Home attualità Il Brasile retrocede di una posizione nella classifica HDI

Il Brasile retrocede di una posizione nella classifica HDI

2

Il paese si posizione dopo Messico, Cuba, Uruguay, Argentina e Cile

L’indice di sviluppo umano (ISU) (in inglese: HDI-Human Development Index) è un indice comparativo dello sviluppo considerato uno strumento standard per misurare il benessere di uno stato.

I dati sono stati pubblicati oggi dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) e si basano su tre fattori:

  • aspettativa di vita
  • livello di istruzione
  • reddito pro capite

Il Brasile ha un HDI più elevato rispetto alla media del pianeta e dell’America Latina pur scendendo dalla 78° alla 79° posizione. E’ tra i paesi con “alto sviluppo umano” ma ha prestazioni peggiori rispetto ad altre nazioni come:

  • Messico (76°)
  • Cuba (72°)
  • Sri Lanka (71°)
  • Uruguay ( 57°)
  • Argentina (48°)
  • Cile (42°)

Questa stagnazione è dovuta principalmente alla componente educativa ma l’UNDP sottolinea che l’HDI del Brasile è aumentato costantemente negli ultimi decenni.

La classifica

La classifica è guidata dalla Norvegia seguita da Svizzera e Irlanda.

Tra i primi 10 paesi sette sono europei: oltre ai tre già citati, anche la Germania arriva al quarto posto (con Hong Kong); Islanda al sesto posto (con l’Australia), Svezia ottava e Olanda in decima posizione.

La “top 10” include anche Singapore al 9° posto. Gli Stati Uniti, la più grande economia del pianeta, si classificano al 16° posto, mentre la Cina è all’85°.

L’ Italia è stata superata da Malta scendendo dal 28 ° al 29 ° posto.

Il paese con il peggior HDI è il Niger, appena dietro la Repubblica Centrafricana, il Ciad, il Sud Sudan e il Burundi. Tutti appartenenti  alla lingua di terra denominata Sahel o all’Africa sub-sahariana.

2 Commenti

  1. premetto che non conosco i parametri che assegnano le posizioni ma vedere il Brasile dietro Messico e Cuba e l’Italia dietro Malta mi crea disagio al limite dell’incredulità avendo conosciuto tutti i Paesi in questione per motivi di lavoro passato. Sarà che Brasile e Italia nell’ultimo quinquennio sono andati avanti come il contadino quando zappa o come i gamberi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.