Navigazione forum
Devi accedere per creare messaggi e topic.

residenza in Brasile

Buongiorno!

Mi sono sposato in Italia con una brasiliana con doppia cittadinanza. Mia moglie otterrà la pensione nel Novembre 2021 mentre io sono già pensionato.

Per ottenere la cittadinanza brasiliana dovrò registrare il matrimonio anche in Brasile dove abbiamo intenzione di trasferirci? Inoltre per non avere la doppia imposizione fiscale come dovremmo agire?

Grazie e distinti saluti.

Manlio.

Manlio, sei ha registrato il matrimonio in Conslato Generale del Brasile (Milano o Roma) quando sei in Brasile devi andare al Cartorio Civil e trascriverlo in Cartorio una volta che sei residente. Se tu e tua moglie siete ex dipendenti pubblici dovete naturalizzarvi in Brasile e poi sarete esentati in Italia (art.19 della convenzione) e pagherete solo le imposizioni in Brasile (molto conveniente) se siete ex dipendenti privati NON potete evitare la doppia imposizione fiscale. Avrete un credito Irpef su 5.000 USD (art. 18 della convenzione tra Italia e Brasile). In estrema sintesi: vi verrà trattenuta alla fonte l'imposizione fiscale e le addizionali del Lazio e Roma perchè sarete fiscalmente residenti li'. Se poi quello che è stato pagato in Italia solo di Irpef è superiore al 25% allora non pagherete nulla in Brasile ma dovete dichiarare annualmente l'IR. se siete sotto il 25% allora dovete pagare fino all'occorenza del 25%. Ciliegine sulla torta: sarete anche cancellati dalla sanità Italiana pur continuando a pagare l'Irpef piena e non potrete piu' detrarre con l'Unico le spese mediche al 19% di detrazione e altre detrazioni consentite in Italia. Pensateci bene....

Tutto questo indipendentemente che vi facciate accreditare la pensione su Banca Brasiliana o su Banca Italiana.

Boa sorte.

Manlio dimenticavo, una volta residente in Brasile sei tenuto a registrarti all'AIRE e alla Receita Federal a conferma della tua residenza fiscale anche in Brasile (mod. EPI in Inglese dell'Inps) questo per avere il credito Irpef sui 5.000 USD (oggi mediamente fanno dai 1.200 ai 1.500 Euro di credito grazie all'aumento del USD e conseguente cambio con l'EURO).

Spiego meglio...io sono ex dipendente pubblico (Municipalizzata equiparata al pubblico, cersamenti effettuati alla CPDL); mia moglie è socia accomandataria di una ditta artigiana.

Quindi se io ho ben compreso sarei esentato dal pagare le tasse in Italia e mia moglie avrebbe la doppia imposizione salvo poi chiedere il rimborso per le tasse pagate in Italia.

A quanto ammonterebbe l'aliquota in Brasile su un imponibile di circa € 21.500?

Trascrivendo il matrimonio in Consolato io diverrei automaticamente cittadino brasiliano?

Grazie e distinti saluti.

Manlio.

tu come ex dipendente pubblico devi seguire le regole dell'Inps e dell'art.19 della convenzione per evitare le doppie imposizioni. L'inps o un patronato ti può seguire in questo percorso di totale esenzione in Italia. A tua moglie verrà trattenuta alla fonte sia l'Irpef che le addizionali regionali e comunali e poi dovrà fare dichiarazione dei redditi annuale in Brasile, a questo punto insieme a te che pagherai le imposte in Brasile. Tu non hai diritto alla esenzione fino a tanto che non ti naturalizzi Brasiliano. Questo è un percorso che richiede un paio di anni se ti va bene, però verifica con l'Inps in Italia o con un Patronato sempre in Italia. Tu non diventi automaticamente cittadino Brasiliano con la trascrizione in Consolato del matrimonio tu diventi Brasiliano dopo che sei riuscito a naturalizzarti (non perdi la cittadinanza Italiana). Una volta "registrato" il tuo matrimonio al Consolato Generale del Brasile dovrai "trascriverlo" nel Cartorio Civil prossimo alla tua residenza in Brasile. Solo questa trascrizione al Cartorio ti è utile per iniziare il percorso di naturalizzazione. La "registrazione" al Consolato del Brasile in Italia è un passo obbligatorio per ottenere la residenza in Brasile stop. Cerca di chiarirti bene in Italia i passi da fare, il Consolato del Brasile ti da solo un visto per la residenza che si esaurisce in 90 giorni (devi entrare in Brasile nei 90 giorni) ed una volta in Brasile hai 30 giorni per fare domanda di residenza all'Ufficio Estrangeiros della Policia Federal alla quale devi presentare anche i tuoi carichi pendenti in Italia il tuo casellario giudiziale, etc.etc. (vedi sito della Policia Federal/Estrangeiro). Per accedere al credito sui 5.000 USD tua moglie deve compilare il mod. EPI dell'Inps e recarsi alla Receita Federal per farlo timbrare e firmare (questo una volta acquisita la residenza in Brasile). Infine ti linko la tabella dell'aliquota Irpf in Brasile per il 2020 così che potrai verificare tu l'aliquota dopo aver fatto il cambio dei 21.500 Euro in Reais. https://impostorenda2020.com/tabela-imposto-de-renda-2020/

Preparati ad un periodo complesso sopratutto per la tua naturalizzazione senza la quale l'Inps NON ti esenta. Anche tua moglie dovrà fare qualche coda. Ricordati l'iscrizione AIRE obbligatoria. In conclusione: tu ti devi muovere per la naturalizzazione che non è "automatica" perchè vai al Consolato e tua moglie NON può chiedere nessun rimborso delle imposizioni pagate in Italia a nessuno, scordatelo. Al massimo se supera il 25% di Irpef trattenuta in Italia (solo Irpef) in Brasile deve dichiarare il reddito lordo suo e le tasse pagate in Italia, il sistema fa il calcolo in automatico e lo sai subito. Mettiti nelle mani di un buon contador che è importante per le dichiarazioni annuali di rendita e CREDIMI per accedere sia alla tua opportunità di non pagare le imposizioni Italiane che al credito Irpef su 5.000 Usd tu e tua moglie ne avrete da fare e molto ed avere molta pazienza perchè ti troverai l'Italia a oltre 11.000 Km, in Brasile che parlano solo portoghese ed ha una burocrazia che la nostra è un "fiore profumato". Insomma cerca di avere sempre con te degli analgesici. Ora passo e chiudo.

Manlio, da ora in avanti i tuoi interlocutori devono essere:

  • l'INPS
  • Patronato di fiducia
  • Consolato Generale del Brasile in Milano o Roma
  • Policia Federal Uff. Estrangeiros
  • Receita Federal
  • Corretor in Brasile (commercialista)
  • potete chiedere subito su internet alla Receita Federal/Screteria da Fazenza il vostro CPF (codice fiscale) che in Brasile è "fondamentale" per ogni operazione
  • parli correttamente il Portoghese? perchè per accedere alla naturalizzazione dovrai sostenere in Policia Federal un esame scritto e parlato (non complicato)
  • il Ministero della Giustizia che rilascerà la tua naturalizzazione dopo che la Policia Federal inoltrerà la tua pratica/domanda.
  • BENVENUTO NEI PAESI DEI BALOCCHI!!!!!

Il Forum
di Vivere In Brasile

Accedi:

Non sei ancora registrato? Registrati subito!