Navigazione forum
Devi accedere per creare messaggi e topic.

Rimborso Inps per spese Università sostenute in Brasile

scusatemi non so se ho capito bene: un pensionato italiano residente in brasile non può avere la pensione accreditata su un suo conto corrente italiano ma l'inps la accredita esclusivamente su conti correnti esteri, con tassi di cambio pessimi. ora io sono molto lontano dalla pensione, ma devo trasferirmi in brasile col mio coniuge brasiliano e prendere la residenza in brasile, c'è qualcosa che mi impedisce di avere un conto corrente in italia per residente estero iscritto all'aire dal quale trasferire fondi al bisogno? una volta trasferito in brasile non avrò alcuna attività o proprietà in italia, ma preferirei tenere i risparmi in euro in italia piuttosto che in in reais in brasile. davo per scontato che si potesse fare ma il fatto che i pensionati mi pare che non possono mi ha fatto sorgere il dubbio...

dapaladi, io sono residente in Brasile e, dopo incontro con l'Agenzia del San Paolo in provincia di Venezia dove abbiamo concordato la tenuta del conto in Italia per accredito pensione Inps e bancomat mondo e carta di credito internazionale sono andato all'Inps informando la mia futura residenza estero e l'accredito della pensione in Italia. Inps ha confermato e dal 2008 (12 anni) continuo così senza problemi. Ho scaricato l'app della Banca per fare le operazioni criptate e ho fatto il PIN con l'Inps per le comunicazioni amministrative ed economiche e le detrazioni della mia pensione. NO PROBLEM devi solo metterti d'accordo prima perchè se lo fai quando sei in Brasile devi affrontare qualche fastidio. Boa sorte! PS: con il cambio a 6 fare la spesa con il bancomat italiano mondo ho un buon risparmio e l'addebito, che controllo, è paro paro......

dapaldi, dimenticavo di quando in quando faccio il giroconto dal mio conto in Italia al mio conto qui in Brasile oppure faccio dei trasferimenti con Transferwise.

grazie mille undo, è esattamente quello che voglio fare io. peccato che la carta di debito di transferwise non funzioni coi reais brasiliani, ma ho già usato i bonifici con trasfetwise sia verso il brasile che dagli stati uniti a me, molto conveniente.

Ciao Undo, grazie delle risposte. Io ho deciso di non fare niente perche data la mia età se cambio il modo di operare con INPS/Citi/Itau, vado a mettere in difficoltà mia moglie e mis figlia, perche non sanno niente di come opero io. <ho scritto dei fogli come fare con l'Inps, con la pensione, con gli investimenti, con i prelevamenti, e altre cose. Volevo chiedeerti una cosa, cosa DICI TU DEL CAMBIO QUE IL BC continua a lasciare il Real rafforzarsi, hoje ha chiuso a R$ 4,82, quando 1 mese fa era quasi a 6 R$. Continuano a uscire notizie pessime del Brasile come oggi. Banco Mundial prevede queda do PIB de 8% quest'anno. Dopo, recessione in Brasile deve essere 3 volte di più di tutti gli emergentii Banco Itau ha detto: Banco Itaú corta estimativa para inflação a 1,8% em 2020
Apesar da menor expectativa para alta dos preços, o Itaú manteve cenário de Selic a 2,25% ao ano para o final de 2020 e a 3,0% ao ano para dezembro de 2021, esperando corte de 0,75 ponto percentual na taxa no encontro do Copom deste mês

O banco manteve prognóstico de dólar a 5,75 reais ao fim de 2020 e 4,50 reais em 2021. "O risco fiscal ainda elevado, a contração acentuada da atividade econômica e o cenário de juros baixos devem seguir limitando muito o fluxo de capitais para o Brasil ao longo deste ano e impedindo uma apreciação mais intensa da moeda", explicaram os analistas do Itaú no relatório.
Fraga oggi ha detto: Fraga também não esconde seu receio do risco de solvência da dívida, que começaria, diz, com o encurtamento dos prazos dos títulos e, portanto, do prazo médio da dívida. Se nesse intervalo o governo não fizer um ajuste fiscal permanente, a dívida vira uma quase moeda, com prazos muito curtos de vencimento e em valor superior às reservas cambiais, o que provocaria uma fuga para outros ativos e moedas, explica o ex-presidente do BC. Este cenário, segundo Fraga, deixaria apenas duas opções “intragáveis”: uma inflação muito alta ou um default, ou seja, um calote nos detentores dos papéis.

De acordo com Fraga, o governo também deve ficar atento com sua capacidade de aumentar os gastos em decorrência da pandemia. “O governo não pode se acomodar achando que o Brasil é um Japão ou os Estados Unidos, que podem sair gastando sem grandes consequências”, argumenta o economista, que acrescenta: “De meia-sola em meia-sola o buraco vai aumentando e, agora, nós estamos batendo na porta de uma dívida de 100% do PIB e uma máquina do crescimento absolutamente avariada.”
Per finire, oggi o Focus do BC ha scritto che no final de 2020 il dollaro serà de R$ 5,28. BC in 4 anni ha sempre e solo venduto dollari, anche con Goldfjian non hanno mai comprato dollari, come invece faceva Tombini. Tu cosa dici? Grazie, ciao

Otto ciao. Sulla tua decisione Inps/CityBank/Itau .... solo un dato: se tu avessi un conto in Italia dove Inps accredita la tua pensione (ci sono diverse banche che te lo farebbero anche on line e tra queste anche City Bank) ogni mese l'Inps ti accredita la tua pensione in Italia poi tu (o tua moglie quando sarà il tempo che è molto lontano) puoi fare un giroconto (mittente e destinatarioio la stessa persona) da Banca Italiana a Itau al costo fisso di 115,00 Reais a trasferimento. Invece oggi per le nuove regole del Banco Central sui trasferimenti dall'estero alle Banca Brasiliane, regole alle quali si devono obbligatoriamente attenere le Banche Brasiliane, dal 2019 ti applicano il cambio "turistico" che è una coltellata per i pensionati Italiani. L'Inps e City Bank devono rivedere gli accordi con il Banco Central del Brasile, cosa che non fanno da tempo. Questa è la causa però con la soluzione che ti ho indicato, soluzione attivata da centinaia di pensionati Italiani residenti in Brasile e che, tra l'altro, agevola le mogli se opportunamente delegate dal titolare del conto in Italia quando sarà il momento........
C'è un risparmio medio da 5 a 1. Poi, vedi tu. Ti ricordo anche aprendo un conto in Italia potrai essere dotato di una carta bancomat "mondo" ed una collegata e di una carta di credito "mondo" ed una collegata. Pensa, io e tanti altri andiamo in Brasile e paghiamo la spesa o altro con il Bancomat Italiano internazionale e il cambio è esattamente quello del giorno senza altre spese se non quelle in Italia di 2 Euro a operazione.
Per quanto riguarda il cambio.....la causa è la crisi sociale negli USA ed anche il numero dei disoccupati che hanno fatto diminuire sensibilmente l'USD. Il Brasile NON si è rinforzato, tutt'altro solo che risulta abbia meno disoccupati in %. Poi sai come sono i dati Brasiliani, prima o dopo vengono smontati. Questione di tempo e il USD si rinforza e torna a 6 per poi alla fine dell'anno o max tra Gennaio e Marzo 2021 andare anche a 6,5.
Ti saluto e lunga e salutare vita!

Ti scrivo cosa mi ha risposto l'INPS alla mia domanda sul cambio turistico fatto sulle pensioni:

Gentile utente,
con riferimento alla sua richiesta con numero di protocollo INPS.CCBFF.12/06/2020.2032389 del 12/06/2020 15:35:46,

le comunichiamo quanto segue:

Per quanto riguarda i paesi come Brasile, Argentina, ecc. i pagamenti vengono effettuati o in euro o in dollari americani. Il cambio però viene effettuato dalla Banca partner (in questo caso ITAU) e per informazioni sul tasso di cambio di riferimento applicato il pensionato dovrà rivolgersi direttamente ad Itau. In altri Paesi, come ad esempio USA, Canada, Australia, UK, Svizzera, Ciitibank provvede generalmente a pagare in moneta locale ed il cambio lo effettua direttamente Citibank secondo le loro procedure. Generalmente il Citibank effettua la conversione di valuta il più possibile a ridosso della data di pagamento.
Adesso mando questa risposta anche a INAS che lo sappiano Cosa rispondo all'INPS? questi non sanno che 8 anni indietro è stato fatto un'accordo con Citi, che se ha scelto Itau vuol dire che faceva un cambio migliore rispetto alle altre banche contrattate qui in Brasile, la pensione di Luglio mi è arrivata oggi, non so se è perche quando il mese scorso ho chiesto il comprovante, del pagamento, e mi sono lamentato di un cambio alto per una pensione, fatto sta che il cambio che mi hanno fatto, è sopportabile R$ 5,9860 che alle 12,45 ora del Brasile quando più o meno sono arrivati, era di R$ 6,11. Ciao

Otto ciao. Penso di averti già scritto che l'INPS ha fatto l'accordo con CITYBANK e relativamente al Brasile CITYBANK ha fatto un accordo direttamente con ITAU'.

ITAU' è tenuta a rispettare le disposizioni del BANCO CENTRAL do BRASIL il quale alcuni anni fa (2 o 3 anni fa) ha emesso una comunicazione a tutte le Banche Brasiliane sia Pubbliche che Private nel ricevere quattrini dall'Estero in valuta del Paese mittente devono applicare rigorosamente il "cambio turistico".

Ciò detto, anche se tu scrivi all'Inps attraverso Patronato o direttamente NON cambia nulla se non stimolare l'INPS a ridisegnare l'accordo con CityBank portandola a negoziare con Banco Central do Brasil prima che con qualsiasi Istituto di Credito Brasiliano.

Per questo motivo alcune settimane fa ti avevo consigliato di aprire un conto corrente in Italia per ricevere la pensione poi girocontarti la stessa sul tuo conto Brasiliano al costo fisso di 115,00 Reais a operazione + lo 0,6%. Questo in attesa che CityBank, se mai lo farà, ridefinisca l'accordo inserendo il Banco Central do Brasil nei trasferimenti.

Inutile qualsiasi tentativo individuale di redimere la questione. Si perderebbero tempo e soldi.

Un caro saluto.

 

Ciao, tutto bene? Devo ricorrere un'altra volta a te, perche l'INPS daa Ottobre non accetterà più il PIN per entrare nei suoi servizi. Da Ottobre per entrare devo utilizzare SPID - Identità Digitale. Tu lo saprai sicuramente come fare, mi puoi spiegare passo a passo come fare per favore? Se no non riesco più ad entrare in INPS. Grazie molto, ciao

L’Inps ha annunciato una piccola rivoluzione per i suoi servizi: l’addio al Pin. A partire dal 1° ottobre 2020 l’istituto non rilascerà più il Pin come credenziale di accesso ai servizi sul suo sito internet. Al posto del Pin di userà lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permette di accedere a tutti i servizi on-line della Pubblica Amministrazione.

Ciao Otto, il tuo PIN vale fino alla sua scadenza e l'INPS mano a mano ti accompagnerà allo SPID utilizzando il tuo PIN quando scadrà, questo se ne avrai le credenziali. Lo SPID sarà utile per dialogare non solo con l'INPS in maggiore sicurezza ma anche con tutta l'Amministrazione pubblica Italiana ed Europea. E' una modifica a nostro favore.

Quindi, attedi comunicazione da Inps quando entrerai con il PIN. Questa comunicazione ti accompegnerà mano a mano per accedere allo SPID. Non dovrebbe essere complicato per chi ha già il PIN.

Ti copio indirizzo web Inps che dettaglia meglio lo SPID:

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=54133

Gentile Otto, mentre è chiaro il cambiamento per chi risiede in Italia ed Europa, in verità non è ancora ben definito per chi risiede extra UE. La valutazione in corso riguarda il possesso di documenti Italiani in corso di validità, un recapito telefonico, la tessera del codice fiscale......e l'iscrizione Aire che non tutti hanno ed infine a quale provider autorizzato ci si debba rivolgere. Questione di tempo ed io personalmente sono fiducioso che non saremo "dimenticati" o che obtorto collo dovremo rivolgerci ai Patronati (rubagalline) di qui. Saluti.

Otto buongiorno, ho ricevuto una risposta ufficiale dall'Inps per lo SPID che ti copio in calce. Dalla risposta si evince che noi pensionati Italiani Inps e Italiani in genere che risediamo regolarmente in Brasile siamo considerati soggetti "residenti extra UE" quindi "extracomunitari". Pertanto continueremo con il PIN dispositivo INPS fino a data da destinarsi (anni). Ne riparleremo quando sarà il momento. Inutile fasciarci la testa ora. Ciao.

"Buongiorno

I PIN in possesso degli utenti conserveranno la loro validità e potranno essere rinnovati alla naturale scadenza fino alla conclusione della fase transitoria.

Il PIN dispositivo sarà mantenuto per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali SPID, come i minori di diciotto anni o i soggetti extracomunitari, e per i soli servizi loro dedicati.
Cordiali saluti."

OTTO buongiorno. Seppure residente in Brasile ieri sono riuscito ad ottenere lo SPID!

L'aiuto me lo ha dato questa Società: https://identitadigitale.infocert.it/estero/

Essendo iscritto AIRE noi siamo residenti in Brasile ....... MA risultiamo domiciliati fiscalmente in Italia all'ultimo indirizzo di residenza che avevamo prima di venire a vivere in Brasile. Questo risulta anche al nostro Comune di provenienza Uff. AIRE.

Ho provveduto quindi a inserire la mia anagrafica con l'ultimo indirizzo Italiano. Devi essere in possesso di: un documento Italiano in corso di validità, tesserino del codice fiscale Italiano, numero di telefono per ricevere messaggi SMS dall'Italia e un pc con web cam per il riconoscimento facciale.

Segui le istruzioni del sito che ti ho indicato, inserisci la tua email e crea una password poi carica le tue informazioni e documenti. Dopo circa 30 minuti riceverai una email che ti invita a collegarti via web cam (ti indicano un link che ci arrivi immediatamente) e procedi a fare il riconoscimento facciale ed a firmare i documenti di richiesta con un codice numerico (OTP) che riceverai sul telefonino. Il riconoscimento è durato 15' ed il risultato OK SPID a sistema e a nome mio è stato quasi immediato. Sto attendendo la e-mail che conferma il tutto.

Questa è un'altra conferma che l'iscrizione AIRE è utile, eccome che è utile!

Se non hai il tesserino del codice fiscale devi farne richiesta al Consolato Italiano di Rio compilando una scheda. Il Consolato provvederà a comunicarlo all'Agenzia delle Entrate che ti invierà il tesserino al tuo indirizzo del Brasile.

Infine, eccoti l'avviso Ministeriale n°7 del 2017 che puoi trovare in internet e che parla dello SPID ai cittadini Italiani residenti extra UE:

SPID – SISTEMA PUBBLICO PER L’IDENTITA’ DIGITALE
Avviso nr. 7
25 ottobre 2017

 

Grazie di tutto di quello che mi scrivi. Adesso vorrei sapere una cosa, Se uno cambiasse casa e andasse in una città sempre del Comune di RIO, quando sarà tutto sistemato con la pandemia, quando bisognerà fare esistenza in vita, devo andare come faccio adesso al Patronato che mi prepara il documento per andare al Consolato italiano perche me lo avvalli, come ho sempre fatto, e poi io lo spedisco, oppure posso fare da solo? Tu come fai o come facevi normalmente senza coronavirus? andavi anche tu al Consolato italiano? Io so che il documento AIRE va rinnovato ogni anno, tu come fai? Il documento AIRE si può aggiornare anche con internet? grazie, tante belle cose

Otto, non mi sono mai posto il problema dell'esistenza in vita perchè mi faccio accreditare la pensione sul mio conto Italiano e poi, quando mi serve denaro, faccio dei trasferimenti sul mio conto Brasiliano. L'esistenza in vita viene richiesta dal "pagatore" delle pensione dei residenti all'estero che in questo periodo è City Bank. L'avallo va fatto con il Patronato che poi lo trasmette all'Inps e a City Bank. Se cambi indirizzo devi modificare con il PIN la tua anagrafica INPS e comunicarlo anche via e-mail a City Bank. Sappi comunque che anche l'Inps lo comunicherà a City Bank. Per quanto riguarda l'anagrafe AIRE ...... non bisogna aggiornarla annualmente. Se però cambi indirizzo in Brasile entra nel sito del Consolato in "anagrafe" - Aire - e compila e firma la scheda per l'aggiornamento dell'indirizzo e dopo averla scannerizzata la inviii all'indirizzo di email indicato dall'anagrafe del Consolato. Loro provvederanno a confermarti l'avvenuta variazione e lo confermeranno anche al Comune Italiano dove sei iscritto Aire (ultimo tuo comune di residenza). Infine Otto insisto nel dirti che ti conviene aprire un conto in Italia e farti accreditare la pensione ..... oltre a liberarti dell'esistenza in vita e dalle gabelle di City Bank e le microtasse della Banca Brasiliana avresti anche il vantaggio del cambio utilizzando il Bancomat che la Banca Italiana ti rilascerà e che puoi usare come carta di debito per tutte le spese in Brasile. Puoi anche richiedere una carta di credito per te e una aggiuntiva per tua moglie o tua figlia. Se decidi di rimanere così è una decisione che personalmente rispetto.......ma mi sento in obbligo di segnalarti questa opportunità. Ciao. PS: io ho fatto lo SPID e mi funziona perfettamente sia con l'Inps che con Agenzia delle Entrate e il mio Comune Italiano di provenienza inoltre sono in contatto sempre con lo SPID con il Servizio Sanitario Nazionale per aggiornamenti e per fissare appuntamenti per visite specialistiche in Ospedali pubblici, questo quando ho in programma di andare in Italia. Ora con Covid sono bloccato qui.

Otto una precisazione: quando invii la scheda del nuovo indirizzo per aggiornamento Aire al Consolato devi anche allegare un "comprovante" della nuova residenza. Tutto qui.

Non so cosa fare, se cambiare o no. Noi abitiamo a Barra a 100 metri dal mare, abbiamo omnibus del condominio che ci portano da tutte le parti. A 1 passo abbiamo il BRT e il Metrò. Il problema del cambiamento è che sopra di noi, noi abitiamo al 22 piano, abita una signora con il figlio 38 enne che fa palestra in casa è un drogato, credo, perche ogni tanto si sente odore di Maconha. Quasi tutto il giorno a partire dalle quattro del pomeriggio, incominciano i rumori, pesi che ogni tanto cadono, salta alla corda e altro. Ma il brutto è che fa rumori anche di notte, partendo da mezzanotte, usa anche una steira, e mia moglie dice che il letto balla e gli viene mal di testa. Io ho dovuto andare a dormire sul divano in sala.Mia moglie per questo problema, va tutii i venerdì con una signora anziana di 89 anni e il suo motorista a Paty dove ha una villa, e ha notato una casa doppia a Miguel Pereira, che ha visitato la settimana scorsa e non gli è dispiaciuta. Ma costa quasi come la nostra di 100 mq, solo 200.000 R$ meno, è un paese di 24.000 persone. Io non vorrei andare via da dove abito a 100 metri dall mare con 2 piscine e un ristorante Il problema è che sono lontano sia dal Patronato che dal consolato, e se peer caso succedesse che io che ho 83 anni, morissi, la non avrebbero le amicizie che ha qui per consolarsi e svagarsi. Il peggio sarebbe se mancasse prima mia moglie, io non parlo benissimo il portoghese, e non rimarrei più la, ma diventerebbe un problema a vendere, anzi dovrei svendere. Poi nel temmpo quando non ci saremo più noi la cosa faarebbe da sola mia figlia che non ha nessuna amicizia nemmeno qui in città? Diveenta un problema annche con la banca. Gli ho proposto di fare dei lavori nel nostro appartamento per convincerla a restare, vediamo. L'unica cosa che risparmierei sarebbero i 2100 R$ del condominio. Quì sono sette predi di 24 piani ognuno, gli ho proposto di cercare in un'altro degli altri sei. Se arrivasse una tempesta con vento a Miguel Pereira, e facesse danni alla casa, con tegole che volano, ce li dovremmo pagare noi. Tu cosa dici? mia moglie è socievole e conosce molte persone, non c'è nessuna che gli ha detto che fa bene, aanzi...

Altra cosa, oggi ho letto dello SPID:
"Oggi avviene un passaggio epocale. Si va verso una modalità di accesso ai nostri servizi unica e sicura e questo è un grande passaggio per la digitalizzazione del Paese". Pasquale Tridico, presidente Inps, commenta così il passaggio alla modalità Spid per accedere al portale Inps. "In questo modo - spiega - consegniamo al governo un patrimonio di 27 milioni di utenti, che potranno usufruire dei servizi della pubblica amministrazione".
Ma in cosa consiste questa nuova modalità? Vediamola nel dettaglio.
ADDIO PIN - A partire dal 1° ottobre 2020 l’Inps non rilascerà più Pin come credenziale di accesso ai servizi dell’Istituto. Il Pin sarà sostituito da Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permette di accedere ai servizi on-line della Pubblica Amministrazione, si legge sul portale dell'Inps. Per gli attuali possessori di Pin il passaggio allo Spid avverrà gradualmente secondo le istruzioni fornite con la circolare Inps 17 luglio 2020, n. 87, che prevede una fase transitoria che si concluderà con la definitiva cessazione della validità dei Pin rilasciati dall’Istituto.
SPID, A CHE SERVE E COME FUNZIONA - Lo Spid, spiega l'Inps, consente agli utenti di interagire con l’Istituto, con l’intero sistema pubblico e con i soggetti privati aderenti. In base al Regolamento eIDAS l’identità digitale Spid (con credenziali di livello 2 o 3) può essere usata per l’accesso ai servizi in rete delle Pubbliche Amministrazioni dell’Unione europea.
Grazie ai vari livelli di autenticazione dello Spid, l’Inps potrà abilitare nuovi servizi che richiedono una maggiore affidabilità nella fase di riconoscimento dell’utente. I Pin in possesso degli utenti conserveranno la loro validità e potranno essere rinnovati alla naturale scadenza fino alla conclusione della fase transitoria la cui data verrà successivamente definita.
Il passaggio da Pin a Spid non ha effetti sul servizio di Pin temporaneo. Gli utenti che accedono ai servizi Inps attraverso le credenziali Spid, Cns o Cie potranno, infatti, continuare a richiedere il Pin telefonico temporaneo utile per la fruizione dei servizi tramite Contact Center. Attraverso la funzionalità 'Pin Telefonico' presente su MyInps è possibile scegliere di generare un Pin temporaneo la cui validità può essere di un giorno, una settimana, un mese o tre mesi.
Il Pin dispositivo sarà mantenuto per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali Spid, come i minori di diciotto anni, le persone che non hanno documenti di identità italiana o le persone soggette a tutela, curatela o amministrazione di sostegno, e per i soli servizi loro dedicati. Tutti gli altri utenti dovranno pertanto dotarsi di credenziali di autenticazione alternative al Pin.
L'Inps ricorda che gli strumenti di autenticazione elettronica attualmente utilizzabili in alternativa al Pin per accedere ai servizi offerti sul portale Inps sono: Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid); Carta d'Identità Elettronica (Cie); Carta Nazionale dei Servizi (Cns);
COME RICHIEDERLO - Per richiedere e ottenere le credenziali Spid bisogna essere maggiorenni, spiega l'Inps, e possedere:
RESIDENTI IN ITALIA - Un indirizzo e-mail; il numero di telefono del cellulare usato normalmente; un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente)*; tessera sanitaria con il codice fiscale*.
RESIDENTI ALL'ESTERO - Un indirizzo e-mail; il numero di telefono del cellulare che usi normalmente; un documento di identità italiano valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente)*; il codice fiscale; il tesserino della tessera sanitaria o del codice fiscale costituiscono ulteriori elementi a supporto del processo di verifica dell’identità che concorrono a contrastare, grazie alla verifica dell’autenticità degli stessi su basi dati nazionali non pubbliche, il furto di identità.
* Durante la registrazione può esser necessario fotografarli e allegarli al form da compilare.
COSA BISOGNA FARE PER OTTENERE SPID - Scegliere uno tra gli Identity provider e registrarsi sul loro sito. La registrazione consiste in 3 step: inserisci i dati anagrafici; crea le tue credenziali Spid; effettua il riconoscimento. I tempi di rilascio dell'identità digitale dipendono dai singoli Identity Provider.
SCEGLIERE TRA I DIVERSI IDENTITY PROVIDER - Gli Identity Provider forniscono diverse modalità di registrazione gratuitamente o a pagamento e i rispettivi Spid hanno diversi livelli di sicurezza. La lista degli Identity Provider fornisce un quadro della situazione.
In particolare l'Inps consiglia di fare attenzione ai seguenti parametri: scegli la modalità di riconoscimento che ti risulta più comoda (di persona, tramite Carta d’Identità Elettronica (Cie)*, Carta Nazionale dei Servizi (Cns), Firma Digitale o tramite webcam); scegli sulla base del livello di sicurezza di Spid che ti serve; se sei già cliente di uno degli Identity Provider, potresti avere un flusso di registrazione semplificato; se sei un cittadino italiano residente all’estero, fai attenzione a chi offre il servizio per l’estero.
* Sono accettate solo le Carte d'Identità Elettroniche 3.0, ovvero quelle che non hanno la banda ottica sul retro della tessera in plastica.
periamo che continuino con il PIN, perche io per queste cose sono un imbranato. Io ho il passaporto che scade fra 5 anni, mia mmoglie e mia figlia hanno solo la carta di identità brasiliana atualizzata. Abbiamo i tesserini sanitari e i codici fiscali italiani. Ultima cosa, mia figlia vota in Italia, ma mi hanno detto che deve votare in Brasile, ma è nata in Italia. Volevo fare il passaporto italiano per mia figlia, ma il Consolato mi ha detto che prima devo fare quello brasiliano. Grazie di tutto

Otto, non ti fasciare la testa per le chiacchere (fofoche) dei burocratici Italiani.Ti portano in un labirinto senza trovare l'uscita. Io risiedo in Brasile e con il codice fiscale Italiano + un documento Italiano in corso di validità (nel mio caso passaporto) + l' indirizzo di email + un numero di telefono  ho fatto lo SPID di livello 2 identico al PIN dispositivo dell'Inps. L'ho fatto con Infocert registrandomi in 10 minuti sul loro sito ed inviando copia dei miei documenti. Il giorno dopo Infocert mi ha inviato una email che ho certificato cliccando sul link che mi hanno indicato sulla loro email e poi ho ricevuto una proposta di una videochiamata per certificare la mia identità, questa videochiamata è durata 5 minuti con una gentile Sig.ra. Ho così ottenuto lo SPID di 1° livello che ho trasformato in 2° livello attraverso un messaggio telefonico che mi chiedeva di creare e inserire una mia password, cosa che ho fatto ed ho ricevuto un codice OTP per conferma. Ho confermato e da quel momento la mia password è diventata SPID che è la chiave di accesso a INPS e a altri indirizzi. Il livello 3 non mi interessava in quanto pensionato e non Impresa attiva. Devi però essere iscritto AIRE ed iniziare la domanda SPID con l'ultimo tuo indirizzo in Italia dove hai risieduto e che hai indicato all'AIRE. Tutto qui. Oggi ho lo SPID che scade tra 2 anni e che posso rinnovare prima della scadenza per altri 2 anni se lo uso se non lo uso devo rifarne uno nuovo. Infine, per tua figlia ...... della serie "siamo su scherzi a parte", Come ti dicevo all'inizio di questo messaggio ....... la burocrazia in Italia fa vivere solo se stessa e prima o poi siamo tutti "vittime" ! Ciao.

Il Forum
di Vivere In Brasile

Accedi:

Non sei ancora registrato? Registrati subito!