Home News Petrobras e privatizzazioni

Petrobras e privatizzazioni

39

“…LE HANNO FATTE FALLIRE…”

nuovo articolo di Lucio:

Il presidente ieri 24/10: “dobbiamo privatizzare le statali perché le hanno fatte fallire”.
La realtà oggi 25/10: “Petrobras lucra R$ 9,1 bilhões no 3º tri”.

Petrobras è stata in lieve perdita solo nel 2014/15 in decorrenza delle punizioni e delle (giuste) correzioni contabili decorrenti dalla lava-jato e della caduta del prezzo del petrolio.
Qui gli utili in miliardi di dollari (nonostante la corruzione!!!):

Non c´è nessun fallimento. Privatizzarla ulteriormente (alias regalone agli stranieri) sarebbe darsi martellate sui coglioni.

P.s.1: ma perché non fecero una lava-jato già negli anni ´70 o ´90? Mistero…

P.s.2: anche nel 2008-9 crollò il petrolio, perché Petrobras non andò in rosso? Perché fu avviato lo sfruttamento del pre-sal, le cui tecnologie furono CREATE in anteprima mondiale da Petrobras (statale “inefficiente&corrotta”) e poi copiate da tutti gli altri (gli “efficienti&puliti”). Merito quindi di una precisa strategia di un preciso governo e non dello spirito santo.

P.s.3: la somma degli utili degli ultimi 20 anni (300 miliardi di dollari) è 60 volte maggiore della stima fatta da Morgan Stanley su quanto fu desviado. È bene avere chiare le dimensioni dei numeri.

P.s.4: ma pensate seriamente che in USA, Giappone, Svizzera o Germania non si paghino/ricevano tangenti? Ingenuotti…

https://www.rifday.it/2019/10/23/scandalo-novartis-in-grecia-i-whistleblower-corrotti-decine-di-migliaia-di-medici/

39 Commenti

  1. Troppo “generico” il governo B sulle privatizzazioni. Il congresso dovrà esprimersi prima che siano indette le gare pubbliche e solo allora conosceremo: 1) quali imprese statali; 2) valore di partenza; 3) chi ha lo status per partecipare alle gare. Questo lungaggine del processo farà si che il governo B sia arrivato al termine e allora forse non sarà piu’ B il Presidente. Io dal governo B mi aspetto le riforme e non le privatizzazioni, riforme: fiscale, amministrativa, scuola, sanità e…….INFRASTRUTTURE!! Vediamo che succederà da qui ai prossimi 2-3 anni.

    • Se si forniscono dei dati, bisogna che siano veritieri, altrimenti tutto puzza di inventato,
      La prima perforazione nel pre-sal fui fatta ne 2011, negli anni seguenti furono costrute le piattaforme e le navi. La produzione in maniera consistente iniziò nel 2017.
      Il progetto è sicuramente Petrobras, ma i macchinari sono per la maggior parte americani e anche tedeschi, come praticamente in tutto il resto del mondo.
      Lo posso garantire perchè ho fatto assistenza anche per le imprese che forniscono sistemi di estrazione del petrolio.

      • La Petrobras detiene il 98% del mercato petrolifero interno, lper via della autorità della concorrenza brasiliana deve vendere alcune attività. Inoltre vende concessioni petrolifere per poter continuare a creare pozzi nel pre-sal che hanno costi esorbitant.
        Il petrolio brasiliano è per il mercato interno, il costo della benzina è tra i più alti del mondo se consideriamo il basso rendimento (causa aggiunta del 30% di etanolo e sporcizie varie) e togliendo la tassazione (in Brasile è al 15%)
        I cali di fatturato furono dovuti al blocco del prezzo decretato da Lula e Dilma
        Nessuno copia la *tecnologia Petrobras* perchè il pre-sal esiste (almeno per ora) solo in Brasile

        • maufedro, alcune tue “inesattezze”:

          1) il 40% del petrolio estratto viene esportato (tu hai scritto che é tutto per il mercato interno)
          https://noticias.r7.com/economia/exportacoes-brasileiras-de-petroleo-batem-recorde-em-2018-22012019

          2) la produzione presal superó quella possal nel 2014

          3) visto che ora cani e porci perforano nel presal brasileiro, evidentemente hanno copiato. forse ti sei perso a chi sono andati i campi nelle ultime aste, petrobras quasi nulla.

          4) i conti economici 2014 e 2015 presentarono voci negative straordinarie di circa 50 miliardi di reais sia nel 2014 che nel 2015. nel primo caso derivanti da multe e correzioni contabili seguenti alla lavajato, nel secondo soprattutto dal calo del prezzo del petrolio. leggi i bilanci.
          https://www.eia.gov/todayinenergy/images/2018.01.03/main.png

          5) “Se si forniscono dei dati, bisogna che siano veritieri, altrimenti tutto puzza di inventato”

          • Le mie non sono inesattezze, sono dati veri, Tu dai link che non c’ entrano niente, i cali sono dovuti al blocco del prezzo governativo e agli ordini per acquistare le piattaforme e le navi costruite nei cantieri di Rio e Recife e per comprare dagli americani tutta la tecnologia per fare i pozzi e estrarre il petrolio. (Halliburton , lider mondiale, che fa anche assistenza, è anche qui in Alagoas nei pozzi di gas)
            La Petrobras ha progettato il sistema di estrazione, non la tecnologia che non ha.
            Tantoche anche la Trevi (italiana) ha fornito al Brasile nel 2012 i sistemi di perforazione. Anche il sistema di monitoraggio dei pozzi è fatto dalla Telespazio
            Il petrolio sarà anche esportato, ma vuol dire che viene anche importato, perchè la produzione copre il appena il fabbisogno nazionale.
            Il costo alto dell’ estrazione lo paga il popolo brasiliano.

            • In tutte le aste partecipa la Petrobras, nel caso di aggiudicazione a una compagnia straniera la Petrobras hail diritto del 30%. Per questo molte aste sono andate a vuoto. Per la precisione le aste furono programmate dai precedenti governi.

            • Ho verificato, il Brasile esporta il greggio perchè non ha raffinerie sufficienti, poi importa i derivati.

            • Dimenticavo: il petrolio va in Cina, per pagare i finanziamenti concessi dalle banche cinesi alla Petrobra che era sull’ orlo del fallimentoe ecostano molto cari
              Il povo paga

  2. In Italia ci siamo già passati, privatizzazioni = disastro = mazzette = svendita degli interessi strategici nazionali agli stranieri.
    Questo bolsonero mi puzza sempre di più.

    • Marcofalco, in democrazia decide la maggioranza. Poi….perchè Bolsonero? E’ un errore oppure l’ennesimo tentativo di screditare etichettando il Presidente del Brasile regolarmente eletto? Ma tu voti in Brasile? Io no ma ci vivo e ci campo bene da quando sono qui. 9 anni con Lula e Dilma e 3/4 d’anno con Bolsonaro. Come dicevo nel mio intervento iniziale, io non credo che privatizzeranno nulla e qualora lo facessero non potrebbero privatizzare Petrobras ma solo aprire il mercato Brasiliano dei carburanti alla concorrenza togliendo il monopolio alla Petrobras…….il che farebbe bene a tutti, Petrobras inclusa. infine, mi risulta che il pre-sal sia
      ipercostoso…..chi vuoi che lo compri? Solo un pazzo!

      • sai quanti presal che ci sono al mondo e che non vale la pena sfruttare coi prezzi del greggio attuali! Errore era credere che il petrolio fosse li solo aprendo un rubinetto! Come correttamente detto da Maufredo estrarre lontano dalla costa a quelle profondita solo con enormi investimenti e tecnologie..
        Ps ho tentato di rispondere a lucio x 2 volte ma il msg non eh mai apparso

        • lino,
          ultima asta presal andata A RUBA: exxon, petronas, shell, chevron qpi, repsol, wintershall, bp, total.
          evidentemente le maggiori petrolifere del mondo sono sceme e tu sei il premio nobel dell´economia.
          evidentemente dall´estero hanno fatto enormi pressioni affinché il brasile liberalizzasse il presal, cancellando ogni diritto di prelazione di petrobras, affinché nessuno ci si infilasse siccome é una sóla…

          • Ma dove le prendi le notizie, forse hai un Google tuo, le compagnie citate sono qudlle che partecipano all’ asta, ma con le condizioni poste dal governo e le difficoltà di estrazione, è facile che nessuno compri.
            Il costo di estrazione, aggiornato al 2019, è di 35 dollari al barile (39 nel 2016) contro i 20 della Russia, 17 del Venezuela e 10 del paesi del medio oriente.Il prezzo attuale è di 55 dollari e se non aumenta e se non si vendono le concessioni per avere liquidità la Petrobras va in grosse difficoltà.Penso che per auesto che il governo pensa di entrare nell’ OPEC. Perchè se riesce a far aumentare il prezzo, anche diminuendo la produzione, si hanno gli stessi ricavi, ma diminuiscono i costi.
            Tanto paga il povo

            • Aggiungo: non tutte le aste riguardano il pre-sal, , si tenta di vendere anche concessioni sfruttate e ritenute poco produttive, concessioni nuove (nord-est) ma che probabilmente andranno a vuoto, perchè è rischioso, ci sono vincoli ambientali e l ‘ Ibama vigila.
              In Alagoas ha bloccato la costruzione di un cantiere navale che dava lavoro , in prospettiva, a 4500 persone.

        • Lino, forse non sei stato pubblicato perchè sei cascato nella “malha fina” del Blog e ai moderatori non era piaciuto il tuo/i commento/i. Mi è già successo.

      • Undo, senza fare polemiche perché non ne posso più. Però scusa: tu ti offendi se Marcofalco scrive “Bolsonero” e noi dobbiamo accettare tutte le ingiurie, stupidaggini, minacce che la famiglia Bolsonaro ripete tutti i giorni in televisioni, twitter, facebook come se fosse una cosa normale?
        Ok, sì, è stato regolarmente eletto, quindi significa che il figlio ha diritto di fare propaganda per una nuova dittatura militare? Siccome è stato regolarmente eletto, i suoi familiari possono dire quello che vogliono, insultare, minacciare, esprimere volgarità a raffica?
        Io ho capito ormai che a buona parte della popolazione questo stile piace (a me fa rabbrividire ma ha anche un effetto positivo: finalmente sto pensando di andarmene, dopo tanti anni forse è arrivato il momento di tornare a casa) ma tu dovresti aver capito che a un’altra buona e nutrita parte della popolazione questo stile ha rotto le scatole.
        E non venirmi a parlare di Lula e del PT perché io non sono né del Pt né di Lula e sinceramente vorrei che ci fosse un altro candidato come leader della sinistra. Il mio è solo un lamento di chi è stanco tutti i giorni di svegliarsi e dover leggere su twitter, facebook ecc quello che i tre trogloditi (sono trogloditi, mi dispiace, questo è il termine corretto) dei figli del presidente pensando dicono scrivono.

        • Matteo Gennari, piantala di menare il torrone con me. Sbagli, credimi. Se poi non sai gestire e digerire l’attuale situazione del Brasile e pensi di andartene significa che stai cercando il motivo per giustificare la tua fuga da questo grande Paese e questa ragione l’hai trovata in Bolsonaro&Family. Poca roba per andarsene anche perchè ora sono loro al governo e tra non molto ce ne saranno altri. Infine, non è che in Italia la situazione sia migliore e anche in altri Paesi. Matteo la vita è bella, metti da parte la politica e starai meglio. Il mio intervento non era politico, mi sono chiesto perchè storpiare un nome ….. solo perchè non si accetta il voto democratico avvenuto che ha scelto Bolsonaro? Solo questo. Se ciò ti ha turbato, problemi tuoi. Io non ho fatto un intervento politico e non ho parlato di Lula e Dilma e Temer e da quasi 1 anno Bolsonaro se non affermando che anche con loro ho vissuto bene in Brasile. Tutto qui. PS: sui figli di Bolsonaro, avendo io figli maggiorenni come loro sono……..non me ne frega nulla, sono problemi loro che non mi toccano

        • Matteo Gennari, aggiungo che da sempre “la buona pianta si giudica dai frutti che da”, mentre “l’uomo buono e giusto si giudica dalle azioni e opere che fa e lascia al prossimo non dai suoi frutti (figli/e)”. Quindi attendere e vedere le azioni e opere di Bolsonaro e poi giudicare.

        • Il figlio di Bolsonaro ha pieno diritto di dire quello che vuole, perché non è il Presidente della Repubblica, perché ha l’ immunità parlamentare, perché tuo padre non ha nulla a che vedere con quello che tu dici o fai dopo i 18 anni, e soprattutto perché quello che dice non vale niente. Se non piace quello che dice, chi lo ha eletto a parlamentare non lo voti più. Ti piaccia o no la democrazia anche è questo.

      • undo,
        il 40% del petrolio brasiliano é esportato, soprattutto cina e usa paesi evidentemente “pazzi” secondo la tua definizione.
        altrettanto “pazze” sarebbero le compagnie estere concessionarie delle ultime aste

        https://valor.globo.com/empresas/noticia/2019/10/10/comea-hoje-16-rodada-da-anp-primeiro-leilo-de-petrleo-do-ano.ghtml

        inoltre, visti gli utili, evidentemente sto presal rende bene anche agli attuali costi e prezzi di vendita unitari.
        sarebbe bene che vi informaste prima di scrivere fake news.

        • Lucio, alle solite. Usa e Cina acquistano petrolio a mani basse in ogni Paese produttore per assicurarsi le forniture. Non devo io insegnarti che un ritmo produttivo molto alto non puoi interromperlo solo per il prezzo del petrolio che usano anche per produrre energia industriale. Io non ho detto che sono pazzi, perchè mi devi mettere in bocca affermazioni che non ho detto? Hai un brutto vizio e non è la mia una fake news. so quanto spendo al litro di gasolina comune qui in Brasile. Infine io mi ritengo abbastanza informato e non ho bisogno dei tuoi richiami da saputello. Mi puoi contraddire, questo l’accetto ma in modo garbato e ripeto non mettermi piu’ in bocca affermazioni che non ho detto. Al momento cartellino giallo.

          • aho! mica siamo ciechi, questo lo hai scritto tu:

            “mi risulta che il pre-sal sia
            ipercostoso…..chi vuoi che lo compri? Solo un pazzo!”

            • Lucio, è vero ma il contesto era diverso. Cmq confermo che l’ho scritto consapevolmente ma riferendomi ai costi e alla tecnologia proibitiva dell’estrazione. Stiamo a vedere. At salut

  3. Argomentando sulle privatizzazione mi tornano in mente quelle Italiane effettuate prima da Prodi e poi da Dalema. Vi ricordate i “capitani coraggiosi” Gnutti & C?., De Benedetti, Cragnotti, Colannino? Etc. Qui in Brasile non le hanno ancora uufficializzate e se mai le faranno saranno gare pubbliche, aperte al mercato. Quelle fatte allora (Sme Cirio etc) in Italia erano assegnate agli amici che venivano anche finanziati per l’acquisto (vedi Alitalia). Io vedo una notevole differenza tra le privatizzazioni Italiane e quelle ancora non fatte del Brasile. La principale differenza è che quelle Italiane sono state fatte dalla sinistra Italiana e quelle Brasiliane (ancora non fatte) sono della destra. Questo mi porta alla mente un articolo di un giornalista economico Italiano che così tempo fa ha scritto: “Il capitalismo è imperfetto e provoca infezioni sociali – cinguetta in premessa il direttore -, ma il pauperismo della sinistra è un cancro che uccide”. E’ una dichiarazione destronsa che però condivido. Insomma, meglio – molto meglio – il capitalismo piuttosto che l’ideale di uguaglianza nella povertà cavalcato dai compagni.

    • sí, la povertá dei salari raddoppiati!
      ma cosa dici???
      l´unica differenza é che le privatizzazioni alla brasiliana regaleranno miliardi e miliardi agli stranieri

      • Lucio, se oltre che raddoppiare i salari avessero fatto anche autocritica per le mancate riforme che avevano promesso e per gli errori che hanno commesso in altre attività, sarebbe stato meglio. Ma si sa, impregnati dalla ideologia del “socialismo scientifico” cioè del tutti uguali e mai una autocritica………tutto quello di buono che hanno fatto, se mai hanno fatto veramente, è svanito rapidamente con il costo della vita aumentato. Tu credi all’inflazione dei fagioli e delle carote? Io penso che il paniere per misurare l’inflazione oggi in Brasile sia ben diverso dell’attuale o meglio di quello che hanno considerato allora per fare le slide. Poi, cosa avrebbero i sx da fare oggi per il Brasile? E cosa stanno facendo? Cosa stanno raccontando ancora? Io sento solo: Lula libero – Mariele Franco “presente” e vedo tante persone politiche della sx ancora con il pugno alzato. Se le intervistano queste persone già quasi tutti sappiamo cosa ci raccontano. Spero solo che facciano una opposizione costruttiva e che diano contributi positivi e non di parte sulla educazione e infrastrutture (treno bala…..l’hai mai visto andare?, Io no).

      • Lucio, i salari raddoppiati? In 17 anni di governo di sx mi pare anche poco se penso all’inflazione alta di alcuni anni fa e alta per diversi anni consecutivi. Volevi che la gente non potesse comprare pane, riso e fagioli? Poi, io penso all’educazione in caduta verticale, alla mancata igenizzazione (esgotos) di tante città e cittadine ed alla sanità pubblica fracassata. Potrei parlare anche di infrastrutture mancate ma peso sia tempo perso. Se per aumentare i salari hanno tagliato le spese dei servizi pubblici….capirai.
        PS: sto ancora aspettando di vedere il treno bala. Riuscirò a vederlo prima di salutare questo Mondo?

    • undo, guarda sti grafici con le colonnine colorate. dal 2003 al 2014:
      – i “benestanti” sono aumentati da 15 a 31 milioni
      – i “medi” sono aumentati da 67 a 116 milioni
      – i “poveri” sono diminuiti da 96 a 54 milioni
      allora dove la vedi l´uguaglianza verso il basso (almeno in brasile) cavalcata dai compagni???
      AMMETTI LA REALTÁ UNA BUONA VOLTA!!!

      https://valor.globo.com/brasil/noticia/2019/10/29/classes-a-e-b-voltam-a-crescer-e-atingem-144-da-populacao.ghtml

      • Lucio, iviarmi tabelline da leggere è come invitarmi a pranzo in un ristorante cinese che da sempre odio. Ergo, io rimango senza leggere le tabelline e rimango della mia opinione però rispetto la tua convinzione a prescindere ma non muto opinione. Ne ho viste tante di tabelline quando lavoravo e ne ho prodotte tante ed erano quasi tutti artefatte per mio interesse lavorativo (piene di interpretazioni in positivo per raccogliere consensi al mio lavoro). Ciò detto: ti saluto

        • Devi convincere con la tua enfasi gli oltre 50 m di brasiliani che lo hanno votato piu’ tutti quelli che non hanno votato/nullo mica noi! tra 3 anni potro
          Personalmente applico il LORO concetto: TA’ BEM PRA MIM TA’ BEM PRA TODOS!..e gli altri si fottano.
          Ho una pessima opinione di questo popolo, e ne ho quotidiane conferme, (qualcuno lo salvo eh)
          ps. non ho 50anni ma praticamente 60..
          Cio’ detto anche io: at salut

          • se la pensi cosí allora devi evitare di emettere opinioni politiche, perché politica significa occuparsi di tutta la polis e non “gli altri si fottano”

  4. Il Brasile é moribondo, hanno rubato e sperperato quello che rimaneva, ha grandi giacimenti di petrolio ma poca o nulla capacità e tempo per estrarlo, ne vende una parte per mandare qualche soldo a stati e municipi che sono sommersi dai débiti…quale sarebbe il problema ? Cosa altro dovrebbe fare ? Morire senza muovere um dito ?
    Se c’é una società che non sarà privatizzata é sicuramente la Petrobras.

  5. Lucio, chi era ai tempi il burattinaio in Italia? chi è ora il burattinaio in Brasile? Io ho una mia idea vorrei sentire la tua prima di espormi. In verità è un puro esercizio di impressioni ma……..noi oggi in Italia siamo quelli che abbiamo accettato nel passato come il Brasile sarà quello che accettano ora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here