Home Racconti da Rio de Janeiro Ombre

Ombre

0

Risalendo il vicolo vedo

una porta aperta,

la scura luce della canna arrugginita di un fucile

e un sacchetto di plastica, appeso.

Dentro il sacchetto ci sono coca, erba, crack e pastiglie.

Il volto del venditore in chiaroscuro non lo vedo

ma so che è molto giovane.

Me l’hanno detto e lo sento.

E poi avevo già incontrato un suo collega,

in piedi sul picco della scalinata con un sacchetto di plastica appeso accanto,

senza fucile.

Un adolescente. Da quella postazione si godeva il paesaggio,

i palazzi di São Conrado e il mare.

Il rumore delle onde è un basso continuo. Lo senti quando chiudi gli occhi.

Sussurra frasi contraddittorie,

morti inutili,

distanze sociali tipicamente locali,

conflitti regionali insignificanti.

A Rio niente è serio, nemmeno la morte.

E io di nuovo vengo risucchiato,

assorbito, inglobato.

Non riesco a pensare.

L’unica occupazione interessante è

insegnare le tabelline a quattro ragazzi

in una scuola della favela

a pochi metri dalla casa in cui

ho visto il fucile,

il sacchetto e un’ombra, profilo di qualcuno o

qualcosa, un’entità forse o un mostro da videogame

di pelle liscia e scorrevole, sinuosità da rettile, ironia da iena.

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.