Home Racconti da Rio de Janeiro Celebriamo la Fine, il Distacco, non rimaniamo insensibili

Celebriamo la Fine, il Distacco, non rimaniamo insensibili

38

Ricattando i governatori li ha costretti a cedere; spostando gli equilibri parlamentari verso il Centro e distribuendo incarichi ha formato una solida maggioranza che dovrebbe bloccare ogni richiesta di impeachment.
E poi a noi cosa ce ne dovrebbe fregare? Noi dovremmo occuparci di quale serie vedere, quali libri leggere per far passare il tempo o pensare a come non morire di fame. Lasciamo che di cose più grandi se ne occupino I Grandi.
A me dispiace per il Brasile e per la negazione della Morte. Non mi riferisco ai funerali di per sé ma alla Morte, la Grande Consolatrice. Perché dovremmo pubblicamente celebrare gli ormai consueti mille decessi al giorno, bisognerebbe non dico pregare tutti insieme ma quasi. Quando diventa una questione pubblica, condivisa, ci vorrebbe del rispetto, del silenzio, ci vorrebbero delle parole di cordoglio da parte delle Autorità.
Invece dalle Autorità giunge il solito brusio che pare scherno, le contese politiche hanno negato a migliaia di persone il sacrosanto silenzio davanti alla perdita.
Ormai ha vinto Bolsonaro.
Invito però i pochissimi che mi leggono a celebrare la Morte quando passa che significa rispettare la vita anche quando ci abbandona.

38 Commenti

  1. Ciao, si so di Acapulco, ma comunque fa i pienoni durante l’anno, io comunque sto a Cancun che è altra storia , poi se proprio occorre dirlo di violenza è tra cartelli ma chissa dove . Messico va di brutto ancora con il turismo ,ti lascio un link di cortesia : https://edition.cnn.com/travel/article/mexico-reopening-coronavirus/index.html
    Anche se adesso con questa contingenza mi fa specie vedere turisti (chissa poi perchè sono solo di quei paesi a zero lockdown ..)

  2. Una domanda indicativamente, dato che non ho preso visione, non avendo mai preso voli interni in Brasile, ad esempio quanto costa un volo da San Paolo a chessò Fortaleza o Rio ? O da San Paolo a Salvador ? Vorrei capire indicativamente come si muovono i turisti interni , sono più locals o fanno anche rotte dal nord al sud ? Non so se mi spiego, tipo qui, è normale che un Messicano del Nord o Centro prenda aereo ed arrivi a Quintana Roo ( lo stato dove sta Cancun) al massimo sono 3 ore di volo per 100 dollari ma in bassa stagione si trovano per 50 o 35 dollari. Quindi di che prezzi parliamo in dollari ?

  3. Ferdinando, conosco il Brasile dal 1982 (era magnifico), poi ci sono tornato nel 1987 per comprare un terreno fronte mare in Regiao dos Lagos RJ, poi ancora nel 1995 per vendere il terreno ad un costruttore che mi ha pagato con 2 appartamenti, nel 1997 mi sono sposato in Italia e poi in Brasile e ci sono tornato per arredare i 2 appartamenti finiti. Rieccomi in Brasile nel 2001 per 5 mesi di convalescenza (ero un lavoratore autonomo), nel 2007 sono andato in quiescenza in Italia e ho “preso armi e bagagli” e mi sono trasferito in Brasile nel 2008 dove risiedo da allora. Oggi 2020 sto cercando casa in montagna in Italia in alta montagna (Alpi Giulie). Ho messo in vendita i 2 appartamenti per liberarmi di vincoli con il Brasile. Perchè? bene tutta questa filippica per dirti che a mio avviso dal 1982 (prima visita al Brasile) al 2015 ci sono stato bene e me la sono goduta (la vita con mia moglie). Dal 2015: aumento criminalità, azzeramento assistenza anche di quella privata che pagavo una cifra, peggioramento delle infrastrutture, rapinato 2 volte in casa e 3 volte a passeggio sul lungo mare, aumento dello stress della popolazione che è diventata intrattabile e nevrotica, impossibilità di avere una vita sociale normale…….qui mi fermo. Di li la decisione maturata alla fine con il desiderio di lasciare questo Paese. Di politica non mi interesso di speculazioni finanziare nemmeno ho sempre vissuto del mio con una cerchia di amici ridotta con i quali sfogavo le mie passioni: pesca fiume e mare d’altura, pororoca, pantanal, Bonito, Amazzonia per passeggiate all’interno guidate. Ironia della sorte…..MESSICO: mio figlio, oggi 42 enne,
    dirigente in una multinazionale di tecnologie (Cisco) nel 2018 era stato traferito da Zurigo a Città del Messico e lui ci era andato molto volentieri con tutta la sua famiglia. Bene 7 mesi dopo sono stati sequestrati lui, la moglie e mio nipotino (loro figlio) per 21 giorni fintanto che la Cisco non ha pagato la cifra che volevano. Nei 21 giorni: 1 pasto al giorno e 1 litro di acqua per tutti e 3. Una volta liberato e dopo 2 settimane di serenità per riprendersi è tornato al lavoro ma al 15° giorno è stato preso tra 2 fuochi, quello della polizia e della malavita del posto (narcotraffico) ed è stato colpito da “uma bala perdida) alla chiappa, altri 20 giorni di Ospedale. E’ tornato in Italia, ha dato le dimissioni dalla Cisco e con sua moglie hanno aperto una gelateria a Varenna (Lecco) e stanno da Dio, finalmente. A proposito, mio figlio nel periodo lavorativo in Messico è stato un poco in giro sia per lavoro che per vacanza e mi ha raccontato che Acapulco è come Riccione se non più densa e Cancun è solo cemento e spiagge con una qualità della vita pessima per l’affollamento sia turistico che residenziale al trascino del turismo. Per questo motivo ti avevo indicato il Cile, solo per questo. Saluti e in bocca al lupo. PS: scusa del liungo.

  4. Intanto ti rispondo per i voli dall europa, quando pago tra 600 e 700 euro a/r per il nordest e non devo dormire da qualche parte perche non ho connessione salto di gioia
    Con 500 600 e ci vanno in thai sempre scegliendo la compagnia da usare
    Sempre pre covid

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.