Navigazione forum
Devi accedere per creare messaggi e topic.

rientro capitali

12

Nina, la Banca Italiana può essere avvisata con email, con telefonata o con visita se è possibile. Io ho inteso che abbia un conto corrente attivo in Italia. Se non ce l'ha, l'unica strada è una prepagata e il contante con il sistema che ho indicato. Può arrivare a cifra molto alta se tutto regolare......poi quando sarà in Italia lo gestirà aprendosi uno o piu' conti. Comunque qualora avesse il conto in Italia farei da subito un "giroconto" motivazione "trasferenza di patrimonio" avvisando prima la Banca. E poi contemporaneamente farei la prepagata ed inizierei a trasferire 9.900 REais Mese con transferwise e 15.000 Reais mese con Cambio Real che è Brasiliano ed è "sicuro" almeno quanto TW. Ciao

Ciao @nina e @undo,

grazie per l'interesse, i consigli e le risposte.

Il conto in Italia ce l'ho, ed ho parlato oggi con un contatto della banca, che mi ha rassicurato sul procedimento. praticamente comunicare alla banca prima (come @undo ha detto) e fare il giroconto in euro dalla mia banca in brasile un paio di settimane prima di partire (per evitare problemi nel caso in cui ci sia da rifare qualcosa).

Poi TEORICAMENTE dovrebbe essere tutto abbastanza tranquillo, perché ho la residenza in Brasile e tecnicamente non é un rientro di capitali (che secondo il mio contatto é quando tu sei residente in Italia ci fai entrare rendimenti dall'estero), ma un trasferimento definitivo in Italia (mio e dei miei soldi).

Poi, non trattandosi di una cifra esorbitante, il mio contatto mi ha caldamente consigliato di fare solo un giroconto attraverso la banca brasiliana, piú rintracciabile di un transferwise o cose del genere, per lasciare le cose piú chiare possibile. penso che la richiesta abbia senso, non avendo niente da nascondere e per chiudere questo discorso una volta per tutte... comunque non ho ancora deciso definitivamente.

Certo, via banca sarebbe piú caro che via transferwise, ma penso che sia una questione di "pagare un po' di piú per essere piú tranquilli".. poi il rischio c'é sempre.

vi faró sapere!

 

acipriani, ottimo aver parlato con la Banca! Giroconto è perfetto e per qualsiasi cifra in Euro. Ti costerà in Brasile il cambio Reais Euro turistico non quello ufficiale piu' lo 0,6% ed in Italia assolutamente nulla. Importante che, nel caso di verifiche dell'Agenzia delle Entrate che sarà informata dalla Banca o traccerà il tuo trasferimento estero tu possa dimostrare: - residenza in Brasile (RNE è suff.) e buste paga con trattenute delle imposizioni. Sono contento per te!

Cita da Undo su 19 Febbraio 2020, 14:44

acipriani, ottimo aver parlato con la Banca! Giroconto è perfetto e per qualsiasi cifra in Euro. Ti costerà in Brasile il cambio Reais Euro turistico non quello ufficiale piu' lo 0,6% ed in Italia assolutamente nulla. Importante che, nel caso di verifiche dell'Agenzia delle Entrate che sarà informata dalla Banca o traccerà il tuo trasferimento estero tu possa dimostrare: - residenza in Brasile (RNE è suff.) e buste paga con trattenute delle imposizioni. Sono contento per te!

Grazie @undo,

si ho buste paga, dichiarazione dei redditi ecc... si facendo banca/banca costerá di piú... ma forse in cambio di un po' di tranquillitá ne vale la pena.

un abbraccio e grazie ancora

acipriani, è la scelta migliore, nessun dubbio. Nessun ringraziamento..... piuttosto se ti capita di aiutare qualche altra persona Italiana residente in Brasile ti chiedo di farlo senza indugi. Starai meglio dopo! Ciao

Si hai perfettamente ragione! Ciao!

Buon viaggio, allora. Spero ti troverai bene al rimpatriare.

Grazie Nina, lo spero anch'io.

un abbraccio a tutti i connazionali in Brasile! peccato che ho trovato questo forum solo adesso, che me ne sto andando

acipriani, anche se te ne stai andando, non fa nulla. Puoi continuare a frequentare il forum per rispondere alle domande di utenti a cui serve orientarsi, data la tua esperienza.

sicuramente @nina

Ragazzi tutto giusto ma, in caso di trasferimento in/out con banche italiane è obbligatorio la compilazione del quadro RW del Modello Unico per evitare sanzioni da omessa dichiarazione (a prescindere dalla motivazione del trasferimento). Tenete presente che le banche italiane comunicano annualmente all'Anagrafe tributaria tutti i codici fiscali che hanno inviato o ricevuto somme da/per estero che superino la soglia, anche cumulativa, di 15.000 euro. (monitoraggio fiscale) .

https://fiscomania.com/trasferimenti-di-denaro-estero/

vero però se hai la residenza fiscale in Italia e trasferisci soldi dall'estero (paghi anche il 20% sul valore trasferito). se hai la residenza fiscale in Brasile e rientri pienamente in questo caso (IR annuale e imposte pagate o buste paga con Irpf prelevata alla fonte, etc.) e puoi dimostrarlo con copie dell'Ir Brasile e copie delle buste paga e residenza in Brasile anche se sei convocato perchè hai superato la soglia permessa NON hai nessun problema. Qualora ci fosse qualche fastidio conseguente basta richiamarsi e/o impugnare l'art.23 della convenzione tra Italia e Brasile sulle doppie imposizioni fiscali e tutto si risolve. Il problema è in prevalenza per i residenti in Italia (anche fiscalmente non solo anagraficamente) che fanno rientrare soldi dall'estero. Male non fare paura non avere, questo detto vale anche per il fisco.

Marcofalco ti porto un esempio facilmente comprensibile. Se sei residente anagraficamente e fiscalmente in Brasile ed hai una casa di proprietà e paghi in Brasile l'IPTU non sei tenuto a pagare l'IMU in Italia. Contrariamente se sei residente anagraficamente e fiscalmente in Italia e hai una casa in Brasile sei tenuto a pagare sia l'IPTU in Brasile e sullo stesso immobile brasiliano anche l'IMU corrispondente in Italia. Sei anche tenuto annualmente a dichiarare la proprietà dell'immobile sul modello UNICO. Poi nel caso di vendita dell'appartamento ..... se sei brasiliano (fiscalmente e anagraficamente) devi pagare il "ganho de capital" in Brasile e NON anche in Italia se e quando decidi di trasferire il capitale in Italia puoi farlo e aspetti che ti chiamano (se ti chiamano) e ti presenti con la dichiarazione alla Secreteria da Fazenda (Receita Federal) del "ganho de capital" pago. Ti ho portato anche questo esempio perchè l'IR è annuale, l'UNICO è annuale mentre il "ganho de capital" e relativa dichiarazione e pagamento fiscale deve avvenire massimo 30 giorni dopo la vendita e l'incasso (anche se non hai incassato il 100%) ma lo paghi sul 100% dell'atto compromissorio. Credimi, ci sono passato 2 o 3 volte ed ho trasferito girocontando in Italia altrettante volte. Sarà che Receita e Agenzia si parlano tra di loro, sarà che ho sempre avvisato la Banca Italiana prima di girocontare, sarà.....che ne so, ho fatto tutto alla luce del sole......

ops.....dimenticavo, una volta l'Italia mi ha chiesto una dichiarazione Consolare (Consolato Generale d'Italia in Rio de Janeiro) di mia iscrizione AIRE cartacea e firmata da il Delegato del Consolato ed in originale con relative marche da bollo.

12

Il Forum
di Vivere In Brasile

Accedi:

Non sei ancora registrato? Registrati subito!