Home attualità Mandetta annuncia su Twitter di essere stato licenziato da Bolsonaro

Mandetta annuncia su Twitter di essere stato licenziato da Bolsonaro

49

BRASILIA – Il Ministro della Sanità Luiz Henrique Mandetta ha annunciato di essere stato licenziato dal presidente Jair Bolsonaro dopo un incontro a Palazzo Planalto.  Le dimissioni arrivano dopo settimane di disaccordi tra i due su come affrontare la nuova pandemia di coronavirus. L’oncologo Nelson Teich è stato nominato suo sostituto. Numerosi gli sfoghi della popolazione nelle maggiori città del Brasile.

“Ho appena ascoltato il presidente Jair Bolsonaro che ha annunciato le mie dimissioni dal Ministero della Salute. Voglio ringraziare l’opportunità che mi è stata data di essere il direttore del nostro SUS, di contribuire a migliorare la salute dei brasiliani e pianificare la gestione della pandemia di COVID19 la grande sfida che il nostro sistema sanitario sta affrontando” ha scritto Mandetta sul suo account Twitter.

49 Commenti

  1. Non per difendere bolsovirus, ma ho visto Datena che ha mandato in onda alcune sue considerazioni sulla possibile pandemia in Brasile, fatte a fine febbraio inizio marzo circa, dove si chiedeva come non prendessero provvedimenti nel carnevale dove sarebbero venuti molti turisti possibili infetti e successivamente anche per come di aggravava la situazione all estero.
    Perche questo ex ministro si eh svegliato solo dopo?

    • Lino se vai dietro Datena è un labirinto. L’ignoranza di questo presentatore pseudo giornalista televisivo è compresa solo da una parte dei brasiliani, quelli “ringhiosi” per intenderci.

  2. In Brasile stanno chiaramente usando il problema per fare casino, seminare il panico e trarne vantaggio politico. E’ una vergogna ma va benissimo così rispetto a quello che succedeva poco tempo fà quando tutto rimaneva nascosto tra 4 mura, 4 banditi (migliaia) e con la complicità della stampa nessuno sapeva poco o niente di quello che succedeva a Brasilia e dintorni.

  3. Lino,
    te le stai andando a cercare e se fossi in te lascerei perdere….rsrs

    Non si puó dire nulla oggi fuori da quello che ci ripete giorno e notte la mandria de cammelidi:
    – L’ ex Ministro della Salute era la reincarnazione di Alfred Nobel.
    – Bisogna stare agli arresti domicíliari fino al 2028 come dicono gli esperti e soprattutto zitti.
    – La colpa di non si sá cosa é del Presidente della Repubblica.

    Ormai siamo arrivati a livelli di imbecillità galattici per cui corri il serio riesco di venire schedato come un “bolsinhon” (o qualcosa di simile che ripetono come pappagalli dislessici i nostri amici tupininambà), e di essere perseguito a vita d’ora in poi, preparati …rsrs

  4. Sempre per non difendere bolsovirus ma per fare una riflessione..in brasile funzionerebbe il lockdown tipo Italia? Si riuscirebbe a controllate un popolo come questo tenendo conto che la chiusura é efficace solo quando ben ristretta?
    Leggevo che la risposta a un test del covid19 a santos impiega 37gg,
    il fratello di una mia conoscente a rio é morto e solo al decesso gli hanno fatto il test..positivo!
    Sono destinati davvero a infettarsi al 70%..con i presupposti che hanno temo di si.
    intanto molti altri muoiono di altre malattie non diagnosticate o non piu curate o si beccano il virus quando ricoverati.

    • Lino, altro mondo, altra cultura, altre storie insomma confronto impossibile e la tua domanda rimarrà senza risposta. Qui fanno i test dopo morti, magari non li fanno ma dicono di farli per prendersi 2 lire. Tante cose del genere sono successe in tutto il Mondo ma in Brasile non ci sono controlli…..e non è il ministero della Salute che deve controllare ci sono le fiscalizzazioni della Receita preposte. CApisci a me!

  5. Matteo Gennari,
    dimenticavo…io pensavo fosse un diritto acquisito quello di espressione nel 2020…comunque sia ti ringrazio e continua ad evitarmi. Grazie

  6. Lino,

    Bolsonaro non c’entra niente ovviamente è solo un pretesto per fare politica meschina di quinta categoria da parte di chi non accetta il risultato delle urne. Di persone che non voterebbero per Bolsonaro nemmeno sotto tortura ma hanno opinione uguale o simile alla sua in questo caso ne conosco varie. Quelli invece si mettono a principio sull’altare e senza argomentare puntano il dito verso chi si permette di pensare liberamente sono degli imbecilli, niente più.

    In Italia ha funzionato alla grande il “tutto chiuso”…?!?!

    L’ OMS ha dichiarato lo stato di pandemia il 9 o 10 marzo, circa 3 mesi dopo che il virus stava facendo il giro del Mondo indisturbato e quando ormai era troppo tardi per fare qualsiasi cosa.

    Secondo te dire a 8 miliardi di persone di stare in casa per 3-4 o chissà quanti mesi è una soluzione a un problema o una presa per il culo di chi oltre a non aver fatto niente per contenere l’epidemia non sà minimamente cosa fare…?

    Secondo te quasi 2 miliardi di indiani possono stare in casa a grattarsi la pancia…?

    E’ ridicolo.

    China e OMS hanno commesso un chiaro crimine contro l’umanità e tutto il resto è una conseguenza.

    Per fortuna il Brasile ha una geografia, un clima, un’ età media, una densità di popolazione e di circolazione (a parte le capitali che sono legate dai voli aerei tra una città e l’altra del Brasile non c’è il 5% del vai e vieni che c’è tra Milano Bergamo e Brescia) completamente diversa da quella dell’ Italia per esempio e credo (spero) non farà troppi danni. Da dove vivo ora per arrivare alla “cittadina” più vicina bisogna fare circa 1.30 di macchina in mezzo la nulla e dove passano solo camion e poche auto, per arrivare alla prima città vera sono almeno 400, la stessa cosa vale per quasi tutto l’ entroterra brasiliano. Per ora il numero di morti sono molto stabili e fortunatamente ora abbiamo un Ministro della Salute serio e non il venditore di pentole Jorge Mastrota.

  7. sono curioso di leggere ora cosa ne pensa graziano del capo della PF, figlioccio del morello di curitiba, appena segato dal suo “mitile”, ahahah!

    p.s. sarebbe un immane piacere assistere, birra e popcorn, a ste atroci faide interne fra nazisti, se non fosse che danneggiano tutto il paese per l´”instabilitá politica”.

  8. Lino, altro mondo, altra cultura, altre storie insomma confronto impossibile e la tua domanda rimarrà senza risposta. Qui fanno i test dopo morti, magari non li fanno ma dicono di farli per prendersi 2 lire. Tante cose del genere sono successe in tutto il Mondo ma in Brasile non ci sono controlli…..e non è il ministero della Salute che deve controllare ci sono le fiscalizzazioni della Receita preposte. CApisci a me!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.