Navigazione forum
Devi accedere per creare messaggi e topic.

Antigo RNE hoje CRNM

Soggetto sposato che ha avuto RNE permanente (durata 9 anni mi pare) in virtù del matrimonio ed ora è in fase di divorzio, no figli.

Automaticamente decade il diritto a rimanere in Brasile...?

Lui vuole rimanere qua (ha casa e lavoro in Brasile) può fare qualche tipo di richiesta alla PF per rinnovare il permesso o se ne deve andare...?

Qualcuno sà come funziona...? Grazie !!

 

Artemio, se l'RNE era stato rilasciato con la condizione di "ricongiungimento familiare" ed è prossimo il divorzio succederà che il Forum ed Cartorio Civil, una volta deliberato il divorzio (Forum) e trascritto sul certificato di matrimonio (Cartorio Civil).....sia il Forum che il Cartorio Civil trattandosi il tuo conoscente di uno Estrangeiro invieranno comunicazione per 1° alla Policia Federal Uff. Estrangeiro che farà decadere l'RNE e per 2° al Consolato Italiano dello Stato di residenza per l'aggiornamento Aire sia in Consolato che al Comune Italiano di provenienza per l'aggiornamento del suo stato di famiglia e lo storno dei documenti rilasciati dall'Italia alla sua Consorte. Il tuo conoscente entro 30 giorni dal divorzio DEVE presentarsi alla Policia Federal Uffi. Estrangeiro con copia della trascrizione del divorzio, originale RNE per la variazione ...... portandosi con se il libretto di lavoro dove si evince la sua attività lavorativa regolare da dipendente in Brasile oppure la dichiarazione dei redditi dove si evince la sua attività imprenditoriale e procedere alla richiesta di nuova emissione dell'autorizzazione alla Residenza qui in Brasile. Un consiglio: prima di aspettare la sentenza di divorzio il tuo conoscente DEVE andare alla Policia Federal Uff. Estrangeiro con tutti i documenti Brasiliani in suo possesso (conto bancario incluso) e chiedere un appuntamento con un Agente delegato agli Stranieri qui residenti. Meglio molto meglio anticipare per armonizzare e se ci riesce......rimanere in Brasile come lavoratore o imprenditore. Non sarà facile ma non è impossibile.

....dimenticavo, la Policia Federal darà un peso importante al fattore "quanto tempo di casamento", se è meno di 3-4 anni storcono il naso e guarderà anche se il tuo conoscente ha combinato delle marachelle qui in Brasile. Conta anche la motivazione del divorzio e la responsabilità. Il fatto che non ci siano figli in questo caso gioca un poco contro. I figli o figlio poteva essere di aiuto ma in questo caso non è così. Il tuo conoscente deve munirsi di pazienza, stare calmo e tenere in mente sempre che qui siamo ospiti anche se contribuiamo alla crescita di questo disordinato Paese. PS: ci sono Studi Legali che potrebbero intervenire ma costano una cifra e non sempre aiutano, però ci sono.

Grazie Undo,

sua moglie dice a tutti che sono "casados" ma mi diceva lui che é per "união estavel", non credo che cambi molto comunque ai fini del rinnovo o meno.

Stanno insieme da circa 10 anni ed hanno "formalizzato" da 5 anni in Brasile, in Italia no.

se è iscritto Aire ...... anche in Italia l'unione stabile è registrata. una curiosità: la sua compagna ha ottenuto la cittadinanza Italiana?

Nonostante il divorzio se sono rimasti sposati per piú di quattro anni, lui puó rimanere in Brasile.

Cita da Undo su 26 Novembre 2019, 23:59

se è iscritto Aire ...... anche in Italia l'unione stabile è registrata. una curiosità: la sua compagna ha ottenuto la cittadinanza Italiana?

Undo,

mi sono informato meglio direttamente con lui (per intermediari non si capisce niente)...non è iscritto all' Aire e la ex compagna non ha cittadinanza italiana.

Ha solo "uniào estavel" con "divisione totale dei beni" (non è pirla del tutto...) siglata nel 2014 e che andrà a chiudere per sua parte con testimoni in cartorio nei prossimi giorni.

Abita in affitto ed è commerciante.

Cita da Luciano su 27 Novembre 2019, 14:05

Nonostante il divorzio se sono rimasti sposati per piú di quattro anni, lui puó rimanere in Brasile.

Grazie Luciano,

hai maggiori informazioni a rispetto...?

Esiste una risoluzione normativa in merito o è esperienza  personale...?

Grazie

Il decreto 9199 che regolamenta la legge di immigrazione:

Art. 160. A concessão de nova autorização de residência para imigrante poderá ser fornecida, atendido o disposto na alínea “h” do inciso II do caput do art. 142 a imigrante que tenha sido anteriormente beneficiado com autorização de residência, fundamentado em reunião familiar, satisfeitos os seguintes requisitos:

I - ter residido no País por, no mínimo, quatro anos;

II - comprovar meios de subsistência; e

III - apresentar certidão negativa de antecedentes criminais.

§ 1º A nova autorização de residência com fundamento no disposto neste artigo será concedida por prazo indeterminado.

Da quello che posso capire se comprovi che ti puoi mantenere hai il permesso di residenza indeterminato anche se hai divorziato ma sei stato residente per piu di 4 anni.

 

Luciano, è da verificare bene perchè sotto l'aspetto giuridico venendo a mancare il presupposto base del rilascio della residenza (ricongiungimento famigliare) deve subentrare altro presupposto giuridicamente valido per il rinnovo. Non bastano 4 anni di permanenza in Brasile............Nel caso in discussione il nostro connazionale lavorando in Brasile regolarmente o come dipendente o come imprenditore giuridicamente è un presupposto valido e riconosciuto indipendentemente dal tempo di permanenza. Ovviamente il reddito deve essere riconosciuto come suff. per mantenenrsi. Meglio che l'interessato vada in Policia Federal Uff. Estrangeiro e si informi personalmente.

E´chiaro che deve andare alla PF per definire la sua nuova condizione di divorziato.

La situazione prevista  LEGGE é che secondo l´aricolo citato e che se hai almeno 4 anni di permanenza e riesci a comprovare la tua situazione de autosufficienza economica hai il permesso di residenza per tempo indeterminato. Punto

Le tre condizioni poste dal legislatore sono   chiare:

I - ter residido no País por, no mínimo, quatro anos;

II - comprovar meios de subsistência; e

III - apresentar certidão negativa de antecedentes criminais.

Sempre nel caso di permesso per ricongiungimento familiare. Sto parlando di diritti in astratto e non di come praticamente quasto debba essere fatto, moduli, PF etc.

Certo che se la legge ti respalda puoi sempre avere una liminar che ti aiuta anche se  dovesi avere problema con qualche burocrate

 

Cita da Undo su 27 Novembre 2019, 19:49

Luciano, è da verificare bene perchè sotto l'aspetto giuridico venendo a mancare il presupposto base del rilascio della residenza (ricongiungimento famigliare) deve subentrare altro presupposto giuridicamente valido per il rinnovo. Non bastano 4 anni di permanenza in Brasile............Nel caso in discussione il nostro connazionale lavorando in Brasile regolarmente o come dipendente o come imprenditore giuridicamente è un presupposto valido e riconosciuto indipendentemente dal tempo di permanenza. Ovviamente il reddito deve essere riconosciuto come suff. per mantenenrsi. Meglio che l'interessato vada in Policia Federal Uff. Estrangeiro e si informi personalmente.

4 anni di permanenza non sono pochi per inibire chi eventualmente si sposa unicamente per avere il visto.

Cita da Luciano su 27 Novembre 2019, 20:20

Le tre condizioni poste dal legislatore sono   chiare:

I - ter residido no País por, no mínimo, quatro anos;

II - comprovar meios de subsistência; e

III - apresentar certidão negativa de antecedentes criminais.

Sempre nel caso di permesso per ricongiungimento familiare. Sto parlando di diritti in astratto e non di come praticamente quasto debba essere fatto, moduli, PF etc.

Certo che se la legge ti respalda puoi sempre avere una liminar che ti aiuta anche se  dovesi avere problema con qualche burocrate

 

Sembra in effetti abbastanza chiara...dirò al mio amico di recarsi alla PF prima di annullare l' uniào estavèl.

Grazie

Buon giorno,sono nelle stesse identiche condizioni,sposato in Italia nel 2008,vivo in brasile dal 2010,divorziato nel 2017 RNE permanente scade adesso in marzo,sono appena uscito dagli uffici della polizia federale di cabo frio,non esiste alcun problema ,bisogna solo completare il formulario ,foto e pagare la tassa di 204 reais,ho espressamente detto al funzionario che ero divorziato e se questo non avesse influito mi ha detto che assolutamente no,le uniche domande sono state se sono stato per più di 2 anni fuori dal brasile e se avevo qualche denuncia a mio carico,quindi fortunatamente non esiste nessun impedimento al rinnovo adesso dovrò solo aspettare che manchino almeno 90 giorni o meno alla scadenza perché prima di questo  avvenire mi ha detto che non e possibile rinnovare

Cita da Babajazz su 29 Novembre 2019, 15:14

Buon giorno,sono nelle stesse identiche condizioni,sposato in Italia nel 2008,vivo in brasile dal 2010,divorziato nel 2017 RNE permanente scade adesso in marzo,sono appena uscito dagli uffici della polizia federale di cabo frio,non esiste alcun problema ,bisogna solo completare il formulario ,foto e pagare la tassa di 204 reais,ho espressamente detto al funzionario che ero divorziato e se questo non avesse influito mi ha detto che assolutamente no,le uniche domande sono state se sono stato per più di 2 anni fuori dal brasile e se avevo qualche denuncia a mio carico,quindi fortunatamente non esiste nessun impedimento al rinnovo adesso dovrò solo aspettare che manchino almeno 90 giorni o meno alla scadenza perché prima di questo  avvenire mi ha detto che non e possibile rinnovare

Grazie,

quindi il diritto a residenza non decade automaticamente quando viene a meno il matrimonio (divorzio) ma alla scadenza dell' RNE, corretto...?

No Artemio,se si e in possesso di RNE con classificação PERMANENTE il diritto a vivere in brasile non decade con il divorzio,il tuo amico come io dovremo solo rinnovare il documento per il semplice fatto che è scaduto come qualsiasi altro documento tipo patente o carta di identità,l essere divorziato o meno non influisce in niente e non impedisce continuare a vivere e lavorare in brasile ,questo in virtù del fatto che la classificazione del RNE e permanente,come ti dicevo il funzionario qui in cabo frio mi ha chiaramente detto che non avrò nessun problema,e che l essere divorziato pur avendo ottenuto il visto per matrimonio non influisce in nulla

Cita da Babajazz su 29 Novembre 2019, 16:06

No Artemio,se si e in possesso di RNE con classificação PERMANENTE il diritto a vivere in brasile non decade con il divorzio,il tuo amico come io dovremo solo rinnovare il documento per il semplice fatto che è scaduto come qualsiasi altro documento tipo patente o carta di identità,l essere divorziato o meno non influisce in niente e non impedisce continuare a vivere e lavorare in brasile ,questo in virtù del fatto che la classificazione del RNE e permanente,come ti dicevo il funzionario qui in cabo frio mi ha chiaramente detto che non avrò nessun problema,e che l essere divorziato pur avendo ottenuto il visto per matrimonio non influisce in nulla

To ligado !! Obrigado

  1. Scusate tanto, non vi vorrei allarmare e infatti se per legge come dice Luciano quei 3 requisiti bastano e avanzano, al massino davvero una liminar, ma ricordate che ci va un avvocato specializzato in immigrazione (gli altri saranno incapaci e potrebbero farvi perdere in giudizio). Il punto é che nel portale della pf c'é ora un documento nuovo che bisogna compilare per il rinnovo: dichiarare sotto penalitá che la base per cui il RNE -ora RNM- , se non addirittura il visto, scusate che ora non ricordo con esattezza, fu rilasciato persiste. Questo in conformitá alla nuova legge migratoria. Se la base, in questo caso il matrimonio, viene meno, non si puó compilare la dichiarazione ora obbligatoria. Purtroppo a una signora latinoamericana é stato rifiutato il rinnovo proprio perché ha divorziato, ma c'é da dire che il matrimonio, poveraccia, mi spiace per lei, é durato meno del soffio di un venticello (2 anni se non erro). La signora non é forse imprenditrice e non credo abbia gran mezzi (chi viene da Perú, Ecuador e simili in genere stanno freschi). Ma fin dove ne so, se qualcuno la impiega a lavorare (cosa pressoché impossibile peró, come diró) glielo dovrebbero rinnovare con cambio di motivo oppure se si iscrive a un corso e studia, senza dovere uscire dal Brasile. La logica sarebbe che il datore di lavoro non l'aspetta 6 mesi intanto che torna in Perú per eventuale burocrazia, idem il corso, non si ferma aspettandola. Anche per la signora sudamericana  ispanica la liminar puó andare, se trova un burocrate inconforme? E a quanto ammonterebbe la rendita per mantenersi, eventualmente? Sapendo che le monete di quei paesi non valgono una cippa e rendendoci conto che dato il forte protezionismo lavorativo che vige in Brasile, nessuno si azzarderebbe a far lavorare in regime subordinato uno straniero, specie donna. Almeno non nell'area dove vivo, qua pure che apri una attivitá tua i clienti li vedi solo se sei nativo e li conosci da una vita, se no non mettono piede nel tuo negozio. Ma considerando che la signora deve solo mantenere se stessa, non ha le spese di una coppia, niente figli come l'amico di Artemio e Babajazz. Scusate se il post risulta poco chiaro, sto scrivendo da un telefono. La domanda poi se si puó rimanere pur senza i requisiti qualora il documento non fosse scaduto, permane quindi.

 

Cita da Nina su 30 Novembre 2019, 5:51
  1. Scusate tanto, non vi vorrei allarmare e infatti se per legge come dice Luciano quei 3 requisiti bastano e avanzano, al massino davvero una liminar, ma ricordate che ci va un avvocato specializzato in immigrazione (gli altri saranno incapaci e potrebbero farvi perdere in giudizio). Il punto é che nel portale della pf c'é ora un documento nuovo che bisogna compilare per il rinnovo: dichiarare sotto penalitá che la base per cui il RNE -ora RNM- , se non addirittura il visto, scusate che ora non ricordo con esattezza, fu rilasciato persiste. Questo in conformitá alla nuova legge migratoria. Se la base, in questo caso il matrimonio, viene meno, non si puó compilare la dichiarazione ora obbligatoria. Purtroppo a una signora latinoamericana é stato rifiutato il rinnovo proprio perché ha divorziato, ma c'é da dire che il matrimonio, poveraccia, mi spiace per lei, é durato meno del soffio di un venticello (2 anni se non erro). La signora non é forse imprenditrice e non credo abbia gran mezzi (chi viene da Perú, Ecuador e simili in genere stanno freschi). Ma fin dove ne so, se qualcuno la impiega a lavorare (cosa pressoché impossibile peró, come diró) glielo dovrebbero rinnovare con cambio di motivo oppure se si iscrive a un corso e studia, senza dovere uscire dal Brasile. La logica sarebbe che il datore di lavoro non l'aspetta 6 mesi intanto che torna in Perú per eventuale burocrazia, idem il corso, non si ferma aspettandola. Anche per la signora sudamericana  ispanica la liminar puó andare, se trova un burocrate inconforme? E a quanto ammonterebbe la rendita per mantenersi, eventualmente? Sapendo che le monete di quei paesi non valgono una cippa e rendendoci conto che dato il forte protezionismo lavorativo che vige in Brasile, nessuno si azzarderebbe a far lavorare in regime subordinato uno straniero, specie donna. Almeno non nell'area dove vivo, qua pure che apri una attivitá tua i clienti li vedi solo se sei nativo e li conosci da una vita, se no non mettono piede nel tuo negozio. Ma considerando che la signora deve solo mantenere se stessa, non ha le spese di una coppia, niente figli come l'amico di Artemio e Babajazz. Scusate se il post risulta poco chiaro, sto scrivendo da un telefono. La domanda poi se si puó rimanere pur senza i requisiti qualora il documento non fosse scaduto, permane quindi.

La condizione "sine qua non" se finisce un matrimonio sono i 4 anni di permanenza.

Se al momento della scadenza (al nono anno e non quando avviene il divorzio) persiste il matrimonio o altro vincolo familiare per il quale è stato rilasciato il visto  non avrai bisogno di dimostrare i 4 anni di permanenza sul territorio.

Si matrimonio = rinnovo automatico.

No matrimonio ma con 4 anni di permanenza su 9 = rinnovo

No matrimonio e con meno di 4 anni di permanenza = "menare le tolle"

Pare sia così...

Il Forum
di Vivere In Brasile

Accedi:

Non sei ancora registrato? Registrati subito!