Home economia Denaro “gratis” per le banche brasiliane

Denaro “gratis” per le banche brasiliane

8

Nonostante il rischio concreto che il Brasile entri nuovamente in recessione , il Comitato di Politica Monetaria del Banco Centrale ( Copom) non dovrebbe ridurre oggi la tassa SELIC .

Se confermata la previsione , sarà la decima  volta consecutiva che la tassa si mantiene al 6.5% .La decisione è prevista per le 18 ora di Brasilia .

Pesa sulla decisione uno scenario economico debole con disoccupazione in diminuzione ma ancora elevata ( 12.5% in Aprile ) .

Il PIB del primo trimestre ha subito una riduzione di 0.2%  e gli indicatori di Aprile mostrano un dato ancora più drammatico : -0.47% . Due successivi trimestri di PIB in calo scatenano la recessione tecnica .

Secondo gli analisti il Copom attenderà che si abbia maggiore chiarezza sulla riforma della previdenza  la cui approvazione in prima istanza è prevista in Luglio .

Al momento la scommessa di gran parte del mercato è che la SELIC  cominci a diminuire il prossimo Settembre , terminando l’anno al 5.75% .

Juro elevato

Nonostante la SELIC sia al minimo storico il costo del denaro erogato dalle istituzioni finanziarie è ancora elevatissimo .

I dati ufficiali mostrano che in Aprile il tasso bancario medio in operazioni con persone fisiche ha raggiunto il 53.6% l’anno !

Alcune modalità di pagamento come il famigerato cheque special  o il credito rotativo su carta di credito si è raggiunto il valore osceno del 300% l’anno !!!

In pratica le banche acquistano denaro quasi gratis rispetto al prezzo a cui viene poi concesso ai privati cittadini .

Non c’è affatto da meravigliarsi che  la redditività delle banche brasiliane lo scorso anno sia stata la migliore degli ultimi sette anni .

8 Commenti

  1. Ritengo sia la legge ..oferta procura.., perche’ diminuire il juro quando lo sport nazionale non e’ il calcio ma l’ indebitarsi!

    • Sarebbe corretto se le banche remunerassero adeguatamente gli investitori così come tartassano i debitori , invece fanno ” assopigliatutto” grazie alla complicità del governo brasiliano che non mette un limite ragionevole al differenziale tra tasso debitore e tasso creditore .

      • Esiste anche la Renda Variavel, non a caso mentre quella Fixa e’ ai minimi storici, quella Variavel e’ sui massimi;
        Certamente e’ rischiosa, ma una percentuale del proprio patrimonio va diversificata anche su azionario (anche tramite Fondi di investimento);
        Io l’ho fatto ad inizio anno, certo , non sono molto abituato ai saliscendi, ma alla lunga, ci sono buone probabilita’ di mantenere alto il rendimento dei propri investimenti.
        Fondi di investimento ce ne sono tanti, piu’ o meno volatili, e anche qui, bisogna studiarli/compararli un po’ prima di investirci;
        Di strumenti atti a tale proposito ce ne sono diversi e anche gratuiti;
        Insomma , bisogna anche adeguarsi ai nuovi scenari economico-finanziari, altrimenti, meglio spenderli !!

  2. IN AUTUNNO TAGLIERANNO ANCORA LA SELIC, FESTA FINALE PER LO STATO CHE EMETTERA’ TITOLI A RENDIMENTO REALE QUASI ILLUSORIO E BANCHE CHE CONTINUERANNO IMPUNEMENTE A CONIUGARE MARKETING E USURA. VORREI SEDERMI A CHIACCHIERARE CON I MEMBRI DEL COPOM O I DIRIGENTI DI ITAU’, BRADESCO, BANCO DO BRASIL E DIRGLI: AMICI MIEI, NESSUNA AGENZIA DI RATING HA ANCORA CAMBIATO OPINIONE SU DI VOI, IL REAL E’ LA MONETA CHE ASSIEME ALLA LIRA TURCA HA AVUTO LA MAGGIORE SVALUTAZIONE RISPETTO AL DOLLARO NEL 2019. AVETE PRATICAMENTE AZZERATO LA TUTELA DEL RISPARMIO E AVETE TRASFORMATO TUTTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI IN UNA MISERA POUPANCA. VI SIETE MAGICAMENTE ALLINEATI AL TREND MONDIALISTA PER LE CUI LINEE IDEOLOGICHE L’ UOMO E’ SOLTANTO UN INGRANAGGIO AL SERVIZIO DELLA SPECULAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALE. IL MIRACOLO ECONOMICO DEL BRASILE DI LULA E’ STATO GENERATO ANCHE DA UN’ ENORME ATTRAZIONE DI CAPITALI STRANIERI. IL BRASILE SI CHIUEDE IN SE STESSO, GLI AUGURO BUONA FORTUNA MA SE NON SAPRANNO USCIRE DALLA PALUDE CON LE LORO STESSE MANI QUESTA VOLTA NESSUN INVESTIMENTO ESTERO ARRIVERA’ IN SOCCORSO. UN’ ECONOMIA DOVE SI PASSA, NEL GIRO DI POCHISSIMI ANNI, DA UN COSTO DEL DENARO VICINO AL 15% A PERCENTUALI CHE A BREVE RASENTERANNO IL 5%, OLTRE A NON ESSERE CREDIBILE DIMOSTRA CHIARAMENTE DI SOFFRIRE DI DISTURBI BIPOLARI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.