Navigazione forum
Devi accedere per creare messaggi e topic.

40mila euro in contanti

al momento, non avendo redditi in Brasile non dovresti fare IR 2018 redditi 2017. Ma io ti consiglio di fare la dichiarazione comunque inserendo il saldo del tuo conto bancario italiano al 31.12.2017 trasformando gli Euro in Reais, il saldo del tuo conto brasiliano al 31.12,2017  e anche beni immobili in Italia. Se hai già cadastrato la tua casa in Brasile (registro cartorio) inserisci anche questo immobile in Brasile altrimenti lascia perdere al momento. Ti dico di fare questa dichiarazione perchè è propedeutica al futuro. Ti do un esempio: se trasferisci da banca italia a banca brasile quattrini, avendo tu già dichiarato i 2 conti in IR la "trasferencia de patrimonio" filerà sempre liscia come l'olio. Anche i quattrini contanti che porti questo anno e dovrai dichiarare in IR Brasile l'anno prossimo 1° li potrai versare sul tuo conto BRasile con la motivazione "transferencia de patrimonio" e nessuno ti romperà le scatole. Una IR con già RNE e CPF in mano è molto ben vista in Brasile anche se non hai redditi e beni immobili e mobili di valore alto. Vedrai che ad ogni piè sospinto ti chiederanno l'IR sopratutto se intendi iniziare a fare qualche attività in questo Paese complicato. Un contador basico ti costa intorno i 150 Reais per farti l'IR telematica e rilasciarti il documento. Auguri.

......entra con Euro e poi li cambierai qui in Brasile o da qualche cambista giusto/regolare che ti rilascia il documento fiscale da presentare alla Banca quando verserai i Reais o direttamente alla tua Banca brasiliana al cambio turistico + IOF all'1%. sconsigliato cambio Euro in Usd in Europa perchè perderesti 2 volte la prima in Europa e la seconda in Brasile.........cambiamo Euro in Reais in Brasile perderesti qualcosa sono una volta.

Grazie infinite Undo, spiegazioni ed esempi più che chiari.

E sim... como semore aqui... vamos torcer que vai dar tudo certo!!!

bg 😉...

Amici...una cosa che ha detto mio marito che è brasiliano doc è la seguente (e mi preoccupa non poco): lui dice che la polizia, quantomeno a Rio, è corrotta e se si dichiarano cifre in entrata, specie se grosse, possono fare soffiate a quadriglie fuori del Tom Jobin che rapineranno il malcapitato che ha dichiarato il denaro in entrata (se poi si è in uscita, quindi portando fuori dal Brasile, chi sa che non creino a bella posta intoppi in aeroporto per rapinare altrimenti). Qualcuno di voi, Undo, vivereinbrasile, Marco Falco, conferma o smentisce? Mio marito è certo di quello che dice. Come non incorrere in questo inconveniente? L'opzione del contante e di dichiarare potrebbe nascere ad es. dalla necessità di un rimpatrio temporaneo in cui sarebbe meglio, possibilmente, avere contanti perchè sembra che le carte di credito brasiliane facciano molta fatica a funzionare all'estero. Molti utenti lamentano inutilizzabilità, carte bloccate e si ritrovavo a fare letteralmente la fame dall'altra parte del mondo (tipo studenti a Parigi o Edimburgo che si sono ritrovati senza riuscire a prelevare negli ATM, senza pagare l'affitto e paturnie simili). Ma se i rischi sono quelli citati sopra, come fare? Quando voi viaggiate in Europa riuscite a prelevare dagli ATM con le carte di credito, debito o prepagate brasiliane? Quanto all'Italia poi e a chi ha BB confermo che purtroppo la sede di Milano oramai da un pezzo è unicamente riservata alle persone giuridiche, quindi fine della pacchia di portarsi la carta di debito del BB e andare a prelevare a Milano...

Nina, 40-60 mila Euro che entrano in Brasile lo sa solo chi li porta e, all'ultimo momento, il funzionario della Receita Federal (no Policia) preposto al controllo "qualcosa da dichiarare" all'arrivo. Fatto questo controllo che a volte non è nemmeno un controllo fisico si esce e si parte verso casa magari con qualcuno che ti è venuto a prendere. Quindi: tempi stretti per la "saidina" che funziona quando fai prelievi in Banca dove tra dipendenti, sicurezza, polizia presente vedono "sacade" alte e segnalano all'esterno. In un aeroporto è decisamente piu' complicato.......cmq la casualità può succedere e la si attenua con occhi dietro le spalle e molta ma molta riservatezza e sicurezza e rapidità (e non ostentazione) negli spostamenti. Insomma nienete "paradinha" al bar per una geladina ma dritti a casa.

grazie 1000 Undo, quindi è bene non fare prelievi tutto assieme? E se uno vende ad es. un immobile in Brasile e deve viaggiare fuori per lunghi periodi ma non ha un conto corrente di appoggio nell'altro paese? Può portarsi in contanti il denaro della vendita dell'immobile ovviamente facendo le 2 dichiarazioni? C'è un limite che si può portare o no? Es. vendita di immobile per 300 mila reais (o in caso di Europa per 100 mila euro). Fare prelievi poco alla volta potrebbe essere farraginoso e comporterebbe il rischio di dovere tenere troppo denaro in casa. Cosa che è bene non fare nemmeno qui così come in Italia. In casa hano da poco rapinato mio cognato e per poco non gli hanno fatto la pelle (va bene che lui è un uomo politico e lo sapevano, erano stati mandati). Per fortuna lui non teneva grosse somme in casa, ma abbiamo passato tutti una settimana a dir poco oscura.

non c'è un limite ma + di 250.000 Euro oltre alle 2 dichiarazioni (uscita ed entrata) e al documento bancario di acquisto dei quattrini devi avere con te um comprovante di come hai ottenuto i quattrini......anche copia dell'IR oppure escritura cartorio vendita immobile o terreno oppure una dichiarazione della Banca che sono interessi maturati per investimenti in titoli oppure donazione oppure eredità. di solito se si hanno piu' soldi tra trasportare si cerca di stare sotto i 250.000 Euro contanti per evitare fastidi, oppure ci si mette nelle mani di un "doleiro" che è peggio di un assaltatore...........

grazie 1000 Undo! del doleiro meglio starne alla larga (mio marito mi aveva detto di questa modalità di trasporto e non mi era piaciuta per niente sin da subito, ma vero è che i brasiliani stanno al tanto di tutte queste modalità e le conoscono perchè, pur senza far di tutta l'erba un fascio, ho notato che parecchi sono mooolto avventurieri). Quindi sotto i 250 mila euro niente comprovanti ma solo dichiarazione? Ho un mio studente che tra qualche anno vuole andare a fare un intercambio (sta ancora decidendo se in un paese europeo o negli States) all'estero, probabilmente dalla lunga durata. Se riesce a farsi accettare da una università straniera dovrà mantenersi a lungo, forse per anni fuori del Brasile, ma non ha assolutamente una cifra come quella. Ovviamente non ha alcun conto corrente fuori Brasile e quindi volente o nolente si dovrà portare i soldi em espécie. Ovviamente gli dirò di stare alla larga dai doleiros, se no finisce che invece dell'intercambio andrà a fare il senzatetto. Se però in alternativa si portasse la carta di credito del suo conto brasiliano, cosa succede? Parecchi brasiliani si lagnano che arrivati in Europa o negli States o ancora in Thailandia a Viernam (alcuni sono andati in Asia) la carta di credito brasiliana gli diventa inutilizzabile e non riescono nè a pagare nei negozi nè a prelevare dai bancomat. A te è capitato, tornando in Italia, di cercare di usare le carte del tuo conto brasiliano e non riuscirci? C'è poi un altra particolarità: i conti correnti brasiliani funzionano in maniera che se non li si "movimentano" vengono congelati in automatico dopo 3 mesi. E dall'estero è dura chiamare la central de atendimento, con quel che ne consegue per le tariffe oltreoceano. Questo qui se starà via per anni, i tre mesi scorrono subito...ti chiedo scusa per le molte domande, ma purtroppo la burocrazia brasiliana è pachidermica (bè che nemmeno quella italiana scherza e negli States non se ne parla neppure) e quando ci si muove all'estero senza avere agganci non ci si può permettere di sgarrare. Il mio studente mi viene a imparare le lingue proprio allo scopo di viaggiare fuori

 

ps: questo vostro portale è davvero un gran punto di riferimento sia per noi espatriati che per gli stessi brasiliani appunto come il mio studente di cui sopra (ma purtroppo lui non sa leggere e scrivere in italiano per poter postare)

carta di credito standard .... assolutamente no! se sgarra un pagamento sono dolori e poi costa ogni singola operazione. piuttosto una Visa o Mastercard ricaricabile + io farei un Pay Pal indicando come modalità di pagamento la carta ricaricabile. Perchè Pay Pal? Negli Usa è un metodo telematico di pagamento utilizzatissimo ed è anche molto utilizzato per inviare e ricevere soldi che puoi usare come pagamento oppure andare in qualche agenzia PayPal (anche in internet) e ritirare quattrini in contanti.

lui non ha paypal, ma gli insegnerò ad attivarselo (oltre alle lezioni dilingue ha bisogno anche di quelle di informatica). Deve allora trasferire i soldi sul suo conto corrente al conto paypal, ma se le cifre sono troppo elevate si può fare? Mi sembrava che un conto paypal non potesse superare certe cifre, se no iniziano a romperti le scatole anche se è un conto commerciale. Quanto alle ricaricabili quale consigli? Purtroppo quelle bancarie sono soltanto "domestiche" e non funzionano fuori del Brasile. Brasiliani si sono lamentati di AcessoCard (mastercard), NuCard (che oramai si ottiene solo su invito) e Cartão Nui (visa). Se sgarravano avevano gli stessi problemi e con il Nui non era neanche possibile prelevare da bancomat. Ti posso chiedere di indicarmi le ricaricabili brasiliane che funzionano all'estero (e che eventualmente il conto paypal brasiliano accetta)? scusami per il disturbo, lo studente mi viene domani e magari comincio ad accennargli il da farsi

1° la cifra importante e iniziale se la deve portare fuori in contanti;

2° pay pal conto va ricaricato per le spese correnti mensili post insediamento e fa usato sia come mezzo di pagamento  (in USA è il n° 1) o trasferimento soldi (max 3.000 USD mese)

3° mastercard internazionale per me è la migliore. Mettersi in contatto direttamente via internet con Matercard Brasile ma chiedere la ricaricabile spendibile world wide. Anche Visa è buona ma è piu' burocratica.

grazie Undo! Hai i link sia del visa che mastercard? Oggi lo studente mi ha parlato dell'Italia (era indeciso, ma sembra si stia decidendo proprio per l'Italia) dove paypal non si usa per questi pagamenti

http://www.mastercard.com.br      http://www.visa.com.br

inoltre ti informo che PayPal è molto utilizzata in Italia e quando dico molto è molto.

Per quasi tutti gli acquisti in internet + per piccoli/medi trasferimenti di quattrini. Se i quattrini da trasferire sono "pochi" allora Transferwise è imbattibile. Ma per acquisti in Internet......PayPal nessun dubbio.

grazie 1000 Undo. Mi sto guardando entrambi i portali (il mio studente peraltro è senza wifi e può contare a malapena con i pochi giga che ha nel cellulare e usa per w.a., dunque potrà avere info solo da me) e starei trovando consigliabili alcuni visa, specie il Saraiva, Carrefour (incredibile che in Brasile i supermercati possano emettere carte di credito internazionali, mi pare curioso-ovviamente utile-perchè per me è una novità) e forse ancor più il BB universitàrios, che essendo dedicato a studenti universitari non ha anuidade.  In questo momento poi lui è disoccupato, quindi dubito fortemente che una qualsiasi banca/istituto di credito/altra entità si azzardi a fargliene una diversa da quelle. Infatti vedo l'esigenza della renda mensal, diversa a a seconda della carta. Es. la mia è del BB e so che a lui non la farebbero uguale. Le prepagate forse non l'anno, ma sapevo che sono soltanto "domésticas". Interessante se farà un intercambio al politecnico di Torino, che gli ho consigliato come adatto perchè lo conosco e ha una politica di intercambio studenti internazionale molto forte.  Il mastercard per ora lo lascerei stare perchè mi spunta sempre "Atualmente não há cartões disponíveis nesta categoria."

Per uso paypal in Italia: per gli acquisti online si, ma ora anche per pagare affitto di appartamento e utenze? Ci si può pagare la bolletta della luce, del gas, le spese condominiali? Intendevo questo per pagamenti comuni e correnti, perchè ovviamente dovrà affittarsi un appartamento in condominio. Buona domenica

Pay Pal per pagare acquisti e per trasferire soldi, al momento.

Mastercard ricaricabile è la migliore, non ha annualità e costa pochissimo solo quando la usi. Insisti per tentare di portarla a casa. Di fatto è come fosse una carta di debito senza conto ma soldi caricati.

Carta ricaricabile Carrefour potrebbe andare ma avrebbe problemi a ricaricarla quando si troverà fuori dal Brasile.

Torino la conosco molto bene avendoci vissuto in 2 momenti della mia vita professionale. Ho avuto a che fare anche con il Politecnico e ti confermo che è di primo ordine. Tutti in gamba.

Si, il politecnico è veramente una delle università migliori. Avevo amici cinesi che ci studiavano e quando non avevano ancora nemmeno terminato il triennio le imprese gli chiedevano in ginocchio di lavorare per loro. Ovviamente accettare gli avrebbe impedito di proseguire per il biennio specialistico e perfino laurearsi molto faticosamente nella formativa, dato che li chiamavano per lavorare mentre ancora avevano il triennio in corso, ma si sa che a tempi di crisi meglio oggi l'uovo che la gallina domani. Però si trattava di ragazzi di appena 21 anni, anche meno. Quel che mi preoccupa (all'inizio non ci avevo posto mente) è che quasi tutti i miei studenti sono persone adulte, intorno alla mezz'età, tranne una bimba di 8 anni che mi è venuta oggi per la prima volta. Il mio studente che fa ingegneria non è un'eccezione. Arriverebbe al politecnico già cinquantenne. Gliel'ho consigliato perchè so essere una università rinomata. Hai un'idea se lui avrebbe qualche possibilità di essere chiamato da un'azienda italiana, se fa l'intercambio o avrà problemi a causa dell'età? Considerando che si tratterebbe di un ingegnere con doppia laurea (brasiliana e italiana) e con la conoscenza di lingue straniere. Per il momento gli sto insegnando l'inglese, ma intende studiare anche italiano e spagnolo. Scusami per le molte domande, purtroppo io e mio marito siamo l'unico punto di riferimento per lui per potersi spostare dal Brasile in sicurezza. Se lui avesse il wifi gli direi di iscriversi al sito (però per ora parla solo portoghese e può essere un problema senza l'italiano, che comincerà solo prossimamente).

Quanto alle carte: la mastercard che dici, a questo punto interesserebbe anche a me, non mi dispiacerebbe averne una. Qual è il link esatto per quella, visto che nel sito di mastercard non la vedo comparire. Mi chiede in continuazione di spuntare una casellina sul reddito mensile, ma qualunque risposta gli do continua purtroppo a farmi vedere questo: "Atualmente não há cartões disponíveis nesta categoria." 

Alla peggio, se online non posso fare niente, mi starebbe bene anche un indirizzo fisico dove andare a fare la richiesta. Vivo nella baixada fluminense e per me le città di riferimento sono Nova Iguaçu e anche Rio, visto che semestralmente ho qualcosa da fare in consolato. Quanto al mio studente, è dei dintorni di Rio. Grazie e buona domenica

 

buongiorno.

https://www.mastercard.com.br/pt-br/consumidores/encontre-seu-cartao/prepago.html      per il tuo amico brasiliano e per te.

https://www.mastercard.it/it-it/privati/le-carte/carte-prepagate/carta-ricaricabile.html      per te e la puoi ordinare via internet o per email.

se il sito Brasiliano ti da "pagina non incontrata" entra in http://www.mastercard.com.br e poi vai in pesquisa e cerca "cartao pre paga"......... cliccaci sopra.

fammi sapere.

c'ho riprovato:

https://www.mastercard.com.br/pt-br/consumidores/encontre-seu-cartao/prepago.html

fammi sapere.

Il Forum
di Vivere In Brasile

Accedi:

Non sei ancora registrato? Registrati subito!