Home Blog

O contador perdeu a cabeça (traduzido por Paulo Braga)

0

Foi capturado, era o responsável pela contabilidade da facção rival, conhecido por ter enriquecido bastante com o narcotráfico. Estava no meio do grupo de invasores, todos exterminados nas margens do Chicão, o riacho cheio de excrementos que faz divisa com a parte leste da favela, riacho ao lado do qual, nos dias de calma, os traficantes vendem a droga. Os ocupantes atuais da favela (à espera da oficialização da santa aliança com a facção de Mato Grosso) esperavam, uns deitados no chão, outros com o cano da metralhadora exposto fora da janela de um dos casebres coloridos, apoiados como animais raquíticos sobre as lojas dos revendedores de aves. Esperavam sem surpresa, tinham aguardado a noite inteira, entre whisky e cocaína, a chegada dos inimigos. Houve um deles que chegou a dançar, o longo cano do fuzil bem à vista, ostentando uma falsa calma, uma superioridade ilusória. No coração de todos, fervia o ódio. E quando de manhã chegou o exército invasor, composto de uma centena de soldados valentes, entre eles o ex-contador, o antigo gestor dos lucros da venda de droga, começaram os confrontos, as batalhas na rua do Sol, travessa Florença, na rua Dezessete, na rua Quinze, na estrada do Colibri e, naturalmente, no Chicão.

L’amico

0

Dopo la morte dell’attivista negra Marielle Franco, del partito PSOL, Socialismo e Libertà, la Polizia, i Procuratori e i Politici tutti avevano gridato ai quattro venti che i colpevoli sarebbero stati trovati e il caso risolto nel più breve tempo possibile. Sembra ormai acquisito che a uccidere la donna siano stati i reparti deviati della Polizia ma non ci sono ancora imputati e pare plausibile pensare che la Polizia non investigherà mai la Polizia e che il confine tra reparti deviati, corrotti e membri onesti ed effettivi delle forze dell’ordine sia troppo labile, troppo sfumato. Sono passati tre mesi, poco è successo a parte le dichiarazioni di intenti, il tentativo di colpevolizzare (mediaticamente e non giudizialmente) un collega di Marielle alla Camera di Rio de Janeiro che avrebbe mantenuto rapporti con un rappresentante dei reparti deviati, un ex commissario di Polizia, oggi in carcere, il quale avrebbe progettato l’agguato a Marielle dalla prigione; questo individuo però, intervistato dai giornalisti per mezzo dell’avvocato, avrebbe dichiarato di essere un capro espiatorio: non essendoci prove concrete che portino ai veri colpevoli, si vuole attribuire la colpa a un malfattore che si è attribuito altri crimini ma non questo.

Maria Bahia

6

Il sesso è migliorato, Maria ha detto “Ti sto guardando con nuovi occhi, uno sguardo nuovo”, credo che alludesse al fatto che qualcosa di ingarbugliato pare essersi sciolto tra noi, un nodo strettissimo, un ostacolo invalicabile, una pietra pesante è stata tolta dal cammino da un’onda impetuosa. Stiamo indugiando uno sul corpo dell’altro con più pazienza, con più curiosità. Non abbiamo fretta, è diminuita la rabbia, entrambi dobbiamo aver pensato che non vale la pena di attribuire all’altro le colpe delle nostre frustrazioni.

Nonostante i dolori, i problemi di salute e le molte cose negative che hanno caratterizzato i miei quarantatre anni di vita (problemi di salute causati, per la maggior parte, dalla dipendenza dall’alcol), se guardo indietro mi scopro orgoglioso della famiglia che ho formato. Nonostante la mia figlia acquisita Milena mi risponda male e alle volte mostri un’incoerenza fastidiosa, nonostante io mi sia rotto un dito durante un litigio con lei e poi abbia deciso di non andare dal medico e di tenermelo storto per ricordarmi quello che è successo, sono contento che lei sia la mia figlia acquisita, sono contento di averla presa a vivere con me e di essermi occupato di lei e del fratello, assieme a Maria. E’ stata una decisione difficile ma necessaria. Non sarei diventato quello che sono adesso se non avessi preso questa decisione. La fatica che ho fatto mi ha aiutato, mi ha trasformato in un essere umano migliore.

Sono di nuovo innamorato di mia moglie e ricordo quando la conobbi, ricordo il sorriso intrigante e semplice dietro il quale io vedevo il lungomare di Ilheus e la sua città natale dove ho conosciuto l’Umbanda; tutti i misteri della Bahia erano nascosti, erano racchiusi nei riccioletti di Maria che ballonzolavano vanitosi mentre lei passeggiava sulla spiaggia avanti e indietro per scaricare la tensione e mantenere la forma. Maria è molto magra, come Julia e Gabriel; Milena, più sedentaria, sta ingrassando. Io sono magro non di costituzione ma perché se mangio troppo sto male e non digerisco. Maria è piccola di statura, è cocciuta, è decisa, sa quello che vuole. Mi ha sempre saputo indirizzare verso luoghi che le piacevano, verso decisioni che la soddisfacevano. L’unica cosa che non è riuscita a ricavare da me è stata il trasloco in Italia. Maria è rimasta incantata dall’efficienza della periferia ricca di Milano, dai parchetti ordinati di San Donato Milanese, dalla tranquillità borghese di Pesaro, dalle certezze, dalla sicurezza che la borghesia italiana possiede e che quella brasiliana non riesce ad acquisire. Uno dei motivi dei nostri litigi è la mia ritrosia ad andare a vivere in Italia, nonostante il Brasile oggi sia un caos. Quante volte davanti al telegiornale brasiliano che fa l’elenco dei morti ammazzati, dei casi di latrocinio, rapine a mano armata, scontri nelle favelas, in città, proiettili vaganti che uccidono bambini nelle scuole, lei ha esclamato:

  • E’ questo che vuoi per i nostri figli, è questo il futuro che immagini, li vuoi costringere a vivere nell’incertezza, nell’insicurezza, è possibile che non capisci che l’Italia per loro, o almeno per Milena e Julia, sarebbe meglio?

E io, con pochissimi argomenti per ribattere, ho balbettato “Beh, in effetti…” e poi ho tergiversato, temporeggiato, non ho avuto il coraggio di prendere la decisione che lei voleva indurmi a seguire. E’ stata questa l’unica richiesta totalmente disattesa, nel senso che sono riuscito a farla vivere in un bell’appartamento a Copacabana e sono riuscito, con lei, a crescere Gabriel e Milena inculcandogli qualche valore, ma, davanti alla possibilità di tornare a vivere in Italia (per me sarebbe un ritorno, per loro l’inizio di un’avventura) qualcosa dentro mi dice “No, questa no, Matteo”.

Solo recentemente ho avuto il coraggio di risponderle:

  • Senti, Maria, ormai ho scoperto che i motivi che mi hanno indotto a lasciare l’Italia tanti anni fa sono ancora validi, solo ora capisco che i traumi dentro di me esistono ancora, e se rimango troppo tempo a Pesaro e a Milano mi invade la noia e, vicinissima, arriva poi la depressione. Non so nemmeno perché mi succede, ma so che succede. Io non posso tornare in Italia e noi dobbiamo continuare qui, uniti come una famiglia.
  • Sei un egoista – ha risposto lei.
  • Sì, forse sì, ma a cosa serve sacrificarmi per fare felici voi? Io non credo che i figli vorrebbero stare in Italia con un padre svogliato e depresso, meglio il Brasile, per loro, con un padre malandato ma combattivo.

Ci ho impiegato molto per convincerla ad accettare questa mia posizione. Non so nemmeno se l’abbia accettata davvero. Il sesso però è migliorato, il corpo di Maria ancora mi emoziona, mi affascina e nei suoi occhi io ancora vedo il lungomare di Ilheus e gli insondabili misteri della Bahia.

il cambio del dollaro potrebbe superare il tetto dei 5 reais

35

Rogério Xavier uno dei manager più rispettati del mercato brasiliano ha fatto un’analisi estremamente pessimista del mercato in un evento a San Paolo

SÃO PAULO – Non tutti gli investitori hanno il privilegio di essere nella lista degli ospiti per un evento del Pactual BTG a porte chiuse. Ma grazie alla “democratizzazione dell’informazione” delle applicazioni di messaggistica, le informazioni che in un passato non troppo remoto sarebbero rimaste solo all’interno di un gruppo ristretto di persone oggi sono condivise con noi, semplici mortali. E mercoledì, nei gruppi Whatsapp del mercato finanziario è emersa una proiezione estremamente pessimista fatta da uno dei manager più rispettati del mercato brasiliano, che ha contribuito a spiegare (o addirittura accelerare) la debacle di Ibovespa e il boom alle stelle del dollaro e dei tassi di interesse in questa sessione.
Il manager in questione è Rogério Xavier , uno dei fondatori di SPX Capital , una società con oltre R$ 30 miliardi di asset in gestione e che ha raggiunto un’elevatissima redditività nei suoi 8 anni di storia.

Riassumendo: Xavier ritiene che la situazione in Brasile sia caotica: il PIL dovrebbe crescere solo dello 0,8% nel 2018 e il dollaro raggiungerà R$ 5,30. A peggiorare le cose, il tasso di interesse degli Stati Uniti “esploderà”, con l’altissima probabilità che i buoni del tesoro a 10 anni possano raggiungere il 6% annuo (ora ha “toccato” il 3% ed è stato sufficiente a scuotere il mercato globale).

Ultimi articoli

O contador perdeu a cabeça (traduzido por Paulo Braga)

Foi capturado, era o responsável pela contabilidade da facção rival, conhecido por ter enriquecido bastante com o narcotráfico. Estava no meio do grupo de...

L’amico

Dopo la morte dell’attivista negra Marielle Franco, del partito PSOL, Socialismo e Libertà, la Polizia, i Procuratori e i Politici tutti avevano gridato ai...

Maria Bahia

Il sesso è migliorato, Maria ha detto “Ti sto guardando con nuovi occhi, uno sguardo nuovo”, credo che alludesse al fatto che qualcosa di...

il cambio del dollaro potrebbe superare il tetto dei 5 reais

Rogério Xavier uno dei manager più rispettati del mercato brasiliano ha fatto un'analisi estremamente pessimista del mercato in un evento a San Paolo SÃO PAULO...

Economia