Home Racconti da Rio de Janeiro La normalità in Brasile

La normalità in Brasile

9

Il modo in cui il Brasile ha reagito alla pandemia e ha gestito e sta gestendo l’emergenza potrebbe essere definito da due espressioni:

  • Alla cazzo
  • Crediamo nella buona volontà dei cittadini, medici, infermieri, nel volontariato…

Di fatto ognuno fa come gli pare. Chi vuole uscire, esce, chi vuole stare in casa e può farlo sta in casa.

(A  me dispiace non poter fare il bagno in mare, la spiaggia infatti qui a Copacabana è sorvegliata dalla polizia e io non sono ancora riuscito a svegliarmi alle cinque del mattino per correre in acqua ed eludere gli sguardi degli uomini dell’ordine)

per passare il tempo poi ci occupiamo di politica. Noi ci occupiamo dei politici mentre loro non si occupano di noi. Noi pensiamo a cosa loro potrebbero fare mentre loro pensano a come organizzare un colpo di stato.

Noi discutiamo tra di noi via messaggio via whatsapp di Bolsonaro e dei figli mentre lui promuove

la Clorochina (perché lo fa? Non è che ci guadagna qualcosa?)

e il Kaos (si è liberato di due ministri della salute, di Sergio Moro, il Kaos è quasi instaurato).

E allora chi gestisce la crisi, come sempre in Brasile, sono le persone normali che vanno tutti i giorni al lavoro in ospedale, che puliscono le strade, che insegnano online, che non stanno a sentire quali sono le direttive dall’alto ma agiscono e basta.

E’ come se fossimo senza governo e ci autogovernassimo.

9 Commenti

  1. Buongiorno a tutti, sono aperto alle domande e pronto ad aiutare chiunque sia interessato al Brasile. Mi chiamo Amanda, sono brasiliana e sto per riconoscere la mia cittadinanza italiana…ho un sogno di conoscere e vivere in Italia, dove è nato il mio bisnonno, sono disposto a dare una mano per rispondere alle tue domande. Mi dispiace per qualsiasi errore, sto imparando la lingua.

  2. E’ una questione culturale, i giapponesi reagiscono con calma e sapienza, i tedeschi con organizzazione, gli italiani ne carne ne pesce, i brasiliani fanno casino, litigano, rubano…vida que segue.

  3. Da quando conosco i brasilioti TUTTO è gestito come al punto 1
    E la finalità eh l ultima parola di graziano toledo.
    Rubare
    L unica cosa ben organizzata, detta da loro e non da me è il carnevale, io aggiungo fare cartello tra imprese

  4. Fascistoidi/comunistoidi repressi, opportunisti, facce di culo vecchie e nuove sono venuti a galla in buona quantità durante questa pandemia, é forse l’ única cosa buona che é avvenuta e i brasiliani se lo ricorderanno nelle prossime elezioni municipali e statali.

  5. ieri divertentissima votazione al senato sul rimandare l´ENEM, governo battuto 70 a 1 (flavio B).
    ahahah!
    meno male che il parlamento c´é. e poi parlano male dei “politici”.
    in questo tragico anno e mezzo bolsonarico i politici hanno dimostrato sale in zucca rigettando il 98% delle bastardate naziste governative, dimostrando di essere molto meglio, piú intelligenti, democratici, umani rispetto alla parcella di popolazione OVINA (lo dico democraticamente) che appoggia st´aborto al governo.
    aborto che poi va a danneggiare in primis proprio quelli che lo sostenevano (tipico dei nazisti).
    al che io sono pure contento, anche se poi tentano di ascrivere i danni ai “passati governi”, insomma colpa di tutankamon, ahahah!

  6. la mia testimonianza é diversa dalla vostra.
    1) qua a bahia la questione covid a livello politico é gestita bene, sia da destra che da sinistra, perché il governo centrale non ce lo inculiamo manco di striscio

    2) la gente é abbastanza ordinata, escono tutti con le mascherine, nei quartieri in cui si decreta (temporaneamente) lockdown il movimento si riduce molto. vabbé nel weekend il baretto qui in strada apre con la serranda mezza abbassata, concediamoglielo. la polizia in spiaggia ti becca pure alle 5 di mattina.

    3) quanto ai “brasiliani ladri” non concordo. io vivo in una rua medio-povera, sono quasi tutti neri-mulatti, lavorano, non rubano, rarissima la gente che prende il bolsa familia.
    un anno fa ho subito una terribile disgrazia e decine di persone mi hanno aiutato in modo sorprendente (come MAI sarei stato aiutato in italia), in tutti i modi, perfino ECONOMICO (non richiesto e di cui non avevo bisogno). mi capitava di venir fermato da gente, a 500m da casa, a me sconosciuta ma che sapeva tutto di me e mi offriva aiuto dicendo “sei uno di noi, anche meglio di noi, ti amiamo”.
    sará che ho solo culo o é a causa del mio modo di atteggiarmi con loro?

    4) quanto alla ossessione per la clorochina, trump é proprietario di azioni della farmaceutica francese che ne é la maggior produttrrice, ecco il motivo.

  7. La soluzione proposta da Undo è decisamente più interessante.

    Cliente medico in prima fila a Manaus:

    Eu: e aì Dr. como tá agora a situação por aí?
    Ele: Aqui em Manaus estão diminuindo as mortes. Acho que jà passamos pelo pico.

    Eu: pensei que pudesse chegar com força em varios lugares o virus, menos que manaus
    Ele: Acho que foi devido à grande presença de pessoas de fora. O Distrito Industrial é cheio de Chinês , Japonês , Koreano e Indiano e ficam viajando daqui pra lá e de lá pra cá. Qdo trancaram as portas já era tarde.

    Il virus è in giro almeno da novembre (il primo caso di morte in Francia è del 2 dicembre) e a gennaio/febbraio aveva già fatto il suo corso naturale facendo tutto quello che doveva fare, non solo in Brasile ma dappertutto. Nei paesi o città dove ha fatto più danni è esclusivamente perché è entrato prima e con più forza che altri, il lockdown c’entra poco o niente.

    Avrebbe avuto forse un senso se la Cina non avesse nascosto il virus con la complicità dell’ OMS.
    A Taiwan hanno ricevuto alcune informazioni previe dalla Cina e sapendo bene che non c’è da fidarsi hanno capito subito che c’era qualcosa che non andava e si sono chiusi in tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.