Home Racconti da Rio de Janeiro Golpetto Bianco: in Brasile c’è stato un colpo di stato?

Golpetto Bianco: in Brasile c’è stato un colpo di stato?

77

L’espressione Golpetto la devo a un amico di Facebook, Francesco Guerra (Twitter: @franzkrieg79) – è ciò che sta succedendo in Brasile in questi giorni.

Ne avevano parlato i giornali italiani “La Repubblica”, “Il fatto quotidiano” e siti spagnoli e latino americani. Già sabato si vociferava ma non nei canali ufficiali brasiliani, non nella Rete Globo e Record.

Si è consumato ieri ed è incredibile che abbia l’appoggio di molti, compreso il mio che non ho mai amato i militari.

Il Generale Braga Neto, ministro della Casa Civil, è stato nominato Capo dello Stato Maggiore. La sua missione è quella di ridurre l’esposizione del Presidente, lasciando che democraticamente si comporti come se non appartenesse al suo proprio Governo. Praticamente: Bolsonaro viene messo in quarantena da quegli stessi militari che ne hanno appoggiato l’ascesa al Potere. Militari che hanno capito di aver creato un mostro.

Il generale diventa Presidente Operativo.

Il fatto si è definitivamente consumato ieri, 6 aprile 2020, quando il Presidente ha dichiarato che avrebbe dimesso il Ministro della Sanità Mandetta, molto popolare (e sensato) in questo momento delicato. Bolsonaro avrebbe voluto sostituirlo col medico terrapiattista Osmar Terra; avrebbe obbligato per decreto il Brasile a riaprire, a condurre una vita normale. Gli ospedali di troppe città però sono pieni di malati di Covid 19, gli ordini presidenziali sarebbero andati contro le indicazioni dell’OMS e le misure di lock down prese da Stati Uniti, Italia, Spagna, Francia, ecc…

Abbiamo quindi un Golpetto o Golpe Bianco. I militari obbligano Bolsonaro a mantenere Mandetta alla Sanità. Il Presidente, dopo che i suoi assessori avevano annunciato le dimissioni del Ministro, non ha rilasciato altre dichiarazioni e ieri sera alle 20 e 30 davanti alle telecamere si è presentato Mandetta che ha parlato di lotta al Coronavirus.

La famiglia Bolsonaro entra in quarantena. La Globo non racconta la notizia nei dettagli perché appoggia l’operato dei militari. Nessun canale televisivo ne parla ma si trovano informazioni su siti internet, tra i quali defesanet.com.br

Respiriamo in molti nonostante le antipatie per l’estrema destra.

Così va il mondo, nel 2020.

77 Commenti

  1. non può che finire così non per volontà dei militari ma per palese incapacità di Bolsonaro. non basta mettersi al fianco Moro e Guedes per diventare un Signor Presidente, ci vuole altro. inoltre i suoi figli l’hanno ridicolizzato diverse volte anche internazionalmente. insomma: “non c’è”! ora lo fanno twittare, e lui come un bambino è contento, mentre i militari ci accompagneranno alle nuove elezioni senza traumi, spero.

  2. in realtá il Clan non ha mai governato (grazie a dio!). che governare é quello di un governo che si vede cassato da parlamento e stf l´80% dei provvedimenti e profondamente modificato il restante 20%? in un sistema parlamentare, con voto di fiducia/sfiducia, sarebbe caduto 3 mesi dopo le elezioni.
    l´unica cosa che il Clan é riuscito a fare é quadruplicare la gente ammazzata dalla P(ubblica) M(acelleria). che non rientra piú nelle statistiche cosí possono dire che s´é abbassato l´indice di omicidi.
    purtroppo peró il Clan continua a (s)governare via twitter, prendono per culo i cinesi e perdiamo qualche miliardo, prendono per culo gli arabi pe perdiamo qualche miliardo, perdono per culo la moglie di macron e perdiamo qualche miliardo.
    lo dissi fin dall´inizio, sto Clan é una bomba piazzataci dagli USA per rovinarci. se ne stanno accorgendo finalmente pure quegli idioti dei ruralisti che lo sostennero a spada tratta (perché gli liberalizzava il furto di parchi nazionali e riserve indios e l´uso di veleni).
    é tutto un gioco GEOPOLITICO. altro che “corruzzzione”, della quale peraltro anche il Clan é professore esimio.
    puó anche darsi che piazzarono sto clan “eccessivo, estremista” giá sapendo che lo avrebbero cacciato per sostituirlo con un VERO campione, un po´meno atroce, almeno all´apparenza (sergetto?).
    della serie “fatevi qualche annetto di ultra-peggio cosí poi il Peggio vero vi sembrerá meglio”.

  3. Ma questo prima di parlare non si consulta con nessuno? Nessuno gli ha detto di tacitare i figli che stanno creando solo casini…è un vane sciolto? O lo fanno apposta?

  4. io non capisco nulla di geopolitica. io so solo che da qualche anno a questa parte osservando cosa sta succedendo nel mondo sto notando che il più forte si mangia il più piccolo e senza sparare un colpo (o sparando pochi copi d’arma da fuoco). Gli USA il Brasile, La Russia prima la Crimea poi l’Ucraina, La Germania la Grecia dove recentemente ha acquistato tutti gli Aeroporti con una parte del debito della Grecia volutamente non non incassato dalla Germania, la Turchia si è insediata in Libia e così via……..Non mi pare sia geopolitica mi pare che chi ce l’ha piu’ lungo e duro si porti a casa il bottino. Questa situazione io la chiamo “guerra”!

  5. Lino e Undo già in campagna elettorale si era capito di che pasta era B.
    Sono contento che con il senno di poi vi siate ravveduti. Personalmente posso garantirvi che meloni + salvini in Italia potrebbero fare anche di peggio. Adesso che non hanno più la scusa dei barconi stanno perdendo consenso a gogo (dio esiste! Salvini – 10%)
    Conte da solo con la scusa del coronavirus riuscirà a inondare le aziende italiane di denaro…. Lo ha fatto con il rispetto e la credibilità, con l’educazione e con la furbizia. Chapeau per l’avvocato degli Italiani che con umiltà e lavoro incessante ha messo nelle nostre mani una nuova primavera in barba ai trattati e alla Germania. Con la scusa del coronavirus riuscirà a fare quelle politiche espansive che aspettavamo da 20 anni.

  6. mauro,
    non c´era bisogno di aspettare la campagna elettorale. bastava conoscere la storia del sudamerica per sapere cos´é la destra sudamericana:
    – devastazione del territorio, sterminio dei nativi
    – devastazione della classe lavoratrice e della piccola imprenditoria
    – impedire la crescita della nazione per favorire quella di potenze straniere

  7. Mauro, ti segnalo solo che l’Avvocato d’Italia sta inondando di soldi le Imprese Italiane attraverso le Banche che presteranno soldi alle Imprese tra l’1,5% ed il 2% anno e che questo prestito, garantito dallo Stato, deve essere reso in 6 anni. E’ una inondazione con l’amo. Domando: perchè con la garanzia dello Stato? Risposta: perchè se non pagano il prestito le Imprese verranno aggredite attraverso l’Avvocatura dello Stato con ipoteche, sequestri, passaggi di proprietà………E tu lo chiami un finanziamento dove non puoi negoziare ne i tempi e ne il tasso di interesse? Io lo chiamo una “chiavica” oppure “strozzinaggio”. Quando si è alla fame si è costretti ad accettare, che aiuti sono? Poi stiamo postando su Bolsonaro cosa c’entra Giuseppi che se non avesse avuto il coronavirus sarebbe già a casa e cosa c’entrano Meloni e Salvini?? Non hai bisogno di tirarli in ballo per trasmettere da che parte stai, e non capisco il perchè lo fai? Non spiegarmelo, non capirei. Infine, non è vero che io mi sono ricreduto su Bolsonaro, quando mai? Stai sbagliando di grosso. Io ero e sono contro i corrotti che c’erano prima……questo è vero. Spero che non tornino per riprendersi il restino che hanno lasciato.

    • LINO, guarda che per alcuni di questi che partecipano al Blog io sono un pericoloso “fascita”……ahahahah. Grazie per la tua condivisione che apprezzo anche perchè ci va coraggio a dichiararla in questo ambientino. PS:io ci sono e ci sto per amicizia con Antonio O.(vivereinbresile)

  8. dimostramelo lo 0,2%, forse al mese?. dipendendo dalla dimensione delle Imprese varia dall’1,5% ed il 2% anno. Se poi l’Azienda è di dimensioni Internazionali potrebbe essere dello 0,2….forse. Ma il fatto è che devi rendere in 6 anni. 6 anni??? pensa l’ipoteca e tutto quello che ne consegue. per me il discorso è chiuso qui. non stiamo parlando di Bolsonaro e Brasile. Se apri un post per gli “aiuti” alle Imprese Italiane causa coronavirus allora parteciperò. PS: il senso della mia considerazione non era solo il tasso di interesse del prestito…..leggi bene tutto quello che ho scritto, per favore, e non solo il pezzettino che ti interessa evidenziare.

  9. trovo pressochè ineccepibili gli interventi di lucio, sempre preciso e documentato, mentre non capisco dove si documenti Undo, specialmente quando sproloquia sulla politica italiana. D’altra parte quando Undo si riferisce all’ottimo Presidente italiano Giuseppe Conte, indubbiamente il miglio Presidente del Consiglio italiano dal dopoguerra, chiamandolo “giuseppi” proprio come fa la più becera propaganda fascistoide italiana, credo che Undo si definisca da solo e si capisca da dove nasca la sua “tuttologia”.

  10. “dovrebbero” collocarsi tra 0,2% e 0,5% questo è il condizionale scritto ma la realtà è per le PMI tra 1,5% ed il 2% anno. poi vedi che mancano già i soldi per i 600 Euro.

  11. Marofalco, presto i tuoi preferiti ti manderanno a casa un lecca lecca per ricompensarti dei tuoi servizi. Che pena non saper reggere un confronto quando si incontra qualcuno che la pensa diversamente. Triste, proprio triste. PS: fascista sarai tu e tutti i tuoi amici!

  12. MArcofalco, tu sei piccolo piccolo ed io non sono un fascista. Hai commesso un errore quindi non ti farò avere il mio lecca lecca. Tiè! Quando accetterai un confronto non ossequioso allora ne riparleremo del lecca lecca.

  13. Mauro, non ti facevo tipo da giochino delle 3 carte! Informati meglio. Non è che mi interessi molto un morto che cammina quindi: “Je m’en fous” di Mussoliniana memoria.

    • Undo ma di cosa stai parlando?? I tassi di interesse sono garantiti entro 0.5 punti base per tutti. Se non fosse così ti chiedo di condividere le tue fonti…

  14. A chi mi crede o mi accusa di essere un fascista ripeto: io non lo sono e non lo potrò mai essere. Interpreto le vostre accuse o allusioni come una vostra incapacità di “reggere” delle critiche dirette e dure che esprimo senza essere condizionato da ideologie. Oddio, quante volte l’ho già scritto su questo blog che ritengo le ideologie essere la fossa o le foibe dell’individuo. Ma le vostre accuse o allusioni al mio indirizzo inizio a viverle come una vostra triste debolezza. Non vi ha mai detto nessuno che le accuse sono l’unica arma che le “mammole” hanno quando sono prive di argomenti?
    Io amo la mia Patria e amo i suoi valori fondativi: Famiglia, Lavoro, Solidarietà e ne sarò sempre uno strenuo difensore. Mettetevelo in testa. Nel Brasile ci vivo bene e non ci morirò male. Andrò a morire in Italia: Silendo libertatem servo – Undo

  15. Mauro, tra poco si tireranno su le reti e saprò/saprai/sapremo la verità. Generalmente le Imprese e le PMI non mentono (vedi Assolombarda) mentre i politici hanno le parole facili che suonano come i pifferi incantatori. Basta attendere. Non ho commentato i 6 anni per la restituzione…….sarà per far fare affari alle Banche? 6 anni………volano ed il debito rimarrà. Così si vogliono chiudere le PMI a favore delle grandi Imprese. Grave errore di inesperienza dell’esecutivo che manca di praticità.

  16. Mauro, ti faccio una domanda che ti scomoderà e mi aspetto una risposta non condizionata da ideologie e simpatie. La domanda: “durante il discorso di Lula in Parigi, osannato/acclamato da tutti i presenti come affermi tu, il Lula ha definito Sergio Moro una “canaglia” e un “mentiroso”. Ci sta detto da Lula che è un impulsivo ma è stato anche un grande statista a detta di molti quindi offendere un Ministro della Giustizia del proprio Paese per motivi strettamente personali è giusto? è normale poi non avere conseguenze? nessuno l’ha fermato e nessuno in Brasile l’ha richiamato. Rientra nella normalità tutto questo? Oppure no? Cosa ne pensi gentile Mauro?

    • io non sono Mauro ma Matteo. Ti rispondo e ti risponderà anche Mauro, credo.
      Io voglio dire questo: in Brasile stiamo facendo la grandissima stronzata di dividerci per questioni politiche. Pare che l’esempio europeo e italiano non sia servito a niente. A me di Lula non me ne fotte un cazzo, in questo momento.
      Dovremmo unirci e preoccuparci di arginare i danni alla salute, psicologici e economici causati dalla diffusione di ‘sto cazzo di virus. Invece, discutiamo sul sesso degli angeli,Lula, Bolsonaro, Moro… avete capito che siamo nella merda o dovete caderci dentro fino al collo per sentire quanto puzza?

  17. Matteo io non ti ho chiesto nulla e apprezzo che non hai risposto alla mia domanda perchè non era rivolta a te. Capisco che tu abbia approfittato della “ghiotta” occasione per indirizzarci su questioni decisamente piu’ serie. Questo tuo richiamo io l’accetto e spero che anche tutti gli altri facciano lo stesso, senza se e senza ma.
    Aspetto che Mauro risponda alla mia domanda.

  18. Undo come ben sai ho scritto spesso di Lula in questo sito raccontando i fatti come li leggevo sulle testate brasiliane senza scontare nulla all’ex presidente (o a Dilma) pur essendo stato un suo simpatizzante (soprattutto nel suo primo mandato).
    In Italia ho visto fare di peggio quindi per me Moro è un Di Pietro alla Brasiliana. Ho visto numerosi reportage che lo ritraggono come tale (mentiroso e ossessionato da Lula tanto da bluffare per avere la meglio sulla sua compagine di avvocati). E’ stato corretto Lula? E Bolsonaro lo è mai stato? Non credo in nessuno dei 2 casi. Ma il politically correct non funziona più. Ormai si segue il trend di twitter e dei social e la linea politica di un partito è dettata dalla costante ricerca di consenso immediato (like, retweet ecc) perdendo di consistenza e onestà nei confronti dei propri elettori. Non mi stupisco più di nulla… Detto questo sono stufo di parlare di politica e non lo farò più per un tempo relativamente lungo.

  19. concordo sulla chiusa del tuo intervento, importante è che non mi tirino ancora dentro indicandomi come un fascista, che non sono e nemmeno mi offendo ma reagisco per la falsità.
    In nessuna occasione Istituzionale ed Internazionale un ex Premier Italiano o un ex Presidente Italiano ha fatto delle dichiarazioni calunniose su Di Pietro. Non le hanno fatte perchè al ritorno a casa avrebbero avuto contro tutti i media e sarebbero stati richiamati formalmente da chi di dovere e competenza. Mentre in Brasile e fuori dal Brasile tutti i politici o ex politici di punta possono dire o offendere loro pari o cariche Istituzionali. E’ una merda. Credo che concorderai su questo. Chiudo augurandomi che si riducano al minimo commenti soggettivi orientati alle ideologie politiche vecchie. Bla Bla Bla Bla…..io ce l’ho piu’ lungo del tuo, no sono io che ce l’ho piu’ lungo del tuo ma il mio è di un duro che dura eheheh il mio è di un lungo che sfonda e poi arriva il terzo che afferma….ma state zitti il mio è di un grosso che squarta! Questa è la politica oggigiorno in tutto il mondo. Ciao.

  20. Undo i tuoi commenti mi piacciono un casino e li condivido pienamente, così come condivido alcune considerazioni di altri partecipanti al dibattito.
    La mia considerazione è proprio come quella che dice Matteo, siamo tutti nella merda, al momento chi più e chi meno a seconda delle sue possibilità di sopravvivenza nel breve periodo (la maggior parte della popolazione mondiale), nel medio periodo (lavoratori autonomi di un certo livello, professionisti sufficientemente affermati, politici di vario spessore e/o livello) o nel lungo periodo (elite di vario genere, grandi e grandissimi industriali, capitalisti di lungo corso, regnanti e politici di primo livello..).
    Di fatto, per tutti coloro che già non se la passavano bene prima (come il sottoscritto) il livello della merda ha già superato l’altezza del collo, per cui la puzza che ne consegue ormai la sentono benissimo e allo stato delle cose la visione di qualsiasi prospettiva futura è praticamente azzerata.
    Per coloro che ancora riescono a rimanere nella linea di galleggiamento, perchè la merda non ha raggiunto ancora un livello tale da sentirne forte l’odore, rimane molto più tempo per poter disquisire, da veri tuttologi, anche sul sesso degli angeli, e basta affidarsi alle tv e ai vari social di sta cippa per rendersene conto… Penso quindi che continuare ad accapigliarsi inutilmente su posizioni ideologiche che a mio parere non hanno più alcun senso di esistere, sia completamente inutile e controproducente, che non ci porti da alcuna parte e non serva minimamente ad uscire da questa situazione catastrofica in cui il mondo intero è precipitato e con cui si troverà a fare i conti negli anni a venire.
    Continuando a dividerci e ad accapigliarci tra di noi, oltre che senza senso serve solo a fare il gioco di coloro che da tutto ciò continueranno a trarne i propri vantaggi personali, tanto in Brasile che in Italia o in altre parti del mondo. Essendo comunque un sognatore, nonostante la merda in cui mi ritrovo, spero davvero che questa pandemia ci faccia riflettere e che ci dia dei veri insegnamenti, e che possano tornare ad avere più valore concetti come solidarietà, amicizia, amore per le persone e per le cose che ci circondano, e che non torneremo invece ad essere le solite capre belanti pronte a scannarsi tra poveri per la fame, e tra gli altri per la fama il potere e il vile denaro.
    Un saluto e buona vita a tutti.

    • grazie Paolo per il commento. Sottoscrivo: è il momento di raccoglierci in noi stessi e non di blaterare. Cerchiamo di imparare qualcosa da questa esperienza, se è possibile imparare qualcosa. E ammettiamo che questa esperienza probabilmente segna la fine di concetti come Sinistra e Destra. In fondo sia in Italia che in Brasile è trasversale e ormai acquisito, spero, a tutti che ci sono idioti e psicopatici in entrambi gli schieramenti e ci sono persone intelligenti in entrambi gli schieramenti.
      In Brasile è assurdo continuare a sostenere il Presidente con l’atteggiamento fideistico che si nota soprattutto nelle Reti Sociali. Si criticava Lula per essere diventato un Mito, lontano dalle gente e adesso si crea un altro Mito, lontano dalla realtà.
      Affidiamoci a Non Miti. A persone normali. O meglio, non affidiamoci a nessuno, contiamo su di noi.
      Questa esperienza durerà a lungo, nel Mondo. Noi dobbiamo cambiare paradigmi rapidamente, altrimenti ci faremo schiacciare.

  21. Dedicato a MAURO:
    https://www.italiaoggi.it/news/rischio-bancarotta-con-il-ricorso-al-credito-dello-stato-2438724
    aggiungo che se si ricorre al prestito di Stato e non ce la fai a renderlo non hai piu’ alcuni paracaduti quali ad esempio: il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione dei debiti. Vedi te se è un aiuto! PS: ti comunico che da poco siamo nel MES, bontà del PD e dei M5S e non solo. Grazie Conte, grazie Gualtieri, grazie a tutti i responsabili. Grazie a nome dei piu’ giovani. Ora ci butteranno fumo negli occhi…….inizio a pensare che nel 68 mi sono fatto del male e ho contribuito a fare del male per difendere “democrazia e libertà” in piazza! La democrazia senza etica e rispetto soffoca i talenti e la libertà senza pudore e senza rispetto degli altri è una offesa al senso civico. Come si dice…..tornassi indietro……..col cazzo che. Tanti sono ancora vittime dello slogan e ci governano da allucinati.

    • ” ti comunico che da poco siamo nel MES, bontà del PD e dei M5S e non solo. Grazie Conte, grazie Gualtieri,”
      undo la smetti di scrivere minchionate su questo blog?
      non si sopporta più la tua completa disinformazione e mistificazione della realtà.
      Dovresti imparare ad apprezzare il valore del silenzio nella comunicazione interpersonale e lasciar stare i lecca lecca.

  22. Paolo ciao. Quoto del tuo intervento: “Continuando a dividerci e ad accapigliarci tra di noi, oltre che senza senso serve solo a fare il gioco di coloro che da tutto ciò continueranno a trarne i propri vantaggi personali, tanto in Brasile che in Italia o in altre parti del mondo.” Difatti a volte mi pare di essere una pallina del flipper che rimbalza da una parte all’altra e che come premio ottiene un beo TILT!
    Io sono stato un “sognatore” a fine anni 60 inizi 70…….scendevo in piazza per la “democrazia e la libertà” e ci pensavo in questi giorni di clausura da Covid19 a cosa è servito scendere in piazza a suo tempo. La risposta che mi sono dato è terribile: è servito a un cazzo, specifico meglio peggio di un cazzo perchè: la “democrazia” (l’uguaglianza) soffoca i talenti che non emergono piu’ dall’appiattimento Italiano e se ne sono andati all’Estero; quanto abbiamo perso in pianificazione delle attività del nostro Stato. Che perdita! La “libertà”….oggi ci pare di essere liberi ma non lo siamo assolutamente. La mancanza di etica, di senso civico, la pochezza del rispetto verso il prossimo, la vanità personale e la mancanza di solidarietà sta a significare che la libertà che pensavamo “conquistata” (peace and loco) è stata una libertà “concessaci” a tempo indeterminato. Tempo scaduto con gli inizi dell’Euro e di altri eventi analoghi esempio la globalizzazione, le nuove tecnologie usate come megafoni a volte in mano a delle capre o imbecilli che aizzano i Popoli. Chiudo, augurandoti di non sentire piu’ l’odore di merda il piu’ presto possibile. Io non vorrei piu’ sentire il “ciacolare” o meglio lo “starnazzare” dei saputelli…..ho risolto con le cuffie, non so se esistono cuffie o similari per il naso……spero di si. Scherzi a parte, tutto di buono anche per te! Angelo alias Undo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.