Devi accedere per creare messaggi e discussioni.

Residente e invio soldi in Brasile

  • Buongiorno a tutti,  ho una situazione particolare su cui vorrei un vostro parere. Mio zio è stato residente in  Brasile con visto da investitore per 8 anni dal 2004 al 2012. Al momento del cambio di residenza n Brasile  aveva anche fatto contestuale iscrizione all’AIRE. Quando era entrato in Brasile aveva portato tutti suoi soldi tranne un conto in un paradiso fiscale.

Dal 2012 quando è scaduto il visto lo zio ha continuato  a viver e in Brasile senza permesso di soggiorno. Una volta ogni anno o due circa usciva  stava fuori sei mesi e poi rientrava. In tale periodo ha sempre fatto IR.

Quando è scaduto il visto lo zio non ha ristabilito la sua residenza fiscale in Italia. Pertanto da allora lo zio non ha residenza ufficiale. In Brasile è residente di fatto ma non ha permesso di soggiorno (seppur faccia IR), in Italia è cittadino avendo passaporto ma non ha residenza e non è più iscritto all’AIRE.

Ora quale è il PROBLEMA: nel paradiso fiscale la banca chiede un certificato di residenza pena la chiusura del conto.

DOMANDE:

1. Non avendo un permesso di soggiorno immagino che in Brasile non rilasceranno mai un documento di residenza fiscale anche se lui effettua la IR corretto?

2. Al netto dei blog di Undo che ho letto su trasferimento di soldi in Brasile - molto utili - se lo zio invia i soldi dal conto del paradiso fiscale z

al suo conto Brasilino potrebbe avere maggiori problemi consoderando che era residente Brasiliano? In caso di conto da paradisi fiscali scattano segnalazioni aggiuntive?

Grazie mille

Ha un conto corrente in Brasile? Dispone di CPF? Versa il dovuto con l'IR? Se si alle 3 domande tuo zio deve scaricare dal sito della Segreteria da Fazenza (Receita Federal) la sua regolare posizione con il Fisco Brasiliano che è una dichiarazione con codice da ricordarsi per accedere al documento. Mi limito a questo, attendo risposta prima di andare avanti. Se ad una delle 3 domande che ho posto non c'è risposta positiva è molto complicato procedere anche se in Brasile mai dire mai. Preciso ci sono Uffici e società private preposti per aiutare il "gringo" di turno un poco sbadato.

Il Forum
di Vivere In Brasile

Accedi:

Non sei ancora registrato? Registrati subito!