consigli investimento in Brasile

Citazione
Chiedo un consiglio in merito a un mio "dubbio" riguardo alla dichiarazione del C/C brasiliano di mia moglie in Brasile. Ma andiamo per ordine così spiego la mia situazione nel migliore possibile:
 
1)nel dicembre del 2012 ,durante le nostre vacanze, abbiamo aperto un C/C al BANCO DO BRASIL ,in Brasile ,a nome di mia moglie.
2)parliamo di cifre irrisorie circa 20 mila euro
3) durante gli anni successivi, sempre durante le vacanze(CI RECHIAMO CIRCA UNA VOLTA ALL'ANNO) abbiamo sempre depositato qualche soldino
4)NON ABBIAMO MAI FATTO,DURANTE QUESTI ANNI, NESSUN BONIFICO DALL'ITALIA AL BRASILE. Come dicevo abbiamo sempre depositato in loco(brasile)..portando gli euro al seguito e poi cambiati sempre in loco con aiuto di familiari
5) noi abitiamo in italia (residenti in italia io e mia moglie)
6) mia moglie quando partiamo dal brasile  verso Italia, viaggio di ritorno, non ha mai fatto DECLARAçAO DI USCITA DAL PAESE.
7)IN Brasile il cpf, RG, carteira de motorista renovada  di mia moglie tutto ok
8) Col passare degli anni grazie a investimenti fatti tramite il banco do BB come poupança,LCI,LCA, fundos de investimento il conto si è triplicato...ma nel frattempo in Italia non abbiamo mai dichiarato niente!!!!
che consigli mi date?? come dite di muovermi???comprare qualcosa di immobile la in brasile???rimpatriare i soldi??aderire alla voulontary disclosure???
ringrazio anticipatamente per la risposta  o per qualsiasi consiglio o a chi potrei rivolgermi per risolvere il problema... grazie e cordialissimi saluti
Citazione

Purtroppo le cose stanno rapidamente cambiando in Brasile e nessuno, dico nessuno può pensare ad un investimento "garantito" come lo è stato fino adesso. La strada è quella di volare basso e far rientrare come formichine i quattrini....ci si impiega tempo, a volte anche molto tempo ma è il sistema sicuro per non apparire. In Italia se fai entrare dall'estero per CF + di 15.000 Euro anno sei segnalato da qualsiasi Banca obbligatoriamente a Agenzia delle Entrate alla quale devi poi dimostrare la fonte del reddito e relative imposte pagate......!! Scoperchi così la pentola non avendo mai dichiarato il conto in Brasile per anni. La voulontary disclosure sarebbe una buona cosa ma prova prima a chiedere al BB quando ti costa fa uscire Euro dal Brasile.....una botta di soldi da paura oltre ai costi di legge "v.d." in Italia. In chiusura e tenuto conto che hai i quattrini in BB ti consiglio di metterti in contatto con BB di Milano - P.zza Castello, 1 - e negoziare con loro i costi del trasferimento di patrimonio (mittente e destinatario identici) e, una volta convenuto costi e tempi che ti vanno bene, dare loro l'incarico di "chiamarteli" dal BB dove hai (o tua moglie ha) il conto in Brasile. Forse dovrai (o tua moglie dovrà) aprire un conto in BB in Milano e poi pian piano trasferirteli dove vuoi (o dove tua moglie e tu vorrete). Lascia perdere altre strade tipo "doleiro" perchè sono da mal di testa e molto insicuri. Ciao.

Citazione

Se il patrimonio complessivo dei beni mobili e immobili di sua moglie,essendo brasiliana, è inferiore ai 300mila reais, non è obbligatoria la dichiarazione dei redditi in Brasile;

Se i soldi non vi servono in Italia, lasciateli tranquillamente in applicazioni finanziarie qui in Brasile, che paga interessi composti e diari (bene LCI/LCA - NO Poupança), o godeteveli qui in Brasile, ma assolutamente non lasciateli sul CC; In Italia, non so proprio in cosa potreste investire e quanto potreste guadagnare con i tassi a zero!!

Non avendo mai segnalato nulla in Italia, nel caso di reimpatrio dei soldi, dovreste fare come fatto all'andata, un po' per volta( è il prezzo che si paga per l'anonimato).

Un saluto.

 

Citazione

Volevo solo aggiungere, che nel dubbio, potreste anche rivolgervi anche ad un bravo commercialista sia in Italia che in Brasile, per chiarirvi le idee e se avete qualcosa da dichiarare, insomma, su come muovervi.