Home attualità Il Brasile retrocede di una posizione nella classifica HDI

Il Brasile retrocede di una posizione nella classifica HDI

4

Il paese si posizione dopo Messico, Cuba, Uruguay, Argentina e Cile

L’indice di sviluppo umano (ISU) (in inglese: HDI-Human Development Index) è un indice comparativo dello sviluppo considerato uno strumento standard per misurare il benessere di uno stato.

I dati sono stati pubblicati oggi dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) e si basano su tre fattori:

  • aspettativa di vita
  • livello di istruzione
  • reddito pro capite

Il Brasile ha un HDI più elevato rispetto alla media del pianeta e dell’America Latina pur scendendo dalla 78° alla 79° posizione. E’ tra i paesi con “alto sviluppo umano” ma ha prestazioni peggiori rispetto ad altre nazioni come:

  • Messico (76°)
  • Cuba (72°)
  • Sri Lanka (71°)
  • Uruguay ( 57°)
  • Argentina (48°)
  • Cile (42°)

Questa stagnazione è dovuta principalmente alla componente educativa ma l’UNDP sottolinea che l’HDI del Brasile è aumentato costantemente negli ultimi decenni.

La classifica

La classifica è guidata dalla Norvegia seguita da Svizzera e Irlanda.

Tra i primi 10 paesi sette sono europei: oltre ai tre già citati, anche la Germania arriva al quarto posto (con Hong Kong); Islanda al sesto posto (con l’Australia), Svezia ottava e Olanda in decima posizione.

La “top 10” include anche Singapore al 9° posto. Gli Stati Uniti, la più grande economia del pianeta, si classificano al 16° posto, mentre la Cina è all’85°.

L’ Italia è stata superata da Malta scendendo dal 28 ° al 29 ° posto.

Il paese con il peggior HDI è il Niger, appena dietro la Repubblica Centrafricana, il Ciad, il Sud Sudan e il Burundi. Tutti appartenenti  alla lingua di terra denominata Sahel o all’Africa sub-sahariana.

4 Commenti

  1. premetto che non conosco i parametri che assegnano le posizioni ma vedere il Brasile dietro Messico e Cuba e l’Italia dietro Malta mi crea disagio al limite dell’incredulità avendo conosciuto tutti i Paesi in questione per motivi di lavoro passato. Sarà che Brasile e Italia nell’ultimo quinquennio sono andati avanti come il contadino quando zappa o come i gamberi?

  2. l´HDI brasiliano miglioró abbastanza dal 1990 (0.61) al 2015 (0,76), poi si bloccó.
    nel 2020 nel ranking peggioró ulteriormente passando al 84º posto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.