Home Racconti da Rio de Janeiro Rio de Janeiro, una poesia

Rio de Janeiro, una poesia

24

Una poesia dedicata a Rio. 

Rio de Janeiro

Pietà per questa città
per le sue torri che non sono arrivate mai
da nessuna parte
per le sue rane che hanno sovrappopolato i singhiozzi
delle vedove
per i rospi ingoiati
pietà per i cuccioli di cane e di cagna

Pietà per la nostra vita
prendeteci le macchine, i cellulari, le carte di credito
e i computer
ma la vita no

Pietà per i costruttori di ideali
per i partiti politici onesti
e per quelli disonesti
pietà per tutte le parole che abbiamo speso inutilmente
impugnando una pistola avremmo già risolto la questione

Pietà per questa città
dove ascoltiamo il rumore delle sirene e quello degli elicotteri
e il mare è rumoroso,
e le colline sorridono come Van Gogh
e ci piace arrampicarci come le scimmie
gigioneggiare come gli elefanti
seduttori incalliti dai denti disfatti
nessuno dura più del tempo dovuto
nessuno dura

Pietà quando è buio e le strade sono piene di silenzi
pietà ai piedi delle favelas
dove le macchine della polizia paiono carrozze
pietà a Meier
a Copacabana
a Mesquita
a Campo Grande, nella parte ovest della città
pietà nelle carceri e nei cimiteri
nelle discoteche
nelle strade, tra i semafori
nelle biblioteche dove ancora si sente la voce dell’oceano
pietà nelle stanze vuote dei professori
nei sogni degli assassini
nei canti della Macumba
pietà nei convenevoli
nelle indecisioni
nelle sale di riunioni delle multinazionali
milioni, milioni e milioni di abitanti
pietà nei postriboli e nelle case degli usurai
nei piedi dei passanti
nei fragili cuori dei bottegai
nei graffiti dei poeti o sedicenti
nel quartiere degli ebrei
mentre intorno impazzano i cortei
carnevaleschi
pietà
per questa stupida città

24 Commenti

  1. Piedade é una “musica” do Arlindo Cruz, hai preso spunto….?

    Ho frequentato il Cacique de Ramos e le “rodas de samba” della zona norte per um pó di tempo…ora non saprei, ho paura.

    Del samba non rimane quasi piú niente ormai, putroppo.

    • io vado ogni tanto a Lapa, al Carioca da Gema.
      La Zona Norte la frequento spesso, settimanalmente, anche di sera tardi, notte.
      Ma fa un po’ paura, è vero.

  2. Lapa é commerciale, per fighetti e non mi dice niente, ma é una delle poche opzioni minimamente sicure.

    Ho avuto una brutta esperienza vicino all’entrata del morro do Juramento l’ultima volta che sono stato a Rio, non só come sono vivo…nunca mais.

  3. ho vissuto il primo anno in Brasile in Urca poi mi sono spostato in Niteroi per 1 anno poi mi sono spostato nuovamente in Saquarema e dopo 2 anni ho di nuovo traslocato in Araruama dove ho resistito 6 mesi per finire nel 2009 finalmente in una città semi-tranquilla Cabo Frio che ora però sta raccogliendo tutti i Carioca “spaventati” e “insicuri” e la città, seppure a vocazione turistica, sta faticando con il buon funzionamento delle infrastrutture e il controllo delle strade (sicurezza). La popolazione registrata è passata dal 2009 abitanti residenti 150.000 circa a 230.000 circa del 2018.
    Dimenticavo ho conosciuto il Brasile lavorandoci dal 2004 al 2005 esattamente in Duque de Caixa …. ed era abbastanza tranquillo (sic!). Di samba solo in Rio capitale perchè fuori Rio capitale tanto pagode e funk da sempre e pochissimo samba. A Cabo Frio c’è una scuola di samba (Abissinia) chiusa da 5 anni. Questa è la mia esperienza.

      • 1 ci sono molte costruzioni nuove e il livello di concorrenza è alto; 2° i livelli di servizi pubblici non sono all’altezza della alta frequentazione; 3° il “vista mare” in Cabo Frio significa interventi di manutenzione all’immobile frequenti causa vento e maresia (salsedine). Il mio primo appartamento era vista Praia do Forte ma dopo 2 anni mi sono allontanato dalla spiaggia e dal mare per andare circa 300 mt all’interno dove peraltro i prezzi sono degli immobili sono leggermente piu’ alti in quanto NO maresia e NO frastuono notte e giorno della moltitudine “spiaggiarola” con annessi e connessi (cibo-musica-sport giorno e notte-fritti a nastro).

      • mirko,
        l´intuizione mi dice che é perché sta diventando una favellona… tipo angra dos reis. o anche alcune localitá ex paradisiache qui nei dintorni di salvador.

        • lucio, “l’intuizione” del saputello senza conoscere. sei completamente fuori strada. non conosci Cabo Frio ed esprimi un giudizio completamente sballato, io ci vivo dal 2009. Sarà invidia la tua? Sarà voglia di creare l’ennesima zizzania? Qui costruiscono palazzi max 4 piani di prima qualità. Ci sono alcune periferie assimilabili a quelle di tante città ma affermare che l’intera Cabo Frio è una enorme favellona oltre che una bugia è una cazzata. Infine, hai mai visitato Angras do Rei? Penso di no. Ennesima bufala la tua. Taci quando non sai.

          • ecco, oltre a tutti i difettacci che hai si aggiunge il razzismo. bravo.
            tassi di omicidio in alcuni municipi di rio (la media brasiliana é 26):
            – Itaguaí 73,6
            – Nilópolis 73,3
            – Araruama 64
            – Belford Roxo 58,1
            – Nova Iguaçu 54,4
            – Cabo Frio 53,7
            tra i peggiori dello stato, state messi peggio di rio, niteroi e sao gonçalo e in buona compagnia della baixada fluminense.

            • oi Lucio, grazie per il razzista ma non ho capito il collegamento a che, comunque detto da te non me ne frega una pippa perchè mi sei sempre contro a prescindere. hai problemi psichici o bipolari. alla tua solita nauseante, falsa e incompleta tabellina artefatta manca un pezzo importante. Ti aiuto perchè ne hai evidentemente bisogno: Cabo Frio è una località turistica e molto frequentata tutto l’anno con picchi durante le festività ed è molto ben attrezzata per ospitare. Ciò detto sei vai a vedere le residenze degli assassinati qui e degli assassini di qui scoprirai che pochi sono della Regiao dos Lagos/Cabo Frio ma moltissimi vengono di fuori. Infine noi che viviamo a Cabo Frio conosciamo le zone “rosse” dello spaccio e ci giriamo alla larga, dico questo perchè gli omicidi che avvengono qui 1° sono tra di loro trafficanti che arrivano da Rio e dintorni e accadono sempre nelle stesse zone periferiche lontane dalle bellezze della città. Verifica, se ce la fai. PS: come i milanesi sono chiamati “polentoni”, io sono tra questi, i meridionali sono chiamati “terroni”, i vicentini sono chiamati “magnagatti” ed i torinesi “bugianen, i romani sono chiamati “?”, io lo so ma non voglio che ti offenda.

      • Mirko, io con la mia famiglia vivo in Cabo Frio da 9 anni e conosco bene tutta l’area. Lucio ha manifestato una sua intuizione per qualche sentito dire o alla Otelma. Vedi tu se farti la tua idea di Cabo Frio da chi non la conosce, se non per sentito dire (forse) e se fartela da chi ci vive da anni.

  4. Rio ormai è perso per sempre.

    Dà tempo mi piacerebbe visitare Arraial do Cabo, ci sono autobus che tu sappia che dagli aeroporti portano a Arraial o solo dalla rodoviaria…?

    • Solo dalla Rodoviaria o dalle agenzie turistiche della zona sud dove giornalmente partono mini van, micro autobus per Buzios, Arraial do Cabo, Cabo frio, Ilha Grande, Paraty.

    • La società Salinera offre un servizio di bus ogni 10′-20′ da Cabo Frio per Arraial do Cabo e ogni 30′ per Buzios. Ilha Grande e Paraty sono a 300 Km da Cabo Frio quindi non so. Infine in Arraial do Cabo nei mesi estivi e durante i week end e feste infrasettimanali non puoi entrare con l’autovettura. Ci sono ampi parcheggi da dove partono con frequenza Bus che ti portano nella cittadina, in Praia dos Anjos e Praia Grande e da li ti muovi. Puoi anche pagare un biglietto per visitare in parca diverse spiagge e grotte. Arraial è il paradiso dei sub ed è considerata la Caraibi del Brasile.

    • in Rio, sia da santos dumont che da GIG partono per Cabo Frio ogni 30′ i comodi bus 1001. sono ben segnalati in aeroporto. arrivi in Cabo Frio che Arraial e Buzios senza alcun problema. L’interessante sarebbe fare base in Cabo Frio e poi muoverti con i servizi bus pubblici della Società “Salinera”.

        • Artemio, non tutti sanno che il nome della città di Cabo Frio deriva da 2 circostanze geografiche/marine. 1 primaria ed 1 secondaria. La primaria: a 3 miglia marittime da Cabo Frio e tra 1.200 e 1.500 mt di profondità con una larghezza parallela alla città di 36 Km c’è una risorgiva Atlantica che butta acqua fredda e ricchissima di microalimenti per pesci. 2 conseguenze: l’acqua è freddina anche lungo la costa e la pesca è garantita con calibri e tipologie di pesci molto interessanti (a volte arrivano in costa anche i simpaticissimi pinguini). Il bagno si fa tranquillamente ma niente di acqua “morna” ma solo acqua fresca e iper pulita grazie alle correnti. La secondaria: Cabo Frio è ubicata in punta ad un promontorio che è lungo 7 Km. Quindi prende aria di mare a sinistra a destra e di fronte e poi alle spalle ha la serra (Sana-Nova Friburgo-Lumiar-etc.). Guardando Cabo Frio dal mare vedi una lunga spiaggia di circa 15 Km (Praia do Forte-Praia do Però-Praia das Conchas-etc.) e a sinistra vedi Arraial do Cabo e a destra vedi Buzios con altre loro spiagge che non finiscono mai. Pensa che in Arraial do Cabo parte Praia Grande che arriva fino a Saquarema (36 Km ininterrotti di spiaggia) ed la strada costeggia il mare a sinistra e la laguna di Araruama a destra. Insomma uno spettacolo da vedere. Io mi ritengo un fortunato per viverci e quando vado in Rio sia Copa che Ipa mi fanno un baffo anche se molto attrattive ma purtroppo molto sfruttate commercialmente. Qui da noi puoi fare passeggiate in spiaggia o lungo il canale per ore senza incontrare nessuno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.