Home Racconti da Rio de Janeiro da Rio/2

da Rio/2

2

L’amore è dappertutto

è nel rituale e nella voce della vicina

vecchia e insopportabile

filo Bolsonaro

è nello spirito d’un indigeno che ha detto

– Abbiate fede in me e stasera toglietevi le maschere.

La vecchia insopportabile parla al telefono

delle gesta del Presidente

dice che come lui non c’è nessuno

ed è pure bello.

 

L’amore è nei figli che dalle 8 alle 20 non si staccano dal computer

è nella noia d’un giorno dopo l’altro tutti uguali

nell’illusione d’un rapporto

nel sesso che è un’illusione

nel corpo che si consuma

poco a poco.

 

L’amore è nel tifo televisivo con gli stadi vuoti

nelle urla strozzate

negli inchini davanti all’altare

e nelle statue dei santi

e di un Dio

a cui penso mentre vado a spasso con il cane.

 

Sono credente, almeno credo

la vicina però urla – Bolsonaro, Bolsonaro!

al telefono con un’amica

il suo orgoglio mi annulla, qui alla mia finestra

chino su me stesso

chino sul nulla.

 

L’amore è nella fedeltà del mio cane

a cui devotamente confido i miei pensieri

mentre cammino, al mattino

poi prego Dio di darmi la forza di amare tutti

anche la mia vicina

che ucciderei invece devo amare

per il mio bene

perché se non amo, appassisco

se non amo, muoio

se non amo, torno uguale a 20 anni fa.

 

L’amore è nella fedeltà di Dio ai suoi piani

e del mio cane a me.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.