Home Racconti da Rio de Janeiro Coronga e i moralisti da tastiera

Coronga e i moralisti da tastiera

0

All’improvviso, tutti statalisti con un tocco nauseante di cattolicesimo.

A Rio come a San Paolo, a Venezia come a Salerno come a Milano. Eravamo individualisti, egoisti e, in pochi mesi, ci siamo scoperti dei moralisti.
I migliori quelli che ti scrivono su Facebook o in privato e ti spiegano come devi comportarti, la discriminante è farti o non farti una o più dosi di vaccino.
I migliori tra i migliori quelli che si professano notoriamente antifascisti e affermano che brucerebbero, eliminerebbero dalla faccia della terra chi le dosi non le ha fatte o chi incita alla cautela, con i farmaci. E se tu gli rispondi che non è esattamente questa la tua opinione, che la situazione è un po’ più complessa, loro incarano la dose e ti danno del fascista.
Hanno la bava alla bocca e non se ne rendono conto. Poi, se li incontri per strada e gli dici: “Non dovevamo menarci?”, non hanno il coraggio di alzare un dito.
Sono dei moralisti via email.
Io credo che dovremmo tutti darci una calmata, rispettarci un po’ di più e pensare alla bellezza della diversità d’opinione e di comportamento.
Inghilterra, Spagna, Portogallo e i Paesi del Nord Europa potrebbero insegnarci come fare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.