le cose vanno fatte bene sin all’inizio, perche’ dopo, puo’ essere troppo tardi per riparare!!
        Buon senso e’ la parola d’ordine!!

        Carmine.

  3. salve a tutti, io sono stato in Brasilia per 40 giorni e ci sto ritornando con l’idea di rimanerci,ho conosciuto una donna lavoratrice e non donne in cerca di altre cose,fiero di sposarla ad agosto,detto questo ,vorrei gentilmente sapere dove acquistare casa non allontanandomi molto dalla capitale..qualità e prezzo ottimo,se qualcuno conosce in quale attività lavorativo inserirsi mi farà piacere, non ho una laurea. grazie a tutti.

    • Opta almeno per la separazione dei beni, non per mancanza di fiducia nella tua compagna, ma perche’ il casamento deve essere disinteressato;
      non si puo’ mai sapere, sono sempre rose e fiori all’inizio, poi dopo……
      Tanti sono ne sono usciti in mutande dopo pochi anni!!

      Carmine.

    • Concordo in pieno con il suggerimento di Carmine : SEPARAZIONE TOTALE DEI BENI , ovvero separazione sia dei beni posseduti prima del matrimonio che quelli acquisiti dopo . SE importi capitali in Brasile per investimento falli passare sempre per la dogana o conserva la documentazione bancaria se inviati via bonifico . Ti serviranno in caso di separazione a dimostrare che NON hai ottenuto quei capitali in BRASILE .Nonostante tutto ricorda che le leggi brasiliane favoriscono la coniuge brasiliana . In caso di separazione litigiosa ad esempio tutti i tuoi beni saranno bloccati per la vendita ANCHE con la separazione totale sino alla fine del processo che può durare allegramente 10 anni tra ricorsi e ritardi di tutti i tipi . Io sono appena uscito da un incubo del genere e pertanto parlo per esperienza vissuta .
      Non andare in giro a dire che vuoi investire in immobili , imprese ecc . Fai le cose con calma . Inizialmente , dopo aver ottenuto il visto di residenza , apri un conto corrente ed applica i soldi in un fondo che ti garantisca almeno un 7-8 % . Poi cerca di osservare cosa fanno gli altri italiani per vivere . Non guardare a chi risiede da 2 anni ma a chi risiede da 10 anni . Parla con loro e ascolta le loro esperienza .

    • Francisco, ho vissuto dieci anni fa quasi un anno nel Maranhao. Ci sono stato l’ultima volta tre anni fa per un periodo di vacanza di due mesi. Mia moglie è maranhense, i miei due figli sono nati lì. Sono in costante contatto con numerosi amici e/o parenti acquisiti del posto e naturalmente alla mia veneranda età di 48 anni credo di saper distinguere le persone serie dai fresconi (che in Brasile sappiamo abbondano). Non voglio sembrare presuntuoso, ma conosco abbastanza bene i rischi e le opportunità di quella zona.

  4. Grazie Antonio della tua risposta. Sono consapevole che purtroppo i tempi stiano cambiando anche per la valutazione di un programma come Minha casa.
    Mi permetto però di fare questa considerazione, senza voler offendere nessuno: credo che molti di voi conoscano solo il Brasile delle grandi città e quindi giochiate a fare i magnati della finanza incorrendo spesso in cocenti fregature… Qui ho letto anni fa certe previsioni sul cambio euro-real che sarebbe arrivato a 2,30…
    Parlate spesso di Selic e condomini o altre cose di alta finanza, ma vi garantisco che tutto questo nulla a che fare con l’economia “do interior”. Lontano dalle grandi città le cose si muovono in modo più lineare e semplice. Se guadagni di più di quanto investi, l’affare è buono. Stop. Senza altri astrusi calcoli finanziari (puntualmente sballati).
    Vi lascio con quello che mi ha riferito il mio amico brasiliano che qualche mese fa (non anni fa) ha investito un suo gruzzoletto e si è messo a fare l’imprenditore edile costruendo e subito vendendo due case con il programma Minha casa: ” Esse è um bom negocio, antes de terminar a casa jjà tempo comprador e nao è fiato”.

    • Caro Mario

      il programma Minha CAsa Minha Vida è un programma federale e funziona allo stesso modo in tutto il Brasile . E’ vero che i compratori si trovano subito ma … chi paga è la Caixa . E qui casca l’asino . La Caixa paga solo dopo che tutti gli adempimenti dei vari stadi di avanzamento sono stati completati e negli ultimi anni questo ha comportato il raddoppio o peggio dei tempi di pagamento . Ora guadagnare il 12% in un anno in Brasile è ancora buono a causa della SELIC che è scesa MA guadagnarli , rischiano non poco , in due anni NON vale la pena perchè è come se diventassero meno del 6% all’anno !

      • ma anche fosse 12% in un anno (che è buono) bisogna compararlo con altri investimenti. ci sono debentures (obbligazioni) con rendimento 6-8% più inflazione

    • Ciao Gianni

      effettivamente si tratta di un immobile che viene apparentemente venduto a meno della metà del prezzo di mercato .Anche se non fosse in ottimo stato sarebbe comunque un affare . Considera comunque che dovrai spendere tra quota condominiale ed IPTU non meno di R$15 000 all’anno .
      Per quanto riguarda le magagne basta richiedere la “matricula” dell’immobile per conoscere tutta la storia , dalla costruzione della casa in poi . Altra storia riguarda i controllo sul proprietario : verificare che non abbia debiti municipali , statali o federali che possono impedire la vendita . Verifica anche il suo stato civile e che non abbia processi in corso o peggio ancora un processo di divorzio litigioso . Comunque un buon agente immobiliare conosce tutti questi problemi . Se non ti fidi spendi qualche migliaia di reais in più ed affida ad un avvocato esterno la gestione della transazione . Auguri .

    • I brasiliani stessi avvisano che di corretores e avvocati non ci si deve fidare, i prezzi di mercato sono precipitati spece su certe tipologie di immobile e in piu tanti sono al verde…semplicemente vai al cartorio specifico e chiedi la certidao de onus dell immobile li appare tutto il pedigree, se poi paghi a vista e solamente all attio del registro della proprieta non rischi nulla, salvo solo che la casa non abbia vizi occulti di costruzione

    • Risposta semplice: l’assenza di domanda fa tendere il valore verso lo zero.
      Questa è la situazione del mercato immobiliare di Salvador Bahia oggi.

      • 500mq costruiti + 800mq terreno… la madonna!
        non c’entra direttamente (forse) ma inspiegabilmente le ultime prefeiture hanno pure fatto veramente di tutto per distruggere il turismo, specie straniero.
        prima la distruzione delle barracas de praia, poi dei locali notturni na praia (casquinha, lingua de prata, jangada, ecc), poi la “reforma” della orla con variazioni alla circolazione… oggi salvador è una città dove ti fai 2 coglioni così! non ci viene più nessuno, un botto di alberghi chiusi per fallimento (ultimo l’othon 2 mesi fa), a barra a pituba è un piangere di ristoranti chiusi e vuoti da anni.
        li ho sentiti sti deficienti in tv (la mitica classe media brasiliana) “bisogna puntare al turismo di lusso”… MA DOVE??? ma pensi che la coppia pensionata giapponese venga a salvador???
        qua i soldi li portavano i single che venivano a bere, scopare, fumare, ballare, divertirsi!
        è diventata una città di morti di sonno e evangelici… che tristezza.

        • lucio quanto dici è vero e c’entra sicuramente.
          Forse la prefettura crede che per il semplice fatto di aver avviato il Metro e abbattuto le baracche adesso Salvador sia una città do primeiro mundo.
          Per quanto riguarda gli immobili però il fenomeno è chiaro: tantissima offerta, ad iniziare dai tanti immobili che gli stranieri avevano comprato negli anni del boom, e offerta assente, anche quella dei brasiliani che hanno finito di credere che la loro condizione futura migliorerà. Non c’è più l’ottimismo che io ho conosciuto negli ultimi 20 anni a tutti i livelli sociali mentre i problemi sociali sono sempre gli stessi se non peggio.

          • Lo dicevamo da anni qua sul sito che era solo ciarlatanismo e l’ illusione sarebbe durata poco.

            Comprare immobili quando i prezzi sono in costante aumento non mi sembra un grande affare, il momento di comprare è ora per chi può permetterselo.

            Gli immobili non si sono assolutamente svalutati (in vita mia con oltre 10 anni di studio tecnico non ho mai visto 1 immobile svalutarsi, al massimo non aumenta di prezzo) a parte alcuni rarissimi casi per esigenze particolari dei proprietari.

            Qua i locali dove una birra costa 14 R$, una caipirinha 25 R$ e un piatto di “frango a passarinho” 39 R$ dal giovedì alla domenica sono pieni.

            Il degrado del Brasile è ormai irrecuperabile, i furti billionari alle casse dello stato e delle imprese statali, le montagne di soldi regalati ad altri paesi, i Mondiali e le Olimpiadi, ecc…gli hanno dato il colpo di grazia.

            Acabou !!

          • l’unico dato positivo è il crollo degli omicidi a 1360 nel 2017 a 1040 nel 2018.
            per gli immobili, coi prezzi si era un po’ esagerato nel boom (accade in tutto il mondo). ora cosa accadrà? se ci sarà ripresa economica ne beneficierà la maggioranza della popolazione (lavoratori dipendenti, pensionati, piccoli autonomi) in modo che il mercato riparta?
            consentiranno di riprendere a lavorare alle grandi imprese criminalmente distrutte dai giudici?
            regalare agli americani imprese lucrative (e che danno lavoro e pagano tasse in brasile) a lungo termine che effetti avrà sull’economia?

          • Purtroppo l’immobile come investimento è un concetto che va analizzato e non accettato come scontato così come accade di solito . L’immobile è un oggetto fisico come l’oro ma a differenza di questo oltre a non essere facilmente frazionabile , è poco liquido , soggetto ad invecchiamento ed ha un costo di manutenzione . Per un lingotto d’oro duemila anni passano senza alterarne apprezzabilmente aspetto , peso e composizione chimica . Basti pensare a quello ritrovato nelle tombe egiziane .
            La stessa cosa non vale per le piramidi ! Ed in Brasile siamo in un ambiente umido , tropicale . Qui l’immobile , soprattutto quelli più desiderati e prossimi al mare si deteriorano ad una velocità impressionante . Una manutenzione costante e costosa è richiesta . Oltre a ciò esiste il balzello della onerosa tassa condominiale che va pagata integralmente sia che si abiti sia che si tenga vuoto l’immobile .
            Da tutto ciò si deduce che pensare di acquistare un immobile ( la stessa cosa non vale per un terreno ma si va incontro ad altri problemi come l’invasione ) e tenerlo fermo per 10 anni in attesa che il prezzo salga è quanto meno discutibile .

            Personalmente gli unici affari immobiliari che ho fatto sono quelli relativi ad acquisti e vendite lampo in momenti di risalita del mercato . Guadagni intorno al 30% entro 1-2 anni al massimo .Oggi acquisterei solo per abitarci , perdendoci comunque rispetto all’affitto ma soddisfacendo quella idea di possesso dell’immobile che ci portiamo indietro dall’epoca delle caverne.

          • antonio hai ragione. la mia opinione è che in alcuni casi si può investire in immobili per affittare ma tenendo conto di 2 regole auree:
            – casa (non in condominio fechado) e non appartamento, in modo da eliminare il condominio e poter avere un canone congruo
            – quanto minore è il valore dell’immobile, maggiore è il “return on investiment”.

            p.s. ieri il neo capo della caixa economica ha detto che eliminerà il tasso agevolato sui mutui per la classe media. non è una buona notizia per il settore

        • Turisticamente non eh piu attraente da parecchio nemmeno per il turismo becero immaginare il turismo di..lusso..(a Fortaleza magari) eh da fumatori di crack

  5. Chiedo scusa al padrone di casa e lancio qui questo annuncio perché altrimenti non saprei in quale sezione del sito farlo.
    Cerco investitori per costruzione case nello Stato del Maranhao. Investimenti abbordabili (max 100.000 euro), rendimenti più che interessanti (12% in un anno). Case da costruire con il programma Minha casa minha vida (sperando che non lo tolgano), fondi da raccogliere con la semplice formula del prestito tra privati.
    Chi è interessato può scrivermi a mariolamanuzzi@libero.it

    • Ciao Mario
      vorrei fare una breve premessa per i lettori .Minha Casa Minha Vida è un programma di edilizia popolare sviluppato sotto il governo Lula e seguente che ha consentito a molti brasiliani di raggiungere il sogno della casa propria pagando un mutuo agevolato , qualche volta con una parte a fondo perduto a seconda del reddito familiare .
      Molte imprese piccole e grandi si sono buttate su questa opportunità grazie al fatto che il pagamento era ed è garantito dalla Caixa . Nel corso degli anni il governo brasiliano , si è trovato a corto di liquidità ed ha iniziato a i frenare l’erogazione dei mutui complicando maledettamente la burocrazia sia per i richiedenti sia per le imprese che prendevano i soldi a stati di avanzamento del progetto che era supervisionato da agenti della stessa Caixa . Hanno iniziato a complicare gli adempimenti ed hanno richiesto ai costruttori di completare minuziosamente le opere di urbanizzazione per i lotti destinati al progetto . Risultato i tempi di consegna delle case e quindi di pagamento sono praticamente raddoppiati il che , per un progetto che aveva senso se il denaro ruotava entro un anno , ha comportato l’annullamento del vantaggio iniziale ed il fallimento di molte imprese . Ho seguito personalmente due imprese italiane che hanno incontrato difficoltà formidabili per portare avanti il progetto pur essendo i soci capaci e dotati di adeguata liquidità che ha consentito loro di non fallire ma a quale prezzo …

  6. La premessa è che si sia interessati a trasferire i propri interessi , non necessariamente tutti , in Brasile . Esistono moltissimi italiani che in passato hanno acquistato immobili pensando così di ottenere il diritto alla residenza … ma NON ERA così . Potevi aver investito anche 1 milione di reais , ma questo non dava diritto a nulla . Gli investitori erano costretti ad aggirare l’ostacolo creando una impresa immobiliare ed intestare gli immobili acquisiti a quest’ultima .Ora non è più necessario e mi sembra un bel passo avanti .

    Per coloro che investono al Nord -Nordeste poi la cifra dell’investimento si riduce del 30% , ovvero R$ 700 000 che è il prezzo di un buon appartamento o di una casa in una capitale del Nordeste . E’ evidente che i soldi bisogna averli altrimenti è inutile parlarne . Al cambio in vigore oggi 4.4 per un euro si tratta di 159 000 euro con il quale non si acquista certo una villa in una città di mare in Italia .

    Naturalmente i R$ 700 000 possono essere anche il risultato del cumulo di più immobili , per esempio due appartamenti o due case da R$ 350 000 ciascuna .

    Per evitare costi esorbitanti di condominio sarebbe opportuno optare per una casa in condominio ( Condominio fechado ) piuttosto che un appartamento in condominio . L’opzione di una casa isolata la scarterei per uno straniero che intende rientrare in patria alcuni mesi all’anno lasciando quindi l’immobile incustodito .

    Insomma , se l’intenzione è quella di trasferirsi a vivere in Brasile con l’obbligo di residenza di 30gg ogni 2 anni può essere una opzione .

    L’altra opzione di investimento la conosciamo : investire R$ 500 000 nella apertura di una società . Questa soluzione apparentemente più economica nasconde però numerosi costi . Tasse , dipendenti , commercialista , ecc . Inoltre se l’attività non è reale si rischia di non passare la verifica dopo i primi due anni con il rischio di perdere il visto .

    Ma alla fine conviene avere un visto di residenza in Brasile ? La risposta dipende da caso a caso . Io, dopo 14 anni di residenza in Brasile penso ancora di si .

    • Per il rinnovo del visto invece sembra sia relativamente semplice, cosi mi hanno spiegato alla pf..sul sito della pf si compilano i moduli la gru e con 2 foto si va da loro
      Difficilmente a primo tentativo ci si riuscirà ma non ci sono documenti..strani..da produrre
      Poi in soli 180 gg arriverà il nuovo documento, nel frattempo rilasciano un provvisorio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here