Home attualità Società italiana coinvolta nella nuova fase dell’operazione Lava Jato

Società italiana coinvolta nella nuova fase dell’operazione Lava Jato

0

Techint sospettata di coinvolgimento nella corruzione a dirigenti Petrobras

La società italo-argentina Techint è  stata coinvolta nelle indagini dell’operazione Lava Jato (67° fase) lanciata mercoledì mattina dalla polizia federale e che indaga sulla corruzione e sui reati di riciclaggio di denaro.

La polizia federale ha emesso 23 mandati di perquisizione e sequestro a San Paolo, Rio de Janeiro e nello stato del Paraná. Il Tribunale Federale ha inoltre bloccato R$ 1,7 miliardi.

Il sospetto è che Techint abbia pagato 60 milioni di dollari in tangenti ai dirigenti di Petrobras.

Tra gli indagati vi sono ex dipendenti statali, intermediari del gruppo italo-argentino e rappresentanti di due società di consulenza.

La nuova fase dell’operazione Lava Jato è stata denominata “Tango & Cash“, un nome che, secondo la polizia federale “si riferisce al pagamento delle tasse e al fatto che la società coinvolta nell’inchiesta appartiene a un gruppo italo-argentino”

“Al fine di dare apparenza di legalità al pagamento delle commissioni, il gruppo di affari ha indagato sugli importi trasferiti tramite società offshore a ex direttori ed ex dirigenti di Petrobras, attraverso la firma di contratti di consulenza creati ad hoc“, afferma la polizia federale.

Techint è stata fondata a Milano nel 1945 e opera nel settore siderurgico, minerario, ingegneristico e delle costruzioni. La sua traiettoria è sempre stata strettamente legata all’America Latina, in particolare all’Argentina, dove l’azienda ha una sede logistica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.