Home Blog Pagina 2

A fine mese in libreria

0

La pubblicazione di “Cristo si è fermato a Rio” una nuova raccolta di racconti, questa volta per Unicopli di Milano, è in fase di arrivo. 46 testi ambientati a Rio uniti da sottili fili tesi come nervetti. Credo e spero che sarà in vendita in libreria in Italia e negli store online entro il mese di maggio. Uscirà solo nell’edizione cartacea. Dovrebbe essere ben distribuita soprattutto in Lombardia e tra le librerie universitarie del Paese.
Questo è un avviso ai miei 25, tra lettori e lettrici.
Tenetevi pronti!

Bagaglio a mano più ” salato “

7

Sta diventando sempre più difficile volare , soprattutto per coloro come noi residenti in Brasile che si spostano per lunghi periodi di tempo tra due continenti con problematiche climatiche completamente differenti .

Dopo la pesante riduzione del peso del bagaglio al seguito che da due colli da 32 Kg  si è ridotto a 0 Kg , con la possibilità di portare 1 collo da 23 Kg pagando 100 euro in più , adesso ci si sta attaccando anche al bagaglio a mano . Le regole sono sempre esistite ma erano applicate con una certa elasticità sia per quanto riguarda le dimensioni del bagaglio che per quanto riguarda il peso .  Purtroppo a partire da oggi il Brasile ha adottato la regola della tolleranza zero .Il bagaglio a mano deve rigorosamente entrare nelle misure predefinite : 55X35X25  e soprattutto non pesare più di 10 Kg incluso il peso della valigia .

Coloro che verranno sorpresi con bagagli a mano fuori regola dovranno imbarcarlo e pagare per questo una addizionale il cui valore è totalmente a discrezione della compagnia aerea . Così come a discrezione della compagnia è il caso seguente :due persone viaggiano assieme , una con un bagaglio da 18 Kg ed un altro con un bagaglio da 26 Kg   , totalizzando pertanto meno di 23 Kg a testa . Ebbene la compagnia può obbligare il viaggiatore con 26 Kg a pagare per l’eccesso bagagli . E’ quanto mi è personalmente accaduto con la TAP ( Vergogna !) mentre la LUFTHANSA con cui ho viaggiato in seguito applica il principio della compensazione .

Le suddette regole saranno applicate gradualmente a tutti gli aeroporti brasiliani da oggi sino a fine Maggio .

Al momento risulta ancora consentito , assieme al bagaglio a mano , uno zainetto a testa di cui non si definiscono peso e dimensioni . Pacchi , pacchetti ed amenità varie dovranno prendere posto o nel bagaglio a mano o nello zainetto .

A questo punto faccio una dovuta osservazione . Un viaggiatore che acquista un biglietto per uno o più mesi e che viaggia tra due paesi con climi molto differenti come può essere comparato , in termini di bagaglio , con  un viaggiatore che trascorre all’estero una o due settimane ? Non ne parliamo poi se tra i viaggiatori c’è un bambino.

Per evitare stress io ho già acquistato una piccola bilancia digitale  portatile in grado di pesare all’occorrenza la valigia prima dell’imbarco . Buon viaggio a tutti .

Notre Drame : brucia la Cattedrale simbolo di Parigi !

0

Non ho niente da aggiungere a questo post. Mi sembrava giusto , anche se non ha nulla a che vedere con vivereinbrasile , ricordare sul blog questo evento .

L’organismo

1

Testo e foto di Gianluca Uda

  Del resto me lo avevano detto e anche più di una volta ad esserne sincero.
Stai attento, mi dicevano, in quel posto là… è difficile entrarci.
Ma non era solo questo, mi ripetevano anche che il difficile sarebbe stato uscirne.
Forse non ne uscirai mai del tutto… mi facevano abbassando in parte lo sguardo.
Logico, chi parlava così era solo gente che ci era entrata dentro quel luogo. Persone che in un qualche modo, avevano avuto un contatto con quell’essere.
Si perché forse, osservandolo bene, era più simile ad un’organismo che ad un vero e proprio luogo.
Quando mi sono ritrovato di fronte quell’ammasso, mi trovavo nell’asfalto a pochi metri dall’entrata.
Avevo in testa le parole degli altri.
Si… i giudizi e le paure di chi non aveva mai varcato quel limite.
Tra l’asfalto e l’organismo c’era una barriera mentale.
Barriera costruita da paure, da storie riprese dalla televisione, da racconti altrui.
Logico c’era del vero in tutte quelle storie, ma come ogni cosa non è sempre quello che gli altri ci dicono che corrisponde alla verità.
Forse la verità non esiste, non è mai esistita.
La bugia ci aiuta ad andare avanti è quasi strutturale, ma questo non è un mio pensiero, mi è stato detto… o forse l’ho solo letto da qualche parte.
Le chiamano favela per via delle piante di fave… già perché non ci avevo pensato prima.
Dall’asfalto puoi osservare la struttura imponente, quasi per tutta la sua ampiezza.
Sembra quasi che respiri quella cosa la… ma certo che respira, lo sento e non credo di essere l’unico a sentire quell’affanno.
A vederla così nella sua interezza potrei solo paragonarla ad un’opera artistica.
Un’arte moderna o antica, non saprei.
Un’ordine nel disordine, non so… quest’immenso paesaggio urbano mi disorienta, ma sono pronto ad entrare.
La paura è andata via come ho lasciato l’asfalto. Forse quel sentimento è imprigionato in questa linea invisibile che divide San Corrado da Rocinha.
Le parole degli altri, non è sempre bene ascoltarle.
Ci sono varie forme di entropia, una che parla di calore e universi, un’altra di organizzazioni sociali, ma questa di entropia, di caos e del tutto differente.
Cosa è il caos?
Per molti è disordine, mancanza di regole, anarchia… ma si sbagliano.
Il caos è solamente un’ordine complesso, una volta che sai leggere le carte di quella che definiamo confusione, tutto ci appare molto più chiaro e in linea, riesci anche a percepire l’ordine e l’equilibrio delle cose.
Rocinha credo sia un’enorme ordine complesso.
In realtà questo luogo è vivo, un organismo dai mille occhi colorati come le luci che escono dalle finestre.
Il posto ti osserva, non c’è dubbio… anche le persone ti osservano anche se sembra non abbiano gli occhi puntati su di te.
E poi tutti questi fili elettrici legati in enormi matasse, questo è un’organismo e questi fili non sono altro che il sistema nervoso del tutto.
I nervi, gli occhi, le moto che passano in continuazione come globuli rossi in grosse arterie abitate di gente e volti nuovi.
Sento il respiro.
Alcuni edifici hanno inglobato alberi o pali della luce, sembra che l’organismo in un qualche modo cresca ed è la sua gente ad alimentarlo, a renderlo vivo.
Non c’è silenzio.
Un sottofondo continuo di clacson, rumori di gente, di musica.
Musica che parla di sesso.
Questo posto è donna, lo si capisce dalla sua forza nel resistere.
La strada principale divide l’organismo, questa grande arteria sempre in movimento. Su i due lati si capisce che labirinti di vie ti potrebbero portare ovunque.
Quei labirinti sembrano come le varie alternative che il caos può regalarti, che la vita può donarti.
La musica parla di sesso ma non solo.
Pochi sono gli edifici intonacati, la maggior parte ha il colore della pelle… un colore simile al rosa.
La pelle dell’organismo, fatta di mattoni posati in fretta, attaccati con del cemento messo alla buona.
Si vede sempre dell’acqua scendere giù, come un fluido corporeo, come il siero che esce dalle ferite per guarire la tua pelle.
Le ferite ce ne sono e questo è un po’ come il respiro di quest’essere… lo si sente.
Le chiamano favela per via delle piante di fave… già perché non ci avevo pensato prima.

Qui in basso vi propongo un link per poter collaborare ad un crowdfunding.

Grazie

Vai al Link

Ultimi Articoli

Vivere a Natal

Un video amatoriale sulle bellezze di Natal e dintorni . Anche io che ci vivo da anni ne sono rimasto affascinato . Immagini  mai...

Ricominciare

Ivanilda

A fine mese in libreria

Economia